fbpx
sabato - 13 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Arrestare Putin o arrestare la rivolta pubblica occidentale a tutto campo?

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Nudità velate

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Gli organi di propaganda occidentali (noti anche come “notiziari”) sono improvvisamente pieni di rapporti secondo cui la Corte penale internazionale con sede a L’Aia ha emesso un mandato di arresto per il presidente russo Vladimir Putin. La copertura esagerata (cioè l’orchestrazione) ha lo scopo di dare al ridicolo stratagemma legale un’impressione di gravità e significato quando in realtà il cosiddetto mandato d’arresto è privo di significato e puzza di messinscena politicizzata di pessimo gusto.

Insieme a Putin, anche la commissaria russa per i diritti dei bambini, Maria Lvova-Belova, è indicata come persona ricercata per affrontare un processo per “crimini di guerra”. I presunti crimini sono collegati alla presunta deportazione di bambini in Russia durante l’operazione militare speciale della Russia in Ucraina condotta dal febbraio 2022.

Il fondamento per la mossa dell’ICC è fragile come un pallone meteorologico vagante. È anche un’audace distorsione della realtà. La Russia ha evacuato migliaia di civili, compresi bambini, dalle regioni dell’ex Ucraina orientale che ora fanno parte della Federazione Russa per il preciso motivo di portarli fuori pericolo dal regime nazista di Kiev sostenuto dalla NATO, i cui reparti hanno indiscriminatamente bombardato il Donbass e altre aree dell’Ucraina.

Se qualcuno dovrebbe essere processato per crimini di guerra, è il presidente ucraino Vladimir Zelensky e i suoi comandanti adulatori dei nazisti, così come i loro sponsor: leader americani, europei e della NATO.

Il regime di Kiev ha bombardato il Donbass per nove anni da quando il colpo di stato della CIA ha portato al potere questa giunta fascista. La NATO ha addestrato il battaglione Azov e altri paramilitari in stile Waffen SS che stanno lanciando razzi HIMARS forniti dagli Stati Uniti con l’aiuto di mercenari americani, britannici, francesi, tedeschi, canadesi e polacchi. La Russia è intervenuta in Ucraina l’anno scorso per porre fine al genocidio di cui Washington e l’Europa insieme ai loro media occidentali sono complici. Non una parola di questo è riportata nei cosiddetti bastioni del giornalismo, il New York Times e la BBC. Sono troppo occupati a smerciare propaganda sulla CPI e sulla Russia.

È questo il miglior caso che la CPI ei suoi gestori occidentali possono davvero trovare contro la Russia? Rapire bambini? E tutte le altre accuse sulla Russia che bombarda condomini e civili? Se ci fosse del vero in queste affermazioni ampiamente diffuse nei media occidentali, allora perché tali accuse non sono state citate per essere perseguite? Non l’hanno fatto perché ci sono ben scarse prove. Di fatto, è il regime di Kiev sostenuto dalla NATO ad essere colpevole di usare condomini e scudi umani civili. Ecco quindi il ripiego su una questione emotivamente accattivante come il presunto rapimento di minori. È semplicemente il senso di scandalo a dirci che è una montatura.

Ma la tenuità di tutto ciò fa solo sembrare le affermazioni occidentali e la CPI ancora più assurde di quanto già non siano.

In ogni caso, la Corte penale internazionale non ha giurisdizione sulla Russia, quindi i mandati d’arresto sono lettera morta. Comunque non sono fatti per essere presi sul serio. Questo è tutto un teatro politico volto a diffamare Mosca.

Né la corte ha giurisdizione sugli Stati Uniti. Allo stesso modo, si potrebbe dire, perché se esistessero dei veri principi di giustizia, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe essere sul banco degli imputati di fronte a molteplici accuse di crimini di guerra in relazione alle guerre illegali americane in Iraq, Afghanistan, Libia, Siria e Yemen, tra gli altri paesi.

Per i crimini più recenti, Biden e i suoi partner criminali della NATO dovrebbero essere sul banco degli imputati per l’esplosione dei gasdotti Nord Stream.

O per aver sponsorizzato e utilizzato come arma i rinnovati crimini di guerra del regime israeliano contro i palestinesi.

O per aver perseguitato e torturato l’editore Julian Assange perché ha osato rivelare la verità sui crimini di guerra americani e britannici.

L’incredibile ipocrisia e i doppi standard sono un’altra prova – se tale prova fosse necessaria – che l’ultima manovra della Corte penale internazionale contro la Russia è una trovata politica a buon mercato per rafforzare l’autorità di cui gli Stati Uniti e i suoi tirapiedi occidentali hanno tanto bisogno.

Questa settimana, nella quale i leader americani e britannici osannano le accuse della Corte penale internazionale contro la Russia, segna anche il 20° anniversario della guerra guidata dagli Stati Uniti in Iraq. Una guerra che ha ucciso fino a un milione di civili e distrutto una nazione, basata su bugie completamente inventate, bugie che Biden all’epoca senatore ha contribuito a promuovere. I principali artefici di quei crimini, George W. Bush e Tony Blair, non sono mai stati menzionati nemmeno di sfuggita dagli avvocati della Corte penale internazionale. Perché? Perché la Corte penale internazionale è un tribunale fittizio e un giocattolo politico che l’imperialismo occidentale usa per perseguire i nemici politici.

Nel frattempo, in altri notiziari…

Abbiamo altri rapporti che confermano le precedenti accuse secondo cui Joe Biden e la sua famiglia avrebbero ricevuto pagamenti illegali per milioni di dollari da aziende cinesi. Biden e il suo figlio tossicodipendente Hunter (che si stava scopando la vedova del fratello morto) sono immersi fino agli occhi nella corruzione per loschi traffici usando l’ufficio politico del “pezzo grosso” come garanzia. La stessa routine di truffa è stata utilizzata nei rapporti d’affari non ufficiali di Biden con l’Ucraina dopo il colpo di stato della CIA nel 2014.

Nel frattempo, la scorsa settimana ha visto il sistema bancario statunitense vacillare per un altro crollo storico a seguito dell’implosione dell’indebitata Silicon Valley Bank e di altre. Per sostenere l’imminente valanga finanziaria in tutto il settore finanziario, l’amministrazione Biden sta ancora una volta pompando centinaia di miliardi di denaro dei contribuenti per salvare Wall Street.

Nel frattempo, negli Stati Uniti e in tutta Europa milioni di lavoratori stanno scendendo in piazza con scioperi e proteste senza precedenti contro regimi capitalisti corrotti. Le condizioni rivoluzionarie sono al punto di ebollizione in Francia, dove l’elitista presidente Emmanuel Macron (un personaggio alla Luigi XVI se mai ce n’è stato uno) sta insistendo sui tagli alla spesa pubblica per decreto, aggirando deliberatamente il processo parlamentare (be’, è ​​​​comunque una farsa). Ma in tutta Europa e negli Stati Uniti l’umore pubblico sta diventando sempre più intollerante e sprezzante nei confronti dei cosiddetti governi che stanno spendendo centinaia di miliardi per sponsorizzare una folle guerra per procura in Ucraina contro la Russia potenza nucleare mentre allo stesso tempo, questi stessi governanti occidentali d’élite chiedono maggiore austerità economica al pubblico sofferente. Questo mentre la disuguaglianza, la privazione, la fame, la povertà, il problema dei senzatetto stanno distruggendo le società.

Nel frattempo, questa settimana riceviamo rapporti dei media occidentali apparentemente ottimisti secondo cui l’asse della NATO guidato dagli Stati Uniti si sta ora muovendo per inviare aerei da guerra al regime di Kiev in aggiunta alle precedenti iniziative per fornire carri armati Leopard, Abrams, Leclerc e Challenger – follia che porterà alla guerra totale con la Russia. La dissonanza tra le élite occidentali e le loro grancasse mediatiche è assai simile a un abisso che sta corteggiando la rabbia rivoluzionaria, à la Marie-Antoinette, e la sua famosa osservazione “lasciateli mangiare brioches”.

L’elenco delle accuse continua con rabbia e disgusto crescenti ogni giorno per il crollo del corrotto racket occidentale altrimenti chiamato democrazia capitalista occidentale, altrimenti nota come la dittatura dei miliardari e dei guerrafondai.

Biden, Macron, von der Leyen, Stoltenberg, Trudeau, Sunak, Scholz & Co (inserisci qui il nome del tuo pagliaccio) in realtà non sono preoccupati per l’arresto di Putin. Se la stanno facendo addosso per cercare di arginare la crescente rivolta pubblica contro il loro spettacolo di clown capitalisti occidentali.

 

L’autore:

Finian Cunningham ha scritto estesamente su questioni internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue. Si è laureato in chimica agraria e ha lavorato come redattore scientifico per la Royal Society of Chemistry, Cambridge, Inghilterra, prima di intraprendere una carriera nel giornalismo. È anche musicista e cantautore. Per quasi 20 anni ha lavorato come redattore e scrittore nelle principali organizzazioni di media, tra cui The Mirror, Irish Times e Independent. Vincitore del Serena Shim Award for Uncompromising Integrity in Journalism (2019).

 

Fonte originale: https://thealtworld.com/finian_cunningham/arresting-putin-or-arresting-all-out-western-public-revolt?utm_source=substack&utm_medium=email

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

IRAQ: LO SPETTRO DI NORIMBERGA di Massimo Mazzucco

La vera prigionia di Saddam Hussein inizia oggi, con il primo giorno che scandisce il conto alla rovescia che lo porterà al capestro. In quel momento...

Obama firma i preparativi per la legge marziale?

Il 16 marzo scorso, il presidente Obama, nel silenzio mediatico generale, ha firmato un ordine esecutivo che suona come un campanello d'allarme per tutti...

CHI SI È BEVUTO LE BOMBE LIQUIDE? di Pablo Ayo

“Come il giorno dell’attentato alle Torri Gemelle”, ci ha detto, confessandoci, con un po’ di pudore, di essersi spaventata parecchio.E come criticarla? Le autorità...

I piani del nuovo ordine mondiale

I PIANI DEL NUOVO ORDINE MONDIALE DENUNCIATI NEL 1969 DA UN INSIDER Quella che segue è la trascrizione ricavata da due di tre nastri inerenti...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube

Articolo precedente
Articolo successivo