fbpx
lunedì - 26 Febbraio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Il conte Dracula (Vlad III di Valacchia) potrebbe essere sepolto a Napoli

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Una lapide del XVI secolo, posta all'interno del chiostro della Chiesa di Santa Maria La Nova, potrebbe indicare il luogo di sepoltura di Vlad III, principe di Valacchia, noto con il soprannome di “impalatore” ma passato alla storia con l'appellativo di Conte Dracula.

Secondo gli storici, Vlad III, principe di Valacchia, sarebbe morto in battaglia.
Dopodiché, il famigerato principe, detto l’impalatore, sarebbe stato sepolto nel Monastero di Snagov. La sepoltura, infatti, è ricoperta di immagini e simboli della casato di Transilvania.
Tuttavia, una nuova ricerca condotta da un gruppo di studiosi dell’Università di Tallinn, Estonia, ritiene di avere in mano i documenti che provano la vera ubicazione della tomba di Dracula: il chiostro della Chiesa di Santa Maria La Nova, nel cuore di Napoli antica.

“Nel 1476, il conte Vlad Tepes Dracula, appartenente all’ordine del Dragone come il re di Napoli Ferrante D’Aragona, scomparve durante una battaglia contro i turchi e venne dato per morto”, spiegano i ricercatori al Mattino. In realtà, Vlad fu fatto prigioniero dai Turchi.“Una delle sue figlie, Maria, all’età di sette anni venne adottata da una donna napoletana e condotta nel regno di Napoli. Qui, in seguito, sposò un nobile napoletano della famiglia Ferrillo. La coppia ottenne in regalo i territori di Acerenza in Basilicata”.

Come riporta il Daily Mail, i documenti mostrano che Maria pagò un riscatto ai turchi per ottenere la liberazione di suo padre, il quale fu portato a Napoli e qui sepolto alla sua morte, nella tomba attualmente attribuita al nobile Ferillo.
Già dal 1500 circolava un’immagine della tomba del Conte Vlad Tepes che raffigurava un dragone. Gli studiosi e gli storici si sono scervellati su qual disegno per più di 500 anni, cercando di capire dove avrebbe potuto trovarsi quella lapide. In quale angolo del globo erano custodite le spoglie di Dracula?

La svolta è giunta negli ultimi mesi, quasi per caso. Una studentessa napoletana, Erika Stella, per la sua tesi di laurea si è inoltrata nel chiostro di Santa Maria La Nova, e ha scattato una foto ad una lapide che le sembrava “strana” e si è messa a cercare tracce e indizi del particolare rilievo.

Grazie a quella foto si è imbattuta negli studi dei ricercatori estoni e ha inoltrato loro, via mail, l’immagine che li ha sconvolti. Dopo aver cercato a lungo quella traccia, eccola arrivare per mano di una giovane che sta realizzando una tesi di laurea: secondo gli studiosi è la conferma di due ipotesi: 1) il conte Dracula non morì in battaglia ma venne fatto prigioniero dai turchi; 2) la figlia Maria riscattò il papà prigioniero e lo portò in Italia. Alla morte lo fece seppellire a Napoli.
Tra i ricercatori ci sono anche gli italiani fratelli Glinni (uno, Giandomenico, ricercatore a Tallinn, l’altro, Raffaello, studioso di storia) e il direttore scientifico del museo delle Antiche Genti, Nicola Barbatelli.
Al momento è stata inoltrata una richiesta al Ministero dei Beni Culturali per richiedere di aprire la tomba e arrivare, finalmente, alla fine della loro centenaria caccia al tesoro. L’attesa è trepidante, ma i ricercatori sono certi di quello che dicono per diversi motivi: prima di tutto il marmo.
I bassorilievi, che apparterrebbero alla tomba di Ferrillo, il “genero” di Dracula, sono densi di riferimenti, ma non dell’uomo che Ferillo è stato in vita; sarebbero, invece, più in linea con il profilo del Conte Vlad.

“La rappresentazione è lampante. Ricordate che il conte si chiamava Dracula Tepes: vedete che qui c’è la rappresentazione di un drago, Dracula appunto, e ci sono due simboli di matrice egizia mai visti su una tomba europea”, spiega Glinni. “Si tratta di due sfingi contrapposte che rappresentano il nome della città di Tebe che gli egiziani chiamavano Tepes. In quei simboli c’è scritto Dracula Tepes, il nome del conte. C’è bisogno di altre conferme?”

Fonte: ilnavigatorecurioso.it

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

A chi serve Wikileaks? – di Joe Quinn

Io, ovviamente, mi sono perso il momento importante di quando i media mainstream si sono rivoltati contro la guerra. Ma chi può negare che...

La Cina accusa gli Usa di violazione dei diritti umani

Il governo statunitense ha pubblicato l’annuale resoconto sul rispetto dei diritti dell’uomo nel mondo, nel quale per l’ennesima volta ha presentato le sue critiche...

Il foro nel cuore e la barriera emato-encefalica

Stress, tossine, calore, campi elettromagnetici, carenze nutrizionali e difetti cardiaci possono rendere permeabile la barriera emato-encefalica e causare molti disturbi. La natura della BEE e...

La Sicilia pianta il grano antico e batte le multinazionali

"Ho convertito 100 ettari dell’azienda familiare a grano locale” confessa Giuseppe Li Rosi, un agricoltore siciliano che davanti alle pressioni internazionali e ai grani...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube