fbpx
mercoledì - 29 Maggio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

A Mosca, Xi e Putin seppelliscono la Pax Americana

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La grande Tartaria

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Ciò che è appena avvenuto a Mosca non è altro che una nuova Yalta che, per inciso, si trova in Crimea. Ma a differenza dell’importante incontro del presidente degli Stati Uniti Franklin Roosevelt, del leader sovietico Joseph Stalin e del primo ministro britannico Winston Churchill nella Crimea gestita dall’URSS nel 1945, questa è la prima volta in probabilmente cinque secoli che nessun leader politico dell’Occidente sta impostando l’ordine del giorno globale.

Sono il presidente cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin che ora gestiscono lo spettacolo multilaterale e multipolare. Gli eccezionalisti occidentali possono dispiegare le loro routine piagnucolone quanto vogliono: nulla cambierà l’ottica spettacolare e la sostanza alla base di questo ordine mondiale in via di sviluppo, specialmente per il Sud del mondo.

Ciò che Xi e Putin si stanno proponendo di fare è stato spiegato in dettaglio prima del loro vertice, in due editoriali scritti dagli stessi presidenti. Come un balletto russo altamente sincronizzato, la visione di Putin è stata presentata sul People’s Daily in China, concentrandosi su una “collaborazione destinata al futuro”, mentre quella di Xi è stata pubblicata sulla Russian Gazette e sul sito web di RIA Novosti, concentrandosi su un nuovo capitolo di cooperazione e sviluppo comune.

Fin dall’inizio del vertice, i discorsi di Xi e Putin hanno spinto quelli della NATO in una frenesia isterica di rabbia e invidia: la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha colto perfettamente l’atmosfera quando ha osservato che l’Occidente aveva “la bava alla bocca”.

La prima pagina della Gazzetta russa di lunedì è stata iconica: Putin in visita a Mariupol libera dai nazisti, chiacchierando con i residenti, fianco a fianco con l’editoriale di Xi. Questa è stata, in poche parole, la concisa risposta di Mosca alla bravata del MQ-9 Reaper di Washington e agli imbrogli della farlocca Corte Penale Internazionale (ICC). “Schiumate dalla bocca” quanto volete; La NATO sta per essere completamente umiliata in Ucraina.

Durante il loro primo incontro “informale”, Xi e Putin hanno parlato per ben quattro ore e mezza. Alla fine, Putin ha scortato personalmente Xi alla sua limousine. Questa conversazione è stata la vera questione: tracciare i lineamenti del multipolarismo, che inizia con una soluzione per l’Ucraina.

Com’era prevedibile, ci sono state pochissime fughe di notizie dagli sherpa, ma ce n’è stata una piuttosto significativa sul loro “scambio approfondito” sull’Ucraina. Putin ha gentilmente sottolineato di rispettare la posizione della Cina, espressa nel piano di risoluzione del conflitto in 12 punti di Pechino, che è stato completamente scartato da Washington. Ma la posizione russa rimane ferrea: smilitarizzazione, neutralità ucraina e sanzione della nuova situazione sul campo.

Parallelamente, il ministero degli Esteri russo ha completamente escluso un ruolo per Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania nei futuri negoziati con l’Ucraina: non sono considerati mediatori neutrali.

Una trapunta multipolare

Il giorno successivo è stato tutto incentrato sugli affari: tutto, dall’energia e la cooperazione “tecnico-militare” al miglioramento dell’efficacia dei corridoi commerciali ed economici che attraversano l’Eurasia.

La Russia è già al primo posto come fornitore di gas naturale per la Cina – superando il Turkmenistan e il Qatar – la maggior parte attraverso il gasdotto Power of Siberia di 3.000 km che va dalla Siberia alla provincia nord-orientale cinese di Heilongjiang, avviato nel dicembre 2019. I negoziati sul gasodotto Power of Siberia II attraverso la Mongolia stanno progredendo rapidamente.

La cooperazione sino-russa nell’alta tecnologia andrà alle stelle: 79 progetti per oltre 165 miliardi di dollari. Tutto, dal gas naturale liquefatto (GNL) alla costruzione di aeromobili e di macchine utensili, ricerca spaziale, agroindustria e corridoi economici migliorati.

Il presidente cinese ha dichiarato esplicitamente di voler collegare i progetti della Nuova Via della Seta all’Unione economica eurasiatica (EAEU). Questa interpolazione BRI-EAEU è un’evoluzione naturale. La Cina ha già firmato un accordo di cooperazione economica con la EAEU. Le idee del super stratega macroeconomico russo Sergey Glazyev stanno finalmente dando i loro frutti.

E, ultimo ma non meno importante, ci sarà una nuova spinta verso accordi reciproci nelle valute nazionali – e tra Asia e Africa, e America Latina. A tutti gli effetti pratici, Putin ha avallato il ruolo dello yuan cinese come nuova valuta commerciale preferita mentre   procedono le complesse discussioni su una nuova valuta di riserva sostenuta da oro e/o materie prime.

Questa offensiva economico/commerciale congiunta si collega all’offensiva diplomatica concertata Russia-Cina per ricostruire vaste aree dell’Asia occidentale e dell’Africa.

La diplomazia cinese funziona come la matrioska (bambole russe impilabili) in termini di consegna di messaggi discreti. Non è affatto una coincidenza che il viaggio di Xi a Mosca coincida esattamente con il 20° anniversario dello “Shock and Awe” americano e dell’invasione, occupazione e distruzione illegali dell’Iraq.

Parallelamente, oltre 40 delegazioni dall’Africa sono arrivate a Mosca un giorno prima di Xi per prendere parte a una conferenza parlamentare “Russia-Africa nel mondo multipolare”, in vista del secondo vertice Russia-Africa del prossimo luglio.

L’area intorno alla Duma assomigliava ai vecchi tempi del Movimento dei Non Allineati (NAM), quando la maggior parte dell’Africa manteneva relazioni antimperialiste molto strette con l’URSS.

Putin ha scelto questo momento esatto per cancellare più di 20 miliardi di dollari di debito africano.

In Asia occidentale, Russia-Cina stanno agendo in totale sincronia. Asia occidentale. Il riavvicinamento saudita-iraniano è stato in realtà avviato dalla Russia a Baghdad e in Oman: sono stati questi negoziati che hanno portato alla firma dell’accordo a Pechino. Mosca sta anche coordinando le discussioni di riavvicinamento tra Siria e Turchia. La diplomazia russa con l’Iran – ora sotto status di partenariato strategico – è tenuta su un binario separato.

Fonti diplomatiche confermano che l’intelligence cinese, attraverso le proprie indagini, è ora pienamente certa della vasta popolarità di Putin in tutta la Russia, e anche all’interno delle élite politiche del paese. Ciò significa che le cospirazioni del tipo cambio di regime sono fuori questione. Questo è stato fondamentale per la decisione di Xi e dello Zhongnanhai (il quartier generale cinese dei funzionari di partito e statali) di “scommettere” su Putin come partner fidato nei prossimi anni, considerando che potrebbe candidarsi e vincere le prossime elezioni presidenziali. La Cina ha sempre a che fare con la continuità.

Quindi il vertice Xi-Putin ha definitivamente sigillato la Cina e la Russia come partner strategici globali a lungo termine, impegnati a sviluppare una seria competizione geopolitica e geoeconomica con gli egemoni occidentali in declino.

Questo è il nuovo mondo nato a Mosca questa settimana. Putin l’aveva definita in precedenza come una nuova politica anticoloniale. Ora è strutturato come una trapunta multipolare. Non si può tornare indietro sulla demolizione dei resti della Pax Americana.

“Cambiamenti che non avvenivano da 100 anni”

In Before European Hegemony: The World System AD 1250-1350, Janet Abu-Lughod ha realizzato una narrazione attentamente costruita che mostra l’ordine multipolare prevalente quando l’Occidente “era in ritardo rispetto all’Oriente”. In seguito, l’Occidente si portò avanti semplicemente “perché ‘l’Oriente’ era temporaneamente allo sbando”.

Potremmo stare assistendo a un simile cambiamento storico in divenire, sconfinato da un revival del confucianesimo (rispetto per l’autorità, enfasi sull’armonia sociale), l’equilibrio inerente al Tao e il potere spirituale dell’ortodossia orientale. Questo è, davvero, uno scontro di civiltà.

Mosca, accogliendo finalmente i primi giorni di sole della primavera, ha fornito questa settimana un’illustrazione esagerata di “settimane in cui accadono decenni” rispetto a “decenni in cui non accade nulla”.

I due presidenti si sono congedati in modo toccante.

Xi: “Ora, ci sono cambiamenti che non avvenivano da 100 anni. Quando siamo insieme, guidiamo questi cambiamenti”.

Putin: “Sono d’accordo”.

Xi: “Abbi cura di te, caro amico”.

Putin: “Buon viaggio”.

Brindiamo all’alba di un nuovo giorno, dalle terre del Sol Levante alle steppe eurasiatiche.

 

L’autore:

Pepe Escobar, un veterano giornalista brasiliano, è il corrispondente generale dell’Asia Times con sede a Hong Kong. Il suo ultimo libro è “2030”.

Fonte originale: https://thecradle.co/article-view/22818/in-moscow-xi-and-putin-bury-pax-americana

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Afghanistan: chi commette gli omicidi mirati? Di Maurizio Blondet

Il febbraio scorso nell’area di Kandahar, due fratelli sono stati uccisi da «personale internazionale». Le vittime «erano ampiamente conosciute, anche da responsabili del...

TU CREDI NELLA VITA OLTRE… IL PARTO?

Nel ventre di una donna incinta si trovavano due bebè. Uno di loro chiese all’altro: - «Tu credi nella vita dopo il parto?» - «Certo. Qualcosa...

La gravità quantistica a loop applicata ai buchi neri

LOUISIANA – I fisici Rodolfo Gambini e Jorge Pullin, rispettivamente dell’Università di Montevideo e dell’Università Statale della Louisiana, hanno applicato la Loop Quantum Gravity (LQG) ad...

Riflessioni di un virus appena conosciuto

Salve a tutti! Datemi il Benvenuto! Sono il nuovo Vaurus Corona! Non so come son giunto, non so nemmeno come son nato. Da una mutazione genetica?...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube