lunedì - 30 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Il B-21 Raider americano e perché l’Occidente non può “spendere” è davvero al di fuori dell’Ucraina

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Il produttore di armi statunitense Northrop Grumman ha recentemente presentato il suo nuovo bombardiere stealth, il B-21 Raider. Non avendo ancora volato e fronteggiando al momento un’ampia revisione critica del progetto, non entrerà in servizio nell’immediato futuro.

Si stima che il B-21 Raider costerà circa 753 milioni di dollari USA per aereo, una somma significativa per un velivolo che gli esperti sembrano ritenere avrà capacità tutt’altro che significative.

Nonostante la spettacolare cerimonia che circonda la sua inaugurazione e le affermazioni secondo le quali serve “come parte della risposta del Pentagono alle crescenti preoccupazioni su un futuro conflitto con la Cina”, secondo un articolo di NPR, anche i suoi sostenitori in Occidente sembrano non avere fiducia che il nuovo velivolo stealth possa eludere le difese aeree integrate di nazioni come la Russia e la Cina.

Il B-21 Raider è in definitiva un esempio di come, nonostante gli Stati Uniti spendano più dei rivali, non possieda alcun vantaggio reale o, in questo caso, al di sopra del campo di battaglia.

Analisti occidentali sulle capacità del B-21 Raider 

The National Interest in un articolo intitolato “Stealth vs. Missiles: Who Wins When Russia’s S-400 Takes On America’s New B-21 Raider?”, tenta di giustificare l’enorme quantità di denaro investita nel nuovo velivolo.

Afferma:

Una nuova generazione di tecnologia stealth viene perseguita con un senso di urgenza, alla luce della rapida modernizzazione globale delle nuove tecnologie di difesa aerea di costruzione russa e cinese; i progressi nell’elaborazione dei computer, nella tecnologia di rete digitale e nei sistemi di puntamento ora consentono alle difese aeree di rilevare anche gli aerei invisibili con un’efficacia molto maggiore.

Le armi di difesa aerea S-300 e S-400 costruite in Russia, ritenute da molti tra le migliori al mondo, sono in grado di utilizzare la tecnologia digitale per mettere in rete i “nodi” tra loro onde passare i dati di tracciamento e targeting su vaste aree di terreno. Le nuove difese aeree utilizzano anche una tecnologia avanzata di comando e controllo per rilevare gli aerei su uno spettro di frequenze molto più ampio rispetto ai sistemi precedenti.

Questa tendenza tecnica ha acceso dibattiti globali sul fatto che la stessa tecnologia stealth possa diventare obsoleta. “Non così in fretta”, afferma un recente saggio del Mitchell Institute – “The Imperative for Stealth” – che sostiene ampiamente la continua necessità di piattaforme stealth avanzate.

Il Mitchell Institute, non sorprende, è finanziato da un grande consorzio di produttori di armi occidentali, comprese società come Lockheed Martin, profondamente impegnate nella vendita di piattaforme stealth al Pentagono, il che mette in discussione la veridicità delle loro conclusioni sull’argomento.

L’articolo di The National Interest espone l’argomentazione che l’istituto propone per il B-21 Raider, affermando:

Data la maggiore minaccia creata dalle difese aeree all’avanguardia e il riconoscimento che i velivoli stealth sono effettivamente molto più vulnerabili rispetto a quando sono emersi per la prima volta, gli sviluppatori dell’Air Force vedono sempre più la capacità stealth come qualcosa che include una varietà di parametri chiave. 

Ciò include non solo la configurazione stealth, la soppressione IR e i materiali che eludono il radar, ma anche altri elementi importanti come le difese “jamming” della guerra elettronica, l’operare in condizioni meteorologiche avverse per abbassare la firma acustica e il condurre attacchi in tandem con altri velivoli meno furtivi probabilmente per attirare l’attenzione dei sistemi di difesa aerea nemici.

L’articolo conclude affermando che la US Air Force preferisce riferirsi alle capacità stealth semplicemente come “una freccia nella faretra degli approcci necessari per sconfiggere le moderne difese aeree”.

In realtà, mentre le capacità stealth possono essere utili se possono essere integrate praticamente ed economicamente nel progetto di un aereo, è ovvio anche secondo gli analisti occidentali che quest’ultimo non vale il prezzo di oltre 700 milioni di dollari USA che viene fornito con il B-21 Raider.

Gli aerei convenzionali che sparano munizioni di precisione a lungo raggio ben al di fuori della portata dei sistemi di difesa aerea e degli aerei nemici sono altrettanto in grado di effettuare attacchi in sicurezza, forse di più, rispetto agli aerei stealth che volano in spazi aerei ben difesi. In effetti, gli analisti occidentali sembrano implicare che è proprio così che verrà impiegato il B-21 Raider.

Vale la pena notare che nazioni come Israele e gli Stati Uniti che possiedono velivoli stealth come l’F-35 o l’F-22, quando operano in zone di conflitto come la Siria, preferiscono ancora effettuare attacchi a distanza piuttosto che rischiare il loro aereo stealth volando in uno spazio aereo conteso.

Articoli come “Israel Shifts To Standoff Weapons In Syria as Russian Threats Increase” di Breaking Defense ammettono che nonostante possiedano capacità stealth, gli attacchi standoff sono preferiti per ridurre al minimo il rischio che velivoli così costosi vengano rilevati e possibilmente distrutti dai sistemi avanzati di difesa aerea russa.

Se questo è il caso degli aerei F-35 e F-22, molto probabilmente sarà il caso del B-21 Raider, ancor di più considerando il suo prezzo astronomico.

B-21 Raider, un esempio del perché spendere troppo non equivale a surclassare

Un articolo del novembre 2022 pubblicato dal think tank finanziato dal governo e dall’industria degli armamenti degli Stati Uniti, il Center for European Policy Analysis (CEPA), intitolato “Agli Stati Uniti sconfiggere la Russia sta costando noccioline”, tenta di convincere i lettori che gli Stati Uniti e i loro alleati alla fine prevarranno nel loro conflitto per procura in Ucraina contro la Russia semplicemente spendendo più di Mosca.

L’articolo sostiene:

Come può la Russia sperare di vincere una corsa agli armamenti quando il PIL combinato dell’Occidente è di $ 40 trilioni e la sua spesa per la difesa pari al 2% del PIL supera di gran lunga $ 1 trilione se si considera lo sproporzionato contributo alla difesa degli Stati Uniti?

La logica di base, tuttavia, suggerisce che ciò che è più importante è “come” viene speso il denaro piuttosto che “quanto”.

Il B-21 Raider è un perfetto esempio di questo punto cruciale. Al prezzo di un singolo Raider B-21, la Russia potrebbe costruire una flotta di aerei e grandi quantità di armi guidate di precisione a lungo raggio necessarie per lanciare salve multiple contro obiettivi nemici in uno spazio aereo ben difeso. Gli aerei convenzionali che sparano munizioni convenzionali da grandi distanze saranno al sicuro dalle difese aeree nemiche senza la necessità di costose capacità stealth. E mentre alcune delle munizioni sparate in queste salve saranno inevitabilmente intercettate dalle difese aeree nemiche, molte altre troveranno i loro bersagli.

Per le guerre di logoramento, che sembrano essere il tipo di conflitto che gli Stati Uniti affrontano in Ucraina e che probabilmente affronteranno altrove mentre si sposta dal prendere di mira nazioni in via di sviluppo impoverite e scarsamente difese al condurre una guerra per procura contro concorrenti pari o quasi, la quantità si sta dimostrando una qualità in sé e per sé.

Questo è un fatto che non è sfuggito agli analisti occidentali. Un rapporto del Royal United Services Institute (RUSI) intitolato “Lezioni preliminari nel combattimento di guerra convenzionale dall’invasione russa dell’Ucraina: febbraio-luglio 2022”, ammetterebbe:

La guerra richiede grandi scorte iniziali e una significativa capacità inutilizzata. Evidentemente, nessun paese della NATO, a parte gli Stati Uniti, ha scorte iniziali di armi sufficienti per la guerra o la capacità industriale per sostenere operazioni su larga scala. Questo deve essere corretto se la deterrenza deve essere credibile ed è ugualmente un problema per la RAF e la Royal Navy.

Nel frattempo il Financial Times nel suo articolo, “Informazioni militari: la guerra in Ucraina espone la ‘dura realtà’ della capacità di armi dell’Occidente”, ammetterebbe:

Dopo aver inviato più di 40 miliardi di dollari di supporto militare all’Ucraina, per lo più da scorte esistenti, i ministeri della difesa dei membri della NATO stanno scoprendo che le linee di produzione di armi dormienti non possono essere riattivate dall’oggi al domani. L’aumento della capacità richiede investimenti, che a loro volta dipendono dalla garanzia di contratti di produzione a lungo termine.

L’articolo afferma inoltre:

Ci sono due ragioni principali per cui le nazioni occidentali stanno lottando per procurarsi nuovi rifornimenti militari, hanno affermato funzionari della difesa e dirigenti aziendali. Il primo è strutturale. Dalla fine della guerra fredda, questi paesi hanno raccolto un dividendo di pace tagliando le spese militari, ridimensionando le industrie della difesa e passando a una produzione snella, “just-in-time” e a scorte basse di attrezzature come le munizioni. Questo perché combattere insorti e terroristi non richiedeva lo stesso tipo di armi pesanti necessarie nei conflitti terrestri ad alta intensità.

Il secondo fattore è burocratico. I governi affermano di essere impegnati in maggiori budget per la difesa. Tuttavia, in mezzo a tanta incertezza economica, sono stati lenti a firmare i contratti di approvvigionamento pluriennali di cui i gruppi della difesa hanno bisogno per accelerare la produzione.

Chiaramente, il programma B-21 Raider non si adatta alla realtà che emerge dai combattimenti in Ucraina.

In sostanza, nonostante le somme gigantesche che l’Occidente ha investito nella difesa, ha investito – indubbiamente – molto male. Invece di investire nelle linee di produzione e nelle enormi quantità di armi e munizioni da esse prodotte necessarie per combattere conflitti su larga scala, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno investito miliardi se non trilioni in programmi di armi come l’F-35 e il B-21 che non svolgono i loro compiti meglio delle loro controparti russe e cinesi, molto più economiche e numerose.

Gli analisti occidentali ammettono che anche se riuscissero a convincere gli appaltatori della difesa – che stanno dando la priorità ai profitti piuttosto che allo scopo – ad aumentare la produzione e soddisfare i requisiti richiesti dalla guerra per procura degli Stati Uniti in Ucraina, potrebbero volerci anni per farlo.

Pertanto, tra il B-21 Raider e gli eventi che si stanno svolgendo in Ucraina, è chiaro che la Russia e la Cina non hanno bisogno di spendere più degli Stati Uniti e dei suoi alleati, ma devono semplicemente superarli in astuzia in termini di come spendono per la difesa. È un processo su cui sia la Russia che la Cina hanno un vantaggio e anche uno del quale entrambe godono di vantaggi strutturali nel mantenere.

Fonte originale: https://journal-neo.org/2022/12/13/america-sb-21-raider-and-why-the-west-can-t-spend-it-s-way-out-of-ukraine/

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Rings of Fire (parte II)

Rings of Fire (Parte II): un breve (e postumo) reportage su una Scoperta Sensazionale, però mai fattadel Dr Paolo C. Fienga – Lunar Explorer...

L’ergastolo lavorativo

Un estratto dell'articolo di Paolo Cortesi pubblicato sul n.4 di PuntoZero, che potete trovare in edicola o presso il nostro shop (clicca qui). Buona…...

Il Times e Berlusconi: macché Noemi – di Paolo Barnard

Che il Times di Londra arrivi a scrivere un editoriale dove chiama il capo di governo di un Paese europeo “clown” e “buffone sciovinista”,...

“Chiesa povera” con un capo milionario?

“Chiesa povera” con un capo milionario?Tutti ricordano che Bergoglio/Francisco ha iniziato il suo pontificato annunciando e insistendo che la sua intenzione era quella di...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube