fbpx
venerdì - 19 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Bush e Cheney indagati

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

La questione Plame è solo la punta dell’iceberg. L’indagine è andata molto più a fondo, addirittura ai fatti dell’undici settembre.

Colin Powell ha testimoniato contro Bush per le menzogne che hanno condotto alla guerra. Questo costituisce alto tradimento, sostiene l’articolo. Non c’è solo l’ipotesi che Bush & company possano scaricare gli investigatori, alla Nixon, ma che possano aver tentato di far saltare l’indagine con una bomba.

Una giuria di Chicago ha accusato il Presidente ed il Vice-Presidente degli Stati Uniti insieme a numerosi alti funzionari dell’amministrazione Bush.

Il pubblico ministero della Corte d’accusa di Chicago Patrick Fitzgerald ha emesso una serie di atti d’accusa per falsa testimonianza ed ostacolo alla giustizia nei confronti dei seguenti membri dell’amministrazione Bush: il Presidente George W. Bush, il Vice-Presidente Richard Cheney, il Capo di Stato Maggiore Andrew Card e il suo vice Lewis “scooter” Libby, il Ministro della Giustizia Alberto Gonzalez, l’ex Ministro della Giustizia John Ashcroft, Judith Miller, il reporter del New York Times imprigionato, e il più autorevole consigliere di Cheney, Mary Matalin.

Non ci sono state indicazioni per ciò che riguarda l’opportunità che il Presidente ed i principali membri del suo staff si presentino pubblicamente ai processi davanti alle telecamere, vista la gravità delle accuse.

Oltre la crepa aperta dal caso di Valerie Plame, l’indagine di Fitzgerald è, secondo quanto riportato, di portata ben più vasta e si estende profondamente fino ai trascorsi atti criminali commessi dalla Casa Bianca: dal riciclaggio di denaro sporco di Bush e Clinton a Mena in Arkansas fino al coinvolgimento del Governo nei fatti del 9/11, fra cui anche quello di aver mandato a morire giovani americani in Iraq e Afghanistan con l’illusione di false speranze.

Il Primo Ministro Inglese Tony Blair è accusato di ostacolo alla giustizia e, secondo le indiscrezioni, si sta consultando con i membri del Parlamento e con i suoi legali per tentare di evitare l’interrogatorio del procuratore Fitzgerald a Chicago.

Le rivelazioni provenienti da fonti vicine alla corte parlano di un informatore dell’ FBI Thomas Heneghen il quale ha dichiarato che il consigliere del Presidente alla Casa Bianca è anch’egli accusato di falsa testimonianza ed è coinvolto con Mary Matalin in un operazione dell’amministrazione Bush attuata per fare a brandelli i documenti e nascondere così le prove.

Heneghen ha reso noto oltre dieci giorni fa sulle frequenze di “truth.radio.com” che le sue fonti vicine alla corte d’accusa sostengono che l’ex Segretario di Stato Colin Powell, ricevuto un ordine di comparizione, abbia poi testimoniato contro il Presidente Bush, rivelando alla giuria che il Presidente ha condotto gli Stati Uniti ad una guerra basata sulle menzogne, un crimine di alto tradimento da pena capitale.

Heneghen ha anche riferito che una settimana fa sono stati citati a testimoniare Gonzalez e Card e che Tony Blair ha rifiutato il suo ordine di comparizione dopo che il limite di tempo per negare la disponibilità era scaduto.

Fonti vicine alle indagini riportano che membri della Casa Bianca, del Senato, della Commissione per il 9/11 e dei media sono anch’essi indagati dalla corte come potenziali obiettivi, tutti accusati di ostacolo alla giustizia e varie omissioni collegate agli attacchi dell’11 Settembre. Tutto ciò indica come la giuria che lavora con Fitzgerald probabilmente cerchi di attuare una pulizia indiscriminata di ciò che molti hanno definito la Casa Bianca e il Congresso del crimine. Inoltre, lo scorso lunedì, l’informatore stesso ha reso noto che il Presidente della Commissione Intelligence del Senato stava pianificando di ostacolare la giustizia convocando Fitzgerald per un udienza al Senato per contestare al procuratore le ragioni di un’indagine di così vasta portata.

Tutto ciò dà luogo al problema di come Robert e gli altri Repubblicani, alcuni tuttora sotto indagine, si uniscano a Bush nel tentare di far fuori Fitzgerald nella stessa maniera in cui il Presidente Nixon si era liberato di Archibald Cox, il pubblico ministero dello scandalo Watergate, al fine di ostacolare la giustizia e porre fine ad ulteriori indagini sui crimini della Casa Bianca.

Due settimane fa Heneghen dichiarò di aver parlato con le sue fonti solo dieci minuti prima dei servizi segreti francesi ed americani i quali intercettarono agenti dei servizi segreti britannici che tentavano di far saltare in aria la metropolitana sottostante il Dirksen Federal Building dove Fitzgerald stava presediendo le udienze.

Importanti interrogativi possono essere sollevati su come i servizi segreti collegati a Bush e a Blair hanno partecipato ad un tentativo fallito di distruggere l’indagine di Fitzgerald facendola letteralmente saltare in aria – in un momento in cui le cronache britanniche rivelano che esplosivi militari furono usati per far esplodere la metropolitana di Londra il 7 luglio.

Il presunto tentativo di far saltare in aria la metropolitana di Chicago è stato attribuito, secondo le indiscrezioni, ad una celata ostilità fra le fazioni operative dell’intelligence e dell’esercito nel governo americano.

Inoltre le cronache raccontano che l’agitazione sopraggiunse quando nello stesso tempo il Chicago Tribune e numerosi blog locali annunciavano che la metropolitana era stata evacuata per 45-50 minuti a causa di un pacco sospetto nel tardo pomeriggio di lunedì 18 Luglio.

Le ostilità nascoste riguardanti i funzionari fedeli all’amministrazione e quelli infastiditi per l’insabbiamento del coinvolgimento del governo negli attacchi dell’11 settembre sono confermate da un recente contatto avuto con questo giornalista del principale giornale newyorkese che proclamava di cercare ” i nomi di coloro che potessero confermare le sue indiscrezioni di una lotta all’interno del Governo tra fazioni rivali che minacciava la sicurezza dei cittadini americani”.

www.tomflocco.com

di Tom Flocco – 2 settembre 2005

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Internet e la fine della Webgemonia

Internet e le nuove frontiere della geopolitica mondiale  Sotto: Taking liberties [By Gou Ben/China.org.cn Con un numero di utenti Internet che sta raggiungendo i 2,5 miliardi,...

Berlusconi e la luna. Quando la storia si ripete – di Sigismondo Panvini

La donna, le acque, la vegetazione, il serpente, la fertilità, la morte, furono singolarmente e unitariamente rappresentate dalla Luna. La Luna nuova si ripresenta...

Orizzonti perduti

In questa “puntata” della nostra piccola Storia (rivisitata) degli Apollo Days ci soffermeremo su alcuni frames i quali, da più parti, sono stati tacciati...

Il governo Monti dice bugie

Il governo Monti dice bugie, diffondono dati falsi. Sta iniziando la pericolosa deriva di un governo autoritario. di Sergio Di Cori Modigliani Fonte: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2012/04/il-governo-monti-dice-bugie-diffondono.html?m=1     Una giornata all’insegna...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube