fbpx
martedì - 23 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

I PADRONI DELLE NOTIZIE di Paolo Cortesi

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
Ho conosciuto Giuseppe Altamore in occasione dell’ultimo congresso di Nexus, nel quale eravamo entrambi relatori. Apprezzai la sua pacatezza nell’esporre dati e fatti inquietanti, come il mercimonio di un bene vitale universale qual è l’acqua.

La stessa calma autorevole trovo in questo suo saggio “I padroni delle notizie” (Bruno Mondadori), appena uscito, in cui la materia è tutt’altro che lieve, ma Altamore riesce a trattare un tema scottante con toni misurati (cosa che, devo ammettere, a me costa fatica).
Eppure, come dicevo, il tema è duro e inquietante: le notizie sono ormai diventate una merce, e come tali sono manipolate. Il connubio tra notizie e pubblicità è così stretto che, talvolta, le due cose si confondono.
E’ ovvio, infatti, che i grandi committenti pubblicitari siano determinanti – stavo per scrivere ricattatori…- per un giornale. Se questo pubblicasse, ad esempio, articoli di inchiesta su difetti di un prodotto o sulla politica aziendale a danno dei lavoratori, l’industria coinvolta non porterebbe più neppure un centesimo di pubblicità. E oggi più che mai i giornali non vivono certo grazie alle copie vendute, ma alla pubblicità.
Questo è il vecchio male dei mass media: non sono veramente liberi, perché devono fare i conti con le realtà economiche che assicurano il denaro per la loro esistenza.
Poi c’è la finta informazione che in realtà è pubblicità. Il pezzo giornalistico che all’apparenza vuole fornire notizie su una certa malattia o su uno stile di vita più sano, in effetti non è che una lunga inserzione pubblicitaria occulta.
L’articolo, magari scritto con stile accattivante, che dà ai genitori suggerimenti su come abituare i bimbi alla sacrosanta abitudine di lavarsi i denti non è che la pubblicità ad una linea di dentifrici e spazzolini, di cui con apparente noncuranza si consiglia l’utilizzo.
Gli esempi di falsa informazione che Altamore presenta sono diversi e interessanti (peccato non siano tutti recentissimi); così come sono numerose le sentenze riportate dell’Antitrust che ha punito questi casi di pubblicità occulta.
I metodi che usano le ditte per attirare la benevola attenzione del giornalista sono diversi ma accomunati da un solo elemento: regali. Regali che vanno dal viaggio esotico tutto spesato – come quello organizzato a Santo Domingo da una casa farmaceutica per dare notizia di una nuova pillola anticoncezionale – al simpatico oggettino di valore.
Il regalo è un regalo, dunque non sporca la coscienza di chi non l’ha espressamente richiesto, ma come si dirà male di chi ti ha riservato tanta amorevole attenzione?
Un’altra strategia è se possibile ancora più grave e allarmante: le ditte preparano veri e propri articoli che passano, tout court, a giornalisti i quali, altrettanto tout court, li adottano e li pubblicano. Questo comportamento è addirittura immorale, perché il giornalista abdica alla sua funzione di verifica e di giudizio per annullarsi a puro passacarte. E i risultati sono la decadenza dell’informazione. Altamore ricorda il caso del cosiddetto virus dei polli, che scatenò la solita ondata isterica di terrore a causa di allarmismi indotti, di notizie scorrette, di agenzie stampa manipolate. Il risultato finale fu, oltre al solito decadimento della qualità dell’informazione e della responsabilità morale, l’aumento vertiginoso delle vendite di un medicinale non necessario e pare nemmeno efficace.
Davanti a questa desolante situazione in costante peggioramento, il ruolo della controinformazione si staglia sempre più chiaro e prezioso. Nella civiltà della notizia ingigantita, enfatizzata, manipolata o semplicemente del tutto falsa, l’informazione alternativa è un obbligo morale ed un impegno chiaro e forte per quella nuova classe di giornalisti che vogliono davvero fare ciò che è il loro compito: raccontare fatti, non diffondere propaganda. E opporre fatti alla propaganda di chi vorrebbe la nostra sottomissione culturale, morale, politica.
Certo, non può esistere un giornalismo neutro perché non esiste un modo neutro di vedere il mondo. Ma non deve più esistere un giornalismo che confonde informazione e marketing e che ritiene accettabile una forma, anche se soft, di prostituzione.

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Rivolta fiscale a Trieste: “Non paghiamo più tasse allo Stato italiano”

LA RIVOLTA FISCALE IN ITALIA PARTE DA TRIESTE TRIESTE: I cittadini infuriati si sono uniti ed hanno deciso di sospendere «i pagamenti di tutte le imposizioni...

IL PARLAMENTARE USA:”LEGGE MARZIALE SE IL ‘BAILOUT’ NON FOSSE APPROVATO”

Altro che “moral suasion”. Il modo in cui si è arrivati al voto del Congresso USA sul piano di salvataggio proposto dal Segretario al...

STA PER SCOPPIARE LA BOLLA DEI DERIVATI di Maurizio Blondet

 Triste spettacolo: Henry Paulson, il segretario al Tesoro USA, è andato per quattro giorni in Medio Oriente col cappello in mano, a bussare...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube