fbpx
domenica - 19 Maggio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Brexit: abbiamo scherzato. La decisione del popolo non conta più niente e i mercati esultano

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

I tre giudici dell'Alta Corte britannica hanno pronunciato oggi una sentenza secondo cui il governo inglese non può invocare l'articolo 50 del trattato di Lisbona, cioè la clausola di recessione dall'Unione, senza prima passare da Westminster. Accettando l'argomentazione dei ricorrenti del Remain, l'Alta Corte ha dichiarato come non sia il governo ma il Parlamento (a stragrande maggioranza per restare nell'Unione Europea) che deve decidere.

Seguirà da parte del governo britannico del primo ministro inglese Teresa May un appello alla Corte suprema contro il verdetto dell'alta Corte, ma chiaramente si apre ora un'impasse istituzionale che allontanerà di molto l'inizio dei negoziati per l'uscita dall'Unione Europea del Regno Unito. Se mai inizieranno a questo punto.

Nigel Farage, ex leader dell'Ukip e principale sostenitore della Brexit, scrive su twitter di temere ogni tentativo di bloccare o ritardare l'azionamento dell'Articolo 50. “Non hanno idea del livello di rabbia popolare che provocheranno”, ha proseguito.

L'ex primo ministro Cameron, promotore del referendum, dopo una campagna intensa per il "Remain" si era impegnato a rispettare la decisione sovrana del popolo inglese, qualunque essa fosse. Quindi la popolazione del Regno Unito è andata alle urne consapevole che il suo voto avesse avuto un senso, non fosse solo consultivo ma avrebbe determinato una decisione in un senso o in un altro.

È davvero incredibile pensare che trattati della portata del TTIP e CETA (che creano regimi veri e proprio in grado di scalfire diritti, libertà e modificare gli assetti politico-giuridici degli stati interessati) possano essere negoziati e firmati nella segretezza più assoluta dalle oligarchie finanziarie che controllano oggi la politica, mentre la decisione sovrana di una popolazione non viene mai rispettata. Era accaduto con l'Irlanda, con la popolazione costretta a votare più volte finché non si è raggiunto la decisione, con la Francia e l'Olanda, i cui referendum sono stati totalmente disattesi con la firma del trattato di Lisbona. È accaduto in Grecia con il referendum contro l'austerità. Accadrà anche nel Regno Unito?

La lotta per la liberazione dal regime dell'Unione Europea e dell'euro è lunga e oggi ne abbiamo avuto l'ennesima prova. Alcuni esultano perché la "giustizia" ha compensato ad un "errore" della popolazione. Si tratta del ragionamento meno democratico che possa esistere, di chi, del resto, difende l'esperimento meno democratico oggi vigente, l'Unione Europea. In giornate come queste sono sempre di straordinaria attualità le parole di Mark Twain:

“Se votare facesse qualche differenza non ce lo lascerebbero fare”.

P.S I "mercati finanziari" festeggiano. E non credo si debba aggiungere davvero nulla.


Fonte: L'Antidiplomatico (link)

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Watergate del clima!

I media italiani non ne parlano già più; quelli inglesi e americani, il meno possibile. Ma hanno dovuto dare un nome allo scandalo, la...

NEXUS NEW TIMES 146

Il numero 146 di Nexus New Times è in uscita in questo dicembre 2020, fine di un anno davvero difficile in cui milioni di...

UNIVERSO PERVERSO: NASA, INFORMAZIONE E CONTROINFORMAZIONE di Paolo C. Fienga/Lunar Explorer

Molti Amici e Colleghi, dopo aver letto le “caustiche” annotazioni che, come Lunar Explorer Italia, molto spesso (purtroppo…) siamo costretti ad usare per commentare...

Il pretesto climatico: 1. L’ecologia di guerra (1970-1982) – di Thierry Meyssan

  Thierry Meyssan Voltairenet 7 maggio 2010Traduzione di Matteo Sardini*Thierry Meyssan,analista politico francese, è presidente e fondatore di “Réseau Voltaire” e della conferenza “Axis for Peace”. Pubblica...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube