fbpx
domenica - 14 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Da Mosca 960 milioni di dollari per la Siria

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

L'annuncio del primo ministro siriano Wael Al-Halqi. Serviranno a ricostruire la rete elettrica e gli impianti di produzione del petrolio [RIA NOVOSTI, 27 aprile 2016]



Sopra: Aleppo dopo i bombardamenti. Fonte: Mikhail Voskresenskiy/RIA Novosti


Il primo ministro della Siria Wael Al-Halqi ha annunciato che Mosca e Damasco hanno siglato un accordo del valore di 960 milioni di dollari per la ricostruzione delle infrastrutture nel Paese arabo. Fra i compiti più urgenti, ripristinare le infrastrutture elettriche e petrolifere.

“La parte russa ha risposto all’idea di ricostruire le infrastrutture e per questo sono stati firmati diversi accordi”,

ha spiegato Al-Halqi in un’intervista a Ria Novosti.

L’obiettivo principale sarà la ricostruzione della rete elettrica, degli impianti di produzione del petrolio e delle raffinerie.

“In questo momento oltre il 60% degli impianti non funzionano e c’è bisogno di petrolio per poter avviare i lavori. La rete elettrica invece non è stata completamente distrutta”.

“C’è una rete che collega il nord al sud, da Qamishli a Deraa – ha aggiunto -. Continuiamo a rifornire l’elettricità, anche se la produzione dipende dal combustibile e il settore petrolifero ha sofferto di più rispetto a quello elettrico, a causa del terrorismo".

Le raffinerie rimaste sotto il controllo del governo sono al limite, ha spiegato Al-Halqi, commentando che il Paese ha bisogno di 35.000 tonnellate di petrolio al giorno.

“Attualmente raffiniamo questi volumi che servono per 24 ore per un mese, così il processo non viene interrotto”,

ha detto.

Damasco vorrebbe inoltre riallacciare le operazioni delle istituzioni finanziarie del Paese. Una cosa che comporterebbe lo stop alle sanzioni imposte all’inizio della guerra civile nel 2011-2012.

“Visto che la Siria non era isolata dal mondo e manteneva importanti rapporti finanziari con la maggior parte dei Paesi, oltre a vantare una buona reputazione finanziaria, speriamo che si avvii presto il processo per togliere le ingiuste sanzioni sui trasferimenti finanziari con il mondo esterno”,

ha concluso.


Fonte della notizia in lingua russa: Ria Novosti
Traduzione italiana tratta da Russia Beyond The Headlines


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il denaro ha un’anima? Criptovalute, metafisica e banche centrali

Forse nessuno capisce di più sulla metafisica del danaro dei capi delle banche centrali: ma essi raramente accennano a tale aspetto. Il mondo della...

Giochi sporchi e pericolosi

GIOCHI SPORCHI E PERICOLOSI Programmi tv come addestramento di massa alla sottomissione di Paolo Cortesi Avrete notato, suppongo, il moltiplicarsi (in tempi così rapidi da non poter...

IL TEMPO È SCADUTO

“Sono tutte fandonie, queste! Bella verità! Come se qualcuno volesse sostenere che basta sussurrare una formula magica perché i fiumi tornino agili indietro, il...

L’acqua che cura

  L'Associazione Culturale IL DIAMANTE ROSA PRESENTA L'ACQUA CHE CURA Frequenze a 432 Hz Martedì 28 luglio dalle ore 19:30 HOTEL OLYMPA Viale Stazione, 25 - MONTEGROTTO TERME (PD) Il Diamante Rosa vi...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube