fbpx
venerdì - 1 Marzo, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Il capo revisore dei conti del Vaticano afferma di essere stato perquisito e cacciato via per aver scavato troppo a fondo

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Nexus New Times # 161

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

L’ex revisore dei conti del Vaticano, Libero Milone, afferma di essere stato perquisito dai gendarmi nel giugno del 2017, dopo di che è stato accusato di spiare i massimi cardinali vaticani.

“Ora devi confessare”, glihanno chiesto, secondo Milone, che dice di aver firmato i documenti di dimissioni invece di affrontare un periodo di detenzione in una prigione vaticana, riporta il NY Times.

Dalla sua cacciata, il Vaticano – che è stato per decenni afflitto da scandali finanziari (e di pedofilia) – ha tentato di ripulire il suo atto. Il cardinale Giovanni Angelo Becciu – che Milone è stato accusato di spiare (e, secondo Milone, era dietro la sua cacciata), è stato lui stesso cacciato dalla sua posizione da papa Francesco, ed è ora processato in Vaticano per appropriazione indebita e abuso d’ufficio in connessione con un losco affare immobiliare londinese da 135 milioni di dollari.

Milone, tuttavia, è tornato sotto i riflettori dopo che il Vaticano ha riaperto un’indagine penale contro di lui in quello che sostiene essere un tentativo di farlo andare via dopo aver intentato una causa contro la Segreteria di Stato vaticana, il suo dipartimento più potente, e l’attuale revisore dei conti generale.

“Tutte queste cose sono state riferite al papa. Non stavo spiando. Stavo facendo il mio lavoro “, ha detto.

“Non sapevo che avrei trovato cardinali che si mettevano soldi in tasca, ma così è stato. E gliel’ho detto”, ha affermato riferendosi a papa Francesco.

Nella loro causa, il signor Milone, l’ex amministratore delegato di Deloitte & Touche Italia, e un collega revisore dei conti, Ferruccio Panicco, che incolpa il Vaticano di aver contribuito all’avanzamento del suo cancro alla prostata e di avergli ridotto la durata della vita confiscando e trattenendo le sue cartelle cliniche, chiedono circa nove milioni di euro di danni. Dicono che il Vaticano abbia rescisso ingiustamente i loro contratti, infangato la loro reputazione professionale e sostanzialmente li ha inseriti nella lista nera in Italia, dove, ha detto il signor Milone, “Non puoi metterti di traverso al Vaticano”. -NYT

Secondo la causa di Milone, il Vaticano è un “nido di vipere” di illeciti finanziari, ipocrisia e un “regno del terrore” da parte di spie interne ai gendarmi. Inoltre, la denuncia delinea come i funzionari vaticani si arricchiscano o si appropriano indebitamente di fondi per migliorare i propri appartamenti.

Milone afferma che papa Francesco è passato dall’esigere presentazioni PowerPoint personali in merito alle sue scoperte, all’ignorarlo quando la burocrazia vaticana “gli ha avvelenato l’orecchio” e, infine, a “chiedere direttamente” che fosse licenziato.

L’auditor licenziato dice che stava semplicemente facendo il lavoro per cui era stato assunto.

In un caso, i revisori dei conti hanno scoperto che alcuni dipartimenti vaticani conservavano lingotti e monete d’oro, tuttavia hanno affermato di aver “perso le chiavi” quando è stato chiesto di inventariarle. Nel frattempo, il dipartimento vaticano incaricato degli immobili di proprietà della chiesa ha ripetutamente cercato di bloccare le sue indagini e ha persino nascosto i documenti finanziari, dice Milone.

Ha anche accusato i cardinali, che per ora ha rifiutato di nominare ma che l’avrebbe fatto se il suo caso fosse andato in giudizio, di intascarsi decine di migliaia e talvolta centinaia di migliaia di dollari della chiesa. Ha detto di aver scoperto che un cardinale ha ricevuto 250.000 euro in donazioni che teneva in una borsa della spesa di plastica nel suo ufficio. Il prelato ha depositato ulteriori 250.000 euro, ha affermato per sbaglio, sul proprio conto personale piuttosto che sul conto del dipartimento vaticano da lui diretto. Il signor Milone informò Francesco, che era furioso, e gli ordinò di dire al cardinale che era stato beccato, disse. -NYT

“Questa persona è diventata rossa. ‘Comunque nel mio paese posso fare quello che mi pare'”, ha detto il cardinale ladro, che alla fine ha restituito i soldi.

Milone dice che il cardinale Becciu ha piazzato prove che sono state scoperte nella perquisizione del 2017, dopo che il capo della gendarmeria “sapeva esattamente dove guardare”, come “un segugio”.

“È stato fatto tutto deliberatamente per tirarmi fuori quando nel marzo 2016 hanno deciso che ero un pericolo perché stavo facendo troppe domande”, ha detto.

Nel 2018, il procuratore capo del Vaticano ha affermato che non c’erano indagini contro Milone, contraddicendo una dichiarazione del 2017 secondo cui lo stavano indagando da più di sette mesi per presunto spionaggio e appropriazione indebita di fondi per i propri interessi.

Nel 2019, Milone dice che il cardinale Parolin lo aveva informato che il suo caso era stato chiuso da Francesco.

Quando ha cercato di vedere le prove raccolte contro di lui, il procuratore capo del Vaticano ha risposto in una lettera del gennaio 2020 che non aveva “diritto” di vedere le informazioni, rifiutando la sua richiesta.

Ora il Vaticano ha alzato il sigillo, ma invece di condividere le informazioni con Milone, hanno riaperto un’indagine penale contro di lui .

Vogliono minacciarmi“, ha detto, sostenendo che il Vaticano stava usando prove “chiaramente false”, inclusi documenti falsi datati mesi prima ancora che venisse assunto per il suo lavoro.

Milone ei suoi avvocati si dicono pronti a combattere in tribunale, anche se i pronostici sono contro di loro.

Fonte originale: https://www.zerohedge.com/political/vatican-chief-auditor-says-he-was-raided-and-forced-out-digging-too-deep

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Obama e la riforma sanitaria negli USA – di Raffaele Sciortino

La riforma sanitaria di Obama è dunque passata, anche se non proprio liscia, alla Camera. Il commento più puntuale è forse quello dello stesso...

Come impedire all’IA di riconoscere il tuo viso nei selfie

Caricare foto personali su Internet può sembrare poco importante. Chi altro avrà accesso ad esse, cosa ci faranno  e quali algoritmi di apprendimento automatico...

I tre tipi di regime-change guidati dagli Usa

Nel corso della lunga e documentata storia degli Stati Uniti che hanno rovesciato illegalmente i governi di terre straniere per costruire un impero globale,...

Luc Montegnier e le prossime rivoluzioni nella biofisica ottica

L'8 febbraio 2022, il dottor Luc Montagnier, virologo vincitore del premio Nobel, è morto. Sin dai primi momenti dell'apparizione di COVID-19, Montagnier è stato diffamato...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube