fbpx
giovedì - 11 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

I cinque dettagli più importanti che molti osservatori hanno perso dalla visita di Lavrov in Brasile

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

L’ultima visita del ministro degli Esteri russo Lavrov in Brasile è andata esattamente come previsto rispetto a questi due paesi BRICS che promettevano di espandere in modo completo la cooperazione, ma ci sono stati anche cinque dettagli molto importanti che sono sfuggiti all’attenzione della maggior parte degli osservatori. La prima è che il comunicato stampa ufficiale brasiliano ha informato tutti che il commercio bilaterale ha raggiunto il record storico di 9,8 miliardi di dollari lo scorso anno, avvenuto interamente sotto il mandato del predecessore di Lula, Bolsonaro.

Questo fatto contraddice la narrativa della Alt-Media Community secondo cui questo ex leader fosse un burattino degli Stati Uniti poiché nessun proxy del genere avrebbe mai portato il commercio con la Russia al livello più alto di sempre, specialmente nel contesto della guerra per procura NATO-Russia in corso in Ucraina durante l’ultimo anno. La base su cui entrambe le parti si sono impegnate a rafforzare ulteriormente i loro legami è stata quindi parzialmente costruita da Bolsonaro, che a sua volta ha proseguito la traiettoria che Temer e Rousseff hanno mantenuto dai primi due mandati di Lula.

In secondo luogo, l’espressione di gratitudine di Lavrov “ai nostri amici brasiliani per una corretta comprensione della genesi di questa situazione e il loro sforzo di contribuire alla ricerca di modi per risolverla” che è stata riportata nella trascrizione ufficiale del suo comunicato congiunto del Ministero degli Esteri russo ha un significato più profondo. Estende il credito a un rapporto trapelato di recente in cui si afferma che il suo paese approva l’ottica che circonda la retorica pacifista di Lula, ma questo non è la stessa cosa  che approvarne la sostanza.

A tal proposito, il terzo dettaglio è il tempo che il massimo diplomatico russo ha dedicato a spiegare la posizione di Mosca nei confronti del conflitto e il desiderio di vederlo finire “il prima possibile”. Ciò segue la condanna della Russia da parte di Lula nella sua  dichiarazione congiunta con Biden, il voto del Brasile a sostegno di una risoluzione UNGA anti-russa, e poi Lula  che ha mentito proprio il giorno prima  del viaggio di Lavrov sul presunto disinteresse del presidente Putin per la pace. Di conseguenza, le sue parole possono essere viste come una cortese risposta a quegli sviluppi precedenti.

In quarto luogo, la riaffermazione da parte di Lavrov del sostegno al previsto seggio permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per il Brasile dimostra la de-ideologizzazione delle relazioni della Russia con l’America Latina, soprattutto dopo la suddetta ostilità politica di Lula e i suoi piani segnalati per lanciare una rete di influenza globale con i Democratici statunitensi. Anche se la Cina e gli Stati Uniti sono i due partner più importanti del Brasile nella grande strategia di Lula, la Russia può ancora aiutarlo a far avanzare il loro obiettivo comune di accelerare la  transizione sistemica globale verso il multipolarismo.

E infine, la controparte di Lavrov ha confermato di aver trasmesso l’invito del presidente Putin a Lula a partecipare al Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF) a metà giugno, che secondo TASS è stato esteso per la prima volta durante il viaggio del suo principale consigliere per la politica estera a Mosca il  mese scorso. Lula in precedenza aveva promesso che non visiterà né la Russia né l’Ucraina a causa del loro conflitto, e la  Corte penale internazionale chiede al Brasile  di arrestare il presidente Putin se mai mettesse piede lì, quindi non è chiaro se Lula accetterà questa offerta.

Quest’ultimo dettaglio del viaggio di Lavrov in Brasile è di gran lunga il più importante poiché è un modo intelligente ed educato per valutare la sincerità delle intenzioni dichiarate da Lula di continuare a costruire legami con la Russia nonostante la pressione degli Stati Uniti. Ovviamente può solo dire che ci sono i cosiddetti “conflitti di programmazione” o forse affermare di essere malato proprio prima di partire per San Pietroburgo, ma il punto è che questo dimostrerà se Lula è seriamente intenzionato a concretizzare tutto ciò che Lavrov e la sua controparte hanno discusso.

Tutto sommato, il viaggio di Lavrov ha mostrato il ruolo significativo che la Russia attribuisce al Brasile quando si tratta della dimensione latinoamericana della grande strategia di Mosca. La retorica di entrambe le parti è stata positiva, ma resta da vedere se alla fine ne derivi qualcosa di tangibile, che sarà fortemente determinato dal fatto se Lula parteciperà o meno allo SPIEF di quest’anno tra meno di due mesi. Nel frattempo, gli Stati Uniti dovrebbero spingerlo al massimo affinché non vada, quindi è difficile prevedere cosa farà.

Fonte originale: https://www.ideeazione.com/i-cinque-dettagli-piu-importanti-che-molti-osservatori-hanno-tralasciato-della-visita-di-lavrov-in-brasile/

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

APPELLO FINI-TRAVAGLIO di Massimo Fini e Marco Travaglio

Con l’annuncio di Silvio Berlusconi di voler cambiare la Costituzione a colpi di maggioranza si è giunti al culmine di un’escalation, iniziata tre lustri...

La danza della vita: spettacolo per mente e spirito

Un evento straordinario organizzato a Parma da Franca Soavi, fondatrice del Centro Culturale “Spazio Infinito”, luogo di condivisione di percorsi di consapevolezza e di...

La crisi nel Regno Unito – di Attilio Foriero e Cecilia Laya

Qualche mese fa, in un nostro articolo per Selvas intitolato “La crisi bussa alla porta inglese” (1) avevamo preannunciato l’arrivo della crisi in Inghilterra....

Russia e Cina: una partnership destinata al futuro

Articolo di Vladimir Putin per Il Quotidiano del Popolo Sono lieto di cogliere questa opportunità per rivolgermi all'amichevole popolo cinese in uno dei media mondiali più...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube