lunedì - 30 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Da Mosca 960 milioni di dollari per la Siria

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

L'annuncio del primo ministro siriano Wael Al-Halqi. Serviranno a ricostruire la rete elettrica e gli impianti di produzione del petrolio [RIA NOVOSTI, 27 aprile 2016]



Sopra: Aleppo dopo i bombardamenti. Fonte: Mikhail Voskresenskiy/RIA Novosti


Il primo ministro della Siria Wael Al-Halqi ha annunciato che Mosca e Damasco hanno siglato un accordo del valore di 960 milioni di dollari per la ricostruzione delle infrastrutture nel Paese arabo. Fra i compiti più urgenti, ripristinare le infrastrutture elettriche e petrolifere.

“La parte russa ha risposto all’idea di ricostruire le infrastrutture e per questo sono stati firmati diversi accordi”,

ha spiegato Al-Halqi in un’intervista a Ria Novosti.

L’obiettivo principale sarà la ricostruzione della rete elettrica, degli impianti di produzione del petrolio e delle raffinerie.

“In questo momento oltre il 60% degli impianti non funzionano e c’è bisogno di petrolio per poter avviare i lavori. La rete elettrica invece non è stata completamente distrutta”.

“C’è una rete che collega il nord al sud, da Qamishli a Deraa – ha aggiunto -. Continuiamo a rifornire l’elettricità, anche se la produzione dipende dal combustibile e il settore petrolifero ha sofferto di più rispetto a quello elettrico, a causa del terrorismo".

Le raffinerie rimaste sotto il controllo del governo sono al limite, ha spiegato Al-Halqi, commentando che il Paese ha bisogno di 35.000 tonnellate di petrolio al giorno.

“Attualmente raffiniamo questi volumi che servono per 24 ore per un mese, così il processo non viene interrotto”,

ha detto.

Damasco vorrebbe inoltre riallacciare le operazioni delle istituzioni finanziarie del Paese. Una cosa che comporterebbe lo stop alle sanzioni imposte all’inizio della guerra civile nel 2011-2012.

“Visto che la Siria non era isolata dal mondo e manteneva importanti rapporti finanziari con la maggior parte dei Paesi, oltre a vantare una buona reputazione finanziaria, speriamo che si avvii presto il processo per togliere le ingiuste sanzioni sui trasferimenti finanziari con il mondo esterno”,

ha concluso.


Fonte della notizia in lingua russa: Ria Novosti
Traduzione italiana tratta da Russia Beyond The Headlines


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La guerra sul treno della crisi petrolifera

Siamo andati perciò a sentire il prof. Alberto Di Fazio, da sei anni al lavoro col programma...

L’informazione Manipolata

Omissioni e MenzogneIl 20 febbraio scorso, sulla prima pagina del quotidiano la Repubblica, si poteva leggere un titolo in posizione centrale: "Nel bunker dei...

Una nuova consapevolezza per una nuova umanita’

L’Associazione Culturale L’AngelonelcuorepresentaVII CONVEGNO MANTOVAUNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA PER UNA NUOVA UMANITA’Domenica 21 maggio 2017 Best Westner Hotel Cristallo Via Cisa 1 – Cerese (MN)PROGRAMMA08:30 Apertura Meditazione di...

Evidence of Revision: Connecting the Dots di Massimo Mazzucco

 Un film uscito di recente, intitolato Evidence of Revision (indizi/prove di revisionismo), porta una grande quantità di materiali nuovi e particolarmente interessanti, che...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube