domenica - 29 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Il declino dell’innovazione dirompente

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

disruptive innovation

Benvenuti alla puntata di questa settimana di The Intelligence Brief… un recente studio sull’aumento del volume delle pubblicazioni scientifiche e tecnologiche negli ultimi anni ha osservato quello che un team di ricercatori definisce un declino dell’innovazione “dirompente”. Nella nostra analisi di questa settimana, analizzeremo 1) perché la scienza dirompente sembra essere in declino, 2) la teoria alla base della diminuzione delle innovazioni e 3) cosa potrebbe significare in futuro per l’innovazione scientifica e tecnologica.

Prima di addentrarci nelle cose, alcune delle storie che abbiamo trattato al Debrief negli ultimi giorni includono l’annuncio che DARPA ha selezionato Aurora Flight Sciences, sussidiaria di Boeing, per progettare e possibilmente costruire un X-plane potenzialmente rivoluzionario . Altrove, un asteroide di 500 piedi è stato recentemente l’obiettivo dei segnali radio emessi dalla struttura HAARP dell’Alaska , come parte di uno sforzo per migliorare la nostra capacità di rilevare oggetti spaziali potenzialmente mortali. E in un Op-Ed esclusivo dell’ex pilota di caccia Ryan Graves per  The Debrief , spiega perché uno dei principali ostacoli alla nostra comprensione dei fenomeni anomali non identificati (UAP) non è solo il segreto del governo: è lo stigma.

Nel frattempo nelle notizie video, Chrissy Newton è stata raggiunta su  Rebelliously Curious  da Gianni Martire, un imprenditore tecnologico e co-fondatore di Applied Physics che propone un metodo per rilevare veicoli spaziali extraterrestri utilizzando le onde gravitazionali . Puoi guardare l’intera intervista e tutte le nostre precedenti interviste sul  canale YouTube di The Debrief e i collegamenti a tutte le nostre storie e notizie recenti sono disponibili alla fine della newsletter di questa settimana.

Considerando quanto la scienza e la tecnologia dirompenti siano uno dei temi principali di cui ci occupiamo, entreremo presto nella nostra analisi di un recente articolo che suggerisce che potrebbe essere in declino… ma prima, ci fermiamo un momento per ricordare il lavoro di un’altra icona dell’era spaziale che ha compiuto il suo ultimo balzo verso l’ultima frontiera.

La NASA dice addio a un pioniere del Progetto Apollo

La NASA ha annunciato questa settimana che l’ex astronauta dell’Apollo 7 Walter Cunningham è morto. Cunningham, fisico ed ex pilota di caccia, faceva parte dell’equipaggio di volo originale dell’agenzia spaziale nel suo iconico programma Apollo.

“Sull’Apollo 7, il primo lancio di una missione Apollo con equipaggio, Walt e i suoi compagni di equipaggio hanno fatto la storia, aprendo la strada alla generazione Artemis che vediamo oggi”, ha dichiarato l’amministratore della NASA Bill Nelson in una nota. “La NASA ricorderà sempre i suoi contributi al programma spaziale della nostra nazione e invia le nostre condoglianze alla famiglia Cunningham”.

Walter Cunningham
Walter Cunningham, visto durante la missione Apollo 7 (Credit: NASA).

“Vorremmo esprimere il nostro immenso orgoglio per la vita che ha vissuto e la nostra profonda gratitudine per l’uomo che era”, si legge in una parte di una dichiarazione della famiglia di Cunningham che lo ha definito “un patriota, un esploratore, pilota, astronauta , marito, fratello e padre”.

“Il mondo ha perso un altro vero eroe e ci mancherà molto”, si legge nella dichiarazione. Secondo quanto riferito, Cunningham è morto nella sua casa di Houston, in Texas, martedì mattina. Aveva 90 anni.

Dirompenza scientifica in declino

Una recente analisi degli articoli scientifici suggerisce che, poiché negli ultimi decenni ne sono stati pubblicati un numero maggiore, meno di essi offrono nuovi dati in grado di produrre innovazioni “dirompenti”, quelle che portano la scienza e la tecnologia in direzioni potenzialmente inaspettate, e che può persino rendere obsolete idee o lavori precedenti.

Secondo i ricercatori Michael Park, Erin Leahey e Russell J. Funk, i dati apparsi in milioni di manoscritti negli ultimi decenni, così come i brevetti dalla metà degli anni ’70 fino al 2010, hanno mostrato che il lavoro più recente ha portato a progressi incrementali, rispetto alle ricerche prodotte durante la metà del XX secolo che spesso hanno prodotto risultati dirompenti. Funk, un sociologo dell’Università del Minnesota, ha affermato che i dati sembrano implicare che “qualcosa sta cambiando”, osservando che non sembra esserci più “la stessa intensità di scoperte rivoluzionarie che avevamo una volta”.

La scienza dirompente messa alla prova

“Le teorie del cambiamento scientifico e tecnologico considerano la scoperta e l’invenzione come processi endogeni”, scrivono Funk e i suoi coautori in un recente articolo che illustra le loro osservazioni, “in cui le conoscenze accumulate in precedenza consentono il progresso futuro, permettendo ai ricercatori di, secondo le parole di Newton, ‘stare sulle spalle dei giganti'”. Tuttavia, mentre la pubblicazione di letteratura scientifica e tecnica ha subito una crescita esponenziale dalla metà del secolo scorso, non si è verificato un aumento proporzionale delle innovazioni che si discostano radicalmente dagli approcci del passato. Anzi, secondo il loro recente articolo, gli autori osservano che il progresso sta effettivamente rallentando in alcuni campi importanti.

disruptive science

Analizzando i dati scientifici nell’arco di sei decenni, che comprendono 45 milioni di articoli e 3,9 milioni di brevetti, i ricercatori hanno utilizzato l’indice CD, una nuova metrica quantitativa che “caratterizza il modo in cui gli articoli e i brevetti modificano le reti di citazioni nella scienza e nella tecnologia”, per scoprire che nel corso del tempo sembra verificarsi un’interruzione sempre minore.

Qual è dunque la causa dell’apparente declino dell’innovazione dirompente?

Restringere le cause del declino

I ricercatori affermano che il modello per cui i documenti e i brevetti sembrano avere sempre meno probabilità di portare a un’innovazione dirompente è stato riscontrato in tutti i settori scientifici e tecnologici. Inoltre, il declino è stato osservato in diverse metriche basate su citazioni e testi.

Nel tentativo di capire il motivo e il significato di questo fenomeno, gli autori affermano di collegare il declino a una minore dipendenza dall’uso di conoscenze pregresse.

“Scopriamo che è improbabile che i cali osservati siano guidati da cambiamenti nella qualità della scienza pubblicata, dalle pratiche di citazione o da fattori specifici del settore”, osservano gli autori. “Nel complesso, i nostri risultati suggeriscono che il rallentamento dei tassi di discontinuità può riflettere un cambiamento fondamentale nella natura della scienza e della tecnologia”. Le scoperte del team sono apparse in un documento intitolato ” Carte e brevetti stanno diventando meno dirompenti nel tempo“, apparso sulla rivista Nature.

Motivo di preoccupazione?

Considerando che la “qualità della scienza pubblicata” è citata come un fattore in questa equazione, dovremmo preoccuparci degli attuali sforzi nell’innovazione e di cosa ciò potrebbe significare per il futuro?

Lo scienziato computazionale della Northwestern University Dashun Wang afferma che, sebbene sia convinto dei dati presentati nel documento, ciò potrebbe non significare necessariamente che la crescita scientifica e tecnologica sia diventata del tutto stagnante. Indica la prima osservazione delle onde gravitazionali negli ultimi anni, uno sviluppo rivoluzionario che è stato anche il risultato di progressi scientifici incrementali.

onde gravitazionali
Concept art di onde gravitazionali che circondano due buchi neri (Credit: Credit: Henze/NASA).

Sebbene i progressi dirompenti siano stati a lungo una forza trainante nella crescita scientifica e tecnologica, la tendenza osservata da Funk, Park e Leahey potrebbe semplicemente significare che man mano che si accumulano sempre più conoscenze, il modo in cui la scienza avanza sta cambiando, il che potrebbe non essere un cosa del tutto negativa.

 

Micah Hanks

Articolo originario da The Debrief

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La “wavegenetic” o genetica ondulatoria

Peter Piotr Gariaev è famoso per la scoperta del cosiddetto “effetto fantasma del DNA”, lavora con un team di genetisti e linguisti a Mosca...

ELEMENTI DI ANOMALY HUNTING di Paolo C. Fienga, Gianluigi Barca & Lunexit

Elementi di Anomaly Hunting, con speciale riguardo al “Caso dell’Asteroide 433-Eros” Considerazioni Generali sull’Anomaly HuntingNon credo che esista un Lavoro nel quale l’Oggettività (intesa...

La luna è un satellite artificiale? Se lo chiedono alcuni ricercatori

Il nostro pianeta beneficia degli effetti importanti che la Luna produce su di esso. Se non ci fosse, l'asse terrestre non potrebbe essere stabile...

Omicidi e stragi: e se fossero cavie umane?

Il 12 giugno 2016 uno squilibrato di nome Omar Mateen entra in locale gay della Florida - il Pulse, ad Orlando - uccide 49...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube