giovedì - 2 Febbraio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Il curioso silenzio che circonda le bolle di gas del Baltico

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Elettrificazione terrestre e 5G: i pericoli spirituali

Fino ad oggi gli autori di controinformazione ben poco si sono occupati del significato “occulto” della tecnologia 5G, cioè dei suoi effetti (o forse...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,210IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Certo, lo sanno. Sanno chi è stato, ma l'élite europea non lo dirà.

Molti sono confusi. L'Europa ha appena perso una fonte fondamentale di energia a basso costo necessaria come base di risorse per gestire qualsiasi società ed economia moderna. Arriva proprio nel momento in cui la Gran Bretagna e l'Eurozona sono entrate in una crisi finanziaria inflazionistica.

Cosa è successo? Una gigantesca bolla di gas ha agitato la superficie del Mar Baltico, segnando la fine di qualsiasi presunta fornitura del Nord Stream alla Germania – facilitando così quella che il Segretario di Stato Blinken ha definito una "tremenda opportunità" per gli Stati Uniti. Curiosamente, il sabotaggio ha coinciso con rapporti che suggerivano come fossero in corso colloqui segreti tra Germania e Russia per risolvere tutti i problemi del Nord Stream e riavviare l'approvvigionamento.

E cosa sentiamo dall'Europa? Silenzio — a parte le condanne superficiali e stereotipate alla Russia.

Certo, lo sanno. Sanno chi è stato, ma l'élite europea non lo dirà.

Per comprendere il paradosso del silenzio europeo dobbiamo guardare all'interazione delle tre principali dinamiche che operano in Europa. Ognuno pensa alla propria come 'una mano vincente': il 'sii tutto e finisci tutto' del futuro. Ma in realtà, due non sono che semplici "strumenti utili" agli occhi di chi "tira le leve" e "suona il fischietto" (cioè controlla le psyops) da "dietro le quinte".

Inoltre, esiste una forte disparità di motivazioni: per gli 'Straussiani' dietro le quinte, è una guerra, una guerra esistenziale per mantenere il proprio primato. Le seconde due correnti sono progetti utopici che si sono rivelati facilmente manipolabili.

Gli "straussiani" sono i seguaci di Leo Strauss, il principale teorico neocon. Molti sono ex trotskisti che si sono riciclati da sinistra a destra (chiamateli "falchi" neocon se preferite). Il loro messaggio è una dottrina molto semplice sul mantenimento del potere: 'Non lasciarlo mai sfuggire';​ impedisci a qualsiasi rivale di emergere​; fai tutto ciò che serve.

Il principale Straussiano, Paul Wolfowitz, stilò questa semplice dottrina ​– 'distruggi tutti i rivali emergenti, prima che ti distruggano' ​– nel  documento ufficiale di pianificazione della difesa degli Stati Uniti del 1992 ​, aggiungendo che l'Europa e il Giappone, in particolare, avrebbero dovuto essere ' scoraggiati' dal mettere in discussione il primato globale degli Stati Uniti. Questa dottrina scheletrica, sebbene riconfezionata nelle successive amministrazioni Clinton, Bush e Obama, è rimasta immutata nella sua essenza.

E, dal momento che il messaggio 'blocca qualsiasi rivale' è così diretto e convincente, gli Straussiani volano facilmente da un partito all'altro. Anche loro, i loro "utili" ausiliari, si sono profondamente radicati all'interno della classe d'élite degli Stati Uniti e delle istituzioni del potere statale. Tuttavia, la più antica e fidata di queste forze ausiliarie è l'alleanza di intelligence e sicurezza anglo-americana.

Gli "straussiani" preferiscono progettare da "dietro le quinte" e presso alcuni think tank statunitensi. Si muovono con i tempi, "accampandosi", ma non assimilandosi, presso qualunque tendenza culturale prevalente ci sia "là fuori". Usano queste pulsioni contemporanee per creare nuove giustificazioni per l'eccezionalismo americano.

Il primo slancio davvero importante nell'attuale riformulazione è la politica dell'identità liberale, guidata dagli attivisti e orientata alla giustizia sociale.

Perché il 'wakeismo'? Perché il risveglio dovrebbe interessare la CIA e l'MI6? Perché​ …​ ​è rivoluzionario. La politica dell'identità si è evoluta durante la Rivoluzione francese per capovolgere lo status quo; rovesciare il suo pantheon di modelli di eroi​;​ e sostituire l'élite esistente e avvicendare una "nuova classe" al potere. Questo – sicuramente – suscita l'interesse degli Straussiani.

A Biden piace pubblicizzare l'eccezionalismo della ​”​nostra democrazia​”.​ Naturalmente, Biden qui si riferisce non alla democrazia generica nel senso più ampio, ma alla ri-giustificazione dell'egemonia globale da parte dell'America liberale (definita come 'la nostra democrazia'): "Abbiamo un obbligo, un dovere, una responsabilità da difendere, preservare e proteggere la 'nostra democrazia'… È minacciata”, dice.

La seconda dinamica chiave – l'Agenda Verde – è quella che convive sotto l'ombrello dell'amministrazione Biden, insieme alla filosofia molto radicale e distinta della Silicon Valley – una visione eugenista e transumana che si allinea per alcuni aspetti a quella della folla di "Davos", così come con i semplici attivisti per il clima 'verde'.

Solo per essere chiari: queste due dinamiche distinte, ma complementari, alla "nostra democrazia" hanno attraversato l'Atlantico per scavare profondamente anche nella classe dirigente di Bruxelles. E per essere chiari su un altro punto: la versione europea dell'attivismo liberale mantiene intatta la dottrina straussiana dell'eccezionalismo statunitense e occidentale, insieme alla sua insistenza sul fatto che i "nemici" vadano rappresentati nei termini manichei più estremi.

Lo scopo del manicheismo (dal momento che Carl Schmitt ha sottolineato per la prima volta il punto) è di precludere qualsiasi mediazione con i rivali, dipingendoli come sufficientemente "malvagi" che il discorso con loro diventi inutile e moralmente difettoso.

La transizione della politica liberale attraverso l'Atlantico non dovrebbe sorprendere: il regolamento dell'UE sul mercato interno "imbavagliato" è stato ideato proprio per sostituire il dibattito politico con il managerialismo tecnologico. Ma la stessa sterilità del discorso econ-tech ha dato vita al cosiddetto "divario democratico". Con quest'ultimo che diventa sempre più l'imperdibile lacuna dell'Unione.

Le élite europee avevano quindi un disperato bisogno di un sistema di valori per colmare il divario. Così sono saltati sul "treno" del risveglio liberale. Attingendo a questo​ –​ e al 'messianismo' del Club di Roma per la deindustrializzazione​ – si è data alle élite europee la loro nuova splendente setta di assoluta purezza, un futuro verde, e inossidabili ​”​Valori europei​” ​a riempire la lacuna del divario democratico.

In effetti, queste ultime due correnti – la politica dell'identità e l'agenda Verde – sono in corso con gli Straussiani dietro le quinte.

I nuovi zeloti erano profondamente radicati nella classe d'élite europea negli anni '90, in particolare con l'importazione da parte di Tony Blair della visione del mondo Clinton, ed erano quindi pronti a fare il tentativo di abbattere il Pantheon del vecchio ordine in modo da stabilire un nuovo mondo verde 'de-industrializzato' che laverebbe via i peccati occidentali di razzismo, patriarcato ed eteronormatività.

È culminato nel montaggio di "un'avanguardia rivoluzionaria", la cui furia di proselitismo è diretta sia contro "l'Altro" (che casualmente sembrano essere i rivali dell'America)​,​ sia verso quelli a casa (sia negli Stati Uniti che in Europa) che sono definiti come estremisti che minacciano la "nostra (liberale) democrazia" e la necessità imperativa di una "rivoluzione verde".

Ecco il punto: ​sulla punta della "lancia" europea risiedono i fanatici dei Verdi, in particolare il Partito dei Verdi tedesco veramente rivoluzionario. Detengono la leadership in Germania e sono al timone della Commissione europea. È il fanatismo verde fuso con la "rovina Russia" – un mix inebriante.

I Verdi tedeschi si considerano legionari in questo nuovo "esercito" imperiale transatlantico, che abbatte letteralmente i pilastri della società industriale europea; riscatta le sue rovine fumanti, e i suoi debiti impagabili, attraverso un sistema finanziario digitalizzato e un futuro economico "rinnovabile".

E poi, avendo indebolito a sufficienza la Russia e con l'ambizione di estromettere Putin, gli avvoltoi alla fine sarebbero arrivati ​​a depredare la carcassa russa delle sue risorse, proprio come accadde negli anni '90.

Ma si sono dimenticati…

Si sono dimenticati… che gli Straussiani non hanno 'amici' permanenti; Il primato degli Stati Uniti batte le alleanze.

Ricordiamo la dottrina straussiana: 'qualunque cosa serva'. Ricordiamo poi l'osservazione di Putin, nel suo discorso del 30 settembre: “Gli anglosassoni hanno fatto saltare in aria gli oleodotti”.

Cosa possono dire i fanatici dei Verdi europei? Volevano – comunque – abbattere i pilastri della società industrializzata. Bene, l'hanno ottenuto. Forse sono segretamente contenti. La "via di fuga" del Nord Stream per uscire dalla catastrofe economica è scomparsa. Non c'è altro che mormorare in modo poco convincente: "È stato Putin". E contemplare la rovina dell'Europa e cosa potrebbe significare.

https://english.almayadeen.net/articles/analysis/the-curious-silence-surrounding-the-baltic-gas-bubbles

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Pioggia di fuoco

quotidiano La Repubblica una notizia proveniente da Helsinki: “Allarme e centinaia di appelli ai servizi di soccorso in Finlandia per una pioggia di meteoriti che si è...

Una nuova consapevolezza per una nuova umanita’

L’Associazione Culturale L’AngelonelcuorepresentaVII CONVEGNO MANTOVAUNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA PER UNA NUOVA UMANITA’Domenica 21 maggio 2017 Best Westner Hotel Cristallo Via Cisa 1 – Cerese (MN)PROGRAMMA08:30 Apertura Meditazione di...

CIÒ CHE MANCA AL MONDO

Oggi nel Mondo vi è sovrabbondanza di beni materiali e soprattutto si è realizzata una meravigliosa saggezza Tecnologica relativa all’uso e alla conoscenza della...

Haiti nera storia – di Alberto Roccatano

Haiti nera storia Dal paradiso all’inferno. Dai nativi ai deportati neri. Dalla ricchezza alla povertà. E forse cavia sperimentale. Eccovi Hayti. Italia...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube