sabato - 10 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Erdogan menzionò possibili attentati pochi giorni prima dell’attacco a Bruxelles

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Nuove enormi crepe appaiono nell’edificio dell’Impero

Le fondamenta stesse dell'"Ordine Globale basato sulle Regole" sembrano crollareCome occidentali sappiamo che la nostra forza risiede nell’unità cementata dai nostri valori condivisi. Ma in...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,960IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Non dovete fare altro che eseguire i compiti che vi verranno affidati.
Quando vi troverete in difficoltà per raggiungere l’obiettivo, farete quanto vi verrà ordinato.
Riceverete gli aiuti necessari per creare un problema fra le nazioni, la soluzione che proporrete per quel gigantesco problema sarà, esattamente, l’obiettivo che dovevate raggiungere.

Da Alberto Roccatano, La Grecia senza i Leonida, occupata dai Serse, governata dagli Efialte (come tutti i paesi membri della Ue) – [Red.]


Erdogan menzionò possibili attentati pochi giorni prima dell’attacco a Bruxelles

Sputnik 22/03/2016 – Meno di una settimana prima degli attacchi terroristici a Bruxelles, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan avvertiva di possibili attentati in città europee, tra cui Bruxelles.

“Non vi è alcun motivo per cui la bomba esplosa ad Ankara non possa esplodere a Bruxelles, o qualsiasi altra città europea”.

Aveva dichiarato Erdogan nella cerimonia di commemorazione del 101.mo anniversario della battaglia di Gallipoli, nella città costiera di Canakkale, il 18 marzo. Va notato che la dichiarazione di Erdogan seguiva l’attentato mortale del 13 marzo, quando un’autobomba esplose a una fermata degli autobus presso piazza Kizilay al centro di Ankara, provocando 37 morti e oltre 120 feriti. Il capo di Stato turco accusava i radicali curdi dell’attacco e rimproverava i capi europei del rifiuto di riconoscere certe organizzazioni curde come gruppi terroristici.

"I serpenti dormienti possono mordervi in qualsiasi momento",

aggiunse Erdogan.

Il 22 marzo, Bruxelles, capitale del Belgio e centro amministrativo di NATO e UE, veniva colpita da una serie di esplosioni, tra cui due esplosioni nell’aeroporto di Zaventem, causando 13 morti e oltre 35 feriti. Altre 15 persone furono uccise in un’esplosione presso la stazione della metropolitana di Maalbeek, nel centro di Bruxelles, secondo i media locali.


Traduzione italiana di Alessandro Lattanzio

Fonte in lingua originale: sputniknews.com – Fonte della traduzione italiana:  aurorasito.wordpress.com

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Barilla: armi in pasta

Filantropia? Hanno la memoria corta, sono allergici alla democrazia, non tollerano la libertà critica, e si atteggiano a padroni del mondo. Insomma, palloni gonfiati...

Il ritorno dei morti viventi

predetto che in concomitanza delle elezioni presidenziali sarebbe stato catturato bin Laden, e hanno avuto torto”. Io sono stato fra questi, e francamente non mi sembra di aver...

Scie chimiche e cambiamenti genetici (Prima parte) – di Zret

Kether (pseudonimo), nell'articolo intitolato Il colpo di coda del Drago, (in Fenix n. 7 del maggio del 2009), scrive: "Essendo l'umanità sottoposta ad un'evoluzione...

A proposito di speranza

George Frederic Watts, La speranzaSe conosceste Zeus, non avreste il benché minimo dubbio nel confermare la sua straordinarietà. Lui è brillante, imprevedibilmente divertente, e...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
A causa di motivi organizzativi ci vediamo costretti a posticipare la data del seminario con il dott. Tancredi Militano prevista per domenica 11/12/22. Le...

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube