fbpx
martedì - 16 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Gli Stati Uniti vendono a Taiwan 400 missili anti-nave Harpoon mentre aumentano le tensioni tra Stati Uniti e Cina

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Nudità velate

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Mentre gli Stati Uniti continuano la loro guerra per procura contro la Russia in Ucraina, continuano anche i preparativi per un conflitto simile con la Cina, utilizzando la provincia insulare di Taiwan come sua delegata preferita in Asia.

A tal fine, gli Stati Uniti continuano a inondare la provincia dell’isola con miliardi di dollari in armi.

Una delle più recenti vendite di armi annunciate è stata quella di 400 missili anti-nave Harpoon.

L’imperfetta “strategia del porcospino” di Washington per Taiwan 

I missili anti-nave prodotti dalla Boeing sarebbero presumibilmente parte dello sviluppo di capacità molto più ampie di negazione dell’area anti-accesso (A2AD) per le forze armate dell’amministrazione sull’isola.

Un analista con sede a Taiwan, Pei-Shiue Hsieh, in un articolo per The Diplomat intitolato “Costruire le capacità di negazione dell’area di Taiwan”, affermava:

Mentre alcuni affermano che Taiwan non può contrastare da sola un’invasione cinese, i risultati dei miei wargame analitici mostrano il contrario. Le esercitazioni dell’Esercito popolare cinese di liberazione (PLA) del mese scorso hanno probabilmente dimostrato le intenzioni di Pechino di imporre un blocco navale sull’isola in caso di scontro militare. L’esercito di Taiwan deve impedire alle flotte cinesi di spostarsi nelle loro posizioni tattiche o, se non è in grado di impedire l’istituzione del blocco, interrompere le operazioni in corso della Marina dell’EPL (PLAN).

Per fare ciò, l’autore suggerisce:

Taiwan deve sviluppare una propria strategia anti-accesso/area negata (A2/AD), che incorpori armi guidate e sistemi di ricognizione. Attualmente, l’esercito di Taiwan possiede due possibili opzioni per le armi anti-nave guidate: l’Hsiung Feng II/III lanciato da terra e l’AGM-84 Harpoon lanciato da terra o aria. Con le informazioni di ricognizione raccolte dai radar di sorveglianza navale e dai veicoli aerei senza pilota MQ-9B SeaGuardian, questi obsoleti missili anti-nave rimangono potenti difensori dell’isola. Tuttavia, poiché il PLAN è in rapida crescita, Taiwan ha bisogno di più di opzioni a corto e medio raggio per far fronte alla minaccia del PLA.

I missili anti-nave Hsiung Feng III e Harpoon hanno rispettivamente una gittata di 400 km e 139 km. Mentre queste distanze possono sembrare più che sufficienti per prendere di mira e distruggere le navi da guerra cinesi che impongono un blocco marittimo sull’isola di Taiwan, il problema è che mentre i missili stessi hanno una ricerca radar attiva, trovare le navi cinesi su cui dirigersi in primo luogo sarà molto difficile per le forze armate di Taiwan.

I radar terrestri hanno una portata limitata a causa della curvatura della Terra, molto più breve della portata operativa degli stessi missili anti-nave, motivo per cui Pei-Shiue Hsieh suggerisce che i radar di sorveglianza navale e quelli montati su veicoli aerei senza pilota potrebbero aiutare nell’acquisizione del bersaglio. Tuttavia, è ampiamente riconosciuto anche dagli analisti occidentali che la flotta navale e l’aeronautica di Taiwan giocheranno un ruolo minimo o nullo nelle ostilità tra l’isola e il resto della Cina, poiché verrebbero prese di mira e distrutte prima di tutto dai missili cinesi.

Questo è il motivo per cui Pei-Shiue Hsieh suggerisce di utilizzare l’AGM-158C LRASM (missile anti-nave a lungo raggio) che ha un targeting autonomo. Tuttavia, gli LRASM sono lanciati dall’aria, quindi a meno che l’esercito statunitense non utilizzi i missili per conto di Taiwan, l’aviazione di Taiwan non sopravvivrebbe abbastanza a lungo per usarli.

Gran parte dell’argomentazione dell’autore sembra dipendere dalla “condivisione dell’intelligence”, o in altre parole, dagli aerei statunitensi che forniscono agli operatori missilistici di Taiwan informazioni sui bersagli. L’autore cita l’esempio del Moskva, un incrociatore russo presumibilmente affondato da un missile anti-nave ucraino utilizzando le informazioni di mira fornite dalla NATO.

Va sottolineato che anche se questo fosse il risultato di missili ucraini guidati da informazioni di mira della NATO, è solo una nave dell’intera flotta russa del Mar Nero. La marina russa ora si limita a mantenere le distanze, fuori dalla portata di potenziali missili anti-nave che l’Ucraina potrebbe avere, ed è ancora in grado di controllare ciò che fluisce da e verso l’Ucraina via mare.

Ciò che la Russia non è in grado di ottenere con la potenza navale lungo la costa dell’Ucraina, può ottenerlo attraverso missili da crociera a lungo raggio come il Kalibr, missili balistici come l’Iskander, droni kamikaze come il Geran-2 e missili balistici ipersonici lanciati dall’aria come il Kinzhal. La flotta russa del Mar Nero comprende anche una serie di sottomarini per i quali i missili anti-nave sono irrilevanti a meno che non operino in superficie.

In uno scenario in cui la Cina sta tentando di bloccare Taiwan e la Cina sente che le sue navi di superficie sono a rischio di missili anti-nave, può anche impiegare sottomarini usando la sua formidabile forza missilistica per colpire e distruggere non solo le capacità militari basate su Taiwan, ma anche anche porti che ricevono aiuti militari dall’estero e navi che tentano di consegnarli. Un blocco con qualsiasi altro nome è comunque un blocco.

L’altro problema che l’amministrazione di Taiwan deve affrontare è il lasso di tempo in cui le armi acquistate raggiungerebbero effettivamente l’isola. I 400 missili anti-nave Harpoon acquistati impiegheranno anni prima di arrivare.

Reuters riporta nel suo articolo “Taiwan acquisterà 400 missili anti-nave statunitensi per affrontare la minaccia cinese”, che:

Il 7 aprile il Pentagono ha annunciato un contratto da 1,17 miliardi di dollari per 400 missili anti-nave senza nominare l’acquirente, affermando che la produzione dovrebbe essere completata entro marzo 2029. Bloomberg ha affermato che Taiwan era l’acquirente.

Secondo la maggior parte delle stime, il divario nelle capacità militari tra Cina e Stati Uniti dovrebbe colmarsi intorno al 2025. Entro il 2029, il divario sarebbe in procinto di ampliarsi, ma questa volta a favore della Cina.

I contratti per munizioni come il LRASM non vengono nemmeno discussi pubblicamente, ma se tali contratti dovessero essere firmati, è probabile che Taiwan aspetterà tanto o più a lungo l’arrivo dei missili, e questo presupponendo che i missili siano sviluppati in sistemi lanciati da terra per adattarsi al fatto che l’aviazione di Taiwan non avrà alcun ruolo in alcuna ostilità con il resto della Cina.

Profitti e Provocazioni, Non Protezione 

Mentre Boeing sta certamente traendo profitto dalla vendita di 400 missili anti-nave Harpoon a Taiwan, la mossa difficilmente migliora le capacità militari di Taiwan rispetto al resto della Cina, né lo fa nella finestra di opportunità degli Stati Uniti che cercano di provocare un conflitto armato con la Cina su Taiwan. Se un qualsiasi blocco imposto dalla Cina intorno alla provincia insulare di Taiwan deve essere spezzato, dovrà essere l’esercito statunitense a farlo, utilizzando una combinazione di missili anti-nave e guerra anti-sottomarino.

I politici statunitensi che hanno messo in atto un conflitto armato tra Stati Uniti e Cina hanno notato che gli Stati Uniti probabilmente esaurirebbero il loro arsenale di missili anti-nave a lungo raggio di tutti i tipi, a causa della limitata capacità industriale militare americana, una carenza emersa durante la sua guerra per procura con la Russia in Ucraina al momento.

Ma anche se gli Stati Uniti non avessero esaurito i missili e fossero riusciti a contrastare l’uso da parte della Cina di navi da guerra per imporre un blocco, un blocco de facto può ancora essere imposto attraverso l’uso dei missili cinesi a lungo raggio lanciati dalla terraferma nei porti di Taiwan e contro tutte le navi che tentano di utilizzarli.

Non ci sono soluzioni chiare per Taiwan se continua sulla strada del separatismo e dell’antagonismo sponsorizzato dagli Stati Uniti verso il resto della Cina, tanto che l’unica soluzione logica per “sconfiggere” un blocco cinese dell’isola è in primo luogo non provocarne uno.

L’autore: Brian Joseph Thomas Berletic è un ex ricercatore geopolitico indipendente del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e scrittore con sede a Bangkok, che scrive sotto lo pseudonimo di “Tony Cartalucci” insieme a molti altri.

Fonte originale: https://journal-neo.org/2023/05/03/us-sells-taiwan-400-harpoon-anti-ship-missiles-as-us-chinese-tensions-rise/

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

IL MEDIOEVO IN CUI VIVIAMO di Paolo Cortesi

Guardavo il signore che mi diceva queste cose e...

11 SETTEMBRE: QUATTORDICI PUNTI ED UN PAIO DI VIRGOLE Traduzione di Riccardo Pizzirani (SERTES)

Gli scienziati e gli ingegneri del 9/11 Truth Movement non demordono. Dopo aver ampiamente dimostrato l’impossibilità dei crolli passivi per le Torri Gemelle e...

Musulmani in chiesa: qualche riflessione (e un piccolo sospetto)

Domenica scorsa si è celebrato in diverse chiese cattoliche d'Europa un rito particolare, ovvero una liturgia domenicale a cui hanno partecipato diversi fedeli dell'Islam...

Conto alla rovescia

{mosimage}…e se proprio devo attribuire un’identificazione a quel poco che si vede, direi che assomiglia molto di più a un missile da crociera AGM-86A...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube