sabato - 28 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Cipro: salvare le banche coi soldi dei correntisti, l’idea si propaga

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,190IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Quando Amato nel fatidico ’92 prelevò nottetempo dai conti degli italiani un -oggi misero- 6 per mille per rimpinguare le casse dello Stato, lo fece per farci “entrare in Europa“. Fu forse la prima volta che udimmo questo slogan, ripetuto poi alla nausea nei successivi vent’anni per giustificare ogni nefandezza, dalle tasse alla TAV. Una pessima presentazione dell’Europa, per giunta, con un furto notturno: avremmo dovuto capire dai tali prodromi dove si sarebbe andati a parare.

Ma a confronto di quel che accade a Cipro, Amato era uno statalista. La grande rapina ai ciprioti poveri e ai russi ricchiavviene stavolta per salvare banche tedesche, punto e basta. 5,8 miliardi di rapina,esattamente pari all’esposizione delle banche tedesche a Cipro. L’idea meravigliosa è questa: se le banche sono in sofferenza, sull’orlo del crac, perché devono intervenire gli Stati? Che le salvino i correntisti!

Non fa una piega. Gli hai dato i tuoi soldi, li hanno gestiti male, e ora ce li rimetti. Si chiama “incauto affidamento“, qualsiasi tribunale ti darebbe torto. E talmente è geniale questa idea che, udite udite, si sta propagando come fuoco tra le stoppie: ora pare che anche la Nuova Zelanda voglia applicare lo stesso sistemino per salvare le proprie banche. E’ una soffiata del partito dei Verdi neozelandesi. Se una banca finisce a rischio default, i soldi dei correntisti verranno decurtati per il bailout, così propone il Ministro delle Finanze.

Mi chiedo cosa staranno pensando tutti i fervidi sostenitori della “moneta elettronica”, nel vedere intere famiglie cipriote alla disperazione con tutti i loro risparmi ostaggio delle banche. Banche che prima li gestiscono male, e poi li rubano per pararsi il didietro. Meglio pensarci un po’ prima di dire addio alle vecchie concrete banconote, e correre dietro alle sirene di chi, con la scusa dell’evasione, vi convince a seppellire tutti i vostri soldi nell’orto dei miracoli. Da dove il gatto e la volpe li faranno poi sparire.

Foto – Photopin

Articolo di Debora Billi

Fonte: http://crisis.blogosfere.it

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Quando tutto finisce (e il sole splende)

Governi e mercati in fibrillazione, Washington verso la bancarotta, politica italiana nel caos, il passato che non passa, il Nuovo che si fa attendere...

PRESCRIZIONE? SOLO IN ITALIA…

L’Italia è un paese dalla giustizia a orologeria, nel senso che ogni fase processuale – ma non solo, ogni reato o quasi – rischia...

La nuova dottrina del Pentagono: le mini atomiche sono “sicure per i civili” di Michael Chossudovsky

{mosimage} l’amministrazione Bush dimostra solo il suo impegno a mantenere l’arsenale nucleare come fondamento del loro potere militare, impegno che oltretutto mina alla base...

Il Brexit ridistribuisce la geopolitica globale

«Sotto i nostri occhi» - Cronaca di politica internazionale n°191Mentre la stampa internazionale cerca un qualche modo per rilanciare la costruzione europea - sempre...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube