Scritto da Tom Luongo tramite il blog Gold, Goats, 'n Guns,

Dal punto di accensione 
Alla spinta finale 
Il senso del viaggio 
non è arrivare 
Tutto può succedere

— RUSH,  PRIME MOVER

A volte mi sveglio la mattina e mi sento come se avessi i codici per manipolare il mondo, che, come Neo in The Matrix, posso vedere il codice retrostante il mondo che sfila davanti a noi.

Ma so, nel mio cuore, che questa è, di per sé, solo un'altra illusione. È solo un altro strato di falsa realtà che costituisce il fulcro del conflitto nell'opera fondamentale di Philip K. Dick, UBIK, da cui The Matrix prende molto in prestito.

So anche che a volte sembro un insopportabile (e volgare) sapientone, ma è solo una parte della ricerca per vagliare le informazioni errate e ottenere qualcosa di vagamente somigliante ma non del tutto diverso da The Truth (tm).

Mark Wauck è un ragazzo che scrive molto su ciò di cui scrivo. È nel suo viaggio verso la verità. È una missione lodevole. Ha un ottimo Substack in generale chiamato  Significato nella storia che consiglio.

Ultimamente ha pubblicato una recensione in due parti di una recente intervista che ho rilasciato al canale YouTube Not the BBC, che è linkata di seguito, intitolata "Tom Luongo's Theory of Everything". (Link: Parte I e Parte II ). Anche Seb è una persona in quello stesso viaggio.

Mark trascrive letteralmente alcune delle mie tracce della storia recente, in effetti, traducendo le mie divagazioni un po' caotiche in una visione coerente di ciò che ho in testa.

E tutto ciò a cui riuscivo a pensare era questo momento dell'eccellente Justice League Unlimited di Bruce Timm in cui qualcuno alla DC ha finalmente reso giustizia al mio uomo, The Question, invece di cercare di trasformarlo in qualcosa di svegliato e rotto.

Storia divertente, quella di questo "cartone animato". L'ho scoperto per la prima volta in passato, quando avevo ancora DirecTV che faceva la sua programmazione predittiva sulla mia famiglia. Per lo più dovevo guardare la NHL, perché, all'epoca quello era il mio lavoro secondario, scrivere per la Fan House di AOL e bloggare sui miei Buffalo Sabres eternamente frustranti.

All'epoca lavoravo lontano da casa, tornando alla mia vita nei fine settimana. Con il senno di poi, fu atroce. E fece un danno quasi irreparabile al mio rapporto con mia figlia. Per fortuna, mi ha perdonato per non essere stato lì per i primi cinque anni della sua vita.

Una notte, dopo aver messo a letto mia moglie e mia figlia, stavo girando i canali quando mi sono imbattuto in Mr. No Face che sputava Ayn Rand e Aristotele a Lex Luthor e ho dovuto sopprimere non solo un giovane fan ma anche il desiderio di precipitarmi a svegliare mia moglie per chiederle di confermare quello che stavo vedendo.

The Question è il detective primordiale, più di Batman o persino di Sherlock Holmes. È l'uomo che vede il mondo per quello che è, ma rifiuta fermamente di essere risucchiato dal relativismo morale della modernità.

Il suo creatore, Steve Ditko, era un fedele oggettivista randiano, con grande detrimento professionale e, da quello che ho letto, personale. Per chiunque sia interessato a una delle figure più controverse della storia dei fumetti, e quindi della pop art del 20° secolo, consiglio vivamente l'eccellente libro di David Currie, Ditko Shrugged: The Uncompromising Life of the Artist Behind Spiderman and the Rise of Marvel Comics. 

The Question è stato il primo tentativo di Ditko di incarnare queste idee. Sono diventati progressivamente più didattici e meno interessanti.

Parte di ciò che rende tale il mio lavoro è l'equilibrio tra il credere abbastanza nella propria capacità di analizzare le informazioni pur rimanendo costantemente umili di fronte a una quantità schiacciante di esse che cercano di distrarti e di condurti in vicoli ciechi e bui.

E qui non voglio sembrare un incorreggibile egoista, perché non lo sono. Se sbaglio sbaglio.

In vita mia sono stato un autentico scienziato all'opera, che ha testato ipotesi fallite dopo ipotesi fallite. L'umiltà non è facile, ma l'Universo non è altro che coerente nell'applicazione delle lezioni.

Sono consapevole del potenziale del mio pregiudizio di conferma, come lo chiamo negli altri.

Se non ti piace, prenditela con me, fratello!

Ho trovato i titoli dei post di Mark allo stesso tempo divertenti, lusinghieri e gravosi, non necessariamente in quest'ordine. Tutti desideriamo una certa quantità di approvazione per ciò che facciamo in questa vita. Fa parte del ritorno "poco redditizio" sul nostro investimento di tempo, quello che i marxisti amano ripetere a sé stessi che non esiste negli altri per giustificare la loro malvagità spinta dall'invidia.

Ma non è tutto ciò che ci spinge. C'è un bisogno ardente, un'ossessione se volete, di trovare una via d'uscita dal mondo oscuro in cui viviamo oggi. Le storie sono tutte intorno a noi. L'ansia che tutti proviamo è scritta in esse. Ecco perché le pietre miliari culturali sono così importanti. Lo spirito del tempo ci dice sia quello che sentiamo sia quello che vogliamo.

Questo è ciò che mi tiene in linea con l'obiettivo e il dare e avere di coloro che ho ispirato mi ispirano a mia volta a mantenere la rotta, anche quando sarebbe molto più facile mollare, bere un drink e sbarcare. Ma non c'è inerzia in questo viaggio, solo ricarica.

Alla fine, non credo che ci sia solo una grande cospirazione. Questa non è la mia teoria geopolitica del campo unificato.

Ma ce n'è una dominante che è in funzione da molto tempo. Quando si presentano opportunità grazie ai cambiamenti delle circostanze, è allora che vedi i vari giocatori fare le loro mosse per riguadagnare parte di ciò che era stato perso in precedenza. Fino a quando un gruppo non viene eliminato definitivamente, sarà sempre lì in agguato per la prossima opportunità di convalidare una narrativa di lunga durata della propria presunta potenza.

Come disse Ippolita in modo così eloquente in Justice League di Zack Snyder“Il male non dorme. Aspetta.

Voglio ringraziare Seb per aver strutturato il discorso in modo tale da condurmi a disporre tutto in una sorta di ordine coerente che l'ascoltatore può analizzare.