martedì - 29 Novembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

I guerrafondai spiegano la guerra ai pacifisti di Jeffrey Newman

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Kirk Douglas, Trumbo e JFK: Quando i patrioti di Hollywood resistettero al Deep State

Negli ultimi decenni, salvo poche eccezioni, Hollywood (proprio come gran parte dei media mainstream) è diventata una branca della CIA e del più ampio...

Sull’immigrazione

La guerra elettrica

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,830IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

P: Però
pensavo che numerosi nostri alleati, compreso Israele, fossero in
violazione di un maggior numero di risoluzioni del Consiglio di
Sicurezza che non l’Iraq.


G: Non si tratta solo di risoluzioni dell’ONU. Il punto principale è
che l’Iraq potrebbe avere armi di distruzione di massa, e il primo
segno di una "pistola fumante" potrebbe benissimo essere una nuvola
a forma di fungo sopra New York.

P:
Nuvola a forma di fungo ? Ma io pensavo che gli ispettori sugli
armamenti avessero detto che l’Iraq non aveva armi nucleari.


G: Sì, ma il
problema sono le armi chimiche e biologiche.

P: Ma
io credevo che l’Iraq non avesse alcun missile a lungo raggio per
attaccare noi o i nostri alleati con armi del genere.


G: Il rischio non è
un attacco diretto da parte dell’Iraq, ma piuttosto la rete
terroristica alla quale l’Iraq potrebbe vendere tali armi..

P: Ma
non potrebbe virtualmente qualunque paese vendere materiali chimici e
biologici? Noi stessi ne abbiamo venduti un bel po’ all’Iraq negli
anni ‘80, o mi sbaglio?


G: È una vecchia
storia. Senta, Saddam Hussein è un uomo malvagio che possiede un
innegabile passato di soppressione nei confronti della propria
popolazione sin dagli anni ‘80. Fa uso di gas contro i propri nemici.
Sono tutti concordi sul fatto che sia un pazzo assassino avido di
potere.

P:
Abbiamo venduto materiali chimici e biologici a un pazzo assassino avido
di potere?


G: Il problema non
è ciò che abbiamo venduto, ma piuttosto cosa ha fatto Saddam. È
quello che ha lanciato un attacco preventivo verso il Kuwait.

P: Un
attacco preventivo non sembra una bella cosa. Ma il nostro ambasciatore
in Iraq, Gillespie, non sapeva forse dell’invasione e diede di fatto
la luce verde?


G: Rimaniamo al
presente, d’accordo? Per quanto riguarda oggi, l’Iraq potrebbe
vendere le sue armi chimiche e biologiche ad Al Qaeda. Lo stesso Osama
bin Laden ha diffuso un comunicato audio esortando gli Iracheni a
effettuare attacchi suicidi contro di noi, dimostrando in tal modo una
collaborazione tra i due.

P:
Osama Bin Laden? Lo scopo di invadere l’Afganistan non era quello di
eliminarlo?


G: In realtà, non
c’è la certezza al 100% che quello delle registrazioni sia Osama bin
Laden. Ma la morale che si evince dai nastri è la stessa: potrebbe
benissimo esserci una collaborazione tra Al Qaeda e Saddam Hussein a
meno che noi non agiamo.

P: Si
tratta dello stesso nastro in cui Osama bin Laden definisce Saddam un
laico infedele?


G: Concentrandosi
solo sul nastro sta perdendo il punto. Powell ha presentato prove
sostanziali contro l’Iraq.

P:
Davvero?


G: Sì, ha mostrato
immagini satellitari di una fabbrica di veleni di Al Qaeda in Iraq.

P: Ma
non è saltato fuori che si trattava di un’innocua baracca nella parte
dell’Iraq controllata dall’opposizione curda?


G: E un rapporto
dell’intelligence britannica…

P: Non
era risultato essere la copia di un documento compilato da uno studente
universitario fuori corso?


G: E i rapporti su
laboratori militari mobili…

P: Non
si trattava solo di rappresentazioni artistiche?


G: E i rapporti
sugli iracheni che scappano nascondendo le prove agli ispettori…

P:
Questa versione non era stata smentita dal capo degli ispettori, Hans
Blix?
G: Sì, ma esiste un
mucchio di altre prove schiaccianti che non possono essere rivelate per
non compromettere la nostra sicurezza.

P:
Quindi non esistono prove disponibili al pubblico della presenza di armi
di distruzione di massa in Iraq?
G: Gli ispettori non
sono mica investigatori, non è compito loro trovare le prove. Sta
perdendo di vista il punto.

P:
Allora qual è il punto?
G: Il punto
principale è che stiamo invadendo l’Iraq in quanto la risoluzione
1441 minacciava "serie conseguenze". Se non agiamo, il consiglio di
sicurezza diventerà un’irrilevante circolo culturale.

P:
Dunque il punto principale è sostenere i provvedimenti del consiglio di
sicurezza?
G: Assolutamente…
a meno che non siano contro di noi.

P: E
cosa succede se il consiglio di sicurezza si esprime contro di noi?
G: In tal caso,
dobbiamo guidare una coalizione di volontari per invadere l’Iraq.

P:
Coalizione di volontari? Chi sarebbero?
G: Gran Bretagna,
Turchia, Bulgaria, Spagna e Italia, per cominciare.

P: Mi
sembrava che la Turchia avesse rifiutato di aiutarci a meno che non
pagassimo decine di miliardi di dollari.
G: Nondimeno, adesso
potrebbero essere volontari.

P:
Pensavo che l’opinione pubblica di tutti quei paesi fosse contro la
guerra.
G: L’attuale
opinione pubblica è irrilevante. La maggioranza esprime la propria
volontà eleggendo dei delegati per prendere decisioni.

P:
Dunque sono le decisioni dei leader eletti dalla maggioranza ad essere
importanti?
G: Sì.

P: Ma
George B…
G: Intendo dire,
dobbiamo appoggiare le decisioni dei nostri leader, comunque siano stati
eletti, perché stanno agendo nel nostro migliore interesse. Questo vuol
dire essere un patriota. Questa è la linea di fondo.

P:
Quindi se non appoggiamo le decisioni del presidente, non siamo
patriottici?
G: Non ho mai detto
questo.

P:
Allora cosa sta dicendo? Perché stiamo invadendo l’Iraq?
G: Come ho già
detto, perché esiste la possibilità che abbiano armi di distruzione di
massa che minacciano noi e i nostri alleati.

P: Ma
gli ispettori non sono riusciti a trovare nessuna di queste armi.
G: L’Iraq
ovviamente le sta nascondendo.

P: È
a conoscenza di questo? Come?
G: Perché sappiamo
che aveva le armi dieci anni fa, e ancora non risultano saltate fuori.

P: Le
armi che gli abbiamo venduto, vuole dire?
G: Precisamente.

P: Ma
io pensavo che quelle armi chimiche e biologiche in dieci anni si
degradassero diventando inutilizzabili.
G: Ma c’è una
possibilità che qualcuna non si sia degradata.

P:
Quindi sinché esiste anche una minuscola possibilità che vi siano tali
armi, noi dobbiamo invadere?
G: Esattamente.

P: Ma
la Corea del Nord attualmente possiede una gran quantità di armi
chimiche, biologiche e nucleari utilizzabili, e missili a lungo raggio
che possono raggiungere la costa ovest, e ha espulso gli ispettori sugli
armamenti nucleari, e ha minacciato di trasformare l’America in un
mare di fuoco.
G: Quella è una
questione diplomatica.

P:
Allora perché stiamo invadendo l’Iraq invece di usare la diplomazia?
G: Ma mi sta
ascoltando? Stiamo invadendo l’Iraq perché non possiamo permettere
che le ispezioni si trascinino all’infinito. L’Iraq ha rallentato,
ingannato e negato per oltre dieci anni, e le ispezioni ci costano
decine di milioni.

P: Ma
io credevo che la guerra ci costasse decine di miliardi.
G: Sì, ma non è
una questione di soldi. È una questione di sicurezza.

P: Ma
una guerra preventiva contro l’Iraq non infiammerebbe i sentimenti del
fondamentalismo islamico nei nostri confronti, diminuendo la nostra
sicurezza?
G: Forse, ma non
dobbiamo consentire ai terroristi di cambiare il nostro modo di vivere.
Una volta che lo facciamo, i terroristi avranno già vinto.

P:
Allora qual è lo scopo del Department of Homeland Security, degli
allarmi dai codici colorati, e del Patriot Act? Questi non cambiano il
nostro modo di vivere?
G: Pensavo avesse
domande riguardanti l’Iraq.

P: È
così. Perché stiamo invadendo l’Iraq?
G: Per l’ultima
volta, stiamo invadendo l’Iraq perché il mondo ha richiesto a Saddam
Hussein di disarmare, e lui non l’ha fatto. Adesso deve affrontarne le
conseguenze.

P:
Quindi, allo stesso modo, se il mondo richiedesse a noi di fare
qualcosa, come trovare una soluzione pacifica, noi avremmo l’obbligo
di ascoltare?
G: Per "mondo",
intendevo le Nazioni Unite.

P:
Quindi, abbiamo l’obbligo di ascoltare le Nazioni Unite?
G: Per "Nazioni
Unite", intendevo il Consiglio di Sicurezza.

P:
Quindi, abbiamo l’obbligo di ascoltare il Consiglio di Sicurezza?
G: Intendevo la
maggioranza del Consiglio di Sicurezza.

P:
Quindi, abbiamo l’obbligo di ascoltare la maggioranza del Consiglio di
Sicurezza?
G: Be’… potrebbe
esserci un irragionevole veto.

P: Nel
qual caso?
G: Nel qual caso,
abbiamo l’obbligo di ignorare il veto.

P: E
se la maggioranza del Consiglio di Sicurezza non ci appoggia per niente?
G: Allora abbiamo
l’obbligo di ignorare il Consiglio di Sicurezza.

P: Non
ha alcun senso…
G: Se le piace tanto
l’Iraq, dovrebbe trasferirsi laggiù. O magari in Francia, insieme a
tutti gli altri arrendevoli scimmiotti mangiaformaggio. È il momento di
boicottare il loro vino e i loro formaggi, su questo non c’è dubbio.

P: Io
mi arrendo.

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

MA CHI HA DETTO CHE IL TASER UCCIDE? di Dario D’Elia

Roma - Negli Stati Uniti si è acceso di nuovo il dibattito sui Taser, i dispositivi che con una scarica da 50mila Volt assicurano...

Arsenale della democrazia e fabbrica delle guerre

Ormai comunemente si osserva che l’arsenale della democrazia continua a intervenire con le sue guerre, coinvolgendo i suoi alleati subalterni, per buttare giù soggetti...

La spedizione libica NATO entra in un labirinto

LA SPEDIZIONE LIBICA DELLA NATO ENTRA IN UN LABIRINTODI FAROOQUE CHOWDHURYCountercurrents.orgLa nuova spedizione della NATO è finita. Verrà a “stabilizzarsi” un “nuovo ordine” quando...

Rapporto Oms: il glifosato causa di cancro. Finalmente fine all’insabbiamento.

Da sempre ci occupiamo di OGM e dei rischi altissimi correlati alla loro diffusione, sia per la salute sia per la manipolazione genetica dell'ambiente...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube