fbpx
giovedì - 25 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Dopo Eni e Saipem, è di nuovo il turno di Finmeccanica

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Chi è, cosa ha fatto e cosa sta facendo Donald Trump

Adesso è il momento giusto per tutti di capire cosa sta facendo Donald Trump e di provare a decifrare l'ambiguità di come lo sta...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
Sembra che sia diventato lo sport preferito della magistratura italiana, quello di puntare il mirino sull’industria di Stato italiana. Per carità, il marcio c’è ed è giusto che venga stigmatizzato: corruzione e peculato sono due reati che imperversano, minandoli sin nelle fondamenta, nei gioielli industriali di casa nostra. Guai se non si provvedesse a porvi riparo. Eppure quant’è sospetto il tempismo che porta giudici e procuratori italiani ad accorgersene soltanto adesso! Par d’essere ritornati al 1992, allorchè le inchieste di Tangentopoli servirono da viatico per le grandi privatizzazioni iniziate in quei mesi ed andate avanti anche negli anni successivi. Aria di “Britannia”! Guardacaso anche adesso si parla di cedere se non tutta perlomeno parte della quota di Eni e Finmeccanica in mano al Tesoro: è quanto espresso da più d’un candidato alle elezioni politiche. Che le inchieste servano a propiziare la svendita delle aziende strategiche italiane alla concorrenza straniera? Qualcuno sosteneva che, a pensar male, si commetteva peccato ma s’indovinava pure.

Il convertiplano, aereo che si trasforma in elicottero, realizzato dalla Agusta Westland e presentato da Finmeccanica nel 2009.

Stamani il presidente di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, e l’amministratore delegato di Agusta Westland, Bruno Spagnolini, sono stati arrestati “con l’accusa di corruzione internazionale, peculato e concussione per le presunte[ed è bene sottolineare quest'aggettivo]tangenti che sarebbero state pagate per la vendita di dodici elicotteri all’India”(Ansa). Com’è stato fatto notare dal legale di Orsi, il risultato più pratico ed immediato del provvedimento del gip di Busto Arsizio è stato quello di decapitare “due delle maggiori aziende del nostro paese”. Secondo i magistrati, la commessa indiana, del valore di 500 milioni di euro, sarebbe stata assicurata con una tangente di 50 milioni.

E anche in questo caso c’è poco di che stupirsi: negli ambienti internazionali, se si vuol vendere qualcosa, assicurarsi una fornitura o un appalto, bisogna ungere le ruote. Tangenti e fondi neri non sono certamente un’invenzione od un appannaggio delle grandi industrie italiane: vi ricorrono, e pure abbondantemente, anche le altre grandi aziende europee ed americane. In molti paesi è semplicemente impensabile presentarsi senza la famosa mazzetta. Non a caso Orsi, nelle intercettazioni, definiva le tangenti “un fattore naturale della pratica aziendale”, al punto da indurre il gip di Busto Arsizio a parlarne come d’una “filosofia aziendale”.

Qual è stato il risultato più immediato dell’attacco aFinmeccanica di questa mattina? Il suo titolo è calato del 7,4%, per un valore di 4,4 euro, al punto che la Consob è dovuta intervenire vietandone le vendite allo scoperto. Proprio quel che s’era visto con Eni e Saipemnei giorni scorsi: un copione al quale avremmo preferito non assistere più.

Articolo di Filippo Bovo

Fonte: http://www.statopotenza.eu

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Sole pallido, terra oscura

È proprio vero che la realtà supera le più sfrenate fantasie, come pure che sembra non esserci limite all'incompetenza, al cattivo gusto e al...

Cinque segnali gravi intorno a Trump

La ripresa della guerra in Donbass, prove di Rivoluzione colorata, Obama in modalità eversione, agenzie di spionaggio contro il capo, il riarmo jihadista. Primo segnale....

GOVERNI, LA DEA TECNOLOGIA, IL DELIRIO di Paolo Cortesi

Sulla prima pagina di quello stesso giorno, trovo notizie relative ad una strage di civili israeliani, a Berlusconi allenatore di...

Moria di banchieri?

Sono ormai passati due anni da quando abbiamo iniziato ad occuparci delle stranezze improvvise che accadevano ai vertici dell'alta finanza internazionale, con particolare riguardo...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube