fbpx
martedì - 23 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Grecia vicina al default, ma tratta con i Brics

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Chi è, cosa ha fatto e cosa sta facendo Donald Trump

Adesso è il momento giusto per tutti di capire cosa sta facendo Donald Trump e di provare a decifrare l'ambiguità di come lo sta...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Resistere retrocedendo, mentre il fronte dei creditori mostra crepe impensabili fino a qualche ora prima. Il governo greco è – sì – “riformista”, ossia impegnato a mantenere Atene dentro l'unione Europea ma cercando di metter fine alle politiche di austerità, ma non ha molto a che vedere con i “riformisti” nostrani, che sarebbe forse meglio cominciare a definire “venduti”.

Vediamo cosa sta combinando.
Ieri ha rimborsato al Fmi la quota di 750 milioni dovuta entro il 12 maggio. Ma lo ha fatto in modo molto “creativo”. Ha cioè rinunciato alla proprietà dei “diritti di prelievo” (650 milioni di dollari) detenuti da Atene presso lo stesso Fmi; insomma, la sua quota di partecipazione. Di fatto, ne ha versati soltanto 100. In teoria, la quota dovrebbe essere ricostituita entro un mese, di fatto segnala uno “sganciamento” ellenico rispetto al fondo di Washington. Se non rimette la quota, è fuori.

Il Fmi, da parte sua, ha acconsentito a malincuore:

"L'Fmi era d'accordo sul loro utilizzo, viste le condizioni critiche di liquidità della Grecia; senza l'utilizzo di quelle riserve, il pagamento dovuto oggi non sarebbe stato possibile".

Ma ha fatto sapere agli altri due membri della Troika (Bce ed Unione Europea) di non voler partecipare a un terzo salvataggio della Grecia (si parla di 50 miliardi di ero da trovare tra creditori riluttanti); e anzi ha invitato i partner a essere realisti e considerare il debito greco come non restituibile. In pratica, ha aperto la strada alla “ristrutturazione del debito”, ossia a una sua sostanziosa riduzione.
La Bce, nel frattempo, ha aumentato a 80 miliardi la liquidità d'emergenza alle banche (Ela) elleniche, mentre ha rinviato ogni decisione sull'eventuale svalutazione dei titoli di stato portati da Atene come garanzia.

Tutto ciò dovrebbe servire a tenere la Grecia dentro la Ue, ma intanto si stanno preparando dei “piani B” nel caso, niente affatto teorico, che il default si verifichi molto presto, quando Atene dovrà restituire – questa estate – due diverse tranche a Fmi e Bce. Visto che la liquidità disponibile è stata calcolata nelle ultime ore pari a soltanto 600 milioni di euro, l'ipotesi appare decisamente peregrina.

Fine dei giochi, dunque?
No. Nelle stesse ore Sergei Storchak, vice ministro delle Finanze russo, ha formalizzato nei confronti di Atene la proposta di entrare a far parte della banca dei Brics, formata da Russia, Cina, Brasile, India e Sudafrica, nata come alternativa alla Banca Mondiale e che può vantare riserve per oltre 100 miliardi e condizioni meno capestro.
Tsipras e Varoufakis hanno naturalmente colto al volo questo salvagente, così il premier greco andrà al forum economico di San Pietroburgo – dal 18 al 20 giugno – con la partecipazione dei leader dei cinque principali paesi in via di Sviluppo.

C'è vita, fuori dall'Unione Europea. Si può rompere la gabbia e evadere. Meglio se in tanti, no?

Fonte: http://contropiano.org

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Smith: la sinistra sostiene la tirannia, i conservatori no. È ora di separarsi

Uno dei grandi dibattiti semantici dell'ultimo decennio è stato il tentativo in corso di confondere la definizione di "sinistra contro destra" nella sfera politica...

Ipotesi sui primi passi dell’umanità

LIBRERIA PERLANIMA PRESENTA I N C R O C I IPOTESI SUI PRIMI PASSI DELL'UMANITÀ 18 OTTOBRE 2015 – ORE 9:00 UDINE -  BEST WESTERN HOTEL Là di Moret Un...

NON MORDIAMOCI LA CODA di Marco Della Luna

Ultimamente, sotto i colpi della crisi, la teoria economia ufficiale si è incredibilmente rovesciata rispetto al dogma del libero mercato: ora riconosce che l’Stato...

Sandy: la tempesta perfetta

Buona parte delle cronache di questi giorni erano dedicate a quella che il sindaco di New York, Michael Bloomberg, è arrivato a definire la...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube