fbpx
martedì - 5 Marzo, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

IL COLLASSO DELL’IMPERIALISMO USA di Giancarlo Chetoni

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Quanto è riproducile oggi la Scienza?

  La riproducibilità è un parametro fondamentale nella scienza. Se un risultato non può essere replicato, non può considerarsi scientifico. Eppure negli ultimi anni, si...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
IL COLLASSO DELL'IMPERIALISMO USA
di Giancarlo Chetoni


Gli analisti indipendenti concordano su una valutazione di fondo: i dati acquisiti negli ultimi 15 anni e le stime di inarrestabile decrescita della produzione industriale USA stanno certificando un collasso di portata storica.

La fetta di esportazione di beni e servizi degli Stati Uniti, inseriti anche i dati della produzione in Paesi terzi di imprese e società multinazionali a prevalente capitale "yankee" in termini assoluti e relativi è ormai ridotta alla marginalità del totale prodotto e commerciato a livello planetario.

Nonostante i tassi di cambio con l'euro siano partiti da 0.80 nel 2001 e si attestino a 1.40 nel 2007, le esportazioni Usa sono inferiori a quella della sola Germania mentre il debito della Federal Riserve ha sfiorato nell'anno scorso i 7.600 miliardi di dollari e si avvia a
superare gli 8.200 nel 2007.

Un debito, è bene precisare, che non verrà mai né ammortizzato né restituito.

Gli effetti a cascata sul sistema economico e sociale degli Stati Uniti seguendo un andamento parallelo hanno finito per indebolirne il secolare braccio egemonico e ridurne al punto più basso la capacità globale di influenza politica e militare.

Una proiezione di potenza, quella nord-americana, che prende avvio ufficiale nel 1816 con la dichiarazione del Presidente Jefferson contro i Barbary States e ha espresso il punto più alto della sua solidità e della sua espansione finanziaria, industriale e geopolitica negli anni a cavallo della guerra del Vietnam per imboccare da quel momento in poi una linea di caduta discendente sempre più accentuata a partire dal 1989 con la riunificazione di Berlino. In 191 anni negli Stati Uniti d' America, dopo il genocidio di 5 milioni di indiani, non è mutato nemmeno il linguaggio per demonizzare il "nemico".

Ieri Stati barbari oggi Stati canaglia.

Mentre la deterrenza nucleare degli Usa si è mantenuta pressoché stabile fino ad oggi con punte di eccellenza nel settore spaziale e missilistico d'attacco basato a terra e su piattaforme navali, quella convenzionale, con particolare riferimento ai sistemi d'arma, è via, via precipitata in un pozzo senza fondo di fallimenti, di ritardi tecnologici e di clamorosi errori di indirizzo strategico.

L'insistenza USA nel produrre velivoli da combattimento quando si andava ormai delineando il vantaggio decisivo, in termini di costi e di efficacia bellica, dei sistemi missilistici sui vettori ad ala fissa, l'aver mantenuto in linea una costosissima forza d'attacco basata su portaerei nucleari in un momento storico in cui il potere aereonavale è in rapido declino ha contribuito a ingessare, prima, e a rendere, poi, sempre meno efficace e sempre più vulnerabile la potenza militare convenzionale USA.

Non sono stati i soli errori.

Dal Settembre 2001 oltre 75 miliardi all'anno del budget del Pentagono, con un incremento di spesa valutato in 500-600 milioni di dollari ogni 365 giorni, ha imboccato la strada, senza ritorno, della lotta globale al "terrorismo" e alla neutralizzazione dei focolai di guerra non convenzionale nel Maghreb, nel Corno d'Africa, nella fascia sub-sahariana, nella penisola arabica e in Estremo Oriente mentre l'"assistenza" militare ai paesi islamici moderati e a Israele si è portata via altri 7-8 miliardi.

Anche se gli stanziamenti Usa per esercito, marina e aviazione hanno superato i 625 miliardi nell'esercizio 2007, nel 2008 raggiungeranno i 640, pur in presenza di un indebitamento estero, come abbiamo detto, da capogiro, da catastrofica implosione finanziaria a venire, la Russia per raffronto non supera i 47 e l'Unione Europea 43, c'è da dire che gli Usa mantengono in Africa, Medio Oriente, nel Golfo Persico, in Asia Centrale, Oceania e Estremo Oriente 737 basi militari, 113 solo in Italia, e in mare una forza aereonavale di 8 portaerei nucleari e 1 convenzionale da 90 a 115.000 tonnellate e 1 in costruzione, dalla CVN 65 alla CVN 77, tra cui 18 sommergibili SSN e 18 SSBN per un totale di 75 tra nucleari e convenzionali, uno stuolo di incrociatori e fregate lanciamissili, corvette e naviglio di difesa costiero, scorta e appoggio per grossomodo 2.850.000 tonnellate che salgono a 4.450.000 includendo il tonnellaggio di trasporti e piattaforme militari.

Ecco un altro po' di dati.

Nel Rapporto Gelman in "Military troops around the Word, the costs of permanent War" militari degli Stati Uniti sono presenti in 156 Paesi e ci sono truppe Usa in basi Usa in 63 Stati di quattro continenti.

Il numero dei civili e dei militari USA allocati in permanenza fuori dal territorio metropolitano è stimato, anche se fluttuante, in 366.000 unità.

In Iraq e in Afghanistan gli Usa hanno impegnati in guerra rispettivamente 175.000 e 25.000 militari con un costo complessivo, compreso il reintegro del materiale bellico, di 187 miliardi di dollari per l'esercizio 2006.

Le perdite di personale hanno registrato in questi due Paesi 23.000 caduti e oltre 90.000 feriti.

La rotazione del personale combattente ha interessato dal 2001 ad oggi 1.250.000 militari USA. Il costo della guerra in Iraq in 5 anni ha raggiunto i 657 miliardi di dollari.

Il che ha costretto Washington a un massiccio utilizzo della Guardia Nazionale con una caduta verticale dell'efficienza bellica delle truppe sul terreno per usura psicologica e da combattimento, con un mancato avvicendamento fluttuante tra i 6-12-18 mesi.

Inoltre la crescente opposizione dell'opinione pubblica americana alle guerre dell'Amministrazione Bush si traduce in passaggi legislativi di rifinanziamento sempre più lunghi e contrastati dalla pubblica opinione Usa.

Una nuova decretazione di urgenza della Camera dei Rappresentanti e del Senato degli Stati Uniti ha aumentato dal 2006 l'età di arruolamento a 40 anni e l'impiego di prima linea anche per militari con protesi articolari.

Dalle sedi diplomatiche ai centri studi, dalle basi di ascolto della NSA ai terminali di influenza della Cia, le installazioni del Pentagono sono 845.400 e occupano una superficie di 30.000.000 di acri che con quelle dislocate sul territorio degli Usa occupano permanentemente terreni per 2.200.000 ettari.

A dispetto di un apparato colossale, dotato di mezzi sofisticati e di inesauribili budget di spesa, in ritorni di immagine politica e militare, i risultati raccolti negli ultimi 6 anni dagli Usa a giro per il mondo sono stati semplicemente disastrosi.

La strategia militare russa costretta a mantenere una deterrenza nucleare di risposta adeguata e una struttura militare da distribuire su un territorio immenso come l'ex URSS, a dispetto di un apparato industriale ed economico storicamente in accentuato ritardo sugli USA, eccetto che in settori di eccellenza, è riuscita a individuare i punti deboli del "competitore" e ad elaborare una strategia di difesa convenzionale infinitamente meno costosa ma molto, molto più mirata ed efficace.

Con una sconvolgente novità. La Russia esporta verso Paesi amici e alleati materiale militare d'avanguardia che nell'impiego bellico gli Usa non sono in grado di contrastare. La lista va dai missili aria-aria R 77 a quelli antinave SSN 22 passando per i terra terra Iskander E-M. Occorerebbe un trattato solo per dare un'idea molto approssimativa del resto.

La Russia fuori dai confini nazionali mantiene in Ucraina, Georgia, Abkazia, Cecenia Centro Asia non più di 15.000-17.000 militari comprese le unità antiterrorismo.

Dopo il ritiro dall'Afghanistan e dai territori dell'Europa dell'Est, abbandonata la sua presenza nel Mediterraneo e allentati i suoi legami politici e militari in Africa e Medio Oriente, ristrutturate le sue forze armate con un piano di dismissioni di portata storica, a partire dall'anno 2000 è riuscita a concentrare nell'industria militare crescenti risorse finanziarie attivando avanzati settori di ricerca di tecnologica applicata nella nicchia della difesa missilistica, aerea e terrestre.

La Russia è uscita dal XX° secolo dimagrita ma tutto sommato molto più muscolosa e reattiva.

La dismissione del ciclopico armamentario da Guerra Fredda ha prodotto in 15 anni un graduale passaggio delle forze armate di Mosca dalla rottamazione dell'inservibile alla immissione di alta tecnologia nel suo sistema militare integrato. Il Cremlino peraltro è riuscito ad ottenere un significativo miglioramento nell'addestramento e nella flessibilità di impiego del personale della ex Armata Rossa.

La dieta post comunismo se ha lasciato pressoché intatta la sua deterrenza nucleare col ridispiegamento dei vettori sul territorio russo o l'immagazzinamento delle testate in uscita dai Paesi ex Satelliti, liquidati i costi abnormi dell'inutile e dell'ormai superfluo apparato militare dopo il crollo della cortina di ferro, superato il pauroso sbandamento seguito alla gestione Gorbaciov-Eltsin, l'arrivo al Cremlino di Putin ha imposto alle forze armate convenzionali russe una salutare ristrutturazione in termini di qualità e di efficienza dopo averle agganciate a un industria di ricerca e produzione militare rinvigorita dai crescenti profitti che la Russia ricava dall'estrazione e dalla comercializzazione sul mercato internazionale delle sue riserve energetiche.

Abbandonata la pratica Krusciov-Brezniev della cessione di metano, di petrolio, di materie prime, semilavorati, macchinari agricoli e industriali a prezzo politico ai Paesi dell'Est, la Russia oltre a liberarsi del peso storico degli "aiuti fraterni" che hanno ritardato la crescita della sua economia e del suo sviluppo sociale, ha mantenuto un rapporto di amicizia e di collaborazione con molti Stati del suo ex impero facilitata dall'unilateralismo e dall'aggressività delle guerre permanenti e le tensioni regionali scatenate dagli Usa a partire dal 1991 al 2003 in Medio Oriente, Golfo Persico e Asia Centrale.

La Russia attivando un commercio di tecnologia militare d'avanguardia con 14 nuovi Paesi, fornendo eclusivamente sistemi d'arma di difesa, rispettando per altro tutti i parametri internazionali per l'esportazione legale a Iran, Siria, Algeria, India, Cina, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Bielorusssia, Venezuela,
Brasile, Argentina, Indonesia, Vietnam e Paesi del Patto di Shangai, ha messo a segno fra l'altro fruttuose joint venture con Teheran, Pechino e Delhi.

Partenariati che puntano, con un trasferimento di sofisticate tecnologie, ad assicurare con la multilateralità il contenimento della aggressività militare degli Usa e della Nato.

In campo economico, del trasferimento energetico e nucleare la Russia ha seguito un analogo indirizzo strategico moltiplicando con le opportunità di interscambio il volume della sua produzione industriale e il braccio della sua influenza politica come potenza continentale sostenitrice del "multilateralismo". Condizione che l'attrezza sul quadrante del XXI° secolo e sulla sena internazionale come stato-guida dei Paesi Non Allineati. Con una considerazione finale amara: la vecchia Europa ieri come la nuova Europa oggi, ristretta o allargata, continua a recitare nei passaggi della storia del mondo la parte del fantasma in catene.

(tratto da una mail)

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La confessione di un agente della CIA: “Ci hanno dato milioni per smembrare la Iugoslavia”

Intervista con l’ex agente CIA Robert Baer durante il suo tour promozionale in Québec per l’imminente libro I segreti della Casa Bianca.    “Il mio boss,...

Il pugno di Papa Francesco

Cari lettori, in questo mondo ne succedono di tutti i colori e, se di colori si tratta, la sfumatura è sempre più varia, come un...

La manipolazione delle jet streams all’origine del recente caos climatico

  Nel 2006, in un articolo intitolato Scie chimiche, H.A.A.R.P. e correnti a getto, avevamo evidenziato la correlazione tra le armi elettromagnetiche e gli sconvolgimenti...

Cinema. Addio censura: Franceschini firma il decreto che la abolisce

Cinema. Addio censura: Franceschini firma il decreto che la abolisce La censura cinematografica va in archivio. Casi come quello di Ultimo tango a Parigi, che...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube