fbpx
venerdì - 19 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Costruzioni navali della Marina USA: troppo poco, troppo tardi per raggiungere la Cina

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La grande Tartaria

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Gli Stati Uniti intendono mettersi al passo con la marina cinese costruendo le sue prime fregate dall’inizio degli anni 2000, uno schema strategico che potrebbe compensare la diminuzione del numero di unità della flotta ma non il tempo perso.

Il capo delle operazioni navali degli Stati Uniti, l’ammiraglio Mike Gilday, durante una recente audizione del Comitato delle forze armate del Senato, ha affermato di voler aumentare la costruzione navale della marina statunitense da due navi in ​​​​un cantiere navale all’anno alla produzione in due cantieri navali, ha riferito Popular Mechanics.

Il commento sottolinea la necessità percepita di aumentare la produzione delle imminenti fregate di classe Constellation, con la Marina degli Stati Uniti che inizialmente si è impegnata ad acquisire 20 navi. Il rapporto di Popular Mechanics afferma che il desiderio di aggiungere un secondo cantiere navale per la produzione potrebbe produrre altre 40 navi nei prossimi dieci anni, con circa 50 navi considerate il numero ideale per la US Navy.

Da quando ha messo in disarmo la classe Oliver Hazard Perry, la Marina degli Stati Uniti non ha utilizzato fregate, aprendo una lacuna di capacità in specifiche aree di missione. Peter Suciu osserva in un articolo dell’agosto 2021 per The National Interest che la fregata di classe Perry era un progetto a basso costo costruito tra il 1977 e il 2004 destinato a sostituire i cacciatorpediniere della Seconda guerra mondiale della Marina degli Stati Uniti e soddisfare i grandi numeri della flotta della Guerra Fredda che stabilivano un controllo rigoroso su progetto, dimensioni e costi.

Suciu osserva che la classe Perry di 71 navi ha avuto una vita utile di 40 anni svolgendo missioni a bassa intensità come operazioni di interdizione marittima, attività antidroga ed esercitazioni con le marine partner.

Tuttavia, afferma che ciò ha portato le fregate a finire in condizioni di estrema usura, portando alla loro rimozione dal servizio nel 2003, con l’ultima fregata di classe Perry dismessa nel 2015. Ciò ha lasciato la Marina degli Stati Uniti senza fregate per la prima volta dal 1943.

Tale decisione ha visto la Marina degli Stati Uniti schierare navi eccessivamente capaci per missioni a bassa intensità. Jerry Hendrix osserva in un articolo dell’aprile 2020 per National Review che la pratica statunitense di dispiegare navi come i cacciatorpediniere Arleigh Burke per compiti come operazioni antipirateria, mostrare la bandiera e mantenere una presenza navale persistente può sminuire queste risorse navali critiche da ruoli più importanti quali fornire difesa missilistica e altre missioni di alto livello.

Hendrix afferma che le fregate e le corvette, con le loro dimensioni ridotte, gli equipaggi più piccoli, minori complessità dei sensori e delle armi e i costi inferiori, le rendono fattibili per l’acquisto in gran numero per eseguire missioni a bassa intensità.

Dice che mentre la Marina degli Stati Uniti ha cercato di sostituire la classe Perry con le corvette Littoral Combat Ship (LCS), la LCS non si è dimostrata efficace come sperato con molteplici problemi con i sistemi d’arma, la sopravvivenza e l’integrità dello scafo, portando al ritiro anticipato del tipo.

La US Navy Littoral Combat Ship Gabrielle Giffords è armata con il nuovo Naval Strike Missile. Foto: Dispensa

Sebbene John Cole e Thomas Ulmer abbiano notato in un articolo del dicembre 2017 per Defense 360 ​​che gli Stati Uniti hanno brevemente riconsiderato la riattivazione della classe Perry nel 2016, quel piano è stato accantonato poiché le fregate avrebbero dovuto affrontare problemi di manutenzione, personale e capacità.

Cole e Ulmer sottolineano che i costruttori navali potrebbero non produrre più i componenti delle vecchie fregate, l’addestramento di nuovi equipaggi prosciugherebbe risorse limitate che potrebbero essere spese per acquisire nuove risorse navali e che le fregate rinnovate non sono adatte a colmare le lacune di capacità per risorse navali di fascia alta.

Oltre a colmare una lacuna di capacità nell’esecuzione di missioni a bassa intensità, gli Stati Uniti potrebbero dover eguagliare la marina cinese in rapida crescita per quanto riguarda il numero di navi.

Asia Times ha notato nel febbraio 2023 che a partire dal 2022, l’Esercito popolare di liberazione-Marina (PLA-N) è la marina più grande del mondo con 340 navi, mentre la Marina degli Stati Uniti è la seconda con 280 navi.

Si prevede che tale divario aumenterà con la Cina che avrà 400 navi entro il 2025 e 440 entro il 2030, con gran parte di quella crescita che arriverà sotto forma di importanti combattenti come incrociatori e cacciatorpediniere. Al contrario, il piano dell’amministrazione Biden per 280 navi entro il 2027 e, in definitiva, 363 navi entro il 2045 è piccolo in confronto.

Sebbene le navi da guerra statunitensi possano essere più avanzate, la qualità non può sostituire la quantità e la presenza fisica. In un articolo della Heritage Foundation del maggio 2022 , Brent Sadler sottolinea che la strategia di costruzione di navi da guerra dell’amministrazione Biden “disinvestire per investire” riduce completamente le capacità della Marina degli Stati Uniti, riponendo troppa fiducia nelle “armi miracolose” come le navi da guerra senza equipaggio che sono ancora in fase di prototipo.

Sadler osserva che anche se la scommessa degli Stati Uniti dovesse dare i suoi frutti, la Marina degli Stati Uniti avrà ancora meno navi per addestrare i futuri equipaggi. Dice che mantenere le navi in ​​servizio attivo, addestrare e sostenere la capacità è meglio fino a quando non saranno disponibili sostituzioni praticabili.

I numeri della flotta cinese sono sostenuti da formidabili capacità di costruzione navale, con uno dei suoi 13 cantieri navali che ha una capacità maggiore di tutti e sette i cantieri navali statunitensi messi insieme. Questa capacità è possibile attraverso la strategia di fusione civile-militare della Cina che prevede la costruzione simultanea di navi da guerra e navi civili negli stessi cantieri navali.

Tale approccio consente all’industria cantieristica cinese di operare a pieno regime nonostante le recessioni economiche, applicare tecniche di produzione di massa civile alla costruzione navale, incorporare tecnologie civili avanzate alle navi da guerra, mantenere la capacità di produzione ed eludere le sanzioni mirate alla sua modernizzazione militare.

La Cina sta già dispiegando questa flotta a livello globale, con nuovi progetti di navi da guerra in costruzione a tale scopo.

L’incrociatore cinese Tipo 055 Nanchang. Foto: Facebook

Asia Times ha notato in un articolo separato del febbraio 2023 che l’imminente fregata cinese Tipo 054B è una nave antisommergibile di fascia bassa progettata per lavorare insieme agli incrociatori di fascia alta Tipo 055 e ai cacciatorpediniere Tipo 052, che sono troppo costosi per essere costruiti in gran numero.

Il Tipo 054B ha una dimensione più vicina al cacciatorpediniere Tipo 052 rispetto al suo predecessore Tipo 054A. Questa maggiore dimensione e dislocamento può indicare più dispiegamenti globali e un desiderio di eguagliare la potenza navale degli Stati Uniti.

Inoltre, le sue maggiori dimensioni le consentono di trasportare più carburante e scorte per gli schieramenti globali volti a garantire il progetto geostrategico Maritime Silk Road integrando nuove armi, armamenti e tecnologie, consentendole così di operare come parte dei gruppi di battaglia delle portaerei cinesi.

Fonte: https://asiatimes.com/2023/05/us-navy-shipbuilding-too-little-too-late-to-catch-china/

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

I SOCIAL MEDIA SONO ARMI PER LA GUERRA PSICOLOGICA (E TU SEI IL BERSAGLIO)

Per secoli il più potente servizio di intelligence e raccolta dati è stato il rito cattolico della “confessione”, con cui milioni di persone rivelavano...

Sarà mai possibile un fronte unico contro il nuovo ordine mondiale?

Il fondamento di ogni dittatura, di ogni tirannia è sempre la centralizzazione del potere. E in tutto il mondo, da almeno un ventennio a questa...

Master NLP for English a Vittorio Veneto

MASTER NLP FOR ENGLISH  di Paola Iacobini Vittorio Veneto 29 marzo 2019 (Presso la sede SALUSBELLATRIX, c/o SIQUT) Via Cal della Veia, 30 - Cappella Maggiore (TV) venerdì h 14:30 -...

Atene si prepara a nazionalizzare le banche e a battere moneta?

Rivelazioni dal Telegraph: La Grecia ha già pronto il piano dracma e nazionalizzazione delle banche.     Fonti del governo di Atene: "Ciò che è certo...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube