martedì - 29 Novembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Armi esotiche nei nostri cieli

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Kirk Douglas, Trumbo e JFK: Quando i patrioti di Hollywood resistettero al Deep State

Negli ultimi decenni, salvo poche eccezioni, Hollywood (proprio come gran parte dei media mainstream) è diventata una branca della CIA e del più ampio...

Sull’immigrazione

La guerra elettrica

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,830IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

più volte ci siamo occupati in passato. Il 2 ottobre del 2001 il parlamentare Dennis Kucinich, durante la I sessione del 107° Congresso degli Stati Uniti, ha presentato l’HR 2977. La “Legge sulla Preservazione dello Spazio del 2001” è volta a “preservare gli utilizzi cooperativi e pacifici dello spazio a beneficio di tutta l’umanità proibendo permanentemente il dispiegamento di armamenti nello spazio da parte degli Stati Uniti, e a richiedere che il Presidente agisca e implementi un trattato mondiale per la messa al bando di armi basate nello spazio”.

 

Nella proposta di legge le chemtrails sono elencate come un “sistema d’arma esotico” nella Sezione 7 (Definizioni), ma si parla anche di raggi a particelle, radiazioni elettromagnetiche, plasma, radiazioni di energia tramite frequenze estremamente basse (ELF) o ultrabasse (ULF), nonché di controllo mentale.

 

Questa notizia sta scatenando un mezzo putiferio, con tanto di petizioni per richiedere che si faccia ufficialmente chiarezza sulla vicenda che fioccano, o stanno per fioccare, da ogni dove. ( www.rense.com/general19/dis.htm )

 

E visto che siamo in tema di scie chimiche, eccovi una vera chicca: probabilmente una delle prime foto esistenti che documentano il fenomeno addirittura all’inizio dell’anno in cui se ne cominciò a sentir parlare. Correva il 1996, e un nostro caro amico che si trovava a Las Vegas il 10 gennaio fotografò questo cielo, incuriosito dalle strane formazioni nuvolose. Solo adesso ha capito cosa aveva davanti agli occhi…

 

 

(potete vedere le altre qui: www.nexusitalia.com/scieusa.htm )

 

A proposito di fermenti popolari, c’è da dire che il numero di persone dubbiose sulla versione ufficiale degli eventi dell’11 settembre è in continua crescita, grazie anche a popolari programmi radiofonici come quello di Jeff Rense o a numerosi siti internet che continuano a sollevare interessantissime domande che sinora non hanno avuto risposta. Un esempio? Il 28 novembre 2001 ben mille persone, alcune provenienti da San Francisco o Seattle, si sono recate all’università di Portland, in Oregon, per ascoltare una conferenza di due ore sugli eventi dell’11 settembre e seguenti, tenuta da Mike Ruppert, editore e direttore di From The Wilderness. Questi ha cominciato il suo intervento offrendo 1.000 dollari a chiunque potesse dimostrare che le fonti della documentazione che presentava fossero false, dopodiché si è messo a mostrare più di 40 reperti visivi sulla complicità e sulla conoscenza in anticipo degli eventi da parte del governo.

 

Poi ci sono i pompieri di New York, che stanno chiedendo una approfondita indagine sul crollo e gli incendi delle due torri, e poi ci sono le migliaia di petizioni arrivate a http://www.petitiononline.com/11601TFS/petition.html e le centinaia di altre che arrivano ogni giorno per richiedere un’inchiesta sulle stranezze concernenti gli attacchi terroristici dell’11 settembre. Come se all’amministrazione Bush non bastassero i guai in arrivo dallo scandalo Enron, che Ruppert dice sia solo la punta dell’iceberg di un grosso movimento di riciclaggio di denaro sporco…

 

Passiamo ad altro, e purtroppo non è una bella notizia. Il 30 dicembre 2001 si è spento, dopo una lunga lotta contro un tumore, il dr. Javier Cabrera. Tutti gli appassionati di misteri archeologici conosceranno senz’altro lo scopritore e il divulgatore delle “Pietre di Ica”, che in più di 40 anni aveva studiato e collezionato qualcosa come 11.000 pietre con strane incisioni che raffigurano un’antica umanità fianco a fianco coi dinosauri. Se volete vederne qualcuna: http://www.labyrinthina.com/ica.htm Labyrinthina.com

 

E per finire, vi lascio con questa notizia: La Rassegna Globale Annuale delle Coltivazioni Transgeniche (GM) Commerciali, condotta dal Servizio Internazionale per l’Acquisizione di Applicazioni Agribiotech (ISAAA), riporta che nel 2001 in 13 paesi sono stati coltivati 130 milioni di acri di coltivazioni transgeniche o GM, il numero più alto sino ad oggi. Questa cifra riflette un aumento del 19 per cento rispetto all’anno precedente, e di più di un terzo a partire dal 1996.

 

Buon appetito, e alla prossima…

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

«AL QUAEDA È TORNATO!», GUARDA CASO di Maurizio Blondet

{mosimage} Chertoff: il rischio «terrorismo» è più alto questa estate  «Al Qaeda si è riorganizzato ad un livello mai visto dal 2001». ...

IL FINANCIAL TIMES: COSA ACCADE ALL’EDIFICIO 7? di Maurizio Blondet

La domanda è vecchia, vecchissima. La novità è che, sette anni dopo l’11 settembre 2001, se la pone il Financial Times. L’evento è storico,...

10° seminario nazionale di studi – “Armonie del paesaggio nella storia”

CENTRO CULTURALE "AUDITORIUM" Molfetta (BA)in collaborazione con Movimento Internazionale OIKART - (Ecologia ed arte per la protezione del paesaggio)con il patrocinio - MOVIMENTO AZZURRO Ass. Naz. di...

La rivoluzione colorata di Obama: nuovo Pupo, stessi pupari? Di Pino Cabras

Ma allora, la fine dell’Amministrazione Bush e l’ascesa di Obama segnano una fine delle guerre, un ritorno della ragionevolezza sul ponte di comando del...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube