fbpx
mercoledì - 19 Giugno, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

IL CODICE DA VINCI di Paolo Cortesi

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:


Il romanzo di Dan Brown è intrigante e ben fatto. Sarebbe ridicolo tentare di demolirlo: oltre trentacinque milioni di copie vendute in tutto il mondo esigono un commento più articolato di “è un brutto libro”.

Che lo stile possa non convincere lettori di palato fino è più che ragionevole. Il codice da Vinci è scritto con un occhio rivolto al cinema; non per niente, il film della Columbia Pictures è molto fedele al testo. Chi cercasse alta letteratura nelle pagine del docente universitario (e cantante mancato) sarebbe pesantemente deluso. Il Codice è esattamente il tipo di libro che le scuole di scrittura statunitensi insegnano a scrivere.

Il meccanismo narrativo, la trama, l’intreccio funzionano. Ma funzionano come i migliori feuilletons di fine Ottocento: colpi di scena al limite dell’inverosimile, agnizioni, svelamenti, trucchi, minacce ed enigmi. Nulla di davvero inedito, dunque, nel Codice; ma tutto abilmente confezionato per una lettura che moltissimi hanno trovato avvincente; so di persone che hanno divorato il romanzo in uno, due giorni; lettrici che l’hanno posato solo dopo aver letto l’ultimo rigo dell’ultima pagina.

Tutto questo non può essere snobisticamente trascurato o negato. Un romanzo, ricordiamolo, ha un solo scopo primario: esiste per essere letto dal maggior numero di persone. E se le filastrocca di Pierino-che-fa-la-cacca, o il libretto delle barzellette del calciatore vendono centinaia di migliaia di copie, a malincuore occorre riconoscere che si tratta di libri riusciti.

Ciò che ancora sbalordisce è il clamore estremo che la storia di Brown ha suscitato. E ciò che inquieta ancora di più è il livore con cui parti del mondo cattolico hanno reagito al Codice.

Preti e devoti si sono sentiti in dovere di precisare, con durezza da pedagoghi inflessibili e pignoli, che ciò che sta scritto sul romanzo è falso e anche un po’ schifosetto…

C’è da credere che in altri (per loro, bei) tempi, qualcuno avrebbe fatto una brutta fine: galera, tortura, gogna o rogo venivano inflitti, dagli zelanti sedicenti seguaci del Cristo, per molto meno.

Quello che si legge nel Codice non è affatto nuovo: chi frequenta la storia alternativa, la controinformazione e gli studi non ortodossi conosceva da almeno vent’anni le teorie che stanno alla base del romanzo browniano. L’ipotesi che Cristo avesse avuto figli non nasce nel marzo 2003 con la pubblicazione in Usa di The Da Vinci Code, ma verso la seconda metà degli Anni Sessanta, e ad opera di un francese, Pierre Plantard.

Il parigino Plantard (1920-2000) è stato un curioso, inquietante, ambiguo personaggio; qualcosa che qui in Italia si sarebbe detto “faccendiere”. Collaborazionista durante la Francia di Vichy, cercò fortuna millantando origini nobilissime, anzi regali, come capo supremo di un’organizzazione segreta e quasi onnipotente: il Priorato di Sion.

Non è qui possibile raccontare la storia nei dettagli, occorrerebbe ben più di un articolo. Basterà dire che l’idea di una filiazione diretta di Gesù nasce in questo ambito, e Plantard voleva far credere di essere lui discendente della sublime casata, che in Francia fu la dinastia dei Merovingi, di cui lui, Plantard, faceva parte e, perciò, era il solo pretendente legittimo al trono francese.

Delirio di grandezza, strafalcioni storici e vere e proprie falsità, uno spruzzata di occultismo, tanta reticenza stile “lo so ma non lo dico”, ecco: tutto questo ha creato una letteratura mitologica che è ormai consolidata e, come una pianta forte e selvaggia, ramifica e si diffonde.

Questo non è un problema. La ricerca storiografica autentica non teme i romanzi e le genealogie posticce. Lo studio documentario non ha timore di ipotesi eretiche, che anzi riconosce essere il solo vero lievito della conoscenza.

Se i devoti cattolici tremano e sudano davanti alle possibilità ora sconosciute della storia è un brutto problema loro. Che pretendano rettifiche e scuse questo è un problema di tutti, perché è una grave e inaccettabile minaccia alla libertà.

Un romanzo, per sua natura, non è saggistica. Una storia inventata non si pone mai come un dato cui prestare fede; in questo la narrativa si discosta dalla religione.

È opportuno mettere in luce tutti i tanti punti deboli, inverosimili e incerti del romanzo di Brown, ma allestire conferenze stampa per erudire il pupo sui pericoli di quella lettura è un grottesco ritorno alla più truce e triste tradizione del peggior cattolicesimo.

Leggiamo allora il Codice per quello che è: un thriller. E se Brown ha saputo mescolare realtà, finzione, storia probabile e storia vera dobbiamo dire che è stato bravissimo, perché il suo lavoro ha coinvolto milioni di persone.

Ma basta, per favore, basta con i timori e i tremori.
E se Cristo ha fatto figli con la Maddalena, pensiamo solo che sia stato un matrimonio lungo e felice, e che i bimbi siano stati sani, liberi, gioiosi; proprio come lui li voleva.

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il fantoccio Obama – di Paul Craig Roberts

  Non c’è voluto molto per la Lobby di Israele a mettere in ginocchio il Presidente Obama per il suo divieto di...

“Il decennio del rifiuto”: L’antieuropeismo del PCI negli anni cinquanta

Una lettura utile, questo articolo a firma del politogo Carlo Giuseppe Cirulli, che meriterebbe un po' di attenzione soprattutto da chi si chiede dove...

Caos razziale a Baltimora: prove generali per Usa 2016

Stava durando a lungo, il silenzio dei media nostrani dagli USA, che di solito riportano ogni piccolo soffio dal loro baricentro americano. Eppure hanno...

LA GUERRA ALL’IRAN PIANIFICATA SEI ANNI FA di Maurizio Blondet

Lo ha rivelato il senatore Chuck Hagel, repubblicano, in una recente intervista: nel 2002 Bush, in previsione dell’invasione dell’Iraq, cercò di strappare al Congresso l’autorizzazione ad intervenire...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube

Articolo precedente
Articolo successivo