fbpx
sabato - 25 Maggio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

I veri “ossimori” siamo noi

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Ossimoro è una parola che si usa per descrivere un'espressione nella quale appaiono due concetti opposti, inconciliabili fra di loro. Letteralmente, il termine deriva dal greco hoxys, che significa "acuto" e moròs, che significa "stupido". In altre parole, un ossimoro è qualcosa di acutamente stupido.

Fatta questa premessa, possiamo constatare che la bagarre attualmente in corso per l'elezione del presidente della Repubblica sia un festival quasi infinito di ossimori clamorosi.

Ossimoro numero 1: tutti gli esponenti dei partiti, a partire da PD e Forza Italia, dicono che "bisogna trovare un candidato che sia espressione della più ampia maggioranza possibile", ma poi stanno già pensando di votare scheda bianca alle prime tre tornate, perché evidentemente sanno già che il quorum dei due terzi è impossibile da raggiungere. 

Ossimoro numero 2: tutti gli esponenti dei partiti, a partire da PD e Forza Italia, sostengono che "bisogna trovare un candidato che sia super partes, che sia un arbitro e non un giocatore", ma poi i nomi che circolano sono soltanto quelli di persone che sarebbero chiaramente di parte. Tant'è vero che in realtà stanno cercando un candidato che "vada bene" sia a Berlusconi che a Matteo Renzi – senza scontentare nè Bersani nè Alfano – altrimenti non se ne fa nulla.

Ossimoro numero 3: questo è l'ossimoro più splendido in assoluto, poiché è tutto concentrato nelle tre parole con cui viene espresso (sia da FI che dal PD): "No ai veti". Pensateci per un attimo, e ditemi se non siamo dalle parti di "ghiaccio bollente", "urlo silenzioso", oppure "copia originale".

Con una differenza però: nell'ossimoro classico la "stupidità" dell'accostamento viene attribuita alla frase stessa, mentre nel caso delle elezioni presidenziali gli "acutamente stupidi" siamo tutti noi che cerchiamo di stare dietro a questa ondata di demenza torrenziale.

Fonte: luogocomune.net

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Le tre regine dell’uomo-razzo

“Il segreto del mio successo è che in qualche modo sono riuscito sempre a vivere tanto da poter volare ancora un giorno.” Queste le parole...

Obama e la riforma sanitaria negli USA – di Raffaele Sciortino

La riforma sanitaria di Obama è dunque passata, anche se non proprio liscia, alla Camera. Il commento più puntuale è forse quello dello stesso...

Perchè un contadino medievale aveva più tempo libero di te

La vita per il contadino medievale non era certo una scampagnata. La sua vita era segnata dalla paura della carestia, della malattia e dai...

Il delirio della Troika è irreversibile

di Francesco De Palo Articolo tratto da www.ilfattoquotidiano.it “Evacuate le isole con meno di centocinquanta abitanti”, firmato troika. Nel sessantottesimo anniversario della liberazione di Atene dai nazifascisti...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube