mercoledì - 1 Febbraio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

I-PHONE 6? MEGLIO ANTIKYTHERA, IL COMPUTER DELL’ANTICA GRECIA

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Elettrificazione terrestre e 5G: i pericoli spirituali

Fino ad oggi gli autori di controinformazione ben poco si sono occupati del significato “occulto” della tecnologia 5G, cioè dei suoi effetti (o forse...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,210IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

All'inizio del ventesimo secolo nelle acque greche è stato trovato il cosiddetto meccanismo di Antikythera, considerato dagli scienziati contemporanei il predecessore del computer moderno. Permetteva di effettuare i più complicati calcoli astronomici e funzionava, tra l'altro, come regolo calcolatore. Inoltre l'apparecchio è stato costruito con l'impiego di elementi di trasmissione, impiegati nelle automobili moderne e scoperti soltanto nella prima metà del ventesimo secolo.

Vi dice qualcosa il concetto del "meccanismo di Antikythera"? E' una delle più grandi scoperte archeologiche mai fatte sul nostro pianeta!
Il merito va ascritto ad un gruppo di pescatori di spugna greci, che un secolo fa naufragò su un'isola dell'Egeo è scopri un masso nel quale erano incisi circa 20 ingranaggi, assi, tamburi, lancette e tre dischi con scritte e simboli astronomici. Questo bizzarro meccanismo aiutava, probabilmente, gli antichi marinai ad orientarsi in mare aperto tramite il calcolo della latitudine. Inoltre questo gioiello di precisione meccanica permetteva di calcolare i cicli lunari e conteneva una tale quantità di dettagli che a creare qualcosa di simile si è riusciti soltanto 2000 anni dopo. Fate finta di essere nel I secolo a.C., dove si navigava con la galera a remi dell'epoca romana e la società, come noi riteniamo, aveva paura di scostarsi dalla costa della Grecia per perdersi nelle vastità marine. Perciò un tale ritrovamento fu capace di cambiare la nostra percezione del mondo e la cronologia delle scoperte universalmente accettata.
In questa "calcolatrice", come è stato definito il dispositivo dagli scienziati che l'hanno sottoposto ai raggi X, si trovavano quattro piccolissimi dischetti contenenti oltre 2000 incisioni che servivano nello stesso tempo da istruzione e da una breve ricerca dei corpi celesti dell'antichità.
La cosa più sorprendente in tutto ciò è la meticolosa precisione nell'assemblaggio del dispositivo che fa pensare a una produzione in serie con l'utilizzazione di leghe metalliche (poiché sono riusciti a resistere alla corrosione per oltre due millenni).
In altre parole, greci e romani hanno potuto avviare la produzione in serie di un dispositivo che è diventato un tipico elemento dell'equipaggiamento di bordo delle loro navi. Perciò la loro stessa esistenza contraddice la teoria ufficiale di un basso livello di sviluppo delle civiltà greco-romana. Le leve centrali del meccanismo di Antikythera funzionavano alla maniera di trasmissione automobilistica, ossia come una normale scatola di cambio, costruita soltanto nella prima metà del ХХ-esimo secolo!
Dopo le nuove ricerche gli scienziati sono riusciti a trovare una citazione di Cicerone che aveva attribuito la creazione di questo dispositivo ad Archimede. Se questo meccanismo è stato utilizzato per determinare le fasi della Luna e del Sole, per determinare la posizione delle stelle, tralasciando la soluzione degli elementari problemi aritmetici, è considerato l'antico predecessore dei computer moderni. Non aveva lo schermo a cristalli liquidi e la tastiera, ma era in grado lavorare con logaritmi e aveva un'elevata precisione, sopratutto per i campioni di macchinari risalenti al I secolo a.C.
Alla data odierna non è stato trovato alcun dispositivo simile, ma la sua stessa esistenza completa il quadro dell'Antichità dove non solo esistevano calcolatrici ma anche, probabilmente, lampadine elettriche. E cosa dire degli egiziani che dipinsero gli affreschi nelle piramidi con la luce artificiale? Sono stati trovati i disegni nei quali i pittori lavorano insieme con i loro figli sotto la luce dei riflettori.
Ciò significa che il mondo antico ha ereditato tutto ciò da una civiltà più antica, sprofondata sotto Atlantide in seguito a un grandioso cataclisma e che alcuni resti delle sue conoscenze tecniche sono state fatte proprie dalla civiltà egizia, per poi essere copiate da antichi greci e romani?

Da La Voce della Russia, 27 Settembre 2014

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il piano di dominio mondiale degli Stati Uniti d’America

La NATO non è sottomessa al diritto internazionale. Essa è il diritto internazionale. Per questo, sulle rovine e sulla distruzione di popoli, il capitalismo...

Il grande reset sta fallendo?

Una cosa divertente accade quando la cultura aziendale diventa indistinguibile dalla cultura del governo. I governi privatizzati promuovono e conferiscono autorità a quegli individui "ambiziosi"...

DIETRO AL NOBEL PER LA PACE 2009

Se l'assegnazione del Nobel per la pace ha portato un coro di lodi da parte dei leader dell'Alleanza atlantica, ha anche sollevato lo scetticismo...

L’Hiv non esiste. Video-risposta a Nadia Toffa de “Le Iene”

Il Dr. Domenico Mastrangelo, apprezzato ospite e relatore del Convegno "L'Informazione nella Salute e nel Sociale" che si è svolto domenica 20 Marzo a...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube