fbpx
martedì - 18 Giugno, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Cambiare per (r)esistere: attuare la Costituzione come via di uscita

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

In occasione del convegno “CAMBIARE PER (R)ESISTERE” che si terrà il 17 febbraio presso Udine e Gorizia Fiere (a cui vi invitiamo a partecipare), siamo lieti di proporvi una piccola anticipazione degli argomenti che saranno trattati dal Prof. Paolo Maddalena, noto giurista e magistrato, nonché ex giudice della Corte Costituzionale, che sarà tra gli importanti relatori all’evento [Redazione].


        È da tener innanzitutto presente che la “globalizzazione” delle comunicazioni, non vuol dire “globalizzazione” delle Istituzioni, le quali dovrebbero sostenere, secondo le dominanti teorie neoliberiste (che hanno soppiantato le valide tesi keinesiane), la “libertà dei mercati”, la stabilità dei prezzi, la stabilità finanziaria, assicurando la massima competitività tra i singoli e tra gli Stati, nel contempo declassando il “lavoro” a pura merce da pagare il meno possibile. Seguendo questo insostenibile dogma, in tutto il mondo si è fortemente divaricata la forbice tra ricchi e poveri, in modo che i ricchi sono diventati sempre più pochi e sempre più ricchi, mentre i poveri sono diventati sempre più numerosi e sempre più poveri.

        La verità è che, a partire dall’assassinio di Aldo Moro in poi, i nostri legislatori hanno emanato leggi che hanno tutelato sempre maggiormente gli interessi della finanza a danno degli interessi fondamentali dei cittadini, spesso uniformandosi ai Trattati (la finanza si è appropriata delle istituzioni finanziarie mondiali e europee) e dimenticando i principi fondamentali della nostra Costituzione e il rispetto del lavoro, che è fondamento della Repubblica.

        Visto che dobbiamo raggiungere il “pareggio del bilancio” (art. 81 della Costituzione, modificato su iniziativa del governo Monti) gli Italiani devono lavorare per gli Italiani e le fonti di ricchezza devono restare in Italia, non cedute allo straniero, come sta abbondantemente avvenendo con la svendita di tratte ferroviarie (vedi Italo), di linee aeree, di servizi pubblici essenziali e così via dicendo. Il debito pubblico non si sconfigge con l’austerità, ma con lo sviluppo economico. E, incredibilmente, i nostri governanti stanno seguendo una politica inversa: fanno fronte ai debiti con “privatizzazioni” e “svendite”. Così, quando avremo finito di svendere, (e il tempo è più vicino di quanto si creda), saremo tutti schiavi. Eppure una via d’uscita c’è ed è apportata di mano: si tratta di “attuare la Costituzione” rinvigorita dal voto referendario del 4 dicembre 2017. È possibile un rinsavimento, o siamo diventati tutti degli imbecilli?


Prenota la tua partecipazione all'evento


Vi segnaliamo che un importante contributo di Paolo Maddalena sarà pubblicato nel prossimo numero di PuntoZero, in uscita il 14 aprile, dedicato al tema della libertà e della sovranità (perdute?) del nostro Paese:


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Intervista a Kurt Sonnenfeld

Come videografo ufficiale del governo USA, Kurt Sonnenfeld fu assegnato alla zona di Ground Zero dopo l’11 settembre 2001 e lì trascorse un mese,...

Arriva il gold standard (e l’Italia si vende l’oro)

 L’ITALIA METTE IN VENDITA LE PROPRIE RISERVE AUREE MENTRE LA PROSPETTIVA DEL GOLD STANDARD DIVIENE SEMPRE PIÙ CREDIBILE Nell’estate del 2012, mentre infuocava la crisi...

La guerra è un concetto ‘alieno’?

Gruppi, fazioni, partiti, tribù, famiglie. Faide, scontri, difesa e attacco, ragione e torto. Da sempre gli uomini sembrano combattersi tra loro e ciò rientra...

L’alimentazione della centrale nucleare di Zaporozyhe è stata di nuovo interrotta; rimangono 10 giorni di gasolio per i generatori prima della fusione

Dopo intensi combattimenti tra Ucraina e Russia, la centrale nucleare di Zaporizhzhia (NPP) viene tagliata fuori dall'energia elettrica esterna per la settima volta dall'inizio...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube