lunedì - 30 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Il Dibattito Tra Keynes e Von Hayek: un Falso Dualismo con caratteristiche Malthusiane

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Nel mio recente articolo ” Steve Bannon and China’s Deep State”, i lettori sono stati presentati a diversi agenti che servono come opposizione controllata con l’intenzione di rinchiudere i gruppi conservatori degli Stati Uniti e dell’Europa in una folla anti-cinese armata. Questo studio ci ha portato nei corridoi del potere all’interno delle forze della nobiltà nera che rappresentano antiche strutture di potere che hanno dato origine alle Crociate, al culto sintetico noto come i Gesuiti e alle aspirazioni neofeudali per il governo globale.

Così come la sinistra bolscevica antireligiosa contro i fascisti cattolici della destra pan-europea di Coudenhove-Kalergi è stata orchestrata un secolo fa da grandi strateghi oligarchici desiderosi di incatenare l’umanità in un ordine neofeudale, la stessa formula è stata usata nel corso del XX secolo per creare un falso dualismo in campo economico che è servito a minare qualsiasi autentica resistenza anti-imperiale al transumanesimo – soprattutto dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Mi riferisco qui all’influenza pervasiva di una polarizzazione lanciata nel 1932 come un “dibattito” tra due economisti malthusiani con sede a Londra.

Un estremo che ha scolpito profondamente le menti della “sinistra” sulle due sponde dell’Atlantico è stato l’economista “dall’alto” di nome John Maynard Keynes (1883-1946), mentre l’altro estremo che ha continuato a plasmare il pensiero della “destra conservatrice” durante la Guerra Fredda è stato trovato nel sostenitore “dal basso” della libertà personale, Friedrich von Hayek (1899-1992).

Le costanti tra entrambi gli apparenti oppositori (che rimasero amici per tutta la vita) erano che 1) nessuno dei due credeva che l’INTENZIONE o la MENTE dovessero governare la politica economica (Keynes credeva nell’arbitrario “far funzionare” che non poteva distinguere tra la differenza qualitativa di uno stipendio di $ 100 per chi scavasse buche a caso, contro lo stipendio di $ 100 a un ingegnere che costruisce una diga), e 2) entrambi credevano ugualmente nella validità universale delle teorie sulla popolazione di Malthus e nella convinzione satanica di Bernard Mandeville che il vizio personale crea virtù pubblica. Entrambe le teorie hanno sostenuto la grande strategia imperiale britannico/asburgica per oltre due secoli.

È anche importante tenere presente che il dibattito Keynes contro Hayek del 1932 emerse in un momento in cui l’ agenda del governo mondiale guidata dalla Banca d’Inghilterra e dalla Società delle Nazioni era in ascesa. Questa operazione, in cui sia Keynes che von Hayek erano completamente invischiati, richiedeva che i regimi fascisti controllassero il mondo sotto una dittatura di banchieri “scientificamente gestita”.

Un mese dopo che la pubblicazione del London Times del 17 ottobre 1932  iniziò a stampare argomenti di sostenitori di entrambe le scuole di pensiero su come porre fine alla depressione, Franklin Roosevelt fu eletto alla presidenza degli Stati Uniti.

Come ho delineato in How to Crush a Bankers’ Dictatorship , con la vittoria presidenziale di Roosevelt, negli Stati Uniti fu stata ripristinata una forma specifica di economia politica che non aveva nulla a che fare con la scuola di Keynes o Hayek e tutto a che fare con qualcosa di univocamente incorporato in le tradizioni costituzionali statunitensi che hanno reso di stucco gli imperi ereditari della vecchia nobiltà europea.

Negli anni precedenti alla sua vittoria, FDR aveva lavorato a stretto contatto con un gruppo di membri del Congresso e senatori americani bipartisan per rilanciare una forma di economia politica che prevedeva la paradossale coesistenza di un maggiore coinvolgimento del governo insieme a un massiccio aumento dell’imprenditorialità e alla crescita del settore privato [ 1] . Il fatto che FDR sia attaccato dai comunisti per essere uno sciocco capitalista e allo stesso tempo sia attaccato dai capitalisti per essere uno scemo comunista, fino ad oggi è un segno di questa confusione in corso e una testimonianza dell’efficacia della propaganda dell’intelligence britannica. L’incapacità sistemica per gli americani moderni di risolvere oggi il “paradosso di FDR” è dovuta interamente a un gioco di prestigio della stessa potenza imperiale che non ha mai perdonato gli Stati Uniti per aver dichiarato la propria indipendenza nel 1776.

Contraddicendo la mitologia popolare secondo cui “FDR era un keynesiano”, il segretario al lavoro americano Frances Perkins registrò uno scambio del 1934  tra i due uomini quando Roosevelt le disse [2] :

“Ho visto il tuo amico Keynes. Ha lasciato un’intera filastrocca di figure. Deve essere un matematico piuttosto che un economista politico”. In risposta Keynes, che allora stava cercando di cooptare la narrativa intellettuale del New Deal, affermò di aver “supposto che il presidente fosse più istruito, economicamente parlando”.

Keynes l’eugenetista fabiano

Sebbene Keynes sia annunciato come la luce guida del New Deal (e, come tale, difeso dai moderni Global Green New Dealer che desiderano imporre al mondo un sistema di governo dall’alto), il fatto è che Keynes non solo detestava Franklin Roosevelt, ma anche l’umanità più in generale. Ciò si vedrà chiaramente in 1) la sua devozione alle teorie di Thomas Malthus, 2) la sua promozione dell’eugenetica come scienza della purificazione razziale e del controllo della popolazione, e 3) la sua generale devozione al governo mondiale come membro di spicco della Fabian Society. .

Fin dai suoi primi giorni a Cambridge, dove divenne rapidamente uno degli eletti Cambridge Apostles [3] , Keynes si dedicò al servizio dell’impero, diventando Cavaliere dell’Ordine di Bath e dell’Ordine di Leopoldo nel 1919.

Il suo libro dell’inizio del 1911 su  Indian Currency and Finance 4]  (condotto durante la sua incursione quinquennale nell’ufficio indiano dell’Impero) ignorava tutte le reali ragioni politiche per le carestie che affliggevano l’India e sosteneva freddamente una maggiore integrazione del sistema bancario indiano in controlli della City di Londra che in qualche modo avrebbero risolti i problemi dell’India. La realtà dimostrabile era che le carestie indiane erano strumenti coordinati di controllo della popolazione [5]  dall’élite malthusiana dell’establishment britannico che considerava “guerra, carestia e malattie” come i doni che la natura ha dato ai forti per gestire i deboli.

Mentre il suo successivo Consequences of the Peace del 1919  sembrava essere un avvertimento ragionevolmente comprensivo che le draconiane riparazioni di Versailles avrebbero causato danni incredibili e portato a una nuova guerra mondiale, in realtà Keynes stava mostrando un freddo gioco di prestigio. In qualità di rappresentante del Tesoro britannico alla Conferenza di Versailles, Keynes non si è mai opposto al fascismo: ha semplicemente sostenuto che un percorso più liberale verso il fascismo globale potrebbe essere stabilito sotto la direzione della Banca d’Inghilterra. La sua opposizione, tuttavia, all’approccio più violento preferito dagli imperialisti conservatori tra l’intellighenzia britannica, era di forma più che di sostanza.

Keynes e i suoi compagni “pacifisti” Fabiani HG Wells, Bertrand Russell e GB Shaw preferivano il “gioco lungo” “lento e costante” , che ricorda il generale romano Quinto Fabio Massimo che notoriamente combatté i suoi nemici con un lento logoramento piuttosto che su vasta scala confronto [6] . A causa della generale ignoranza da parte del pubblico di questa strategia, celebriamo questi luminari della Fabian Society per il loro pacifismo, anche se in realtà erano altrettanto razzisti, fascisti e amanti dell’eugenetica quanto le loro controparti più miopi e ostinate sir Oswald Mosley, Lord Alfred Milner e persino Winston Churchill.

Laddove la vera soluzione alla stampa di denaro iperinflazionistica e alla chiusura dell’economia industriale della Germania durante gli anni del dopoguerra si trovava nell’accordo di Rapallo tedesco-russo del 1922 (distrutto con l’ assassinio del ministro degli Esteri del sistema americano Walter Rathenau ), Keynes e i suoi simili chiedevano semplicemente l’integrazione economica del sistema bancario e militare tedesco sotto il controllo della Banca d’Inghilterra/Società delle Nazioni.

Keynes: discepolo di Thomas Malthus

Definendo la sua credenza misantropica nella sovrappopolazione, l’economista della British East India Company Thomas Malthus (1766-1834) affermò una nuova “legge fondamentale” nel suo famoso  Saggio sulla popolazione del 1799 :

“Il potere della popolazione è così superiore al potere sulla terra di produrre sussistenza per l’uomo, che la morte prematura deve in un modo o nell’altro visitare la razza umana.”

Come si potrebbe evitare questa crisi? Malthus risponde come solo un devoto imperialista potrebbe:

“Dovremmo facilitare, invece di cercare stoltamente e vanamente di impedire, le operazioni della natura nel produrre questa mortalità; e se temiamo la visitazione troppo frequente dell’orribile forma di carestia, dovremmo incoraggiare diligentemente le altre forme di distruzione, che costringiamo la natura ad usare. Nelle nostre città dovremmo rendere le strade più strette, affollare più persone nelle case e corteggiare il ritorno della peste”.

Sebbene alcuni apologeti considerassero Keynes un anti-malthusiano, a causa della sua teoria secondo cui la sovrappopolazione poteva essere superata incoraggiando la spesa piuttosto che il risparmio, il che, a sua volta, avrebbe in qualche modo creato mercati e quindi nuove fabbriche e maggiore crescita, la realtà era l’opposto. Keynes non solo ha parlato in modo esuberante di Malthus per tutta la sua vita come una delle più grandi menti di tutti i tempi, ma ha persino plagiato molte delle teorie di Malthus [7] , ad esempio quella della “carenza della domanda che causa disoccupazione e recessione” delineata nel suo Trattato del 1930 su Denaro. Nel suo Saggio su Malthus del 1933 [8] , Keynes scrisse:

“Pensiamo a Malthus oggi come il primo degli economisti di Cambridge, come, soprattutto, un grande pioniere dell’applicazione di una cornice di pensiero formale alla complessa confusione del mondo degli eventi quotidiani. Malthus si avvicinò ai problemi centrali della teoria economica per la migliore di tutte le strade.

Nella sua conferenza Population [ 9] del 2 maggio 1914  , Keynes sosteneva che il governo dovrebbe  “modellare deliberatamente la legge e le consuetudini per realizzare quella densità di popolazione che dovrebbe esserci”  e che  “ci sarebbe più felicità nel mondo se il la sua popolazione sarebbe diminuita”.

Dicendo che  “l’India, l’Egitto e la Cina sono gravemente sovrappopolati”,  Keynes sostenne l’uso della violenza per difendere le  “razze bianche superiori”  in questa lotta per la sopravvivenza con il detto pacifista:

“Quasi tutte le misure mi sembrano giustificate per proteggere il nostro standard di vita dagli infortuni per mano di razze più prolifiche. Potrebbe rendersi necessaria una precisa suddivisione del mondo; e suppongo che questo non possa provocare improbabilmente guerre razziali. In ogni caso, tali guerre riguarderanno una questione sostanziale.

In qualità di presidente ad interim della Lega neo-malthusiana, Keynes affermò nel 1927 : 

“Noi di questa società siamo neo-malthusiani… Credo che per il futuro il problema della popolazione emergerà nel ben più grande problema dell’Ereditarietà e dell’Eugenetica. La qualità deve diventare la preoccupazione”.

Nel 1946, Keynes, ancora membro della British Eugenics Society (dopo aver servito come vicepresidente dell’agenzia dal 1936 al 1944) scrisse in  The Eugenics Review :

“Il tipo di mente eccentrica, scettica, osservatrice, lampeggiante, da leader di cavalleria di Galton lo ha portato alla fine a diventare il fondatore della più importante, significativa e, aggiungerei, genuina branca della sociologia che esiste, vale a dire l’eugenetica”.

Questa non era una teoria da torre d’avorio, ma concetti con un significato molto reale.

Nel 1937, la Teoria generale dell’occupazione di  Keynes fu pubblicata nella Germania nazista. Se qualcuno desidera difendere l’idea che l’economista fosse in qualche modo un difensore antifascista dei “valori liberali”, legga le sue stesse parole nella prefazione e poi ridefinisca i “valori liberali” o la sua idea ingenua di Keynes: 

“Posso forse aspettarmi di trovare meno resistenza tra i lettori tedeschi che tra quelli inglesi, quando presento loro una teoria dell’occupazione e della produzione nel suo insieme… La teoria della produzione nel suo insieme che è l’oggetto di questo libro, può essere molto meglio adattato alle condizioni di uno stato totalitario, rispetto alla teoria della produzione e distribuzione della ricchezza in circostanze di libera concorrenza.

Lo stesso Hitler non era solo un devoto eugenista (le cui politiche di purificazione razziale sono emerse attraverso il finanziamento delle Fondazioni Rockefeller e Carnegie così come dell’establishment britannico), ma era anche un devoto malthusiano [10] :

“Verrà certamente il giorno in cui tutta l’umanità sarà costretta a frenare l’aumento della specie umana, perché non ci sarà più alcuna possibilità di adeguare la produttività del suolo al perpetuo aumento della popolazione”.

Keynes contamina Bretton Woods

Durante la conferenza di Bretton Woods tenutasi nel New Hampshire tra l’1 e il 20 luglio 1944, i due paradigmi opposti si scontrarono di nuovo, proprio come avevano fatto nel 1776 o nel 1867 sui termini dell’ordine mondiale del dopoguerra. Da un lato il sistema americano di anticolonialismo gareggiava per un sistema di collaborazione vincente e multipolarismo , mentre dall’altro il sistema britannico di malthusianesimo a somma zero spingeva per un dominio anglosassone unilaterale sul mondo.

Questo scontro prese la forma delle battaglie intraprese dal fidato collaboratore di FDR Henry Dexter White contro John Maynard Keynes a Bretton Woods, dove 730 delegati in rappresentanza di 44 nazioni si riunirono per stabilire i termini dell’ordine del dopoguerra.

Sebbene questa conferenza sia notoriamente associata alla creazione della Banca mondiale, del Fondo monetario internazionale e dell’Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT), si presume erroneamente che sia una creazione keynesiana. Il ruolo di Keynes come rappresentante dell’Impero britannico, proprio come il suo precedente ruolo a Versailles nel 1919, fu nuovamente definito dall’intenzione a tutti i costi di modellare le condizioni di un ordine mondiale post-nazionale per conto della City di Londra. Come Bertrand Russell e altri Cambridge Apostles prima e dopo, Keynes è stato addestrato nel dispiegamento sofisticato di statistiche e logica matematica per coprire lo stupro imperiale delle nazioni bersaglio.

Lord Keynes fu schierato per guidare la delegazione britannica a Bretton Woods e portare avanti un piano “delfico” che prevedeva la creazione di un’Unione internazionale di compensazione controllata dalla City di Londra che denominasse tutti i pagamenti in un’unità contabile comune: il Bancor .

Il Bancor sarebbe stato utilizzato per misurare i deficit commerciali o di surplus di tutte le nazioni, espropriando i surplus entro la fine dell’anno e tassando i paesi con deficit. L’imposizione di una “architettura matematica” sui sistemi fisici (non matematici) delle nazioni era il modo più sicuro per mantenere una gabbia invisibile sulla terra sotto un ideale di “equilibrio matematico”. La sadica austerità fiscale richiesta dagli economisti matematici e da altri tecnocrati a Bruxelles riflette la forza ancora attiva dello spirito di Keynes che perseguita il mondo di oggi.

Bretton Woods come New Deal Globale

In opposizione a Keynes, il programma anticoloniale di FDR era rappresentato dal suo stretto alleato Harry Dexter White (1882-1948). White ( oggi calunniato come un agente sovietico dagli storici affiliati al CFR ) ha combattuto con le unghie e con i denti per garantire che la Gran Bretagna non fosse al posto di guida del nuovo sistema economico emergente o degli importanti meccanismi del FMI che avrebbe guidato. White assicurò che il sistema di “prelazione” economica coloniale che la Gran Bretagna usava per mantenere il saccheggio del libero scambio in tutto il suo impero fosse distrutto e che la sterlina inglese non giocasse un ruolo primario nel commercio globale. Al contrario, fu istituito un sistema di tassi di cambi fissi per garantire che la speculazione non potesse dilagare sulle strategie di crescita nazionali e che il dollaro (allora sostenuto da una potente piattaforma economica fisica) costituisse la spina dorsale del commercio mondiale.

Harry Dexter White

A Bretton Woods, Dexter White ha raggiunto accordi per fornire vasti trasferimenti di tecnologia per aiutare l’industrializzazione del Sud America [11] . Allo stesso tempo, le delegazioni dell’India, dell’Europa dell’Est e della Cina hanno presentato programmi su larga scala modellati sul New Deal [12] . È degno di nota il fatto che la delegazione cinese abbia introdotto i piani infrastrutturali delineati per la prima volta da Sun Yat-sen nel suo  Sviluppo internazionale della Cina del 1920 [13] che sia Mao che Zhou Enlai hanno approvato insieme a Chiang Kai-Shek del Kuomintang. Se questi piani non fossero stati sabotati, è sorprendente considerare quale tipo di progresso avrebbe potuto aprirsi per i cinesi 70 anni prima che qualcuno sentisse parlare del termine ” Belt and Road Initiative “.

In questa fase iniziale, la Russia era ancora felice di essere un membro fondatore del FMI e della Banca mondiale, progettati per fungere da meccanismi di prestito a basso costo per lo sviluppo globale a lungo termine, a basso interesse e ad alta tecnologia.

Commentando il sostegno al sistema postbellico di interesse reciproco di FDR, Stalin affermò :  “Possiamo contare che le attività di questa organizzazione internazionale siano sufficientemente efficaci? Saranno efficaci se le grandi potenze che hanno sopportato l’onere della guerra contro la Germania di Hitler continueranno ad agire in uno spirito di unanimità e armonia. Non avranno effetto se questa condizione essenziale viene violata”.

Proprio come la Reconstruction Finance Corporation (RFC) è stata utilizzata come una banca nazionale per finanziare migliaia di grandi progetti infrastrutturali, di trasporto, energetici e idrici durante il New Deal e proprio come Glass-Steagall ha rotto il monopolio della finanza speculativa privata sull’economia produttiva , questi New Dealer desideravano utilizzare la Banca mondiale e il FMI per emettere crediti produttivi a lungo termine ea basso interesse per mega progetti infrastrutturali a lungo termine in tutto il mondo. Il pensiero di ricostruire solo l’Europa non è mai stato il piano nelle menti di White o FDR.

Figure di spicco di questo gruppo includevano il sottosegretario di Stato Sumner Welles, il confidente di FDR Harry Hopkins e il leader del partito repubblicano Wendell Willkie che ha lavorato a stretto contatto con il suo rivale democratico diventando un “ambasciatore del New Deal” internazionale. Nel 1942, dopo essere stato schierato da FDR in un tour mondiale per organizzare progetti internazionali del New Deal in una corsa per porre fine al colonialismo, Willkie scrisse:

“In Africa, in Medio Oriente, in tutto il mondo arabo, così come in Cina e in tutto l’Estremo Oriente, libertà significa l’abolizione ordinata ma programmata del sistema coloniale… Quando dico che per avere la pace questo mondo deve essere libero, riferisco solo che è iniziato un grande processo che nessun uomo – certamente non Hitler – può fermare… Dopo secoli di ignorante e ottusa osservanza, centinaia di milioni di popoli in Europa orientale e in Asia hanno aperto i libri. Le vecchie paure non li spaventano più… Sono decisi, come devono essere, che non c’è più posto per l’imperialismo nella loro società che nella società delle nazioni”

La battaglia di FDR con Churchill su questo argomento è stata ben documentata nel libro di suo figlio/assistente Elliot Roosevelt  As He Saw It (1946):

“Ho cercato di chiarire… che se da un lato siamo alleati [della Gran Bretagna] e siamo al loro fianco per vincere, dall’altro non devono mai pensare che siamo qui solo per aiutarli ad aggrapparsi alle loro idee arcaiche e medievali di impero… Spero che si rendano conto che non sono senior partner; che non staremo a guardare il loro sistema che soffoca la crescita di tutti i Paesi dell’Asia e di metà dei Paesi europei”.

Questa visione è stata espressa continuamente da FDR nei suoi centinaia di discorsi, così come dal suo vicepresidente Henry Wallace , nella creazione della Carta Atlantica e di Four Freedoms . Era incorporato nella difesa della sovranità nazionale nella Costituzione delle Nazioni Unite (chiaramente inesistente nella  Lega delle Nazioni diretta dagli inglesi in  precedenza). Doveva essere lo spirito governante che animava il mondo mentre l’umanità entrava in un’età matura di ragione creativa.

Allora, cos’è successo?

Finché FDR è stato in carica, questo alveare gestito dagli inglesi è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che FDR e i suoi alleati avevano creato.

Alcuni dei più importanti “New Dealer internazionali” fedeli alla visione anticoloniale di Franklin Roosevelt per il dopoguerra includevano: Harry Hopkins (nella foto con Stalin in alto a sinistra), Sumner Welles, Wendell Willkie (in primo piano con Stalin e Chiang kai-Chek , Wallace (in primo piano con FDR) e Harry Dexter White (in basso a destra)

Alla morte del presidente, Harry Dexter White è stato estromesso dalla sua posizione di direttore del FMI ed etichettato come agente comunista. Henry Wallace fu estromesso per ragioni simili e collaborò con White per una candidatura alle presidenziali del 1948 come candidato del terzo partito. William Willkie (che aveva discusso della creazione di un nuovo partito con FDR) morì nell’ottobre 1944, e il braccio destro di FDR Harry Hopkins, che fece di più per avviare un’alleanza USA-Russia, morì nel 1946. Elliot Roosevelt intervistò Stalin alcuni anni dopo, e ha registrato che Stalin ha sempre creduto che il padre di Elliot fosse stato avvelenato [14] “dalla banda di Churchill.” Nel 1946, Churchill inaugurò la Guerra Fredda mettendo gli ex alleati l’uno contro l’altro per i restanti 70 anni mentre sganciava bombe nucleari su un Giappone sconfitto. Stalin si è lamentato della morte di Roosevelt dicendo  “il grande sogno è morto”.

Dopo la morte di FDR, il modello di governance di Keynes che ha permeato il sistema operativo del dopoguerra, ha fatto sì che il tipo di progetti su larga scala guidati dall’INTENZIONE, che avrebbero potuto porre fine al colonialismo, non vedessero la luce.

Mentre il keynesianesimo ha continuato a infettare la sinistra e i partiti laburisti transatlantici, un’altra infiltrazione parallela di una dottrina economica imperiale è stata infusa nello Zeitgeist “conservatore”.

L’ascesa della scuola austriaca asburgica

Per tutti gli anni ’30 e ’40, gli interessi Mellon-Morgan-Rockefeller condussero una multiforme guerra psicologica contro la popolazione. Dopo che i loro piani di colpo di Stato fallirono nel 1934 , questi gruppi crearono un think tank che si faceva chiamare “American Liberty League” nominalmente guidato dall’ex presidente del Partito Democratico John Jacob Raskob. L’ironia della parola “Libertà” usata da un’organizzazione i cui controllori hanno sponsorizzato il fascismo prima e anche durante la seconda guerra mondiale  non dovrebbe sfuggire a nessuno.

Attraverso potenti oligarchi come William Randolph Hearst, Henry Luce, i Morgan, i Warburg, i Dupont e i Rockefeller, la Liberty League controllava la maggior parte dei principali media, stazioni radio e case editrici negli Stati Uniti. Allo stesso tempo, queste stesse forze si coordinarono strettamente con l’ FBI recentemente riorganizzato sotto il timone di J. Edgar Hoover. Questa potente rete lavorò duramente per dipingere Roosevelt come un keynesiano che si limitava a creare “posti di lavoro” inflazionistici senza alcuna intenzione concreta per le future capacità produttive del lavoro. Grazie a questo gioco di prestigio, i nemici di Roosevelt riuscirono a inventare un uomo di paglia che poterono poi confutare promuovendo il modello anti-keynesiano noto come “Scuola Austriaca”, che in passato era nato dalle teorie di ispirazione britannica di Carl Menger (collaboratore dell’impero asburgico) e dei suoi discepoli aristocratici Ludwig von Mises, Friedrich von Hayek, Frank Knight e Sir John Clapham.

Nel 1940, l’  American Liberty League si sciolse. Tuttavia, con la morte di FDR nel 1945, la sua congrega di controllori ha generato dozzine di nuovi think tank che sono stati invischiati con la nave madre del Council on Foreign Relations e della Mont Pelerin Society fondata nel 1947 da von Hayek e da un gruppo di oligarchi amanti dell’eugenetica che incontreremo presto .

Nei decenni a venire, la Liberty League si trasformò in centinaia di nuovi gruppi di riflessione che ebbero inizio con l’American Enterprise Association (AEA) [in seguito nota come American Enterprise Institute] fondata dal leader della Liberty League Raymond Moley e sponsorizzata da General Mills, Chemical Bank, e Bristol Meyer.

Altri think tank costruiti da questa rete nel corso degli anni includevano la Heritage Foundation, il Cato Institute, l’Hudson Institute, il Mises Institute, il Manhattan Institute ecc… che avrebbero gettato le basi per la successiva “rivoluzione conservatrice” degli anni ’70. Questa rivoluzione della “Scuola Austriaca” prenderebbe vita una volta che la perversione keynesiana di Bretton Woods del 1945-1971 si fosse conclusa con la fluttuazione del dollaro nel 1971 al di fuori del sistema di riserve auree a tasso di cambio fisso.

Una delle principali divinità di questa nuova dottrina che ha dominato la deregulation, l’adorazione del denaro dal 1971 al crollo attuale, è stato il vecchio rivale e amico di una vita di Keynes: Friedrich von Hayek.

Presentazione di Friedrich von Hayek

Nel suo The Road to Serfdom del 1944 [15] , Hayek espone la sua incapacità di risolvere il paradosso della legge sulla libertà quando discute il problema dei governi che pianificano il futuro:

“Per raggiungere i loro fini, i pianificatori devono creare potere – potere sugli uomini esercitato da altri uomini… Il loro successo dipenderà dalla misura in cui raggiungeranno tale potere. La democrazia è un ostacolo a questa soppressione della libertà che richiede la direzione centralizzata dell’attività economica. Da qui nasce lo scontro tra pianificazione e democrazia”

In poche parole, Hayek afferma che TUTTE le forme di pianificazione nazionale portano inesorabilmente alla tirannia. In questo, Hayek non distingue tra l’uso del potere nazionale da parte di George Washington, Lincoln o JFK rispetto agli ideologi fascisti anti-umanisti che credevano in controlli dall’alto senza alcun riguardo per la libertà individuale.

Hayek sostiene anche che tutto il progresso della storia umana è il risultato di un individualismo sfrenato liberato da ogni pianificazione intenzionale dall’alto (“auto-organizzazione spontanea”) e che ogni valore ha origine dalle passioni individuali per soddisfare i piaceri ed evitare il dolore.

Né Hayek né i suoi insegnanti Ludwig von Mises e Carl Menger hanno creato queste idee da soli, ma hanno derivato tutto dai lavori precedenti di due strateghi imperiali britannici: 1) Adam Smith (1723-1790) e 2) il predecessore del Club Hellfire di Smith Bernard Mandeville ( 1670-1733).

Sia Mandeville che Smith furono celebrati non a caso sia da von Hayek che da John Maynard Keynes come grandi geni, eppure entrambi erano agenti politici dimostrabili le cui idee furono create per minare gli ideali rivoluzionari americani che esplosero sulla scia della Dichiarazione di Indipendenza americana. Il patrocinio di Mandeville e Smith da parte delle più alte sfere dell’Impero britannico (i primi ministri Walpole e Shelburne) non è quindi una coincidenza.

La mente malata di Bernard Mandeville

Nel 1966, Hayek  tenne una conferenza [16] in lode di Bernard Mandeville (1670-1733) le cui idee, sosteneva, gettarono le basi per il liberalismo britannico di Adam Smith e della sua stessa scuola austriaca.

Cosa ha detto Mandeville che Hayek considerava così innovativo e meraviglioso? Mandeville ha sostenuto che mentre le persone dovrebbero cercare di comportarsi in modo etico, la verità è che la moralità stessa non ha un’esistenza intrinseca (oltre ad essere un utile regolatore della gente comune). Inoltre, il progresso avviene solo quando le persone sono libere di perseguire i propri vizi senza limiti. Nel suo Private Vices Public Benefits (1725) [17] , Mandeville sostiene addirittura che un assassino che ruba denaro e passa tempo con una prostituta, sta rendendo un servizio alla società poiché la prostituta utilizzerà quei soldi per comprare nuovi bottoni per il suo vestito che impiega un fabbricante di bottoni, che nutre la sua famiglia ecc…

Mandeville definisce la natura umana come fondamentalmente lussuriosa ed egoista dicendo: “Uno dei motivi principali per cui così poche persone capiscono se stesse, è che la maggior parte degli scrittori insegna sempre agli uomini cosa dovrebbero essere, e raramente si preoccupano di dire loro cosa sono veramente. … Credo che l’uomo sia un composto di varie passioni, che tutte, quando sono provocate e hanno il sopravvento, lo governano a turno, che lo voglia o no.

Il famoso poema di Mandeville del 1705 The Grumbling Hive ha dimostrato la sua vile teoria con un po’ di margine creativo:

“Un gran numero affollava il fecondo Alveare;
Eppure quei grandi numeri li hanno fatti prosperare;
Milioni di persone che si sforzano di soddisfare
la lussuria e la vanità reciproche. …

Così ogni parte era piena di vizio,
eppure l’intera messa era un paradiso
lusingato nella pace e temuto nelle guerre
che erano la stima degli stranieri. …

Tali erano le benedizioni di quello Stato;
I loro crimini hanno cospirato per renderli grandi;
E la virtù, che dalla politica
aveva imparato mille trucchi astuti,
era, per la loro felice influenza,
fatta amica del vizio: e da allora
la peggiore di tutta la moltitudine ha
fatto qualcosa per il bene comune.

Se “vizio = bene” allora ci si deve chiedere che ne è del “male” nello strano mondo di Mandeville?

La risposta è semplice. Il male si verifica quando gli stati nazionali tentano di regolare o dirigere il comportamento economico della società secondo un principio morale.

In qualità di figura di spicco degli Hellfire Club britannici, le società segrete di Mandeville erano le isole Epstein del XVIII secolo dove tutti i capricci e le passioni perverse dell’oligarchia erano soddisfatte senza limiti e tutta l’élite che voleva prendere parte a questo primo Bohemian Grove felicemente prese parte alle feste proibite.

Come i satanisti di oggi, “il bene superiore” è semplicemente la somma totale di piccoli atti di malvagità individuale.

Adam Smith continua l’eredità di Mandeville

Di fronte alla diffusione del dirigismo francese (tariffe protettive, credito pubblico, manifattura e lavori pubblici) quando le colonie americane del XVIII secolo minacciavano l’indipendenza, un altro agente britannico fu impiegato per generare una versione sterilizzata del sistema di Mandeville.

Il nome di questo nuovo ingegnere sociale era Adam Smith (1723-1790).

Nella sua Theory of Moral Sentiments (1759), Smith afferma che i sistemi economici dovrebbero rimanere soggetti alle passioni animali casuali dei mercati. Quali sono le guide per la ricchezza e la creatività se non obiettivi o intenzioni? Smith lo dice chiaramente: la fame, il sesso e la paura del dolore:

“La natura ci ha diretti alla maggior parte di questi con istinti originali e immediati. La fame, la sete, la passione che unisce i due sessi, l’amore del piacere e il timore del dolore, ci spingono ad applicare quei mezzi per se stessi e senza alcuna considerazione della loro tendenza a quei fini benefici che il grande Direttore di la natura intendeva produrre da loro”.

Con il suo Wealth of Nations del 1776 , Smith sosteneva che nessuna nazione, specialmente non i nuovi Stati Uniti, dovrebbe mai regolare i propri affari economici, utilizzare banche nazionali, sviluppare industrie native, utilizzare il protezionismo o il credito diretto per miglioramenti interni. Invece, Smith ha spiegato che le nazioni dovrebbero rimanere agricole per massimizzare i loro profitti. Ogni nazione dovrebbe fare ciò che sa fare bene e semplicemente “incassare”, ma in nessun caso sviluppare economie a pieno spettro.

Come Mandeville in precedenza, Smith ha affermato che le passioni illimitate della folla che cerca di massimizzare il proprio piacere avrebbero causato il progresso e mani invisibili avrebbero mantenuto questo ordine spontaneo in qualche modo andando avanti.

Mentre alcuni americani hanno effettivamente bevuto il Kool-Aid di Smith, come il democratico feudale Thomas Jefferson, altri hanno continuato a lottare per difendere l’economia a tutto spettro. Per tutto il XIX secolo questi sostenitori del sistema americano trovarono il loro campione in Henry C. Carey (1793-1879 ) [18] .

Il sistema americano contro il libero scambio britannico

Carey ha sostenuto che i suoi compagni americani non devono “far abdicare la loro ragione in favore di teorie selvagge, ridicole e assurde su morale, religione, politica o scienza che hanno dominato l’umanità… Come passo preliminare proponiamo di stabilire l’assoluta fallacia di alcune massime, sostenuto dall’autorità del nome di Adam Smith, autore della Ricchezza delle nazioni, ma gravido di certa rovina per qualsiasi nazione che le metta in pratica… L’influenza di queste massime è stata sensibilmente e perniciosamente avvertita nei nostri consigli, ha profondamente influenzato la nostra prosperità ed è stata la principale fonte del disagio prevalente della nazione. L’influenza di queste massime è stata avvertita in modo sensibile e pernicioso nei nostri consigli, ha influenzato profondamente la nostra prosperità ed è stata la fonte principale da cui è scaturita l’angoscia prevalente della nazione.”.

Prima di diventare il consigliere economico di Lincoln , Carey ha agito come principale consigliere Whig dei presidenti Harrison e Taylor insieme a Henry Clay, e in seguito è diventato un membro fondatore del Partito Repubblicano che ha plasmato il programma economico di Lincoln durante la Guerra Civile. [19]

Esempi del sistema americano dirigista (da sinistra a destra): Alexander Hamilton, Lincoln e Henry Carey

Nel 1876, Carey organizzò la Centennial Exhibition a Filadelfia [20]  , che fu un importante momento di svolta per l’adozione globale del sistema americano.

Reti internazionali che si estendono da Russia, Giappone, Germania, Francia, Italia e oltre, hanno portato negli Stati Uniti importanti scienziati ed economisti politici, dove sono stati esposti ai miracoli della scienza, dell’ingegneria e del progresso industriale che hanno permesso alla giovane nazione di produrre più di ogni europeo Stato in un solo secolo.

In Germania il più grande sostenitore del Sistema americano fu  Friedrich List  (1789-1846) [21] architetto dello Zollverein e nemico del Sistema britannico. Nel suo  Sistema nazionale di economia politica  (1841), scrisse:

“Il motto ‘laissez faire, laissez passer’ suona non meno piacevole a ladri, imbroglioni e ladri che al mercante, e quindi si dovrebbe considerare questa massima con sospetto…. Questa perversità, quella di cedere gli interessi della manifattura e dell’agricoltura alle libere esigenze del commercio, è una conseguenza naturale di quella teoria, che guarda universalmente solo ai prezzi, non ammettendo mai il lavoro necessario per produrre, e vede il mondo intero come un unico e repubblica indivisibile dei mercanti. Questa scuola di pensiero [di Adam Smith] non vede che il commerciante può raggiungere il suo scopo – ottenere profitti dal commercio, anche a scapito dell’agricoltura e della manifattura, a scapito delle forze produttive – altrettanto facilmente attraverso l’indipendenza e l’autonomia di nazioni. Per lui è lo stesso,

Anche se il cancelliere Otto von Bismarck (1815-1898) fu estromesso da un colpo di stato morbido nel 1890 (che mise in moto il successivo tuffo della Germania nella prima guerra mondiale [22] ), il suo sostegno alle riforme di List unì la Germania e la catapultò in una posizione preminente di sviluppo industriale. la produttività supera rapidamente persino l’impero britannico in pochi decenni. Annunciando la sua politica tariffaria protettiva nel 1879, Bismarck dichiarò:

“Siamo stati, fino a questo punto, la discarica per la produzione eccedentaria di altri paesi, a causa della nostra politica delle porte aperte. A mio avviso, questo ha fatto crollare i prezzi in Germania. Ha impedito la crescita delle nostre industrie e lo sviluppo della nostra vita economica. Dobbiamo chiudere questa porta ed erigere una barriera più alta. E quello che ora propongo è di creare per l’industria tedesca lo stesso mercato che finora abbiamo benevolmente permesso agli stranieri di sfruttare. Se i rischi del protezionismo sono così grandi come sostengono gli aderenti al libero scambio, allora la Francia sarebbe stata impoverita da tempo, perché hanno seguito questa teoria sin dai tempi di Colbert.

Riforme simili erano state applicate sotto gli zar Alessandro II e III in Russia sotto la guida del seguace del “Sistema americano” Sergei Witte , che guidò la costruzione della ferrovia transiberiana. Avveniva anche in Giappone durante la Restaurazione Meiji , in Irlanda con la rete Carey che lanciò lo Sinn Fein , e in Francia dove sorse la scuola del Sistema Americano con il presidente Sadi Carnot e Gabriel Hanotaux . Questo nuovo sistema emergente di cooperazione vantaggiosa per tutti rappresentava una minaccia mortale per il sistema in decomposizione dell’Impero britannico e solo un periodo denso di omicidi, rivoluzioni colorate e guerre fece deragliare tale sviluppo.

Le origini della scuola austriaca

Fu in questo clima potenzialmente elettrico che il sistema di Adam Smith fu riconfezionato da un intellettuale austriaco di nome Carl Menger (1840-1921) per conto dell’impero asburgico che manteneva ancora un’alleanza con altre famiglie oligarchiche della nobiltà europea. Queste reti oligarchiche volevano disperatamente mantenere l’Europa deindustrializzata, feudale e sottosviluppata.

Lo stesso Menger era il servitore delle Case Reali d’Asburgo e Wittelsbach in qualità di precettore personale del principe ereditario Rodolfo d’Asburgo [23] . Proprio come Smith fu incaricato da Lord Shelburne di attaccare la scuola economica dirigista francese nel suo trattato del XVIII secolo, Menger fu impiegato per fare la stessa cosa nel XIX secolo.

Dopo che gli incendi della prima guerra mondiale si furono placati, la “pace” divenne poco più di un intermezzo in preparazione di una nuova forma di ordine mondiale che doveva essere gestita da uomini forti fascisti. Sebbene oggi venga spesso trascurata, l’“economia corporativista fascista” non fece la sua prima apparizione in Italia come comunemente si crede, bensì in Austria dopo la dissoluzione dell’impero austro-ungarico nel 1919.

A quel tempo, von Hayek lavorò come aiuto a Ludwig von Mises, che poi servì come capo consigliere economico del nuovo governo austriaco, sotto il controllo diretto del nuovo governatore della Banca d’Inghilterra Montagu Norman e della Società delle Nazioni Arthur Salter (capo del Consiglio supremo economico della Lega). Mises fu anche il principale consigliere del fascista austriaco e membro di spicco del Movimento paneuropeo Engelbert Dollfuss (Cancelliere austriaco dal 1932 al 1934) e anche uno dei principali consiglieri di Otto von Hapsburg (erede al trono asburgico) che guidò il Movimento paneuropeo per decenni.

Sotto la direzione di Mises, il governo austriaco del dopoguerra impose tagli ai servizi, alla spesa pubblica e ai salari che portarono alla fame di massa e alla povertà. Questi atti sarebbero serviti da modello per ciò che italiani e tedeschi avrebbero presto dovuto affrontare.

Al culmine dell’iperinflazione di Weimar del 1923, e in risposta diretta al movimento bolscevico finanziato da Londra-Wallstreet, fu creata una nuova organizzazione chiamata The  Pan European Union (PEM) guidata dal conte Richard Coudenhove-Kalergi, e successivamente dall’arciduca Otto von Hapsburg.

Questa organizzazione è stata finanziata da Louis de Rothschild e Max Warburg mentre i suoi membri includevano Benito Mussolini, Walter Lipmann e il ministro delle finanze nazista Hjalmar Schacht. Il PEM mirerebbe a sostituire gli stati nazione con un “sistema feudale benigno” che divenne il modello guida per la successiva Unione Europea anni dopo. Il doppio ruolo di Von Hapsburg come leader sia di questa organizzazione che di diversi think tank della scuola austriaca non è una coincidenza.

Come sottolinea Cynthia Chung nel suo libro “L’impero su cui il sole nero non tramonta mai”, Coudenhove-Kalergi ammette nelle sue numerose autobiografie che i suoi principali alleati tra l’élite americana si trovavano interamente nel Consiglio Rhodes-Milner per le relazioni estere con particolare enfasi su John Foster Dulles. E mentre Kalergi si lamenta che Franklin Roosevelt non gli avrebbe mai concesso nemmeno un minuto di tempo, nel momento in cui FDR è morto, il suo accesso alla Casa Bianca è diventato letteralmente illimitato. Esprimendo la sua gioia nel trovare un partner nel quinto editorialista di Sullivan e Cromwell che sostiene i nazisti, Coudenhove Kalergi rifletté nel 1948:“C’erano … solo pochissimi americani che, a quel tempo, avevano una vera fiducia nella creazione di Stati Uniti d’Europa su linee democratiche. Uno degli uomini che aveva questa fede era John Foster Dulles, che conobbi poco dopo il mio arrivo a New York. In qualità di presidente del Consiglio delle chiese protestanti d’America, Dulles si è schierato fermamente dalla parte di un programma di pace paneuropeo».

The Mont Pelerin Society: fascismo dal volto liberale

Prima di creare la Mont Pelerin Society nel 1947, Hayek aveva precedentemente fondato la  Society for Renovation of Liberalism  (SRL) nel 1939. Quasi tutti i membri fondatori di questo gruppo si trovavano tra i 37 membri originali del Mont Pelerin. Tra questo gruppo dominato dalla Fabian Society c’erano gli insegnanti di Milton Friedman Frank Knight e Henry Simons, il membro della Fabian Society Walter Lipmann, il mentore di George Soros Karl Popper , Ludwig von Mises e Sir John Clapham.

Con la morte prematura di Franklin Roosevelt, il sistema di controlli fascisti di Keynes fu infuso nel governo delle istituzioni di Bretton Woods mentre il sogno anticoloniale di FDR veniva soffocato.

Mentre la dottrina di Keynes promuoveva un controllo verticistico dall’alto, la Mont Pelerin Society creò un polo opposto di mercati liberi “dal basso verso l’alto”.

È interessante notare che questo gruppo era gestito anche dai paneuropeisti Otto von Hapsburg, il conte Richard Coudenhove-Kalergi e Max von Thurn und Taxis (erede della potente famiglia veneziana emigrata in Germania nel XV secolo). Uno degli ultimi progetti di Otto von Hapsburg prima della sua morte nel 2011 è stata la creazione del Dignitatis Humanae Institute , ora guidato da Steve Bannon con il mandato di “unire i movimenti di destra del mondo” in una prospettiva anti-cinese e anti-musulmana .

Sebbene ci siano voluti quasi 30 anni (e diverse dozzine di colpi di Stato e omicidi di leader nazionalisti dal 1946 al 1971), la crescita industriale del sistema di Bretton Woods è stata infine soppressa quando il dollaro USA è stato lanciato sui mercati speculativi.

Dopo aver atteso pazientemente per decenni, il loro momento era finalmente giunto.

Le centinaia di think tank internazionali della scuola austriaca sparsi per fra le due sponde dell’Atlantico si misero rapidamente al lavoro applicando la “soluzione” ai problemi creati dalla pianificazione centralizzata del keynesismo. Sotto questo “rimedio”, una nuova era di deregolamentazione, privatizzazione e “monetarismo” è stata scatenata sotto un nuovo ethos “avidità = buono” che avrebbe fatto sorridere con orgoglio Mandeville e Smith.

Per dare un’aria di legittimità a questo cambiamento di paradigma economico, Hayek e Milton Friedman ricevettero i premi Nobel, e il loro divenne rapidamente il “nuovo vangelo” che si infuse nella destra conservatrice del mondo quando fu lanciata la “rivoluzione conservatrice”.

La forza di polizia sovranazionale di Hayek e il controllo della popolazione

È qui che l’immagine dell’“amante della libertà” si disintegra e l’attuale fredda anima fascista di Hayek mostrerà la sua brutta testa.

Anche se viene venduto come un anti-malthusiano (promuovendo l’idea che i mercati totalmente liberi creeranno magicamente i cambiamenti creativi necessari per superare la nostra capacità di carico), Hayek mise per iscritto le sue opinioni dicendo nel 1981:

“Nei prossimi 20 anni, si prevede che la popolazione mondiale raddoppierà nuovamente. Per un mondo fondato su idee egualitarie, il problema della sovrappopolazione è irrisolvibile. Se garantiamo che tutti coloro che nascono saranno sostenuti, presto non saremo più in grado di mantenere quella promessa [poiché la crescita supererà le risorse, ndr]. C’è solo una rottura per la sovrappopolazione, vale a dire che gli unici che possono sopravvivere e procreare sono quelli che possono mantenersi. [24]

La fonte di questo gioco di prestigio si trova in un altro falso dualismo creato alla fine del XIX secolo da due soci dell’X Club di Thomas Huxley : Herbert Spencer (l’innovatore del darwinismo sociale “dal basso”)  e il suo nominale rivale Sir Francis Galton (il fondatore della pseudo scienza dell’eugenetica dall’alto).

Ora sorge la domanda: secondo Hayek, chi dovrebbe concedere il permesso a quegli alfa autosufficienti di procreare e revocare il diritto di procreare a coloro che non possono mantenersi da soli? Risponde a questa domanda nell’ultimo capitolo del suo  Road to Serfdom del 1944 [25] :

“Ci deve essere un potere che possa trattenere le diverse nazioni dall’azione dannosa per i loro vicini, un insieme di regole che definisca ciò che uno stato può fare, e un’autorità in grado di far rispettare queste regole. I poteri di cui una tale autorità avrebbe bisogno sono principalmente di tipo negativo: deve, soprattutto, poter dire “no” a ogni tipo di misura restrittiva”. [26]

Hayek prosegue affermando: “C’è bisogno di un’autorità politica internazionale che, senza il potere di dirigere le diverse persone su ciò che devono fare, deve essere in grado di trattenerle dall’azione che danneggerà gli altri…. Un’autorità internazionale che limiti effettivamente i poteri dello Stato sull’individuo sarà una delle migliori garanzie per la pace”.

È interessante considerare come un individualista radicale incapace di risolvere l’elementare paradosso “Dovere/Libertà” dell’esistenza umana, concluda così rapidamente che affinché esista la pace nel mondo, deve essere creata una forza di polizia internazionale globale per controllare le nazioni e giudicare chi può o non può procreare per fermare la sovrappopolazione (o qualsiasi azione che gli ingegneri sociali giudichino dannosa per la società).

La morale di questa storia

  • John Maynard Keynes non è stato l’architetto del New Deal e nemmeno di Bretton Woods, anche se voleva il governo mondiale e il controllo della popolazione dall’alto.
  • Friedrich von Hayek non è mai stato il difensore della vera libertà dalla tirannia, ma solo un altro peone dell’impero che ha creato una “falsa opposizione” a Keynes e ha comunque promosso un leviatano sovranazionale gestito da esperti dall’alto.
  • Entrambi gli agenti sono stati guidati dall’intelligence britannica (alias: i nuovi sacerdoti di Apollo a Delfi) che voleva che tu cadessi in un falso dibattito sinistra contro destra, alto contro basso e viceversa, mente contro emozione, che ha confuso l’umanità per millenni.
  • Sia Hayek che Keynes hanno riconfezionato i fondamentali assiomi antiumanisti di Bernard Mandeville e Thomas Malthus nei loro sistemi ed entrambi hanno oscurato la vera esistenza del sistema americano di economia politica.
  • Mentre Keynes era più apertamente per un approccio “pratico” eugenetico di Galton al controllo della popolazione, von Hayek potrebbe essere più favorevole all’approccio “senza mani” di Herbert Spencer alla naturale eliminazione dei non idonei. I presupposti darwiniani di entrambe le teorie sociali sono identici.

Nella misura in cui non riusciamo a riconoscere i falsi dualismi che sono stati posti nello zeitgeist come trappole cognitive, non saremo in grado di riconoscere il percorso che ha plasmato la battaglia antioligarchica che è stata condotta ininterrottamente per diversi millenni. Ancora più importante, non saremo in grado di riconoscere o utilizzare quegli strumenti a disposizione dei cittadini custoditi nello Stato nazionale sovrano come un potere per combattere con detti oligarchi feudali che tentano di rinchiudere l’umanità in un nuovo Great Reset spopolato e una fine distopica della storia era.

Inoltre, nella misura in cui non riusciamo a capire cosa stesse effettivamente facendo Platone come guerriero culturale che cercava di aggirare i culti imperiali della Persia che allora operavano attraverso il Tempio di Apollo a Delfi durante la sua vita ed esibito in tutti i suoi dialoghi, non arriveremo mai venire a sapere cosa capì Benjamin Franklin mentre preparava le basi per la prima Repubblica Democratica del mondo nel 1776.

Franklin sapeva che questa non sarebbe stata né una monarchia né una democrazia di massa.

Dopotutto, i principali padri fondatori avevano studiato Platone e si erano sforzati di risolvere finalmente il paradosso “libertà contro dovere” formando un governo  basato simultaneamente  sulla sacralità dell’individuo come delineato nella Dichiarazione di Indipendenza e sul benessere generale del tutto come delineato nella Costituzione.

Se questo esperimento americano si rivelerà un fallimento o un successo dipenderà dalla moralità, dal coraggio e dall’onestà dei cittadini sia in America stessa che a livello globale per affrontare le bugie del passato e i bisogni del futuro mentre ci muoviamo in un nuova fase della civiltà.

Matthew Ehret 

Articolo originario da The last american vagabond

 

Note

[1] Questa storia è raccontata in profondità da questo autore in Clash of the Two Americas vol 2: Open vs Closed Systems Collide , Canadian Patriot Press, 2021

[2] Il Roosevelt che conoscevo di Frances Perkins, Viking Press, 1946

[3] Keynes, l’uomodi Murray Rothbard, Von Mises Institute, 2010, p.13

[4] Moneta e finanza indiana , John Maynard Keynes, MACMILLAN AND CO, 1913

[5] Inglorious Empire: what the British did to India , di Shashi Tharoor, Londra, Hurst, 2017

[6] Per un’esposizione più completa delle origini, degli scopi e dei risultati della Fabian Society, vedere: Che cos’è la Fabian Society e per quale scopo è stata creata? Di questo autore, Canadian Patriot Review, 2013

[7] Il plagio di Keynes di Malthus e McCracken di Steve Kates, History of Economic Ideas, 2010

[8] Thomas Robert Malthus di John M. Keynes, Essays in Biography, 1933

[9] La trascrizione completa del discorso di Keynes del 1914 è ripubblicata come appendice in Keynes on Eugenics, Race, and Population Control di Jay Taylor, Von Mises Institute, novembre 2019

[10] The Enduring Influence of Thomas Malthus di Renee Nal, Fondazione RAIR, 14 novembre 2019

[11] La nuova comprensione degli accordi di Bretton Woods apre le porte al dialogo delle quattro potenze di Gerry Rose, EIR, 21 agosto 2020

[12] From Great Depression to Great Recession: The Elusive Quest for International Policy Cooperation Redattore: Mr. Atish R. Ghosh e Miss Mahvash S Qureshi, FMI, 30 marzo 2017

[13] Lo sviluppo internazionale della Cina di Sun Yat-sen , Shanghai Commercial Press, 1920

[14] Stalin ha ammesso di conoscere l’inglese, dice il figlio di Roosevelt

Di Rick Hampson, Associated Press, 6 febbraio 1986

[15] The Road to Serfdom , Friedrich von Hayek, Londra: George Routledge, 1944

[16] R. BERNARD MANDEVILLE, Una mente di F. Hayek. Conferenza tenuta il 23 marzo 1966 per la British Academy

[17] The Fable of the Bees: Private Vices Public Benefits di Bernard Mandeville, Londra: Stampato per J. Tonson, 1725

[18] È possibile accedere alle opere raccolte di Henry C. Carey qui: https://risingtidefoundation.net/henry-charles-carey-1793-1879/

[19] Sebbene le prove fumanti siano state sepolte nelle sabbie del tempo, sia Harrison che Taylor furono anche i primi due presidenti a morire mentre erano in carica in circostanze incredibilmente sospette nel 1840 e nel 1851.

[20] Il “ponte di terra”: il programma di sviluppo globale di Henry Carey

di Anton Chaitkin, EIR, vol. 24, n. 19, 1997

[21] Alcune opere di Friedrich List sono disponibili qui: https://risingtidefoundation.net/friedrich-list/

[22] La Triplice Intesa: la cospirazione a guida britannica che ha scatenato la prima guerra mondiale  di un gruppo di ricerca EIR, vol. 23 n. 17, 1996

[23] Conferenze di Carl Menger al principe ereditario Rodolfo d’Austria , Edoardo

Elgar: Aldershot e Brookfield, 1994, pp.228

[24] Business Week , n. 11, 1981.

[25] The Road to Serfdom , Friedrich von Hayek, Londra: George Routledge, 1944

[26] Ibid. p.243

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Vendi tutto – di Eugenio Benetazzo

Alla fine hanno gettato la maschera, le chiacchere stanno a zero: l'Unione Europea e la moneta unica sono un progetto fallimentare, ancora non fallito...

FARLOCCOLANDIA: MUTUI, PERIZIE & COMPANY di Eugenio Benetazzo

Farlocco è un termine dialettale tipico nel Nord Italia utilizzato per individuare un'operazione fasulla o peggio ancora falsa, frutto generalmente di un imbroglio o...

RESTA DI STUCCO È UN BARBATRUCCO di Eugenio Benetazzo

Preparatevi al prossimo bubbone finanziario di cui parleranno i giornali nei prossimi mesi ovvero la valorizzazione ed il prezzo delle azioni di banche che...

Economia di mercato senza capitalismo di Werner Onken – Traduzione a cura della Dott.ssa Cristina M

consorziato alla riforma agraria Eden-Oranienburg) pubblicò a Buenos Aires il suo primo opuscolo "La riforma del sistema monetario come ponte verso lo stato sociale". ...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube