fbpx
mercoledì - 17 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Disanalisi cognitiva: maggiori rischi per la Regione

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sai (Stratospheric aerosol Injection) for Climate Engineering: un’alternativa alle scie chimiche?

Vere scie di condensazione  di uno stormo di B-17F – le "Fortezze volanti" dell'USAF – sui cieli d'Europa durante la Seconda Guerra Mondiale (USAF photo, riportata...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

 

Negli Stati Uniti, la narrativa di Beltway e dei media mainstream è passata dalla “Russia che perde” a quella di “la sconfitta dell’Ucraina è inevitabile” ed è “in arrivo”.

Il Medio Oriente può sentirsi in qualche modo isolato dal “fervore bellico” occidentale su Ucraina e Russia, insistendo sul fatto che il Medio Oriente è “a sé stante”. Ma i tentacoli della “guerra” in Ucraina, lentamente ma inesorabilmente, stanno arrivando nella regione.

Nel giugno 2021, Jonathan Rausch, nel suo Constitution of Knowledge, ha descritto come una ​Metro Élites si fosse appropriata del potere di accreditamento​. Questa classe ha determinato chi o cosa viene riconosciuto e stimato, e ciò che deve essere disprezzato e respinto.

Questa “classe creativa” (come amavano definirsi), nel 2000, si era spostata nell’economia dell’informazione. E il boom tecnologico li ha debitamente inondati di somme irragionevoli di denaro. Si sono raggruppati insieme, in grandi cricche di aree metropolitane, creando enormi disuguaglianze all’interno delle città. Hanno presieduto a chi o cosa viene accreditato nella cultura, nei media, nell’istruzione e nella tecnologia​ –​ e per censurare chi o cosa deve essere disprezzato e soppresso.

Ovviamente mi riferisco agli Stati Uniti e, in misura minore, all’Europa.

Ho scritto ​precedentemente (nell’agosto ​2021​)​ “che questa dinamica sta per diventare la più grande linea di demarcazione nella politica globale, come già lo è nella politica degli Stati Uniti e dell’UE. Sta peggiorando sia negli Stati Uniti che in Europa, e si estenderà alla geopolitica. Lo ha già fatto. Non è quello che si potrebbe auspicare, ma sta arrivando comunque. E se la lunga deriva della storia è una guida, porterà tensioni crescenti e il rischio di guerra”.​

Quando ho scritto ​questo, le Metro Élites si consideravano il futuro ​–​ e di essere dalla “parte giusta della storia”. Gli “altri”, ovviamente, non lo erano: questi ultimi esseri rappresentavano gli ultimi sussulti di un’era morente, credeva la “classe creativa”.

Ebbene, tutto questo si sta ribaltando. Oggi, se repubblicani e democratici parlano come se vivessero in realtà diverse, è perché lo sono. Non solo vivono realtà diverse, ma si stanno sempre più separando in spazi distinti, riluttanti a “condividere l’aria” con l'”altro” disprezzato.

I conservatori statunitensi (a torto oa ragione) oggi vedono sempre più il futuro come loro e vedono i globalisti svegli come superati.

In parole povere, oggi sono “Israele” e Ucraina la nuova moda in questa “guerra” ideologica. La destra religiosa israeliana e i coloni credono che il loro momento culturale sia “arrivato”, mentre quello della folla di Herzliya e dei kibbutznik laici sia “andato”.

Come scrive il giornalista israeliano Ofri Ilany, questa guerra culturale alla fine “sarà decisa – non in Israele – ma in Ucraina”.

Naturalmente, le circostanze israeliane non sono esattamente consonanti con quelle americane (almeno per ora), eppure spingono Ilany a porre una domanda simile (a quella suggerita da alcuni americani): “Sarà possibile continuare a vivere in questo paese?​ ​…​ ​Gli strani piani del governo vengono rivelati, uno dopo l’altro, e dal punto di vista del campo laico-liberale, la posta in gioco è la possibilità stessa di esistere in “Israele” a lungo termine. Non è più una questione di vittoria, ma di sopravvivenza”.

Amos Biderman aggiunge a questo quadro: “Non passa giorno senza che più imprenditori trasferiscano i loro soldi e la loro attività, o almeno una parte di essa, all’estero”. E il commentatore israeliano Anshel Pfeffer fa notare che “una guerra civile non è più impensabile”.

Negli Stati Uniti, la narrativa del Beltway e dei media mainstream è passata dalla “Russia che perde” a quella di “la sconfitta dell’Ucraina è inevitabile” ed è “in arrivo”. In effetti, Kiev è appesa a un filo sottile. Si trova in trepidazione per le ammassate riserve russe, ritenute pronte a entrare nel conflitto allorquando Kiev mostri segni di entrare nella sua “fine del gioco”.

In sostanza, se Biden vuole evitare il ripetersi dell’umiliante débacle afghana degli Stati Uniti, l’America deve urgentemente voltare pagina dall’Ucraina, prima che il ‘calendario’ presidenziale del 2024 inizi quest’estate – ​con Ucraina/Russia che risucchiano perniciosamente tutto l’ossigeno dai prossimi dibattiti sulle primarie​, lasciando così all’Amministrazione poco spazio per “vendere” la sua piattaforma economica.

Ma non è quello che sta succedendo. Biden sembra piuttosto voler rilanciare in Ucraina, credendo che la Russia sia vulnerabile. I circoli dell’establishment negli Stati Uniti, tuttavia, sono sempre più preoccupati che Biden possa sbagliare i calcoli mentre si accumulano le prove dell’erosione militare ucraina.

Queste fazioni dell’élite temono che una decisiva vittoria russa in Ucraina possa innescare il collasso del mercato finanziario e, peggio ancora, rischiare il crollo della reputazione di Stati Uniti e NATO in vista dell’attesa “guerra con la Cina”. Un promemoria trapelato dal capo dell’Air Mobility Command, il generale Minihan, la scorsa settimana prevedeva che gli Stati Uniti sarebbero entrati in guerra con la Cina entro due anni. L’avvertimento del generale Minihan, che si presume abbia avuto l’approvazione della sua catena di comando, è preso sul serio a Pechino. Anche i funzionari americani si chiedono seriamente se per allora gli Stati Uniti saranno pronti per la guerra. Vogliono un passaggio dalla Russia alla Cina, ora!

Tuttavia, Biden potrebbe scegliere di rilanciare in Ucraina, ma questo non funzionerà perché la sua logica si basa su un’analisi errata.

Olexii Arestovich, amico di Zelensky​, ex consigliere senior,​ e ‘spin doctor’, ha descritto la circostanza del primo avvio della SMO (Operazione Militare Speciale) russa in Ucraina; fu concepita come una missione incruenta e avrebbe dovuto svolgersi senza vittime, dice: “Loro hanno cercato di condurre una guerra intelligente… Un’operazione speciale così elegante, bella, fulminea, dove persone educate, senza causare alcun danno né a un gattino né a un bambino, avrebbero eliminato i pochi che resistevano. Non volevano uccidere nessuno: bastava accettare un negoziato”.

Il punto qui è che quello che è successo è stato un errore di calcolo politico da parte di Mosca e non un fallimento militare. L’obiettivo iniziale dell’SMO non funzionò: non ne risultò alcun negoziato. Tuttavia, da ciò derivarono due importanti conseguenze: i controllori della NATO si avventarono su di essa, strombazzando il loro pregiudizio secondo cui la Russia fosse militarmente debole, arretrata e incompetente. Questa lettura errata è alla base del modo in cui la NATO ha deciso che la Russia avrebbe proseguito la guerra. Tuttavia, ha frainteso le motivazioni di Putin e ha istigato e incanalato gli ucraini nel “tritacarne” russo lungo le “linee di difesa di Zelensky”.

Il “diabolico Iran” è soggetto a pregiudizi e analisi errate delle normalità occidentali molto simili a quelli accumulati sulla Russia. Debole, corrotto, insultato pubblicamente e con un’economia che sta implodendo sono i meme occidentali standard sull’Iran. Be’​,​ se Netanyahu e Washington dovessero tentare la guerra con l’Iran ​–​ o per distrarre dai “problemi” legali personali di Netanyahu​, ​o per assicurarsi una qualche “vittoria” politica più ampia (stile Biden), ciò potrebbe dimostrarsi cognitivamente sbagliato e viziato come la guerra dell’Occidente in Ucraina.

Queste valutazioni errate collettive potrebbero portare a una guerra regionale con “Israele”, a meno che i litigi di quest’ultimo con l’Iran non siano gestiti con molta attenzione.

L’autore:

Alastair Crooke è il fondatore e direttore del Conflicts Forum, che lavora per l’impegno tra l’Islam politico e l’Occidente.

Fonte originale: https://english.almayadeen.net/articles/analysis/cognitive-misanalysis:-heightened-risks-for-the-region

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il “tour delle armi” di Zelensky mostra che l’appetito Occidentale per l’escalation in Ucraina non è affatto soddisfatto

MOSCA, 16 maggio. /TASS/. L'ultimo "tour delle armi" del presidente ucraino Vladimir Zelensky ha rivelato che l'Occidente, e la Gran Bretagna in particolare, sono...

Lo Stato e l’evasione fiscale

Voglio insistere nel descrivere in maniera chiara la situazione italiana, in quanto solo partendo da una visione globale si può comprendere a che punto...

Bond americani Chiasso aggiornamento – di Felice Capretta

I media tradizionali oggi fanno la consueta conta delle vittime dell’esplosione e si soffermano minuziosamente sulle grida dei passanti investiti dalle fiamme dell’esplosione del...

Perù, Honduras, Colombia: L’Impero colpisce ancora – di Daniela Trollio

Da circa due anni, nel quadro dei Trattati di Libero Commercio con gli USA a...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube