fbpx
sabato - 24 Febbraio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

È in arrivo una nuova glaciazione (dal 2014)

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

23 gennaio 2013: pompieri alle prese con un magazzino ghiacciato a Chicago, Illinois (USA). © Reuters.

Non solo le previsioni climatiche di Al Gore si sono mostrate errate (vedi articolo) e strumentali a disegni poco trasparenti e ancor meno democratici (vedi articolo), ma le temperature e gli sconvolgimenti climatici a cui assistiamo anno dopo anno con una frequenza sempre maggiore sembrano confermare una previsione esattamente opposta a quella del Riscaldamento Globale. Già in passato avevamo toccato l’argomento, non solo su Nexus New Times, ma anche con l’articolo Il grande freddo, scritto da Tom Bosco ormai qualche anno fa. Ebbene, godetevi ora l’opinione del prof. Abdussamatov.

Nexus Edizioni

La glaciazione dal 2014 secondo lo scienziato Abdussamatov

Sopra: Habibullo Abdussamatov. Fonte immagine: http://vpravo.blog.cz/0910 

Habibullo Abdussamatov è un docente universitario, noto soprattutto per i suoi studi sul comportamento del Sole e le conseguenze sul clima. Secondo lui dal 2014 l’Europa (e non solo) vivrà progressivamente una nuova era glaciale. L’Europa si raffredderrà e un raffreddamento della portata di 2-3°C in pochi anni potrebbe avere conseguenze ben più gravi del grado di riscaldamento che abbiamo sperimentato dall’uscita della piccola era glaciale.

A dirlo non siamo noi, ma il prof. Abdussamatov, il quale ribadisce, a sostegno della sua teoria, che, a causa della forte attività solare, tutti i pianeti del sistema solare hanno subito un aumento della temperatura in questi ultimi anni, anche ben più rilevanti che sulla Terra, come avvenuto su Giove e Marte, dove l’aumento della temperatura è indicato anche dalla forte diminuzione delle calotte polari. Anche nei pianeti più lontani come Urano, Nettuno e Plutone si constatano aumenti di temperatura, ma ora tutto cambierà. Secondo Abdussamatov altri fattori, rispetto all’aumento della concentrazione di CO2 e metano in atmosfera sembrerebbero quindi influenzare l’aumento della temperatura sulla Terra, in primis il Sole, ma anche le variazioni di quantità della polvere interstellare che filtra i raggi solari.

Secondo Abdussamatov il clima del nord Europa, compreso quello del Regno Unito, entro pochi anni diverrà gelido, con inverni simili a quelli siberiani, in estate ci saranno molte inondazioni nel Regno Unito e praticamente l’estate non sarà più vissuta come stagione a nord di Berlino.  L’Europa meridionale subirà un cambiamento meno drammatico, ma certamente rilevante, con freddo e neve a più riprese in inverno e alterazione del clima anche delle altre stagioni, con l’estate che potrebbe diventare particolarmente piovosa e ricca di episodi temporaleschi anche gravi.

La fase critica del raffreddamento si vivrà entro il 2050, poi le temperature, complice un aumento dell’attività solare, tornerebbero a salire progressivamente, ma sarà difficile tornare alle temperature attuali prima del 2070.  Abdussamatov non tiene in alcun conto del contemporaneo costante aumento dell’anidride carbonica nell’aria, considera remota la possibilità che un meteorite possa in tempi brevi colpire la Terra, ritiene credibile la teoria del feedback climatico, ma lo svincola dall’episodio che sta per verificarsi.

E il resto del mondo? Anche l’America del nord subirà un notevole raffreddamento, mentre quello nell’emisfero sud riguarderà, anzi per lui sta già riguardando, soprattutto la regione antartica.

Secondo Abdussamatov per ora l’atmosfera è riscaldata dal calore accumulato dall’oceano mondiale, ma dal 2014 l’umanità si renderà conto che sta per sperimentare la quinta glaciazione dell’ultimo millennio.

La cosa buffa è che anche il Met Office (Istituto meteorologico inglese) e l’University of East Anglia, da sempre accaniti sostenitori del riscaldamento globale su base antropica, hanno modificato la loro linea, dopo aver riscontrato che negli ultimi 15 anni la Terra non si riscaldata come avevano preventivato.

L’Università dell’Arizona concorda con Abdussamatov: la debolezza della stella è indiscutibile e avrà un picco nel 2022.

Anche il danese Henrik Svensmark concorda e rincara la dose, asserendo che il sole ci aiuterà a capire quanto è fondamentale nell’economia termica della Terra, e dimostrerà da solo con i fatti ciò che noi diciamo da tempo”.

Eppure, alcuni record di caldo e di siccità, lo scioglimento sempre più clamoroso dei ghiacci artici (sia pure scarsamente indagato a livello endogeno), la notevole fusione dei ghiacciai della Terra, compresi quelli alpini, lascia pensare che qualcosa non quadri. Naturalmente l’IPCC e molti scienziati indipendenti bocciano in toto questa teoria e ribadiscono che il riscaldamento continua e che presto si accentuerà, ma questa è un’altra storia, non certamente quella di Abdussamatov che qui vi abbiamo raccontato.

A cura di Alessio Grosso

Fonte: meteolive.leonardo.it – Tramite: segnidalcielo.it

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il miracolo di Portland – di Massimo Mazzucco

Nella preparazione di alcuni materiali che pubblicheremo per l’11 di settembre, sono emersi alcuni dettagli che offrono una nuova riflessione sulla...

Accordo sul libero scambio, ennesimo attacco al modello sociale europeo

  Da sinistra: Herman Van Rompuy, Barack Obama, José Manuel Barroso e David Cameron durante il vertice del G8 ad Enniskillen (UK) il 17 giugno...

I pericoli dei social network

Faccio una premessa: chi vi scrive fa un largo uso dei social (Facebook, Twitter e simili) dunque la mia, seppur circospetta, positività si lega...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube