venerdì - 3 Febbraio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Al Qa’ida sceglie la joint venture

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Elettrificazione terrestre e 5G: i pericoli spirituali

Fino ad oggi gli autori di controinformazione ben poco si sono occupati del significato “occulto” della tecnologia 5G, cioè dei suoi effetti (o forse...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,230IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Dalla Stampa di oggi leggiamo e commentiamo:

 

"L’erede di Osama bin Laden, il medico egiziano Ayman al-Zawahiri, è intenzionato a ritirarsi a vita privata entro la fine dell’anno e a sciogliere tutti i suoi seguaci dal giuramento di fedeltà verso di lui. Non solo, li invita a unirsi alle altre forze jihadiste, in pratica a fondersi nello Stato islamico (Isis) guidato dal rivale Abu Bakr al Baghdadi."

Insomma, un po' come la FIAT di Marchionne, che si fonde con la Chrysler del rivale Lee Iacocca. Adesso aspettiamo la fusione fra Al Quaeda e ISIS, e poi vedrete che i loro titoli in borsa schizzeranno alle stelle.

"Un terremoto, se la notizia sarà confermata, nel mondo dei gruppi islamisti che avrebbe conseguenze dirompenti soprattutto in Siria dove l’Al Qaeda locale, Al Nusra, e il gruppo alleato Ahrar al Sham, competitori dell’Isis, hanno appena preso l’importante città di Idlib. Se si unissero allo Stato islamico la guerra sarebbe probabilmente a un svolta e l’intera Siria rischierebbe di diventare una potenza islamista."

E chissà chi trarrà un vantaggio da tutto questo: Babbo Natale? O forse Cappuccetto Rosso?

"Ma la notizia bomba è ancora tutta da verificare. Finora siamo alle presunte rivelazioni fatte al suo entourage dal settantenne e stanco Al Zawahiri… "

Fate bene attenzione ai passaggi che seguono, perché fra poco la logica farà corto circuito.

"… Confidenze raccolte dall’ex jihadista Ayman Dean, fra i fondatori di Al Qaeda alla fine degli anni Ottanta, poi passato a lavorare per i servizi britannici nel 1998, quando l’organizzazione da punta di diamante in Afghanistan si era trasformata nella maggiore minaccia terroristica per l’Occidente."

Quindi, ricapitoliamo: uno dei fondatori di Al Quaeda, Ayman Dean, "passa" ai servizi occidentali quando Al Quaeda diventa di colpo (e senza spiegazione) la "maggiore minaccia terroristica per l’Occidente", e Al Zawahiri cosa fa? Racconta proprio a Dean che "è un po' stanchino" e vuole ritirarsi. (Cioè, lo sanno persino i giornalisti della Stampa, che Dean lavora per i servizi britannici, ma Al Zawahiri non lo sa e si confida con lui?)

"Dean ha poi rivelato che il «Al Zawahiri, rinuncerà ai suoi poteri, o a ciò che gli è rimasto, sulle cellule dell’organizzazione terroristica dissolvendo il giuramento di fedeltà stipulato con esse». A quel punto le cellule sarebbero libere di fare la loro bayah, giuramento, al califfo Al Baghdadi …"

È davvero un peccato che Al Zawahiri si sia dimenticato di spiegare a Dean perché mai faccia tutto ciò, visto che ci hanno appena detto che Al Baghdadi è "il suo rivale". (Beppe Grillo è un po' stanchino, ma non per questo regala tutti i suoi voti a Forza Italia).

"… e il fronte islamista si ritroverebbe unico come ai tempi di Bin Laden."

Veramente ai tempi di bin Laden non c'era nessun "fronte islamista". Addirittura, dopo l'11 settembre, Condolezza Rice disse di "non aver mai sentito nominare prima Al Qaeda". Ma tant'è, visto che viviamo nel mondo dei fumetti, fra bin Laden e il Joker di Batman non c'è poi quella grande differenza.

"Ma la notizia, nell’ambiguo mondo levantino, può essere anche letta in altri modi. Si scrive Al Zawahiri ma si legge Al Nusra."

Ma la notizia, nell'ambiguo mondo dei servizi, può anche essere letta in altri modi. Si scrive Al Quaeda ma si legge CIA.

"Forse i qaedisti lanciano segnali di fumo all’Isis: uniamoci, mettiamo da parte rancori e rivalità, diamo una spallata a Damasco… Poi, per spartirsi le spoglie, un accordo si troverà."

Forse la CIA getta fumo negli occhi dei giornalisti: unifichiamo le nostre operazioni in Medio Oriente, e cerchiamo di toglierci dai coglioni Assad una volta per tutte. Poi per il petrolio faremo un po' per uno.

Dimenticavamo: Dove è uscita la notizia? Sempre La Stampa ci dice che è stata pubblicata "dal quotidiano Al-Hayat, proprietà di un principe saudita basato a Londra." Quindi: gli stessi finanziatori dell'ISIS, i sauditi, ci fanno sapere che l'odiata "rivale" Al Quaeda vuole unirsi a loro.
A proposito, avrei un ponte da vendere dalle parti di Manhattan. Qualcuno è interessato?

Massimo Mazzucco

Fonte: luogocomune.net


Immagine in apertura: @ AFP (fonte: ledauphine.com)


Per approfondire l'argomento, puoi leggere l'articolo Terrorismo for dummies di Gabriele Sannino, pubblicato sull'ultimo numero di PuntoZero.


Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Acqua energizzata

Con le sue proprietà che capovolgono le teorie tradizionali della fisica, l’acqua ad alta bioenergia si può produrre per ottenere dei benefici terapeutici.di Walter...

Festival olistica sulla Luna

FESTIVAL OLISTICA SULLA LUNA24-25-26 luglio Badia Tedalda ARDedicato a tutti coloro che hanno a cuore la propria salute e quella del Pianeta, a chi cerca...

La grande onda e il declino del potere

Riceviamo, condividiamo e pubblichiamo questo articolo di Anna Biason.Il tanto atteso 21/12/2012 è passato ormai da qualche mese. Nessuna “apocalisse”? Un evento talmente inflazionato...

La Banca d’Italia resti agli italiani

“È in gioco il futuro economico dell’Italia – spiega Giorgio Gustavo Rosso - Se la Banca d’Italia rimarrà degli italiani potremo avere qualche probabilità...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube