fbpx
lunedì - 22 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Afghanistan, l’orrore nei racconti dei soldati di Enrico Piovesana

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:


«Dopo sei mesi di missione in Iraq sono venuto volontario in Afghanistan. Non avevamo capito che qui sarebbe stata così dura. È stato uno shock! In confronto con la situazione afghana, quella irachena era tranquilla». Sono le parole di Michael Diamond, 20 anni, soldato del 1° Battaglione del Reggimento Reale Irlandese dell'esercito britannico. Diamond è appena tornato dal fronte, da Musa Qala, nella provincia di Helmand, dove i talebani hanno tenuto sotto assedio le forze Isaf per mesi, fino a costringerle alla ritirata, avvenuta pochi giorni fa. «I loro attacchi iniziavano ogni giorno intorno alle 4 del mattino e proseguivano per sei, sette ore», racconta il suo comandante, Paul Martin, 29 anni, gravemente ferito da una granata lanciata dai talebani su una postazione d'artiglieria britannica. «Sono tenaci, coraggiosi e addestrati. Ci stavano addosso senza sosta. È stata molto dura».
Racconti simili quelli che arrivano dai soldati canadesi, che nelle scorse settimane hanno combattuto a Panjwayi e Zhari, nella provincia di Kandahar. L'operazione «Medusa» è stata segnata da violente battaglie che hanno lasciato sul terreno 43 soldati canadesi e 231 feriti, molti dei quali – un numero molto maggiore di quelli dichiarati dal governo di Ottawa – paralizzati e mutilati. Proprio sui feriti gravi è in corso a Ottawa una durissima polemica tra governo e opposizioni: queste ultime accusano il ministero della Difesa di fornire cifre false, ampiamente sottostimate, sul numero dei ragazzi che tornano dall'Afghanistan senza gambe, braccia o costretti per tutta la vita su una sedia a rotelle. Ma l'accusa più dura è quella di aver mentito alla nazione, usando la menzogna della «missione di pace» per mandare i ragazzi canadesi a morire in guerra.
Anche le truppe olandesi impegnate sul fronte nord del «triangolo talebano», quello della provincia centrale di Uruzgan, stanno pagando le conseguenze di mesi di battaglie. Soprattutto dal punto di vista psicologico. Molti soldati inviati a combattere i talebani in Afghanistan si sono trovati in una situazione così dura che hanno perso la testa. Chi, secondo la stampa olandese, dandosi ad atti di violenza gratuita, chi suicidandosi, come ha fatto lo scorso 11 ottobre il sergente Dijkstra. L'esperienza afghana deve essere stata davvero dura se i reduci, pur di non essere rimandati al fronte, preferiscono la galera. Come il soldato ventunenne Wegenaar, afflitto da disturbi psichici dovuti alla sua ultima missione in Afghanistan e ora finito davanti alla corte marziale come disertore per essersi rifiutato di tornare al fronte. «Quella è una missione suicida», ha dichiarato davanti ai giudici in divisa.

(Tratto da http://italy.peacelink.org; fonte: http://www.ilmanifesto.it; Peacereporter.net)

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Un califfato islamico anche in Ucraina?

Parlando di Ucraina, si parla di un territorio, di un popolo, di una Nazione vittima di una frammentazione che difficilmente può essere concepita da...

HAARP

. Si chiama H.A.A.R.P., acronimo di High-frequency Active Auroral Research Program (Programma di Ricerca Aurorale Attivo ad Alta frequenza): è un oscuro progetto militare statunitense,...

Nei libri scolastici ha già vinto il sì (e non solo)

Manca ormai poco al referendum con cui i cittadini italiani decideranno se confermare o meno la Riforma della Costituzione voluta dal governo Renzi, ma...

L’amore sul Mar Artico – di Gianluca Freda

A questo punto credo di poterlo dire: chi pensava che l’amministrazione Obama sarebbe...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube