fbpx
lunedì - 4 Marzo, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Gli USA promuovono un istituto di guerra cibernetica – di Eva Golinger

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Quanto è riproducile oggi la Scienza?

  La riproducibilità è un parametro fondamentale nella scienza. Se un risultato non può essere replicato, non può considerarsi scientifico. Eppure negli ultimi anni, si...

Sull’immigrazione

Nexus New Times # 161

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
 
Con l'inizio del 19 aprile della celebrazione del bicentenario in Venezuela, gli Stati Uniti, utilizzeranno tale data per coordinare le strategie di guerra informatica contro il Venezuela, Cuba, Iran, Russia, Cina e Siria.
L'Istituto di George W. Bush e l'organizzazione statunitense Freedom House ha convocato una riunione di "attivisti per la libertà e diritti umani" e di "esperti di Internet" per discutere del "movimento globale per i cyber-dissidenti".
Alla riunione, che si terrà il 19 Aprile a Dallas, in Texas, sarà presente l'organizzazione Rodrigo Diamanti Present Future del Venezuela, l'Iran Arash Kamangar, Oleg Kozlovsky della Russia, Ernesto Hernández Busto di Cuba, Isaac Mao della Cina e Ahed Alhendi Siria. Saranno presenti anche membri del governo degli Stati Uniti e le altre organizzazioni associate con la comunità dell'intelligence a Washington come Gedmin Jeffrey, presidente di Radio Free Europe/Radio Liberty, un progetto della Central Intelligence Agency sotto tutela della CIA (creato durante la Guerra Fredda per contrastare l'espandersi del comunismo in Europa), Daniel Baer, Assistente Segretario di Stato per la democrazia, i diritti umani e del lavoro, Peter Ackerman, fondatore del Centro Internazionale nonviolento dei conflitti (ICNC), tutte le entità coinvolte nelle rivoluzioni colorate made in USA; Oscar Morales Guevara, fondatore del movimento "un milione di voci contro le FARC" e promotore di un movimento contro il Presidente Chávez in Facebook, Jennifer Windsor, direttore esecutivo di Freedom House, e altri rappresentanti della Freedom House, il Dipartimento di Stato e l'Istituto di George W. Bush.

BUSH PARLA

Secondo l'ordine del giorno della manifestazione, il suo scopo è quello di analizzare "le condizioni di libertà politica su Internet nel mondo" e "che abilita i partecipanti con la tecnologia e le conoscenze per superare le censure dei governi (scomodi..)." L'ex presidente George W. Bush e la moglie Laura, daranno il discorso di apertura della manifestazione. Poi, ci saranno interventi da parte dei rappresentanti di Freedom House e il Dipartimento di Stato su "le minacce alla libertà di Internet" nei paesi rappresentati alla riunione. Successivamente, gli ospiti internazionali provenienti da Venezuela, Cuba, Iran, Cina, Russia e Siria presenteranno i loro lavori sui presunti "pericoli" nel proprio paese contro la libertà di Internet, e la loro opera come "cyber-dissidenti". Verso la fine della manifestazione, Peter Ackerman, un ex direttore di Freedom House, multi-milionario banchiere e fondatore del Centro Internazionale dei conflitti non violenti, entità legata alla CIA, parteciperà con altri "esperti di guerra informatica", alla formazione di giovani con le nuove tecnologie che contribuiranno a promuovere un cambiamento di regime nei loro paesi di origine.

Il partecipante Venezuelano, Rodrigo Diamanti, viene dal movimento studentesco chiamato "bianche mani", iniziativa creata da Washington dedita ad assoldare settori dell'opposizione contro il governo di Hugo Chavez utilizzando i giovani e gli studenti che promuovano azioni che possano provocare una destabilizzazione "cambio di regime". La sua organizzazione, Present Future, è stata creata nel 2009 dal leader dell'estrema destra in Venezuela, Yon Goicochea, con un finanziamento e il sostegno del Cato Institute di Washington. Il Cato Institute è un think tank dell'ala destra americana, legata all'ambiente di George W. Bush.

Freedom House è un'istituzione americana finanziata dal Dipartimento di Stato e collegata con la CIA, che finanzia e sostiene le organizzazioni che promuovono l'agenda imperiale in paesi di importanza strategica per Washington. In Venezuela, Freedom House ha lavorato dal 2005, finanziando il sostegno politico ai settori dell'opposizione contro il Presidente Chávez.

L'Istituto di George W. Bush center invece è un centro di studio e di azione creata dall'ex presidente Bush.

LA GUERRA CONTRO IL VENEZUELA

In Venezuela, non vi è alcuna limitazione o una minaccia alla libertà di Internet o alla libertà di espressione. Pochi giorni fa, centinaia di infocentros sono stati inaugurati dal presidente Chavez in Venezuela per assicurare il libero accesso a Internet per tutti i venezuelani. Gli Info-centri sono sale computer con accesso a Internet, costruite dal governo venezuelano prima in grandi città e poi in tutto il paese e sono gestiti dalle stesse comunità. Più di 7 milioni di venezuelani usano Internet, secondo i dati a partire dal 2009.
Negli ultimi anni, l'Agenzia per lo Sviluppo Internazionale (USAID) e il National Endowment for Democracy (NED), hanno finanziato e promosso l'istruzione e formazione per l'uso di Internet e delle nuove tecnologie, solamente per costruire movimenti di opposizione politica in Venezuela. Più di 10 milioni di dollari sono stati investiti tramite l'USAID e NED per questo scopo. Hanno inoltre contribuito con l'acquisto di attrezzature tecnologiche per aiutare il movimento a raggiungere i suoi obiettivi. Oggi, oltre 200 mila venezuelani utilizzano Twitter e Facebook come un mezzo per attaccare il governo venezuelano e promuovere azioni destabilizzanti creando una falsa opinione sulla realtà del paese.

Dal 2003, il Pentagono ha classificato come campo di battaglia, una prossima guerra cibernetica dominata e comandata da Washington. Il presidente Obama ha istituito un cyber-comando lo scorso anno, nominando un capo per coordinare le politiche nel Cyberspazio degli Stati Uniti e le azioni attraverso Internet.

Fonte

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Processo alla relatività – Parte 3

Concludiamo la ripubblicazione del saggio in tre parti di Daniele Russo sulla Relatività einsteiniana: una breve rassegna dei postulati, delle interpretazioni e dei paradossi...

Il Medioevo? Non è mai esistito

Forse non lo sapevate, ma il medioevo non è mai esistito. Secondo la cosiddetta Ipotesi del tempo fantasma, elaborata negli anni Ottanta dal tedesco Heribert...

A sei mesi dal crollo dell’Ucraina, il mondo è cambiato per sempre

A sei mesi dall'inizio dell'Operazione Militare Speciale (OMS) della Russia in Ucraina, le placche tettoniche geopolitiche del XXI secolo sono state dislocate con una...

Guerre silenziose con armi micidiali

Gurdijeff, celebre mago ed alchimista russo, amava raccontare una storia emblematica. C’era una volta un mago che possedeva molti montoni. Egli non recintava i pascoli...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube