mercoledì - 1 Febbraio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Boom dell’oppio in Afghanistan sotto l’occupazione nato

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Elettrificazione terrestre e 5G: i pericoli spirituali

Fino ad oggi gli autori di controinformazione ben poco si sono occupati del significato “occulto” della tecnologia 5G, cioè dei suoi effetti (o forse...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,210IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

“Inchiesta 2015 sull’oppio in Afghanistan”, una pubblicazione dell’UNODC (Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine), rivela che dopo l’annata dei raccolti record del 2014 la produzione di oppio ha dato pochi segnali di declino. Nella provincia di Badghis, il numero di ettari coltivati è più che raddoppiato dal 2014. Anche la provincia di Oruzgan ha avuto una produzione maggiore nell’ultimo anno, mentre la provincia di Helmand ha visto un leggero calo di circa il 10%.

All’inizio di settembre si sono fatte insistenti le voci che la NATO stia proteggendo la coltivazione di oppio, anziché sradicarla:

“Undici agenti di polizia della sezione narcotici sono stati uccisi e altri quattro feriti in un attacco aereo perpetrato da forze internazionali nel distretto di Garmsir della provincia di Helmand”,

ha detto Najib Danish, vice-portavoce del ministero dell’Interno.
Sempre più persone iniziano a farsi domande. Un soldato britannico ha divulgato delle foto che mostrano chiaramente un uomo che raccoglie oppio ad appena 200 metri dalle difese del perimetro di Camp Bastion, una delle maggiori basi aeree del Regno Unito nella provincia di Helmand.

(Fonti: UNODC.org, Afghanistan Opium Survey 2015; RT.com, 8 settembre 2015; GlobalResearch.ca, 23 agosto 2015)


Tratto da Nexus New Times n. 118


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La lobby di Bill Gates si insedia nella scuola

Può risultare istruttivo notare come nell’attuale dibattito politico si siano creati degli strani ibridi, come, ad esempio, il “grillorenzismo”. Da posizioni politiche apparentemente opposte,...

Lettera aperta al mondo

PUBBLICATA LA II PARTE: Mallove illustra le principali categorie della "New Energy", e demolisce senza pietà le cosiddette "fonti rinnovabili" convenzionali, come l'eolico o...

BLACKROCK: UNA GROSSA ARMA DELL’ELITE

Blackrock è il nome del più grande fondo d'investimento della finanza transnazionale, fondo che oggi sta investendo in tutto il mondo, compresa l'Italia.Nato nel...

LA VITA È UNICA. QUALCHE NOTA SULLA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA.

Ho letto recentemente due articoli: uno è “Tutti Neanderthal, tranne gli africani” di Tiziana Moriconi (del 5/10/2011), l’altro “Emigrazoni dall’Africa ai primordi? Falso” di...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube