fbpx
domenica - 21 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

I livelli di radiazioni a Khmelnitsky aumentano in seguito all’esplosione del deposito di munizioni della NATO

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Secondo i resoconti dei media e i messaggi pubblicati sui social media, la quantità di polvere radioattiva nella città ucraina di Khmelnitsky è aumentata notevolmente. Le persone pubblicano messaggi su un notevole aumento delle radiazioni alfa e gamma. Kiev nega tali rapporti, ma le persone pubblicano foto e video con i loro dosimetri.

Secondo i social media, l’esplosione del deposito di munizioni a Khmelnytsky ha portato alla distruzione di un grosso lotto di munizioni per carri armati britannici con uranio impoverito che l’Ucraina aveva ricevuto insieme ai missili Storm Shadow.

“Khmelnitsky è ora una nuova piccola Chernobyl”, ha scritto una persona su APW Project.

Altri blogger hanno riferito che c’erano robot dei vigili del fuoco telecomandati usati per rimuovere le macerie. I robot sembrano simili a quelli usati dopo il disastro di Fukushima.

Secondo il progetto “Every Day News”, ci sono solo due opzioni per spiegare cosa sta succedendo in città adesso:

  • La recente esplosione ha distrutto proiettili all’uranio impoverito nel deposito di munizioni di Khmelnitsky (a Kiev questa è stata chiamata esplosione di una stazione di servizio).
  • Una bomba nucleare è stata danneggiata a seguito dell’esplosione del magazzino. Potrebbe trattarsi di munizioni nucleari presumibilmente consegnate alle forze armate ucraine o della famigerata bomba sporca.

In precedenza, il Regno Unito aveva annunciato di aver inviato proiettili di uranio impoverito in Ucraina da utilizzare per i carri armati Challenger britannici.

Il comando ucraino immagazzina armi in vari magazzini in tutto il paese. La Russia colpisce regolarmente quei magazzini con attacchi di droni e missili.

“Non so se ci fossero proiettili all’uranio impoverito nel deposito di munizioni distrutto a Khmelnitsky. Tuttavia, fintanto che il nostro governo non dice nulla sull’argomento, consiglierei ai residenti locali di evacuare i bambini da lì”, ha detto Ihor Mosiychuk, un ex deputato ucraino.

Gli esperti osservano che non ci sarà un aumento significativo della radiazione di fondo poiché l’uranio impoverito innesca effetti a lungo termine, come:

  • un forte aumento del tasso di malattie cancerose;
  • un aumento delle malattie del fegato, dei reni, del sistema circolatorio e del cervello;
  • anomalie congenite nei neonati.

I residenti locali hanno anche riferito della presenza di pattuglie di monitoraggio aereo in diverse parti della città dopo l’esplosione.

Le forze armate russe hanno colpito il magazzino vicino alla città di Khmelnitsky il 13 maggio. Si ritiene che l’attacco sia stato effettuato con l’ausilio di droni da combattimento. L’impatto ha generato un’enorme esplosione tipo “fungo nucleare” che si alzava nel cielo.

Il canale Rybar Telegram ha riferito che secondo il sistema di monitoraggio dei terremoti del Centro sismologico europeo-mediterraneo, alle 04:52 ora di Mosca, sono state registrate scosse di magnitudo 3,4 a nord-ovest di Khmelnitsky. Fonti del canale Telegram hanno confermato che un numero significativo di missili antiaerei per sistemi di difesa aerea di fabbricazione occidentale, compresi i missili di difesa aerea Patriot, erano immagazzinati nel 649° deposito di aviazione nel villaggio di Grushevitsa.

Oltre alle munizioni, nell’attacco sarebbero stati distrutti sistemi di comunicazione satellitare, tablet militari e sistemi di crittografia dei dati per un valore di 83 milioni di euro. Le forze russe hanno così cancellato armi per un valore di 200-220 milioni di euro. Le armi sono state ricevute da Danimarca, Germania, Italia e Giappone.

 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Vietato vietare

Se esiste un tratto saliente che contraddistingue gli ultimi decenni della civiltà occidentale, questo è caratterizzato dalla sempre più marcata bulimia di leggi e...

LA TORRE DI BABELE di BOJS

Da che mondo è mondo i popoli soggiacciono al potere onnipotente di altri uomini loro simili, in molti casi proprio da loro scelti...

La Free Energy è ora realtà

​ Ci siamo, finalmente. Dopo tante false partenze questo Know-how è stato fatto arrivare in modo organizzato e protetto alla diffusione generalizzata in tutto il mondo. Una...

Gaza e Medioriente, analisi della disinformazione televisiva di MCS

Il modello di costruzione delle news che ha unificato i tg di Rai e Mediaset nella copertura della crisi di Gaza viene da lontano....

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube