giovedì - 8 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

I tre tipi di regime-change guidati dagli Usa

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Nuove enormi crepe appaiono nell’edificio dell’Impero

Le fondamenta stesse dell'"Ordine Globale basato sulle Regole" sembrano crollareCome occidentali sappiamo che la nostra forza risiede nell’unità cementata dai nostri valori condivisi. Ma in...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,900IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
Nel corso della lunga e documentata storia degli Stati Uniti che hanno rovesciato illegalmente i governi di terre straniere per costruire un impero globale, sono emerse tre modalità attraverso cui Washington realizza ampiamente il "cambio di regime". 
Dall'alto. Se il leader preso di mira è stato eletto democraticamente e gode di sostegno popolare, la CIA ha lavorato con gruppi d'élite, come i militari, per rovesciarlo (a volte attraverso l'assassinio). Tra i vari esempi c'è il primo colpo di stato sostenuto dalla CIA, il 30 marzo 1949, appena 18 mesi dopo la fondazione dell'agenzia, quando il colonnello dell'esercito siriano Husni al-Za'im rovesciò il presidente eletto, Shukri al-Quwatli. 
La CIA nel 1954 rovesciò il presidente eletto Jacobo Árbenz del Guatemala, che fu sostituito da un dittatore militare. Nel 1961, appena tre giorni prima dell'inaugurazione del presidente John F. Kennedy, il quale era favorevole al suo rilascio, il presidente congolese Patrice Lumumba fu assassinato con l'assistenza della CIA, portando al potere l'uomo forte militare Mobutu Sese Seko. Nel 1973, gli Stati Uniti appoggiarono il generale cileno Augusto Pinochet per rovesciare e uccidere il presidente socialista Salvador Allende, democraticamente eletto, instaurando una dittatura militare, una delle molte in quell'epoca installate dagli Stati Uniti in America Latina sotto l'Operazione Condor. 
Dal basso. Se il governo preso di mira affronta un'autentica agitazione popolare, gli Stati Uniti la fomentano e la organizzano per rovesciare il leader, eletto o meno. Le proteste anticomuniste del 1958-59 a Kerala, India, sostenute localmente dal Partito del Congresso e dalla Chiesa Cattolica, furono finanziate dalla CIA, portando alla rimozione del governo comunista eletto. Il colpo di stato del 1953 in Iran che rovesciò il primo ministro democraticamente eletto Mohammad Mosaddegh fu una combinazione di proteste di strada sostenute dalla CIA (e dall'MI-6) dal basso verso l'alto, e dal clero conservatore e dai militari dall'alto verso il basso per distruggere la democrazia e riportare un monarca sul trono. Il colpo di stato ucraino del 2014, sostenuto dagli USA, è l'ultimo esempio degli Stati Uniti che lavorano con il dissenso popolare genuino per aiutare a organizzare e guidare il rovesciamento, in questo caso, di un presidente eletto certificato dall'OSCE. 
Attraverso l'intervento militare. Se un colpo di stato non è fattibile, gli Stati Uniti fanno ricorso all'intervento militare indiretto o diretto. Uno dei primi esempi fu la forza di spedizione statunitense che invase la Russia nel 1918 durante la guerra civile nel tentativo di aiutare a rovesciare il nuovo governo bolscevico. Più recentemente, nel 1983 l'esercito statunitense invase Grenada per rovesciare un presidente marxista; nel 1989 gli Stati Uniti invasero Panama per rovesciare l'ex risorsa della CIA Manuela Noriega. 
Un'altra operazione ibrida fu il bombardamento della Serbia nel 1999 e il finanziamento del Dipartimento di Stato al gruppo di opposizione Otpor, che portò alla cacciata di Slobodan Milosevic. I più importanti esempi recenti di invasione militare diretta per rovesciare i governi sono state le invasioni guidate dagli Stati Uniti dell'Afghanistan nel 2001 e dell'Iraq nel 2003. L'intervento militare indiretto per procura onde rovesciare i governi è avvenuto nella guerra Contra  contro il Nicaragua del 1980 e la guerra jihadista dal 2011 a oggi per rovesciare il governo siriano. 
 
Non dal nulla
Le sanzioni economiche sono comunemente imposte dagli Stati Uniti in anticipo per "ammorbidire" l'obiettivo. 
Negli interventi non militari, gli Stati Uniti non creano un cambio di regime dal nulla: lavorano con il dissenso preesistente, sia nella popolazione che nei militari o in un altro gruppo d'élite. Lo sfrutta, lo finanzia, lo addestra e lo organizza, ma non lo crea. 
In altre parole, nei cambi di regime che non implicano invasione e occupazione, non è una questione di coinvolgimento degli Stati Uniti o di dissenso genuino. Si tratta quasi sempre di entrambi. 
E a volte un sigaro è solo un sigaro: ci sono rivolte legittime che non vengono prese in mano dagli Stati Uniti perché esse sono contrarie agli interessi dei clienti statunitensi e di Washington: per esempio, la rivolta del 2010 in Bahrain. In questi casi gli Stati Uniti sosterranno il soffocamento del dissenso (come sono pronti a fare anche in patria). 
 
Kazakistan
La settimana scorsa, Consortium News ha pubblicato due articoli sulle rivolte in Kazakistan. Il primo, di Craig Murray, sosteneva che la CIA non fosse coinvolta e che la rivolta era genuina, data la disuguaglianza economica del paese e gli aumenti dei prezzi del carburante che sono stati rapidamente annullati. 
Murray è un ex ambasciatore britannico nel vicino Uzbekistan e conosce l'Asia centrale. Non c'è dubbio che la disuguaglianza, gli aumenti dei prezzi del carburante e decenni di governo autoritario abbiano alimentato le proteste. Ma per la sua stessa natura segreta, è quasi impossibile sapere cosa stia facendo la CIA in qualsiasi parte del mondo fino alla declassificazione dei documenti, di solito decenni dopo, o se un whistleblower o una fuga di notizie emergono prima. 
Comunque, la CIA non aveva bisogno di essere direttamente coinvolta. È noto almeno da un articolo del Washington Post del 1991 che la CIA apparentemente non è più necessaria per un cambio di regime. Dopo le rivelazioni del Comitato Church del 1975 sui suoi crimini e la sua corruzione, la CIA, di fronte a un contraccolpo pubblico, ha fatto ricorso a nuovi metodi. L'istituzione della U.S. National Endowment of Democracy nel 1983 fa apertamente ciò che la CIA faceva una volta in segreto, ha sostenuto il Post. "La vecchia era dell'azione segreta [della CIA] è morta", ha dichiarato il giornalista del Post David Ignatius. 
"Il mondo non gira più in segreto. Ora viviamo nell'era dell'azione occulta. … il trionfo dell'azione occulta [è] una rete di operatori occulti che negli ultimi 10 anni hanno tranquillamente cambiato le regole della politica internazionale. Hanno fatto in pubblico ciò che la CIA faceva in privato – fornendo denaro e sostegno morale ai gruppi pro-democrazia, addestrando combattenti della resistenza, lavorando per sovvertire il dominio comunista. E, in contrasto con molti degli antiquati guerrieri freddi della CIA, che tendevano a rimanere impigliati nelle loro reti di segretezza, questi operatori palesi hanno avuto un immenso successo". 
Ma come il fondatore di CN Robert Parry ha spiegato in un articolo del 2015 ripubblicato oggi su Consortium News, la CIA ha avuto un ruolo diretto nella creazione del NED, anche nella stesura della legislazione del Congresso che ha autorizzato l'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale a finanziarlo con i soldi del governo degli Stati Uniti. La mano continua della CIA doveva essere nascosta nella "Era dell'Azione Manifesta". 
 
Il NED in Kazakistan
Dall'indipendenza del Kazakistan nel 1990, dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica, il paese è stato gestito da un solo uomo, Nursultan Nazarbayev. Anche se si è formalmente dimesso nel 2019 in favore del suo successore, Kassym-Jomart Tokayev, Nazarbayev è ancora il potere dietro il trono. Nursultan, la nuova capitale, è stata intitolata a lui nel 2019. 
Il sistema politico del Kazakistan ha poche caratteristiche democratiche. Non che questo importi molto agli Stati Uniti. Nella sua lunga storia di rovesciamento di governi all'estero, gli Stati Uniti hanno rovesciato dittatori tanto facilmente quanto democratici eletti. È irrilevante. Ciò che conta è se i leader stiano promuovendo o ostacolando gli interessi degli Stati Uniti. 
La mancanza di democrazia non era di alcun interesse per l'ex presidente Bill Clinton e l'ex primo ministro Tony Blair, che entrambi si sono avvicinati a Nazarbayev per lucrosi giorni di paga. Londra e altri centri occidentali hanno pochi problemi ad accogliere investimenti da élite kazake non democratiche. 
La mancanza di democrazia in Kazakistan potrebbe essere utile a Washington. La rabbia della popolazione per essere stata soppressa politicamente ed economicamente è il tipo di materia prima necessaria per guidare un colpo di stato dal basso verso l'alto. 
Nel 2020, il NED ha speso 1.082.991 dollari per 20 programmi in Kazakistan. Uno era di 50.000 dollari per "promuovere la libertà di riunione pacifica" attraverso "controversie strategiche per sostenere gli attivisti che affrontano la repressione". Un altro, per 65.000 dollari, era per "promuovere l'impegno civico tra i giovani in Kazakistan". 
 
Vera rivolta kazaka
Questo denaro è stato versato in un paese con tensioni preesistenti che sono esplose dal 2 all'11 gennaio, lasciando 227 persone morte, 9.900 arrestate e vaste sezioni di centri cittadini saccheggiati e distrutti. 
All'inizio il governo ha cercato di sedare le proteste fissando di nuovo un tetto ai prezzi del carburante, poi si è dimesso e Nazarbayev si è dimesso da presidente del consiglio di sicurezza nazionale. Non ha funzionato. Sono stati emessi ordini di sparare ad altezza d'uomo contro i rivoltosi. 
Alla fine, le truppe russe come parte della missione dell'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva hanno ristabilito l'ordine. In un'analisi delle notizie del 6 gennaio, il capo della redazione Europa orientale del New York Times ha fatto un commento editoriale non firmato: "E una volta che le truppe russe arrivano, raramente, se non mai, tornano a casa". Normalmente ai media corporativi vengono suggerite frasi del genere da funzionari statunitensi senza nome. In questo caso la linea del governo degli Stati Uniti sembrava funzionare al contrario. 
Il giorno dopo il segretario di Stato americano Antony Blinken ha detto: "Una lezione della storia recente è che una volta che i russi sono in casa tua, a volte è molto difficile farli andare via". 
Mosca ha reagito furiosamente, sottolineando che gli Stati Uniti dovrebbero esaminare la loro storia delle invasioni del Vietnam e dell'Iraq. "Se Antony Blinken ama così tanto le lezioni di storia, allora dovrebbe prendere in considerazione quanto segue: quando gli americani sono in casa tua, può essere difficile rimanere vivi e non essere derubati o stuprati", ha detto il ministero degli esteri. 
Le truppe russe e di altri CSTO hanno lasciato il Kazakistan mercoledì. 
 
Interessi degli Stati Uniti in Kazakistan
Installare un governo ostile alla Russia e alla Cina, che confinano entrambe con il Kazakistan, sarebbe vantaggioso per gli Stati Uniti. Potrebbe interrompere l'iniziativa cinese delle vie della seta attraverso il paese e gli Stati Uniti potrebbero installare una base militare in Kazakistan. Da aprile gli Stati Uniti stanno cercando di trovare un paese dell'Asia centrale per una base onde aumentare la pressione di accerchiamento sulla Russia. Ci sono anche giacimenti di petrolio e gas che li attendono. 
Nonostante tali interessi, il secondo articolo che Consortium News ha pubblicato la scorsa settimana consigliava agli Stati Uniti di stare fuori dal Kazakistan. Dicendo che non c'erano prove del coinvolgimento degli Stati Uniti nelle proteste, Anatol Lieven ha scritto: 
"Qualora il governo kazako crollasse o rimanesse gravemente indebolito, sarebbe molto sorprendente se elementi della linea dura a Washington non vedessero questo come un'opportunità per usare il Kazakistan come base per minare il dominio cinese nel Sinkiang – anche se (come in Siria) questo li portasse ad un'alleanza de facto con le forze estremiste islamiche. 
Per l'America usare il Kazakistan in questo modo sarebbe sia un crimine che un errore, che ricorderebbe i peggiori aspetti della politica statunitense in Africa, Asia e America Centrale durante la Guerra Fredda. Di fatto metterebbe l'America nel ruolo in cui i commentatori americani amano mettere la Russia – quello di un cinico piantagrane, assolutamente indifferente alle conseguenze delle sue azioni per le sfortunate popolazioni sul campo". 
 
Prove indiziarie delle cause
In realtà gli Stati Uniti non erano coinvolti nella rivolta, come sostiene Lieven? 
Secondo il presidente russo Vladimir Putin, "Gli eventi in Kazakistan non sono il primo e lungi dall'essere l'ultimo tentativo di interferire negli affari interni dei nostri stati dall'esterno". Ha detto agli altri leader del CSTO il 10 gennaio: "Le misure prese dal CSTO hanno chiarito che non permetteremo a nessuno di destabilizzare la situazione a casa nostra e di attuare i cosiddetti scenari da 'rivoluzione colorata'". 
Putin ha anche detto: "Elementi di forza e di supporto informativo delle proteste sono stati utilizzati attivamente, e sono stati utilizzati anche gruppi ben organizzati e ben controllati di militanti … compresi quelli che erano stati ovviamente addestrati in campi terroristici all'estero". 
La possibile presenza di jihadisti ha fatto seguito alla notizia che un poliziotto kazako era stato decapitato. 
Il governo kazako aveva una visione leggermente diversa, secondo il corrispondente di lunga data da Mosca Fred Weir, che scrive sul Christian Science Monitor
"I leader kazaki hanno offerto una spiegazione diversa, indicando traditori interni di alto livello che hanno utilizzato il pretesto dell'aumento dei prezzi per scatenare le proteste, poi hanno sguinzagliato unità armate appositamente addestrate nel tentativo di organizzare un colpo di stato. Almeno un ex funzionario di alto livello, il capo dei servizi di sicurezza recentemente licenziato, Karim Masimov, è stato arrestato e accusato di complotto contro lo stato. 
Altri esperti notano che nessun movimento ha rivendicato la responsabilità della rivolta, e nessun insieme di richieste unificate o leader riconoscibili è emerso dai disordini. Questa circostanza altamente insolita è difficile da far quadrare con una ribellione organizzata, ha detto al Monitor da Almaty lunedì Galym Ageleulov, capo del gruppo indipendente per i diritti umani Liberty. 
"Penso che quello che è successo sia stato un pacifico incontro civile di persone che sono stanche del governo autoritario, che è stato usato dalle élite nelle loro lotte interne", dice. "È stata una rivolta spontanea senza leader, perché non c'è un'opposizione legale consentita, e l'attivismo civile non è in grado di crescere"… 
"Ci sono tutti gli elementi: tensioni socioeconomiche, elementi di interferenza esterna, e un trasferimento di potere mezzo completato dall'anziano autocrate Nazarbayev al suo successore scelto" Tokayev, dice [Fyodor Lukyanov, un importante analista russo di politica estera]. "È noto che alcuni gruppi dietro Nazarbayev non erano contenti della sua scelta. C'è la sensazione tra molti osservatori che non sia stato uno sfogo puramente spontaneo". 
Normalmente nelle operazioni di cambio di regime, gli Stati Uniti hanno un leader in esilio pronto per essere installato. Mukhtar Ablyazov, leader della Scelta Democratica del Kazakistan, è in esilio a Parigi. Dice che non ha accettato denaro occidentale, ha chiesto sanzioni occidentali, che non sono arrivate, e ha incoraggiato quella che ha chiamato la rivoluzione in corso nel suo paese. Ha affermato che la Russia stava "occupando" il Kazakistan, per poi vedere la fine della rivolta e la partenza delle truppe russe. 
Le decapitazioni, la natura organizzata della rivolta, il sequestro dell'aeroporto, il finanziamento della NED e il leader in esilio sono tutte prove circostanziali di un possibile coinvolgimento degli Stati Uniti. Molti commentatori sui social media e su questo sito hanno sostenuto che se cammina come un'anatra, deve essere un colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti. 
Ma il giornalismo deve attenersi ad uno standard probatorio più alto. CN critica giustamente i media corporativi di riportare senza scetticismo funzionari dell'intelligence statunitense senza nome. Lo scetticismo deve essere applicato anche quando gli Stati Uniti sono accusati di essere coinvolti in un colpo di stato. Le prove indiziarie non sono sufficienti. Anche in una "Age of Overt Action" è necessaria una pistola fumante, che di solito arriva con la declassificazione dei documenti che ha dimostrato la tesi del cambio di regime degli Stati Uniti. 
Nel 2014 in Ucraina, c'era anche la prova indiziaria del coinvolgimento del NED. L'allora vicesegretario di Stato americano per gli affari europei ed eurasiatici Victoria Nuland disse alla Fondazione U.S.-Ucraina il 13 dicembre 2013, che Washington aveva speso 5 miliardi di dollari in un decennio per sostenere le "aspirazioni europee" dell'Ucraina, in altre parole per allontanarla dalla Russia. 
Ma c'era anche una pistola fumante. È arrivata sotto forma di una telefonata trapelata tra Nuland e l'allora ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina, in cui hanno discusso su chi sarebbe stato il nuovo leader ucraino, settimane prima del colpo di stato. 
In Kazakistan, nonostante le prove indiziarie, finora non c'è una pistola fumante. Pertanto la questione se ci sia stato un coinvolgimento diretto e decisivo degli Stati Uniti nella rivolta kazaka deve rimanere non conclusivo. 
 
(Joe Lauria è caporedattore di Consortium News ed ex corrispondente dalle Nazioni Unite per il Wall Street Journal, il Boston Globe e numerosi altri giornali. È stato un reporter investigativo per il Sunday Times di Londra e ha iniziato il suo lavoro professionale a 19 anni come freelance per il New York Times.) 
 
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Come la stampa censura le notizie su crimini degli immigrati. In Germania (e in Italia?)

Germania: media e polizia censurano le notizie sugli stupri degli immigratiBerlino, 22 nov – Ormai le cifre sono più che drammatiche. Gli stupri del...

LA MINACCIA IRANIANA ALL’AMERICA, BOMBA O EURO? del Dr. Elias Akleh

No, il vero pericolo è rappresentato dal suo tentativo di modificare il sistema economico mondiale utilizzando il petro-euro al posto del petro-dollaro. Un tale cambiamento viene considerato,...

La mia grossa, grassa guerra mondiale

Una "Terza Guerra Mondiale" combattuta "a pezzi", tra chi vorrebbe un mondo in fiamme e chi si prodiga a portare acqua. E nel mezzo,...

Attentato di Fiumicino, 1985: le incredibili analogie con l’omicidio Regeni

Un tratto saliente della società “moderna e liberale” è l’assenza di qualsiasi profondità storica: la cognizione del passato non si spinge oltre i tre...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
A causa di motivi organizzativi ci vediamo costretti a posticipare la data del seminario con il dott. Tancredi Militano prevista per domenica 11/12/22. Le...

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube