fbpx
mercoledì - 17 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

“Cosí abbiamo avvelenato la Campania”

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sai (Stratospheric aerosol Injection) for Climate Engineering: un’alternativa alle scie chimiche?

Vere scie di condensazione  di uno stormo di B-17F – le "Fortezze volanti" dell'USAF – sui cieli d'Europa durante la Seconda Guerra Mondiale (USAF photo, riportata...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

˝Così abbiamo avvelenato la Campania˝. L’ex boss con milioni di casi di cancro sulla coscienza.

Aggiornamento – è qui il bandolo della matassa?

I colpevoli sono noti ma (salvo eccezioni) nessuno muove un dito. Credo di poter riassumere in questi termini la parte dell’intervista relativa al traffico di rifiuti in Campania – avvelenata addirittura con fanghi termonucleari buttati nei campi e nelle cave – che CarmineSchiavone, ex boss della “cupola” casalese, ha rilasciato oggi in esclusiva a Sky TG24.

L’intervista (il video è dopo il “continua”) sta facendo il giro della rete dal momento che Schiavone si pente di essersi pentito e di essere diventato collaboratore di giustizia nel 1993, racconta di un imponente giro di miliardi per corrompere finanzieri ecarabinieri ed afferma fra l’altro:

“La mafia non sarà mai distrutta perché ci sono troppo interessi, sia a livello economico sia a livello elettorale. L’organizzazione mafiosa non morirà mai”.

Dal punto di vista di Blogeko, tuttavia, la parte più interessante è quella in cui Schiavone descrive come la delinquenza organizzata ha avvelenato la Campania con rifiuti tossici e dice che (pur pentendosi di essersi pentito) è comunque pentito di cuore perchè milioni persone stanno morendo di cancro in seguito allo smaltimento illegale di veleni. Ascoltate.

Dice Schiavone (io ho aggiunto il link):

“Queste grosse società del Nord, anche queste di Roma che gestivano, venivano a buttare questi rifiuti giù al Sud, come rifiuti di pittura, rifiuti farmaceutici, rifiuti chimici, rifiuti ospedalieri, quelli per i raggi X, più ci stanno cassette del termonucleare, i fanghi termonucleari. Ed arrivavano nel basso Lazio, ma principalmente sono stati portati a Casale di Principe, Castel Volturno, Santa Maria la Fossa, Grazzanise. Ma si rende conto che stanno morendo 5 milioni di persone, come io ho detto alla commissione ecomafia con i documenti che hanno, perfino le targhe dei camion che scaricavano l’immondizia, le società…”

Praticamente Schiavone afferma di aver completamente vuotato il sacco e di aver rivelato chi c’era dietro lo scempio. Se è vero, non risultano i conseguenti arresti; tanto meno le conseguenti bonifiche.

In un’altra parte della lunga intervista – ecco il link alla versione completa – Schiavone aggiunge un particolare su quei traffici di veleni avvenuti ormai un quarto di secolo fa e più: i rifiuti erano scaricati da camion e gettati nei campi e nelle cave,

“Negli anni le cassette di piombo si saranno aperte (…) ecco perché la gente sta morendo di cancro”.

Nessuno sapeva niente, nessuno si era accorto di questo viavai di autocarri nelle cave? Incollo qui sotto una lettera relativa proprio a questo sospetto viavai e datata 1988. E’ scritta su carta intestata della sezione del Pci di Casal di Principe; i destinatari sono autorità sanitarie e politici locali e non, compreso il ministro dell’Ambiente che allora era il socialista Giorgio Ruffolo. Faceva parte di un esecutivo guidato dal democristiano Ciriaco De Mita.

Che nostalgia a vedere una lettera battuta con la macchina per scrivere e le correzioni aggiunte a penna… La foto è tratta da un commento all’intervista di Schiavone comparso su Facebook. Dunqueanche allora – ben prima che Schiavone si pentisse – anche allora si sapeva. Eppure la tragedia infinita della Campania avvelenata dai rifiuti va avanti tuttora.

Fonte: blogeko.iljournal.it

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Webb celebra il primo anno di scienza con un primo piano sulla nascita di stelle simili al sole

Dal nostro cortile cosmico nel sistema solare alle galassie lontane vicino all'alba dei tempi, il James Webb Space Telescope della NASA ha mantenuto la...

Svizzera: un referendum per abolire la riserva frazionaria

SVIZZERA: IL REFERENDUM CHE FA TREMARE LE BANCHE Berna, 28 dic – È risaputo: in Svizzera il popolo può influire sull’attività governativa per il tramite...

Eurobond

    di Mirco Maselli

I “pass vaccinali” della Svezia dovrebbero insegnarci una importante lezione

L'Agenzia svedese per la sanità pubblica (PHA) ha annunciato che, a partire dal prossimo mese, i raduni di oltre 100 persone richiederanno "pass Covid"...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube