fbpx
mercoledì - 24 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Censurato il video della confraternita: “Ci sono troppe bianche”

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Chi è, cosa ha fatto e cosa sta facendo Donald Trump

Adesso è il momento giusto per tutti di capire cosa sta facendo Donald Trump e di provare a decifrare l'ambiguità di come lo sta...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Roma, 18 ago – Non esprime “diversità”: è questa l’accusa mossa contro il video promozionale della sorority (una confraternita studentesca al femminile) Alpha Phi dell’Università dell’Alabama. Alla fine il filmato è stato tolto da YouTube (salvo poi essere ricaricato da altri, come si vede sotto), non senza un’aspra polemica circa la scelta delle studentesse mostrate nel video, a quanto pare troppo “razzialmente omogenee”.

 

Insomma, c’erano troppe bianche ed erano troppo bianche.

Alpha Phi è una sorority fondata nel 1872. È il quarto circolo universitario femminile più antico degli Stati Uniti e il primo che abbia adottato la nomenclatura in lettere greche famosa anche da noi per i non pochi film ambientati proprio nei campus universitari e nel mondo delle confraternite.

Il video, che mostra decine di belle ragazze in atteggiamenti giocosi nei locali dell’università, non è piaciuto ai commentatori politicamente corretti, che lo hanno ritenuto inadatto a reclamizzare la multirazzialità ormai di fatto obbligatoria.

“È così razzialmente ed esteticamente omogeneo, riduttivo, oggettivizzante, con iper-femminilità estroflessa, come se vendessero sé stesse per il solo look, una merce: bellezza, sessualità e un look specifico”, 

ha commentato l’opinionista di AL.com A.L.Bailey.

“Questo video – ha precisato Deborah Lane, dell’ufficio relazioni esterne dell’ateneo – non riflette le aspettative dell’Università dell’Alabama che le organizzazioni studentesche si comportino come responsabili cittadini digitali. È importante per gli organismi studenteschi ricordare che ciò che viene postato sui social media fa la differenza, oggi e domani, su come saranno visti e percepiti”.

Fonte: ilprimatonazionale.it

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La febbre dell’oro in Cina, segnale di una crisi finanziaria mondiale?

 di Attilio Folliero e Cecilia Laya In Cina sembra proprio che sia scoppiata la...

Il mistero Khodorkovsky – di Massimo Mazzucco

Le prime pagine di mezzo mondo riportavano ieri la reazione seccata di Mosca a quello che i russi definiscono “ingerenze eccessive e intollerabili” dell’occidente...

La più grave violazione della sovranità nazionale

Urla di giubilo si sono levate al lieto annuncio: l’Unione Bancaria Europea è finalmente cosa fatta. Dopo 17 ore di parto, lo strumento –...

Macedonia, cambio di regime in corso. Che ci colpirà.

L’annuncio è di Stratediplo, un sito vicino alle forze armate di Francia che ha notizie interne alla NATO: il piccolo stato macedone (2 milioni abitanti)...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube