fbpx
giovedì - 20 Giugno, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Elezioni in Ucraina: fallimento della rivoluzione arancione – di Jean-Marie Chauvier

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Traduzione di Alessandro Lattanzio

 

Il passaggio politico in Ucraina, e geostrategico sul piano internazionale: la squadra preferita dal campo euro-atlantista è sconfitto. Non più che nel 2004, non c’è una "rivoluzione", dove il bianco-blu del probabile nuovo presidente Viktor Janukovich avrebbe sostituito l’arancione del passato Presidente Viktor Jushchenko. Ma è la svolta politica di un paese che attraversa una crisi economica e sociale acuta. E il fallimento di una particolare "strategia della tensione" …
Con oltre il 48% dei voti, al secondo turno delle presidenziali del 7 febbraio, il leader del Partito delle Regioni Viktor Janukovich batte di poco la cosiddetta "Egeria" (chiamata anche "icona") della cosiddetta "rivoluzione arancione” Julija Tymoshenko – 45%. Se si aggiunge che al primo turno, l'attuale presidente e leader "arancione" Viktor Jushchenko, il principale attivista per una adesione dell'Ucraina alla NATO e della riabilitazione dei movimenti degli anni ‘30-‘40 coinvolti nella collaborazione nazista, è stato eliminato con meno del 6%, possiamo concludere che si tratta di una sconfitta storica della "rivoluzione arancione" e dei suoi sostenitori ultra-nazionalisti e occidentali. Questa svolta, non meno importante rispetto alle presidenziali del 2004, viene in gran parte ignorata nei nostri media, già una volta mobilitati all'unanimità nel sostenere la "rivoluzione arancione": questa volta non sono state convocate le telecamere di tutto il mondo nella famosa piazza Maidan, a Kiev, e non v’è nessuna mobilitazione delle fondazioni degli Stati Uniti e delle "loro" organizzazioni non governative sul campo. Strana ma significativa discrezione…
Janukovich, come la sua rivale "Julija" e il "buon Viktor" Jushchenko appartengono a diversi clan politico-affaristici che hanno approfittato delle opportunità della liberalizzazione economica, dopo la caduta dell'URSS. È questo un motivo per insultare quello dei tre "che non ci piace" e caricaturare mezza Ucraina che ha votato per lui? Questo disprezzo occidentale e tipicamente "coloniale" non è nuovo, e ancora persiste nei commenti gracidanti dei nostri giornali. Così, "Le Monde" che ha definito Viktor Janukovich "leader dei conservatori di lingua russa" [1] e "Le Soir" di Bruxelles, che tratta il vincitore come un "delinquente comune" e altre sottigliezze [2], interpreta il risultato come una vendetta "dell’Ucraina di lingua russa", un registro di certo familiare ai giornalisti, utilizzato per catalogare gli ucraini 'pro-russi’ e ‘filo-occidentali’, divisi tra l’est russofono e l’ovest ucrainofono. Tale divisione binaria hollywoodiana, senza essere completamente falsa (una caricatura può supportare le caratteristiche della realtà), non è in grado di spiegare la complessità e le sfumature di un paese molto "plurale" e altamente evoluto. Come spiegare, per esempio, il successo di Viktor Janukovich in diverse regioni dell’ovest, dove ha convinto da un quarto a un terzo degli elettori. Ma chi sa – di noi – che il suo "Partito delle Regioni” è presente ovunque in Ucraina, dove raccoglie milioni di voti ucraini che non hanno nulla di "pro" russo o di "contro" il resto? Già! La vita è complicata!
La vittoria di Janukovich: non è un ribaltamento decisivo. La differenza del 3% tra i due concorrenti è troppo debole per poter parlare di "vittoria chiara" di Janukovich. Se Julija Tymoshenko si rifiuta di ammettere la sconfitta, la strada sarà aperta a nuovi scontri, ma né lo spirito all'interno né la mobilitazione internazionale sono quello che erano nel 2004, la leadership statunitense degli ‘Agent Orange’ ha ammainato bandiera! Considerando che la contestazione dei risultati elettorali potrebbe nuovamente precipitare il paese nel caos [3], e data la mancanza di una maggioranza parlamentare del nuovo Presidente, possiamo aspettarci un periodo di confusione. La divisione a metà degli elettori (del paese), è probabile che prolungherà la paralisi politica, che dura dal 2004 e che la maggioranza degli ucraini lamenta, in un momento in cui soluzioni urgenti sono necessarie: il deterioramento economico e sociale, l'aumento della disoccupazione, sono comunque importanti per i comuni mortali, che non le discussioni tra i clan al vertice. I risultati suggeriscono interessanti sviluppi, e non siamo nello stesso scenario di polarizzazione che si aveva con Viktor Jushchenko, in cui le cause come l’"identità nazionale" e l’ostilità verso la Russia stanno perdendo velocità, e di cui hanno mostrato la nocività agli interessi della popolazione di tutto il paese. Janukovich ha fatto un passo avanti a Occidente.
Janukovich e il suo partito hanno ottenuto i loro più grandi successi in zone prevalentemente di lingua russa, a est e a sud: 90% a Donetsk (Donbass), 88% a Lugansk, 71% a Kharkov, 71% a Zaporozhye, 73% a Odessa, 79% a Simferopol (Crimea), 84% a Sebastopol. Il leader "regionalista" è stato sostenuto dal Partito Comunista e da altre formazioni di sinistra, in declino molto forte al primo turno. Ma Janukovich ha avuto successo sostanziale anche nell’Ovest ucraino: 36% a Zhitomir, 24% a Vinnitsa, 18% a Rovno, 41% in Transcarpazia…, la regione occidentale più meridionale, che è vicina a Polonia, Slovacchia, Ungheria e Romania. E' multietnica. Al momento della verifica della carta regionale dei risultati, vi è una maggioranza al secondo turno in diversi distretti del sud, dove c’è la maggioranza di villaggi ungheresi. Segno delle tensioni? Solo nelle regioni della Galizia (Leopoli, Ternopol, Ivano-Frankovsk), tradizionali roccaforti del radical-nazionalismo anti-russo e anti-semita, le sue percentuali sono più basse: sotto il 10%. [4] E Julija ottiene anche lei dei successi a Est.
Una osservazione simmetrica è necessaria per i risultati di Julija Tymoshenko. Maggioritaria in Occidente (da 85 a 88% nelle regioni della Galizia, 81% a Lutsk, 76% a Rovno, 71% a Vinnitsa, ma solo il 51% in Transcarpazia), ha avuto anche notevoli successi in Oriente (29% a Dnepropetrovsk, 34% a Kherson, 22% a Kharkov). Il 29% a Dnepropetrovsk, non è un caso: Julija è di lì, e il clan industriale di questa regione è rivale di quella del Donetsk, che domina Janukovich. Così, ancora una volta, la divisione "est-ovest" o "russofoni contro ucrainofoni” non funziona. La città di Kiev è divisa tra il 65% per Julia e il 25% per Viktor Janukovich, mentre la capitale è prevalentemente di lingua russa. Il leader dell’est industriale e operaio non è riconosciuto dalla classe borghese, e una ‘classe media’ ancora molto legata alla lingua e alla cultura russa. Questi risultati dimostrano che dobbiamo relativizzare la frattura Est-Ovest e ucrainofoni-russofoni, di cui siamo abituali in Occidente. (Russi e ucraini sanno molto bene che la cosa è diversa!) Gli ucraini hanno votato ancora una volta, in parte motivati dalle differenze est-ovest e linguistiche (i russofoni otterranno forse il riconoscimento del russo come seconda lingua ufficiale), ma soprattutto determinati dalle condizioni economiche e sociali disastrose del paese, dovute al fallimento della "strategia di Jushchenko" e, probabilmente, dal desiderio di normalizzare le relazioni con la Russia.

Il fallimento della strategia di Zbigniew Brzezinski
È stato notato che, a differenza del 2004, né gli Stati Uniti né l'Unione europea si sono impegnati drammaticamente, né hanno mobilitato la loro potenza mediatica per sostenere l’uno o l'altro candidato "arancione".
L'OSCE ha riconosciuto immediatamente la validità dei risultati. Il Cremlino è stato cauto ma soddisfatto: felice di vedere Janukovich vincere, era pronto a riconoscere la sua rivale, con la quale i rapporti sono migliorati. Ciò perché l'equilibrio delle forze globali è cambiato in modo significativo, la questione del gas è diventata molto importante per l'Europa, e la carta arancione e russofoba s’è finalmente rivelata controproducente. Ciò che è stato sconfitto, è l'intera "strategia della tensione" e del "respingimento della Russia”, che era stata attuata dai progettisti della "rivoluzione arancione": Zbigniew Brzezinski ("Zbigniew"), Madeleine Albright, Václav Havel, George Soros e le potenti fondazioni degli Stati Uniti (tra cui la NED), che continuano a finanziare una vasta rete di organizzazioni non governative in Ucraina, come nel resto dell'ex URSS, per promuovere le "rivoluzioni democratiche". Gli Stati Uniti sono molto deboli sugli altri fronti, in Iraq e in Afghanistan, e si sono astenuti questa volta dall’intervenire attraverso le loro fondazioni e le ONG per "mobilitare" degli "arancioni" profondamente sconvolti. Sembrano momentaneamente fuori dai giochi. E il progetto della NATO temporaneamente messo da parte. Il sequestro della Crimea, una posizione davvero strategica per il controllo del Mar Nero e del "Grande Medio Oriente" non è realistico per ora: la Russia ha dimostrato, di fronte all'attacco georgiano dell’agosto 2008, ciò di cui è capace. In caso di "natoizzazione" dell'Ucraina, la maggioranza russa della Crimea chiederebbe l’adesione alla Russia. E’ Mosca che "frena" il separatismo della Crimea, e non la popolazione locale. La maggior parte degli ucraini ha capito che spingendo per un conflitto con la Russia, Viktor Jushchenko e i suoi consiglieri statunitensi stavano sottoponendo l’Ucraina al rischio della disintegrazione. Il "patriottismo" ben compreso dell'Ucraina non è dalla parte del nazionalismo radicale, quello che viene ispirato dai post (e neo) fascisti della Galizia. Washington non può permettersi (finanziariamente, politicamente) di aprire un nuovo fronte.
L'amministrazione Obama, anche se ancora "consigliata" da Zbigniew Brzezinski, ha significativamente modificato la propria politica verso la Russia, i cui "servigi" sono necessari per la crisi in Iran e la continuazione della guerra in Afghanistan. Su un piano più generale, la crisi economica globale, le sue conseguenze negative per gli Stati Uniti e drammatiche per l'Ucraina, non permettono più di giocare alla "rivoluzione democratica" nell’ex-URSS. E' l'Unione europea, che appare ora come l'interlocutore privilegiato occidentale. Una interlocutrice sicuramente divisa, con un polo a favore della cooperazione con la Russia, con la Germania che occupa la posizione di punta, e un altro polo incarnato dalla Polonia, dall'ex presidente ceco Havel e da circoli intellettuali e dei media francesi, che sembrano essere "in ritardo di una guerra americana", o più vicino a quello che Bush ha tentato, che a ciò che Obama può. Janukovich, indipendentemente dalla sua personalità, senza carisma, rappresenta in realtà la grande maggioranza del capitale industriale dell'Ucraina, interessato sia agli investimenti occidentali che a legami più stretti con la Russia e alla realizzazione di uno spazio comune commerciale delle repubbliche slave e del Kazakistan. Su questa doppia apertura verso l'UE e il gruppo Russia-Ucraina-Bielorussia-Kazakistan, si svolgerà il dibattito post-elettorale. Il 1° gennaio 2012 entrerà in vigore lo Spazio Economico Comune di Russia-Bielorussia-Kazakistan, che implica la libera circolazione dei capitali e del lavoro. L'Ucraina è invitata a partecipare, o almeno ad avvicinarsi. I russi insistono sull’"interesse per l'Europa” nell’incoraggiare la formazione del nuovo "mercato comune", facendone una sorta di ponte tra l'oriente (principalmente la Cina) e l’occidente (Unione Europea) dell'Eurasia.
Le questioni geostrategiche restano quello che erano: il controllo delle risorse, soprattutto dei bacini petroliferi del Caspio e della Siberia, il controllo e lo sviluppo dei corridoi energetici, il controllo del Mar Nero, l’associazione o la dissociazione tra Russia e Ucraina – Zbigniew Brzezinski ha giustamente visto che questa era la prova principale dell’espansione dell'egemonia statunitense sull’Eurasia. Si misura fino a che punto, dalle teorie di Zbigniew sulla "Grande Scacchiera" e la scelta "reale" (anni '90 e primi anni 2000), la situazione sia cambiata, grazie all’avanzata della potenza della Cina e alle reazioni "sovraniste" della Russia, che ha limitato la sua "rimozione" dal Caucaso, dalla zona del Mar Caspio e ha bloccato il tentativo degli Usa di assumere il controllo del petrolio siberiano tramite l’operazione Yukos-Exxon-Mobil del 2003. Il successo della strategia di Vladimir Putin, compresa la nuova svolta dell’Ucraina, significa anche la sconfitta dell'opposizione russa – e dell’oligarchica politica di sinistra e di destra, che ha sostenuto gli "arancioni" in Ucraina, sperando che potesse contagiare la Russia. Se ci si rallegra o rammarica, la svolta ucraina è un nuovo segno del "ritorno della Russia sulla scena internazionale, in particolare nella zona attigua post-sovietica", che senza patemi d’animo, cerca di giocare tanto le dure "leggi del mercato" (negli scambi commerciali con le ex repubbliche sovietiche), che le antiche ricette della politica di potenza.
Resta che non si vede molto bene quali soluzioni possa apportare il nuovo presidente dell'Ucraina alla profonda crisi economica e sociale in cui si dibattono i cittadini, stanchi dei litigi politici e elettorali. Nessuna rivoluzione ha avuto luogo nel 2004, nessuna riforma importante, e sarebbe difficile trovare nei programmi dei candidati, fondamentali differenze nella scelta della strategia economica e sociale. Qualunque sia il governo, dovrà imporre "misure impopolari" di austerità e tagli alla spesa pubblica, mentre la disoccupazione e l'inflazione aumentano. Le prospettive per l'Ucraina sono tutt'altro che allegre. E ogni opposizione intelligente o demagogica, potrebbe approfittare di tale marasma.

Note
[1] Marie Jego, «Le Monde», 19 janvier 2010
[2] Mathilde Goannec, «Le Soir», 10 février 2010
[3] La sezione di Lviv (Leopoli) del "Blocco Tymoshenko" richiede non solo che sia annullato il secondo turno, ma niente di meno "il bando del Partito delle Regioni" di Janukovich.
[4] E’ in queste regioni, in particolare, che vengono riabilitata e celebrata la Waffen SS Division "Galitchina" e gli eserciti di Bandera, con il sostegno attivo del presidente Jushchenko.

Fonte: http://sitoaurora.altervista.org/Eurasia/Csi82.htm

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Le misteriose origini del petrolio

IL CICLO VITALE DI GAIA Trent'anni orsono la concezione della tettonica a placche, allora da poco scoperta, offri una spiegazione razionale e autonoma dell'evoluzione della Terra....

UNIVERSO PERVERSO: NASA, INFORMAZIONE E CONTROINFORMAZIONE di Paolo C. Fienga/Lunar Explorer

Molti Amici e Colleghi, dopo aver letto le “caustiche” annotazioni che, come Lunar Explorer Italia, molto spesso (purtroppo…) siamo costretti ad usare per commentare...

“Il decennio del rifiuto”: L’antieuropeismo del PCI negli anni cinquanta

Una lettura utile, questo articolo a firma del politogo Carlo Giuseppe Cirulli, che meriterebbe un po' di attenzione soprattutto da chi si chiede dove...

Rompere il grande silenzio dell’Australia

Nella foto: John Pilger Nel discorso di accettazione del premio australiano per i diritti umani, il Sydney Peace Prize, all’Opera House di Sydney, John Pilger...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube

Articolo precedente
Articolo successivo