fbpx
mercoledì - 29 Maggio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

I diplomatici russi lanciano terribili avvertimenti che la guerra con gli Stati Uniti è vicina

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La grande Tartaria

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Il massimo diplomatico del Cremlino ha avvertito che il coinvolgimento occidentale in Ucraina si sta avvicinando al “punto di non ritorno”, accusando gli Stati Uniti e il blocco NATO di tentare di trasformare il paese in una “roccaforte militare russofoba”. Nel frattempo, l’inviato di Mosca all’Onu ha dichiarato che tutte le “linee rosse” della Russia sono già state superate.

Rivolgendosi ai legislatori alla Duma di Stato russa mercoledì, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha delineato le cause dell’attuale conflitto in Ucraina e il deterioramento delle relazioni USA-Russia, affermando che Washington ha un “desiderio maniacale di rilanciare l’ordine mondiale unipolare neocoloniale”.

“Parte integrante di questa politica è il contenimento a lungo termine della Russia, anche attraverso l’espansione della NATO verso i nostri confini, nonché la trasformazione della fraterna Ucraina in una roccaforte militare russofoba”, ha affermato. “Negli ultimi anni, questa linea di Washington e dei suoi satelliti europei ha raggiunto il punto di non ritorno”.

Dopo la caduta dell’Unione Sovietica, Washington e molti altri stati occidentali hanno assicurato a Mosca che l’alleanza NATO non si sarebbe espansa oltre la Germania. Tuttavia, negli anni successivi, i presidenti Bill Clinton, George W. Bush, Barack Obama e Donald Trump hanno permesso a nuovi membri di unirsi all’alleanza, avvicinandosi tutti ai confini della Russia.

A partire dal 2008, la NATO ha ripetutamente dichiarato la sua intenzione di consentire un giorno all’Ucraina di diventarne membro, ribadendo nuovamente tale impegno in un recente vertice dell’alleanza. La mossa attraverserebbe la “più brillante di tutte le linee rosse” per Mosca, come precedentemente notato dall’allora funzionario del Dipartimento di Stato e attuale direttore della CIA William Burns, che scrisse un promemoria nel 2008 in cui metteva in guardia dai pericoli geopolitici dell’estensione dell’adesione a Kiev.

Tuttavia, il presidente Joe Biden si è rifiutato di cambiare rotta, insistendo che spetta all’Ucraina decidere se aderire al blocco militare guidato dagli Stati Uniti, rendendo nel frattempo Kiev un membro de facto.

Martedì, in un’intervista a Newsweek, l’inviato russo delle Nazioni Unite Dmitry Polyanskiy ha affermato che l’Occidente non ha rispettato le principali preoccupazioni di sicurezza di Mosca ed è stato direttamente coinvolto nel conflitto in Ucraina.

“Tutte le linee rosse sono già state superate dai paesi occidentali. C’è già un coinvolgimento semi-diretto della NATO nel conflitto perché non si tratta solo di armi, ma anche di intelligence”, ha affermato. “È la situazione in cui gli obiettivi di alcuni sistemi di artiglieria, in particolare HIMARS, possono essere colpiti solo con il coordinamento con Washington”.

La scorsa settimana, il Washington Post ha riferito che l’Ucraina fa affidamento sull’intelligence americana per la selezione degli obiettivi. Dall’inizio dell’anno, la Casa Bianca ha autorizzato la spedizione di carri armati e razzi a lungo raggio a Kiev. Inoltre, la NATO sembra prepararsi a inviare aerei da guerra di fabbricazione occidentale in Ucraina.

“Significa che la NATO non sta solo fornendo armi, ma sta anche scegliendo gli obiettivi per gli attacchi ucraini”, ha continuato Polyanskiy.

Ha continuato affermando che i cittadini dei paesi della NATO stanno già combattendo – oltre ad essere catturati e uccisi – in Ucraina. “Lo sappiamo dalle persone che catturiamo e dai corpi che vediamo sul campo di battaglia”.

L’ambasciatore ha affermato che le armi occidentali non farebbero altro che intensificare il conflitto, avvertendo persino che l’intervento straniero potrebbe alla fine innescare una guerra nucleare.

“È assolutamente chiaro che qualsiasi consegna di armi nella zona del conflitto, ovviamente, è come versare benzina sul fuoco”, ha detto, aggiungendo “Se si ha a che fare con una potenza nucleare e se si sta citando l’obiettivo di infliggere la sconfitta a questa potenza nucleare, si dovrebbero tenere in considerazione tutte le opzioni della nostra possibile risposta”.

Nelle loro osservazioni, entrambi i diplomatici hanno anche indicato il potenziale coinvolgimento americano nella distruzione degli oleodotti North Stream. La scorsa settimana, il giornalista investigativo Seymour Hersh ha pubblicato un rapporto esplosivo affermando che Washington aveva pianificato di bombardare gli oleodotti. La Casa Bianca ha negato di aver partecipato al sabotaggio del gasdotto, anche se il senatore Mike Lee in seguito ha riconosciuto che fosse possibile.

Mercoledì, Polyanskiy ha affermato che Mosca ha richiesto un incontro delle Nazioni Unite la prossima settimana per esaminare i rapporti di Hersh.

Lavrov ha respinto le smentite dell’amministrazione Biden, dicendo che l’Occidente sta “mentendo, nascondendo la verità sugli attacchi terroristici ai gasdotti North Stream e North Stream-2, proprio come hanno mentito sugli accordi di Minsk”.

L’ex cancelliere tedesco Angela Merkel ha affermato che l’accordo di Minsk, che apparentemente doveva porre fine alla guerra civile in Ucraina, era in realtà inteso a dare a Kiev il tempo di costruire il proprio esercito. In un’intervista del 1° dicembre con Der Spiegel, la Merkel ha affermato di ritenere che durante i colloqui di Minsk lei sia stata in grado di guadagnare il tempo necessario all’Ucraina per respingere meglio un attacco russo.

Gli autori:

Kyle Anzalone è opinion editor di Antiwar.com e news editor del Libertarian Institute. Will Porter è l’assistente redattore di notizie del Libertarian Institute e redattore ed editore di RT. Kyle Anzalone e Will Porter conducono Conflitti di interesse insieme a Connor Freeman.

Fonte originale: https://libertarianinstitute.org/news/russian-diplomats-issue-dire-warnings-that-war-with-us-is-close/

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il vaccino può causare autismo. Lo dice il bugiardino.

Una delle reazioni avverse ai vaccini può essere l'autismo. Non lo dice Giorgio Tremante, non lo dice il complottista di turno, lo dice direttamente...

ESERCITAZIONE SEGRETA IN USA di Maurizio Blondet

L’esercitazione (Forward Challenge 2006) va compresa nel quadro di un ampliamento straordinario di procedure risalenti agli anni ‘50, quando la presidenza Truman approntò una...

La fretta del Tap nel risiko del gas

Lo scontro tra la Regione Puglia guidata da Michele Emiliano e i vertici della politica romana non sembra riguardare solo l'elezione del nuovo segretario...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube