fbpx
venerdì - 19 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Dure reazioni di condanna contro la repressione del movimento degli Indiani amazzonici

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La grande Tartaria

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
L’annunciato progetto del governo peruviano di sciogliere l’organizzazione nazionale degli Indiani amazzonici peruviana, nota come AIDESEP, sta scatenando dure reazioni di condanna da parte dei leader indigeni di tutto il mondo.

“Noi, i Boscimani del Botswana, sosteniamo gli Indiani del Perù. Il governo e le compagnie petrolifere non dovrebbero dimenticarsi dei popoli indigeni. Se distruggi le loro terre, distruggi anche gli Indiani” ha commentato Jumanda Gakelebone della First People of the Kalahari, un’organizzazione boscimane dell’Africa meridionale.

Mentre Armand MacKenzie, del Consiglio Innu della Nitassinan, in Canada, ha scritto: “Anziché attaccarla in tribunale, il governo peruviano dovrebbe sedersi a un tavolo e parlare con rispetto all’AIDESEP perchè l’organizzazione rappresenta in modo legittimo gli Indiani amazzonici della nazione.”

“È un oltraggio. Condanno il governo peruviano per i suoi tentativi di distruggere la voce della popolazione amazzonica del Perù” ha commentato Lal Amlai, un uomo Jumma del Bangladesh.

“Se attacchi l’AIDESEP, attacchi tutti i popoli indigeni, non solo in Amazzonia o in Perù, ma in tutto il mondo” ha dichiarato la CAOI, l’organizzazione che riunisce i popoli indigeni di Argentina, Bolivia, Cile, Colombia, Ecuador e Perù. Secondo la CAOI, il piano governativo di sciogliere l’AIDESEP è “assurdo” e costituisce un’ulteriore prova delle politiche “razziste” del governo.

L’AIDESEP si è opposta con determinazione ai progetti governativi di aprire l’Amazzonia peruviana alle compagnie minerarie, petrolifere e del gas. La proposta di scioglimento è stata avanzata dal Ministro della Giustizia peruviano tre giorni dopo l’attacco sferrato dalla polizia armata contro una manifestazione pacifica degli indigeni a Bagua, nel nord del paese. La protesta faceva capo ad una più vasta ondata di manifestazioni coordinate a livello amazzonico proprio dall’AIDESEP. L’assalto finì col provocare più di trenta morti e duecento feriti.

L’AIDESEP è stata fondata nel 1980 e rappresenta 350.000 indigeni che vivono nella foresta amazzonica peruviana.

“La prima cosa a cui molte persone in tutto il mondo pensano quando si parla di Perù è Machu Picchu, una delle più importanti mete turistiche di tutto il Sud America” ha commentato Stephen Corry, direttore generale di Survival International.“Ma oggi, il Perù rischia di essere ricordato di più per la determinazione del suo governo a reprimere e distruggere il movimento indigeno del paese.”

Fonte: http://www.survival.it/notizie/5259

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Agnellino pane e vino

Per una volta tanto non voglio parlare di economia, ma di una tematica alimentare di cui mi faccio portavoce durante il mio ultimo show...

ONCE WE WERE BANKERS di Eugenio Benetazzo

Once we were bankers, cioè una volta eravamo banchieri, così si presenteranno tra dieci anni davanti ad una pinta di birra in un qualche...

Chi è Vladimir Putin?

Un'anteprima dell'articolo di Sharon Tennison pubblicato sull'ultimo numero di NEXUS New Times, che potete trovare in edicola o nel nostro shop (anche in formato...

Le condizioni per la controffensiva ucraina “non ci sono”

Le condizioni meteorologiche per la tanto attesa controffensiva dell'Ucraina non sono ancora favorevoli, ha dichiarato l'ispettore generale delle forze armate tedesche, Carsten Breuer, all'agenzia...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube