fbpx
domenica - 21 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Dipaniamo la relazione Epstein-Chomsky

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Domenica scorsa, il Wall Street Journal ha pubblicato un rapporto che dettagliava le informazioni contenute in un “trove” di documenti precedentemente non dichiarati del defunto trafficante di sesso Jeffrey Epstein. Quei documenti, che non sono stati resi pubblici e sembrano essere stati trasmessi esclusivamente al Journal, includevano il calendario privato e gli orari delle riunioni di Epstein. I documenti, secondo il Journal, contengono “migliaia di pagine di e-mail e orari dal 2013 al 2017” e – come osserva il rapporto – descrivono in dettaglio i rapporti di Epstein con diversi personaggi di spicco i cui nomi non erano sui suoi registri di volo o sul suo famigerato “libro nero” di contatti. Uno di questi individui è il famoso linguista, commentatore politico e critico del capitalismo e dell’impero, Noam Chomsky.

Chomsky, che ha già discusso il caso Epstein nelle interviste e che ha sostenuto che i legami di Epstein con le agenzie di intelligence dovrebbero essere considerati una “teoria del complotto”, non aveva precedentemente rivelato questi incontri. Chomsky, di fronte ai  giornalisti del Journal, è stato evasivo, ma alla fine ha ammesso di aver incontrato e conosciuto Jeffrey Epstein.

Molti, in gran parte a sinistra, hanno espresso sgomento e confusione sul motivo per cui qualcuno con le opinioni politiche di Chomsky avrebbe incontrato volentieri, non una ma diverse volte, qualcuno come Jeffrey Epstein, particolarmente ben dopo la notorietà di Epstein come trafficante sessuale e pedofilo. Come mostrerà questo resoconto, Epstein sembrava considerare Chomsky come un altro intellettuale che poteva aiutarlo a guidare le sue decisioni quando si trattava delle sue ossessioni scientifiche, vale a dire il transumanesimo e l’eugenetica. Ciò che Chomsky ha guadagnato in cambio dall’incontro con Epstein non è così chiaro.

Perché Chomsky ha incontrato Epstein?

Secondo il Journal, gli incontri di Chomsky con Epstein si sono svolti negli anni 2015 e 2016, mentre Chomsky insegnava al Massachusetts Institute of Technology, o MIT. Chomsky ha detto al Journal di aver incontrato Epstein per discutere di argomenti come le neuroscienze con altri accademici, come Martin Nowak di Harvard (che è stato pesantemente finanziato da Epstein). In un’occasione separata, Chomsky ha nuovamente incontrato Epstein insieme all’ex primo ministro israeliano, Ehud Barak, presumibilmente per discutere “le politiche di Israele riguardo alle questioni palestinesi e all’arena internazionale”. Un appuntamento separato ha visto Chomsky e sua moglie invitati da Epstein a cenare con lui, Woody Allen e la moglie di Allen Soon-Yi Previn. Alla domanda sull’appuntamento a cena con Woody Allen ed Epstein, Chomsky ha definito l’occasione “una serata trascorsa con un grande artista”.

Di fronte a queste prove, Chomsky inizialmente disse al  Journal che i suoi incontri e il rapporto con Epstein “non erano affari vostri. O di chiunque altro.” Ha poi aggiunto che “lo conoscevo [Epstein] e ci siamo incontrati di tanto in tanto”.

Prima di proseguire oltre, è importante notare che, a parte Epstein, sia Ehud Barak che Woody Allen sono stati accusati di avere rapporti sessuali inappropriati con minori. Ad esempio, Barak era un assiduo frequentatore delle residenze di Epstein a New York, così spesso che The Daily Beast  ha riferito come numerosi residenti di un condominio legato a Epstein “avevano visto Barak nell’edificio più volte negli ultimi anni, e quasi un’altra mezza dozzina ha descritto di essersi imbattuto nella sua scorta di sicurezza”, aggiungendo che “l’edificio è di proprietà maggioritaria del fratello minore di Epstein, Mark, ed è stato legato al presunto giro di trafficanti di New York del finanziere”.


Ehud Barak tenta di nascondere la sua faccia durante una visita del 2016 alla residenza newyorkese di Jeffrey Epstein. Fonte: Daily Mail

Nello specifico, diversi appartamenti nell’edificio erano “utilizzati per ospitare ragazze minorenni provenienti dal Sud America, dall’Europa e dall’ex Unione Sovietica”, secondo un ex contabile  impiegato da uno dei principali procuratori di ragazze minorenni di Epstein, Jean Luc Brunel. Barak è anche noto per aver trascorso la notte in una delle residenze di Epstein almeno una volta, è stato fotografato mentre lasciava la residenza di Epstein nel 2016 e ha ammesso di aver visitato l’isola di Epstein, che ha sfoggiato soprannomi tra cui “Pedo Island”, “Lolita Island” e “L’isola dell’orgia”. Nel 2004, Barak ha ricevuto 2,5 milioni di dollari dalla Wexner Foundation di Leslie Wexner, di cui Epstein era un fiduciario nonché uno dei principali donatori della fondazione, ufficialmente per “servizi di consulenza” e “ricerca” non specificati per conto della stessa. Diversi anni dopo, Barak mise Harvey Weinstein in contatto con il gruppo di intelligence privata israeliano Black Cube, che impiega ex agenti del Mossad e agenti dell’intelligence militare israeliana, mentre Weinstein cercava di intimidire le donne che lo avevano accusato di violenza sessuale e molestie sessuali.

Inoltre, Barak ha precedentemente presieduto e investito in Carbyne911, una controversa start-up israeliana di servizi di emergenza che si è espansa in tutto il mondo ed è diventata particolarmente radicata negli Stati Uniti. Barak aveva ordinato a Epstein di investire un milione di dollari in quella società, che è stata criticata come un potenziale strumento per la sorveglianza di massa senza mandato. Anche Leslie Wexner ha investito milioni nell’azienda.

Nel caso di Woody Allen, è stato accusato  di aver aggredito sessualmente sua figlia adottiva Dylan Farrow quando aveva 7 anni. Tale affermazione di abuso è stata corroborata  da testimoni e altre prove. Inoltre, Allen ha rifiutato di sottoporsi a un poligrafo somministrato dalla polizia di stato in relazione alle indagini e ha perso quattro esaurienti battaglie giudiziarie relative alla custodia dei figli e al suo abuso di Dylan Farrow. Uno dei giudici nel caso ha descritto il comportamento di Allen nei confronti di Dylan come “gravemente inappropriato e che devono essere prese misure per proteggerla”. L’attrice Mia Farrow, la madre di Dylan, ha affermato in tribunale che Allen aveva avuto un interesse sessuale per la figlia adottiva quando aveva tra i due e i tre anni.

Woody Allen e Soon-Yi Previn nel 1990. Fonte: Allvip

Allen successivamente “sedusse” e in seguito sposò un’altra figlia adottiva di Farrow, Soon-Yi Previn, che Allen incontrò per la prima volta quando Previn era una bambina. Tuttavia, Previn ha affermato che la sua prima interazione “amichevole” con Allen è avvenuta quando era un’adolescente. Nel 1992, Mia Farrow ha trovato foto di Previn nuda a casa di Allen e ha affermato che questo era il motivo per porre fine alla sua relazione con Allen.

Nel caso di Allen ed Epstein, e potenzialmente anche di Barak, le loro inclinazioni sessuali e i loro scandali erano ben noti quando Chomsky incontrò questi uomini, suggerendo fortemente che questo tipo di comportamento non fosse visto da Chomsky come tabù o come ostacolo alla socializzazione. È più probabile che ci sia stata qualche altra grande attrazione che ha portato Chomsky a trascurare questo tipo di comportamento orrendo nei confronti dei minori vulnerabili.

In termini di raggiungimento di una comprensione più profonda del motivo per cui Epstein sarebbe stato interessato a Chomsky – e viceversa, è importante rivedere – non solo le informazioni recentemente riportate dal Wall Street Journal, ma anche ciò che lo stesso Epstein ha detto di Chomsky prima della sua morte nel 2019. Secondo un’intervista  condotta nel 2017, ma successivamente pubblicata nel 2019 quando Epstein era un argomento di grande attualità, Epstein dichiarò apertamente di aver invitato Chomsky nella sua casa di città e dichiarò anche esplicitamente perché lo aveva fatto. Stranamente, questo primo riconoscimento di Epstein riguardo alla sua relazione con Chomsky è stato omesso dal recente rapporto del Journal .

In quell’intervista, condotta da Jeffrey Mervis e successivamente pubblicata su  Science, Epstein dichiarò quanto segue su Chomsky:

[…] Epstein ha prontamente ammesso di aver chiesto a membri di spicco dell’establishment scientifico di valutare il potenziale contributo di questi cosiddetti emarginati [cioè gli studenti del MIT che Epstein ha descritto come “nello spettro”].

“Quindi, ho avuto Jim Watson a casa e gli ho chiesto  cosa ne pensasse di questa idea”, una proposta per studiare come i meccanismi cellulari delle piante potrebbero essere rilevanti per il cancro umano. Watson è un premio Nobel e co-scopritore della struttura del DNA. “Allo stesso modo con [Noam] Chomsky sull’intelligenza artificiale”, ha detto, riferendosi a uno dei pionieri nel campo.

In effetti, Epstein ha espresso grande rispetto per le opinioni di questi anziani statisti. “È divertente vedere Noam Chomsky fare a pezzi questi giovani ragazzi che parlano di avere una macchina pensante”, ha osservato Epstein. “Estrae un pugnale e li affetta, molto gentilmente, in piccoli brandelli.”

Pertanto, secondo Epstein, il suo interesse nell’invitare Chomsky a casa sua era esplicitamente correlato all'”intelligenza artificiale”, che era uno dei principali interessi scientifici di Epstein. Ciò fornisce anche un importante indizio su come Chomsky ed Epstein potrebbero essere stati presentati per la prima volta.

Chomsky, Epstein e MIT

Chomsky è ampiamente considerato come un famoso linguista, commentatore politico e critico del capitalismo moderno e dell’imperialismo. Quindi, perché Epstein ha cercato di incontrarlo invece su questioni di Intelligenza Artificiale?

Ebbene, un “amico” riconosciuto sia di Chomsky che di Epstein era il pioniere dell’IA Marvin Minsky. Come Chomsky, Minsky è stato professore e accademico di lunga data al MIT. È molto probabile che Minsky abbia collegato i due uomini, soprattutto considerando il fatto che Epstein era uno dei principali donatori del MIT. Epstein si è descritto come “molto vicino” a Minsky, morto nel 2016, circa un anno dopo che Epstein aveva iniziato a incontrare Chomsky. Epstein ha anche finanziato alcuni dei progetti di Minsky e quest’ultimo, come Ehud Barak, è stato accusato di aver abusato sessualmente dei minori trafficati da Epstein.


Marvin Minsky, a sinistra, e Noam Chomsky, a destra, conversano prima dell’inizio di un panel che faceva parte del simposio “Brains, Minds and Machines” del MIT nel 2011. Fonte: MIT

Le opinioni di Chomsky sulla linguistica e la cognizione, per chi non lo sapesse, si basano molto sulla biologia evolutiva. Chomsky è stato anche un pioniere della scienza cognitiva, descritta come “un campo volto a scoprire le rappresentazioni mentali e le regole che sono alla base delle nostre capacità percettive e cognitive”. Alcuni hanno descritto il concetto del linguaggio di Chomsky come basato su “la complessità della rappresentazione interna, codificata nel genoma, e la loro maturazione alla luce dei dati giusti in un sofisticato sistema computazionale, che non può essere utilmente scomposto in un insieme di associazioni”. La “facoltà linguistica” di una persona, secondo Chomsky, dovrebbe essere vista come “parte della dotazione genetica dell’organismo, proprio come il sistema visivo, il sistema immunitario e il sistema circolatorio, e dovremmo affrontarla proprio come ci avviciniamo a questi altri più basilari sistemi biologici terrestri”.

Nonostante la loro amicizia, Minsky divergeva notevolmente da Chomsky sotto questo punto di vista, con Minsky che descriveva le opinioni di Chomsky sulla linguistica e sulla cognizione come in gran parte superficiali e irrilevanti. Chomsky in seguito ha criticato l’approccio ampiamente utilizzato con l’IA che si concentra sulle tecniche di apprendimento statistico per estrarre e prevedere i dati, che secondo Chomsky era “improbabile che fornissero principi generali sulla natura degli esseri intelligenti o sulla cognizione”.

Tuttavia, le opinioni di Chomsky che collegano la biologia/genetica evolutiva con la linguistica/cognitiva sono state particolarmente elogiate dal già citato Martin Nowak, che aveva partecipato a uno degli incontri che Epstein aveva avuto con Chomsky. Nowak, professore di biologia e matematica e capo del Program for Evolutionary Dynamics ad Harvard, in seguito dichiarò di aver “una volta aperto una lavagna durante una cena con Epstein e, per due ore, fornito una descrizione matematica di come funziona il linguaggio”. rivelando ulteriormente che Epstein era interessato agli aspetti della linguistica. Non è chiaro se questo particolare incontro fosse lo stesso a cui Chomsky aveva partecipato insieme a Nowak per discutere di “neuroscienze” e altri argomenti.

Tuttavia, data l’importanza della biologia evolutiva e della genetica per le teorie di Chomsky, non sorprende che Jeffrey Epstein abbia gravitato maggiormente verso le sue opinioni sull’IA rispetto a quelle di Minsky. Epstein era affascinato dalla genetica e, anche secondo fonti tradizionali, era anche profondamente interessato all’eugenetica. Prendiamo ad esempio quanto segue da un articolo pubblicato su The Guardian nel 2019:

Epstein era apparentemente fissato sul “transumanesimo”, la convinzione che la specie umana possa essere deliberatamente avanzata attraverso scoperte tecnologiche, come l’ingegneria genetica e l’intelligenza artificiale.

Nella sua forma più benigna, il transumanesimo è la convinzione che i problemi dell’umanità possano essere migliorati, persino migliorati, attraverso tecnologie come la cibernetica e l’intelligenza artificiale – nella sua forma più maligna, tuttavia, il transumanesimo si allinea scomodamente bene con l’eugenetica.

Pertanto, l’interesse di Epstein per l’intelligenza artificiale, la genetica e altro era legato alla sua documentata ossessione per il “transumanesimo”, che – come hanno notato diversi   rapporti di Unlimited Hangout – è essenzialmente un rebranding dell’eugenetica. In effetti, il termine stesso transumanesimo è stato coniato per la prima volta da Julian Huxley, l’ex presidente della British Eugenics Society e il primo capo dell’UNESCO che ha esortato a rendere “l’impensabile di nuovo pensabile” per quanto riguarda l’eugenetica.

A parte il transumanesimo, Epstein aveva anche un dichiarato interesse a “rafforzare” il pool genetico umano, in parte impregnando quante più donne possibile con il suo “seme” per disperdere ampiamente i suoi geni. Queste opinioni possono anche spiegare l’interesse di Epstein ad associarsi a persone come James (Jim) Watson. Come notato in precedenza in questo articolo, Epstein dichiarò nel 2017 di aver invitato sia Watson che Chomsky a casa sua in diverse occasioni.

Watson è stato una figura controversa per anni, in particolare dopo aver dichiarato apertamente che le persone di origine africana sono geneticamente inferiori e meno intelligenti delle loro controparti europee. In precedenza aveva anche promosso l’idea che le donne dovrebbero abortire i bambini portatori di un “gene gay”, se un tale gene fosse mai stato scoperto. Ha anche ritenuto che l’editing genetico dovrebbe essere usato per rendere tutte le donne “più belle” e per sradicare la “stupidità”. In particolare, Watson fece tutti questi commenti molto prima che Epstein lo invitasse a casa sua.


James Watson in una foto non datata. Fonte: insider

Watson è stato anche elogiato, in modo controverso, dopo questi stessi commenti da un altro scienziato finanziato da Epstein, Eric Lander. Lander, che è stato recentemente il principale consigliere scientifico di Biden, è stato costretto a dimettersi  da quel posto l’anno scorso dopo essere stato accusato di molestare coloro che lavoravano sotto di lui nell’Ufficio della scienza e della tecnologia dell’amministrazione Biden. Prima di entrare a far parte dell’amministrazione Biden, Lander aveva collaborato con Watson al Progetto Genoma Umano e successivamente ha diretto il Broad Institute, un’organizzazione no-profit nata dalla collaborazione tra il MIT e Harvard.

Tornando a Chomsky, anche se potrebbe non essere a conoscenza degli interessi di Epstein per l’eugenetica e il transumanesimo, da allora è diventato chiaro che l’interesse principale di Epstein per l’Intelligenza Artificiale – il suo scopo dichiarato per corteggiare Chomsky – era intimamente legato a queste controverse discipline. Tuttavia, Chomsky conosceva il passato di Epstein e probabilmente conosceva anche il passato simile di Woody Allen prima di incontrarlo. Ha chiuso un occhio su queste questioni, raccontando al Journal che Epstein aveva “scontato la pena” e, di conseguenza, gli era stata concessa una “tabula rasa”. Dicendo questo, Chomsky apparentemente non è a conoscenza del controverso “patto amoroso” di Epstein che ha portato a una sentenza estremamente indulgente e a un accordo di non accusa. Quell'”accordo” fu firmato dall’allora procuratore degli Stati Uniti Alex Acosta perché ad Acosta fu detto di “lasciar perdere” Epstein perché Epstein “apparteneva all’intelligence”. Chomsky aveva precedentemente detto a diverse persone, incluso un  lettore di Unlimited Hangout, che una connessione tra Epstein e un’agenzia di intelligence è una “teoria del complotto”.

Date le strane opinioni di Chomsky sul passato di Epstein e il fatto che Epstein discutesse spesso di transumanesimo ed eugenetica con altri eminenti scienziati, è possibile, anche se non provato, che Chomsky sapesse di più sui veri interessi di Epstein per l’intelligenza artificiale e la genetica.

Chomsky sarebbe stato disposto a trascurare questi enigmi etici? Date le sue opinioni politiche sul capitalismo e sulla politica estera, molti probabilmente direbbero di no. Tuttavia, trovare modi per aggirare questi enigmi etici rispetto all’intelligenza artificiale potrebbe essere stato uno dei motivi principali di Epstein per finanziare pesantemente il MIT, in particolare il suo Media Lab. Epstein, oltre alle proprie donazioni, ha anche incanalato milioni di dollari da Bill Gates e Leon Black al Media Lab.

Secondo l’ex dipendente di Media Lab Rodrigo Ochigame, scrivendo su The Intercept, Joi Ito del Media Lab del MIT – che ha ricevuto molte donazioni da Epstein e ha tentato di nascondere il nome di Epstein nei registri ufficiali – si è concentrato sullo sviluppo di “etica” per l’IA che era “allineato strategicamente con uno sforzo della Silicon Valley che cerca di evitare restrizioni legalmente applicabili di tecnologie controverse”. Ito in seguito ha rassegnato le dimissioni al Media Lab a causa delle conseguenze dello scandalo Epstein.

Ochigame scrive:

Un gruppo chiave dietro questo sforzo, con il laboratorio come membro, ha formulato raccomandazioni politiche in California che contraddicevano le conclusioni della ricerca che ho condotto con diversi colleghi di laboratorio, ricerca che ci ha portato a opporci all’uso di algoritmi informatici nel decidere se incarcerare le persone in attesa di processo. Lo stesso Ito alla fine si sarebbe lamentato, in incontri privati ​​con dirigenti finanziari e tecnologici, che le raccomandazioni del gruppo equivalevano a “imbiancare” una spinosa questione etica. “Annacquano le cose che cerchiamo di dire per impedire l’uso di algoritmi che non sembrano funzionare bene” nelle decisioni di detenzione, ha confidato a un miliardario.

Ho anche visto il MIT aiutare le forze armate statunitensi a mettere da parte le complessità morali della guerra coi droni, ospitando un discorso superficiale sull’intelligenza artificiale e l’etica di Henry Kissinger, l’ex segretario di stato e famigerato criminale di guerra, e dando un contributo ai “Principi Etici della IA” del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti” per la guerra, che abbracciava algoritmi “ammissibilmente distorti” e che evitava di usare la parola “equità” perché il Pentagono crede “che i combattimenti non dovrebbero essere equi”.

Ochigame cita anche i colleghi di Media Lab che affermano che Marvin Minsky, che ha lavorato con il laboratorio prima della sua morte, era noto per dire che “un esperto di etica è qualcuno che ha un problema con qualunque cosa tu abbia in mente”. Altrettanto preoccupante è il fatto che Ito, e per estensione il Media Lab, abbiano svolto un ruolo nel plasmare la politica della Casa Bianca rispetto all’IA. Ad esempio, Obama ha definito Ito un “esperto” di intelligenza artificiale ed etica durante un’intervista con lui nel 2016. Ito, nella sua conversazione con Obama, ha detto quanto segue: “[…] il ruolo del Media Lab è quello di essere un tessuto connettivo tra informatica, scienze sociali, avvocati e filosofi […] La cosa bella è che il presidente Obama lo capisce.

Se sei Jeffrey Epstein, con una storia di attività illegali e criminali, e interessato a evitare la regolamentazione di tecnologie controverse che ritieni necessarie per far avanzare la tua visione del transumanesimo/eugenetica, il finanziare gruppi che influenzano notevolmente le politiche di “etica” che aiutano a limitare la regolamentazione di tali tecnologie ovviamente ti avvantaggerebbe.

Ochigame continua a scrivere:

Pertanto, la vigorosa promozione dell'”IA etica” da parte della Silicon Valley ha costituito uno sforzo strategico di lobbying, che ha arruolato il mondo accademico per legittimarsi. Ito ha svolto un ruolo chiave in questa fraternizzazione aziendale-accademica, incontrandosi regolarmente con i dirigenti tecnologici. Il direttore iniziale del fondo MIT-Harvard era l’ex “responsabile delle politiche pubbliche globali” per l’IA di Google. Attraverso il fondo, Ito e i suoi associati hanno sponsorizzato molti progetti, inclusa la creazione di un’importante conferenza su “Equità, responsabilità e trasparenza” nell’informatica; altri sponsor della conferenza includevano Google, Facebook e Microsoft.

In particolare, Epstein era legato a questi stessi circoli. Era molto, molto vicino, non solo a Bill Gates, ma anche a molti altri alti dirigenti Microsoft ed era anche noto per avere uno stretto rapporto con Sergey Brin di Google, che è stato recentemente citato in giudizio nel caso Epstein-JPMorgan, così come Mark Zuckerberg di Facebook/Meta. In particolare, molte di queste stesse aziende stanno attualmente aprendo la strada alle tecnologie transumaniste, in particolare nel settore sanitario, e sono profondamente legate all’esercito o all’intelligence, se non a entrambi.

La connessione MIT-AI-militare

Chomsky è solo uno dei numerosi accademici e intellettuali di spicco che sono stati corteggiati da Epstein nel tentativo di potenziare lo sviluppo di tecnologie che potrebbero aiutare a realizzare le sue controverse ossessioni. In particolare, molti di questi personaggi, incluso Chomsky, hanno avuto il loro lavoro – in un momento o nell’altro – finanziato dall’esercito americano, che è stato a lungo uno dei principali motori della ricerca sull’IA.

Ad esempio, Minsky e Danny Hillis, uno stretto collaboratore di Epstein a pieno titolo, hanno co-creato un appaltatore DARPA e una società di supercomputer chiamata Thinking Machines, che aveva lo scopo di creare una “macchina veramente intelligente”. Una che può vedere, sentire e parlare. Una macchina che sarà orgogliosa di noi”, secondo una brochure aziendale. Minsky era il mentore di Hillis al MIT e la coppia ha cercato Sheryl Handler, che lavorava per una start-up di ingegneria genetica ad Harvard chiamata Genetics Institute, per aiutarli a creare la loro azienda di supercomputer.

Danny Hillis parla alla conferenza TED 2013 a Long Beach, in California. Fonte: flickr

Thinking Machines, che prendeva regolarmente decisioni aziendali sbagliate fin dall’inizio, è stata in grado di funzionare solo per tutto il tempo che ha funzionato a causa di contratti multimilionari che si era assicurata dalla DARPA del Pentagono. Con la fine della Guerra Fredda, DARPA ha cercato di sfruttare la sua influenza su Thinking Machines per spingere l’azienda a sviluppare un prodotto in grado di gestire cose come modellare il clima globale, mappare il genoma umano e prevedere i terremoti. Rapporti successivi dal Wall Street Journal hanno mostrato che l’agenzia stava “facendo favoritismi” e la “miniera d’oro” di Thinking Machine si è interrotta bruscamente a causa della cattiva pubblicità, portando successivamente al crollo dell’azienda.

Hillis, in questo periodo, ha incontrato Jeffrey Epstein. L’introduzione potrebbe essere stata mediata dall’ex Chief Technology Officer di Microsoft Nathan Myhrvold, un amico di Hillis che è cresciuto vicino a Epstein negli anni ’90 e ha persino portato Epstein in un viaggio ufficiale di Microsoft in Russia. Myhrvold, che è stato anche nominato come un molestatore dei minori trafficati da Epstein, era uno degli altri alti funzionari di Microsoft che era vicino a Epstein a partire dagli anni ’90. Un’altra era Linda Stone, che in seguito collegò Jeffrey Epstein a Joi Ito del Media Lab del MIT. Come accennato in precedenza, Epstein avrebbe poi ordinato al capo di lunga data di Microsoft, Bill Gates, di donare milioni al Media Lab.


Linda Stone alla conferenza SciFoo 2016. Fonte: JonesBlog

La storia personale di Chomsky al MIT lo ha portato in contatto con i militari. Ad esempio, durante i primi anni ’60, Chomsky ricevette finanziamenti dall’Air Force, che mirava a programmare un computer con le intuizioni di Chomsky sulla grammatica nel tentativo di dotarlo “della capacità di riconoscere le istruzioni impartitegli in un inglese perfettamente ordinario, eliminando così una necessità per linguaggi altamente specializzati che intervengono tra un uomo e un computer. Chomsky in seguito dichiarò del finanziamento militare della sua carriera iniziale che “ero in un laboratorio militare. Se dai un’occhiata alle mie prime pubblicazioni, dicono tutte qualcosa su Air Force, Navy e così via, perché ero in un laboratorio militare, il Research Lab for Electronics”.

Da allora Chomsky ha negato che il finanziamento militare abbia plasmato in modo significativo il suo lavoro sulla linguistica e ha affermato che l’esercito è usato dal governo “come una sorta di imbuto attraverso il quale il denaro dei contribuenti veniva utilizzato per creare l’economia hi-tech del futuro.” Tuttavia, i rapporti hanno notato che questo particolare progetto era molto legato alle applicazioni militari. Inoltre, l’uomo che per primo ha reclutato Chomsky al MIT a metà degli anni ’50, Jerome Wiesner, ha continuato ad essere il capo di Chomsky al MIT per oltre 20 anni, nonché “il più potente scienziato militare d’America”.

Jerome Wiesner (secondo da sinistra) a una riunione di gabinetto della Casa Bianca durante l’amministrazione Kennedy. Fonte: The Conversation

A merito di Chomsky, dopo la fine di questo programma, si è impegnato completamente e pubblicamente nell’attivismo contro la guerra. Questo attivismo lo ha portato, a un certo punto, a prendere in considerazione le dimissioni dal MIT, cosa che ha rifiutato di fare, probabilmente perché gli è stata concessa piuttosto rapidamente la cattedra. Come scrive Chris Knight, “questo significava che invece di dimettersi, la scelta di Chomsky era quella di lanciarsi come uno schietto attivista antimilitarista pur rimanendo in uno dei laboratori militari più prestigiosi degli Stati Uniti”.

Rimanendo al MIT, Chomsky scelse di mantenere la sua carriera, in relativa vicinanza ai centri di potere che sarebbe poi diventato un’icona nel denunciare. Tuttavia, mostra che Chomsky, da questo momento in poi, ha iniziato a fare alcune scelte che hanno minato in una certa misura il suo radicalismo. Chomsky potrebbe aver razionalizzato la sua decisione di rimanere al MIT negli anni ’60 perché gli ha dato una piattaforma migliore da cui sposare le sue opinioni politiche e contro la guerra. Non è raro che personaggi pubblici di spicco scendano a tali compromessi. Tuttavia, alla luce delle recenti rivelazioni di Epstein e di ciò che sembrano indicare, sembra che Chomsky, in particolare nei suoi ultimi anni, possa essere diventato troppo a suo agio e troppo disposto a fare questo tipo di compromessi – quelli che un Chomsky molto più giovane avrebbe sicuramente evitato.

L’autore:

Whitney Webb è una giornalista di MintPress News con sede in Cile. Ha contribuito a diversi media indipendenti tra cui Global Research, EcoWatch, Ron Paul Institute e 21st Century Wire, tra gli altri. Ha fatto diverse apparizioni radiofoniche e televisive ed è la vincitrice del 2019 del Serena Shim Award for Uncompromised Integrity in Journalism.

Fonte originale: https://thealtworld.com/whitney_webb/unraveling-the-epstein-chomsky-relationship?utm_source=substack&utm_medium=email

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La percezione primaria e la biocomunicazione

Cleve Backster, specialista dell’uso del poligrafo, scoprì che tutte le forme di vita – piante, batteri o cellule umane – hanno una percezione intrinseca...

Le accuse di un veterano americano: nel 1991 sganciamo una bomba atomica in Iraq di Alessio Marri

Mancherebbe la “pistola fumante”, ma le prove sembrano supportare le sue gravissime accuse. Jim Brown, veterano della prima Guerra del Golfo, non ha dubbi:...

Nuove accuse di Snowden: Nsa spiava tutte le chat del mondo

La talpa del Datagate rivela nuovi dettagli sul programma dell’Nsa XKeyscore, in grado di intercettare in tempo reale e-mail, chat, numeri di telefono e attività su Facebook. Immagine presa da...

Processo alla Relativitá

Il titolo di questo articolo è volutamente ironico. Oggi, infatti, è proprio la Relatività ad essere divenuta un’intoccabile pietra di paragone, utilizzata per mettere...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube