venerdì - 2 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Il delicato equilibrio del Pakistan tra Cina e Stati Uniti

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Il Grande Incendio di Londra – Cui prodest?

Sono passati ormai 353 anni dal Grande Incendio di Londra, un incendio che ha causato la distruzione di 436 acri di Londra, tra cui...

Sull’immigrazione

La guerra elettrica

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,850IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Il Pakistan sta cercando di trovare un equilibrio nelle sue relazioni con gli Stati Uniti e la Cina, poiché la rivalità e la competizione tra le due superpotenze sono destinate a innescare turbolenze geopolitiche nell’Asia meridionale. La crescente tensione nella regione ha reso Islamabad assai ambivalente riguardo alle sue posizioni di politica estera.

Sebbene Islamabad cerchi di mantenere legami amichevoli con entrambi i paesi, sembra esserci una chiara inclinazione verso la Cina. Gli osservatori notano che, dati gli enormi investimenti di Pechino in Pakistan, il Paese non può assumere una posizione palesemente pro-USA in tempi brevi. Inoltre, Islamabad ha un debito crescente sia nei confronti del governo cinese che delle banche commerciali, che ora fatica a ripagare.

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha riferito lo scorso anno che il Pakistan doveva 24,7 miliardi di dollari alla Cina, il che equivale al 27,4% del suo debito estero totale di 90,12 miliardi di dollari.

Cadere nella trappola del debito

È probabile che questa esposizione finanziaria cinese cresca ulteriormente entro la fine dell’anno, secondo le assicurazioni del primo ministro pakistano Shahbaz Sharif da Pechino all’inizio di questo mese di ulteriori 9 miliardi di dollari di aiuti finanziari per rinnovare le passività correnti e raddoppiare l’accordo di swap di valuta della Cina con Islamabad.

Sharif è stato in Cina dall’1 al 2 novembre, senza dubbio per consolidare quegli accordi.

Secondo vari resoconti dei media, la Cina e l’Arabia Saudita hanno concordato di sostenere il Pakistan per alleviare la pressione sulle sue riserve di valuta estera in esaurimento in modo che possa evitare un default virtuale sui debiti esteri. Il debito estero del Pakistan è aumentato a 130 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2022, dai 128,9 miliardi del primo trimestre.

Le riserve di valuta estera del paese sono scese al punto da essere appena sufficienti per soddisfare due mesi di requisiti di importazione. Il Pakistan deve rimborsare 24 miliardi di dollari entro la fine del prossimo anno fiscale e la Cina condividerà il maggior onere delle passività per il servizio del debito del Pakistan.

Bilico verso la Cina

Tre eventi recenti hanno accelerato il disimpegno del Pakistan dagli Stati Uniti e lo hanno avvicinato alla Cina.

In primo luogo, le relazioni bilaterali di Islamabad con Washington sono notevolmente cambiate a seguito del ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan nell’agosto 2021.

La situazione della sicurezza di quest’ultimo stato ha svolto un ruolo significativo nella definizione delle relazioni USA-Pakistan negli ultimi due decenni. In questo contesto, il minore coinvolgimento degli Stati Uniti in Afghanistan può anche significare una diminuzione delle relazioni con il Pakistan.

In secondo luogo, l’inclusione del Pakistan nella lista grigia della Financial Task Force (FATF) degli Stati Uniti nel giugno 2018 ha anche teso le relazioni con Washington e incoraggiato legami più stretti con Pechino. Il Pakistan è stato aggiunto all’elenco del GAFI per i controlli inadeguati a scoraggiare il finanziamento del terrorismo e il riciclaggio di denaro. Ciò ha avuto gravi implicazioni per il settore bancario pakistano, rendendo difficile per lo stato l’accesso al capitale straniero.

Durante questi periodi turbolenti, l’assistenza economica dalla Cina è stata la principale fonte esterna di soccorso del Pakistan.

In terzo luogo, la crescente cooperazione nella difesa degli Stati Uniti con l’India ha sconvolto l’equilibrio e la stabilità regionali dell’Asia meridionale. Mushahid Hussain Syed, presidente del Comitato permanente per la difesa del Senato del Pakistan, spiega a The Cradle perché queste cose contano:

“Questo è un processo a due vie che prevede reciprocità, anche altre nazioni devono dimostrare neutralità oltre al Pakistan. Gli Stati Uniti mantengono un “equilibrio” nei loro rapporti con il Pakistan e l’India, per esempio? Gli Stati Uniti forniscono al Pakistan lo stesso livello di sostegno diplomatico, militare o finanziario della Cina? La relazione è costruita sulla fiducia reciproca, la coerenza o l’affidabilità su questioni importanti per il Pakistan?”

Gli investimenti di Pechino in Pakistan sono progressivamente cresciuti nel corso degli anni, contrariamente a quelli di Washington, che si sono concentrati principalmente sull’Afghanistan e sulle questioni di sicurezza – e non sulle priorità nazionali pakistane.

I legami diplomatici tra Stati Uniti e Pakistan esistono dal 1960 – al culmine della Guerra Fredda – quando gli Stati Uniti stabilirono basi aeree locali per intraprendere operazioni segrete contro l’Unione Sovietica.

Islamabad era uno dei principali destinatari dell’assistenza militare e finanziaria degli Stati Uniti quando le forze sovietiche arrivarono a Kabul nel 1979, e di nuovo nel 1999, come parte della “guerra al terrore” in Afghanistan. Questa cooperazione è continuata per decenni, con le forze armate statunitensi che hanno utilizzato il Pakistan come canale per trasportare rifornimenti e personale alle sue forze militari nello stato vicino.

Vantaggio commerciale della Cina

A differenza degli Stati Uniti, le aziende cinesi hanno fatto incursioni significative in una varietà di settori commerciali e industriali del Pakistan. Un consorzio cinese ha acquistato il 40% delle azioni della borsa valori pakistana nel 2016, mentre Ant Financial, una sussidiaria del gruppo cinese Alibaba, ha investito 184,5 milioni di dollari per acquisire una partecipazione del 45% nella banca pakistana Telenor Microfinance nel 2018, e Hui Coastal Brewery and Distillery Limited ha avviato operazioni in Balochistan per produrre birra.

Gli investitori cinesi si sono inoltre assicurati quote importanti negli impianti di produzione di cellulari a Faisalabad e negli impianti di produzione tessile a Lahore. Queste iniziative imprenditoriali si aggiungono all’investimento cinese di 62 miliardi di dollari nel corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC), parte integrante dell’ambiziosa Belt & Road Initiative (BRI) del presidente Xi Jinping per collegare l’Eurasia attraverso strade, corsi d’acqua e ferrovie.

Nonostante i crescenti attriti nell’Asia meridionale, Washington non ha spinto esplicitamente Islamabad – ancora – a scegliere tra i due. Tuttavia, in diverse occasioni ha espresso pubblicamente le sue preoccupazioni per i legami tra Pakistan e Cina, avvertendo che le relazioni tra i due “non finiranno bene”.

In un’intervista al quotidiano pakistano in lingua inglese Dawn, Derek Chollet, consigliere senior del Segretario di Stato americano Antony Blinken, ha affermato il mese scorso che “la Cina sta svolgendo un ruolo che in molti casi non è coerente con ciò che riteniamo siano i nostri interessi in Asia meridionale, Asia orientale, Sud-est asiatico e in tutto il mondo.”

“Il nostro rapporto con ogni paese è autonomo. Questo è il motivo per cui i pachistani spesso ritengono che l’India abbia un vantaggio ingiusto perché Washington consente all’India di acquistare petrolio a buon mercato dalla Russia mentre vieta al Pakistan di fare lo stesso. E condividiamo molte somiglianze con entrambi i paesi”, ha aggiunto.

Ma il senatore pakistano Mushahid sostiene che sia la Cina che gli Stati Uniti traggono vantaggio dal mantenere forti relazioni con il Pakistan. “Dato l’attuale clima geopolitico, c’è una tendenza degli Stati Uniti verso l’India, con la quale stanno costruendo una partnership strategica nonostante l’estremismo Hindutva dell’India e la neutralità sull’Ucraina. Di conseguenza, Washington mantiene un impegno limitato, tattico, ma cordiale con il Pakistan”, dice, mentre la Cina è un fedele amico “per tutte le stagioni” sul quale il Pakistan può contare in ogni momento, su tutte le questioni.

Secondo Mushahid, il Pakistan ha sperimentato questa sfida di “equilibrio” tra le maggiori potenze negli anni ’60, quando lo stato doveva prendere decisioni di politica estera per servire al meglio i propri interessi fondamentali. “In un primo momento, gli Stati Uniti si sono opposti ai legami del Pakistan con la Cina, ma in seguito hanno chiesto l’aiuto del Pakistan per fungere da ponte verso la Cina”, spiega, sottolineando i vantaggi di forti relazioni multilaterali.

“Ci sono solo due problemi di cui il Pakistan è preoccupato”, sostiene. “Quali sono i nostri interessi fondamentali e come sono protetti dalle nostre scelte di politica estera?”

Salvare la sovranità del Pakistan

Con l’aumentare della pressione, nel gennaio di quest’anno il Pakistan ha svelato la sua politica di sicurezza nazionale (NSP), che ha reso abbastanza chiaro come Islamabad sceglie di non coinvolgersi nell’escalation delle tensioni tra le due grandi potenze – e ciò che definisce “campo politico”.

L’NSP pone l’accento sulla connettività regionale, che secondo lui deve avere la precedenza sui tradizionali parametri di politica estera.

Il commercio del Pakistan con la Cina è in espansione, anche se il suo principale partner commerciale continua ad essere, per ora, gli Stati Uniti. Poiché il paese rimane ampiamente dipendente dalle esportazioni e dalle attrezzature militari statunitensi, non può permettersi di offendere Washington e soffocare gli investimenti delle imprese statunitensi e la cooperazione in materia di sicurezza in un momento in cui le relazioni con la Cina si stanno riscaldando.

Fonte originale: https://thecradle.co/Article/Analysis/18180

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La decifrazione del sarcofago di Boville

22 maggio 2015 alle ore 18:00 Salone di Rappresentanza del Palazzo della Provincia di FrosinoneLA DECIFRAZIONE DEL SARCOFAGO DI BOVILLE<< Scarica locandina in alta definizione...

UN’OPERAZIONE INTERNA della Redazione di NEXUS

patrocinatore di molti familiari delle vittime degli attacchi dell'11 settembre 2001 e di numerosi cittadini che come contribuenti hanno fatto causa al governo per quei tragici...

10° seminario nazionale di studi – “Armonie del paesaggio nella storia”

CENTRO CULTURALE "AUDITORIUM" Molfetta (BA)in collaborazione con Movimento Internazionale OIKART - (Ecologia ed arte per la protezione del paesaggio)con il patrocinio - MOVIMENTO AZZURRO Ass. Naz. di...

IL MANUALE DELL’ACCHIAPPADEBUNKER di Massimo Mazzucco

Parte Prima: A mean, lean, debunking machinePer definizione, il debunker è una persona che si dedica sistematicamente a smontare qualunque teoria, ipotesi o forma...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube