lunedì - 6 Febbraio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Il disastro dell’aereo militare russo Tu-154: alcune brevi considerazioni

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Una vittoria russa in Ucraina non porrà fine alla guerra

Dietro il disperato appello di Washington per carri armati e altre armi letali per l'Ucraina, si profila la fastidiosa prospettiva che l'offensiva invernale della...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,240IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

È troppo presto per arrivare a una conclusione su ciò che è successo a quest’aereo, ma visto che mi è stato richiesto per email, eccovi le mie considerazioni, personali e provvisorie:

1)    Guasto meccanico: improbabile. Il Tu-154 è un aviogetto a tre motori, una bestia estremamente forte. Il suo grado di affidabilità è paragonabile a quello della maggior parte dei velivoli contemporanei, nonostante sia stato spesso utilizzato in condizioni estreme a cui altri aerei non hanno dovuto essere sottoposti. Il Tu-154 aveva preso quota sufficiente a tentare un ritorno alla base o perfino un ammaraggio. Inoltre, l’equipaggio non ha comunicato alcun problema. Per questo motivo, il disastro deve essere stato istantaneo.

2)    Problemi di carburante: improbabile. I problemi di carburante sono sempre la prima cosa a cui si pensa quando avviene un incidente aereo, ma anche se i motori avessero avuto problemi improvvisi, finanche un arresto totale, i piloti avrebbero avuto tempo per riferirlo. E poi, come qualunque altro aereo, il Tu-154 può planare e manovrare senza potenza.

3)    Collisione con uccelli: improbabile. Non sono neanche certo che ci sia mai stato un incidente a un trimotore causato da collisione con uccelli, ma anche se fosse successo, l’equipaggio lo avrebbe riferito, cosa che non ha fatto. E ancora, il caso del volo US Airways 1549 [in italiano] ha dimostrato che perfino una collisione catastrofica con volatili non impedisce a un aereo di linea a pieno carico di tentare l’atterraggio.

4)    Errore del pilota: molto improbabile. Quelli che pilotavano quest’aeroplano erano gente di grande esperienza, e nonostante l’errore umano sia sempre possibile, nella maggior parte dei casi dà luogo a situazioni in cui può essere individuato e registrato. Il Tu-154 era un aereo molto complesso da pilotare e aveva i suoi punti deboli – ma questi ultimi erano tutti ben noti agli equipaggi russi, e questo era un equipaggio molto esperto.

5)    Missile: improbabile. Il Tu-154 ha tre motori, tra cui uno montato sopra la parte posteriore della fusoliera, e una testata di un missile del tipo MANPAD non ha un raggio di esplosione in grado di metterli tutti e tre fuori uso. Per quanto riguarda missili più grandi, le coste russe del Mar Nero sono strettamente controllate dalle forze armate e dai servizi di sicurezza russi (come lo è tutto il Mar nero) e arrivare così vicino alla città di Sochi è rischioso e difficile.

6)    Sabotaggio/bomba: molto probabile semplicemente perché tutte le altre cause sono molto meno probabili. È vero, questo era un aereo militare, la cui sicurezza avrebbe dovuto essere di buon livello. Ahimè, posso confermare per esperienza personale che se uno sembra Russo, parla russo da madrelingua e si comporta nel modo giusto, la sicurezza militare in Russia non è neanche lontanamente prossima al livello a cui dovrebbe essere. Però, se uno parla con un accento straniero o sembra straniero, e con questo intendo anche che ha accento del Caucaso o l’aspetto di qualcuno proveniente da quella zona, gli verrebbe molto più difficile eludere i controlli.

Per tutte queste ragioni, e nonostante sia troppo presto per formulare congetture, la mia ipotesi preferita è quella che si sia trattato di un atto terroristico eseguito da agenti ucraini. Spero di sbagliarmi e di essere smentito nelle prossime 24 ore ma in questo momento, mi sembra lo scenario più probabile.

Un’altra cosa: questa tragedia mi ha veramente spezzato il cuore. Non solo l’intero Alexandrov Ensemble [ex Coro dell’Armata Rossa, in italiano] è scomparso, ma anche altre due personaggi meravigliosi che erano a bordo di quel volo: Valerii Khalikolv [in inglese] e “La Dottoressa Liza“ [in inglese]. Non ci sono parole per esprimere la perdita che la morte di queste persone rappresenta per la Russia. È per questo che io spero e prego che, a dispetto delle mie prime considerazioni delineate qui sopra, questo non sia un attacco terroristico ucraino perché se lo è, le conseguenze saranno molto gravi. Lo sapremo molto presto.

The Saker

AGGIORNAMENTO: secondo fonti russe il registratore vocale del Tu-154 indica un qualche tipo di malfunzionamento di emergenza degli ipersostentatori alari del velivolo (flaps). Se questa informazione è confermata dal registratore di dati di volo e dagli esperti russi, allora questo non è un attacco terroristico. Se è così, io sono immensamente sollevato nella mia tristezza.

The Saker

*****

Articolo pubblicato su TheSaker.is il 25/12/2016

Traduzione in italiano a cura di Mario B. per Sakeritalia.it

[le note in questo formato sono del traduttore]

Fonte italiana: sakeritalia.it


In ricordo di Elizaveta Glinka (Dr. Liza), deceduta nel disastro del TU-154

"Non possiamo mai essere sicuri che ritorneremo a casa vivi… e so di che cosa sto parlando".

Queste parole la Dott.ssa Elizaveta Glinka (nota come Dr. Liza), presidente della Fair Help Foundation, le aveva pronunciate solo due settimane fa in discorso tenuto al Kremlino.

Fonte: Canale YouTube di Saker Italia


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

LA NOSTRA UNICA CASA di James Lovelock

Immaginate una giovane donna poliziotto felice di compiere il suo lavoro; dopodiché immaginatela a dover dire ai membri di una famiglia che il loro...

Missili puntati contro la Russia, i segreti dell’elicottero caduto di Marco Mostallino

Dal quotidiano in distribuzione gratuita "Il Treviso" del 12 novembre 2007 (pagg. 16-17) di Marco MostallinoAviano, Ghedi, Dal Molin: gli Stati Uniti portano nuove...

Disponibile Nexus New Times n. 120

Ho trovato come sempre assai interessanti le considerazioni espresse da Duncan nel suo editoriale, con particolare riguardo all’apparente declino dell’informazione stampata su carta in...

Equitalia: nulle le cartelle spedite dopo il 2008

Dopo la sentenza del TAR del Lazio, che annullava le cartelle di Equitalia non redatte o firmate da un dirigente, apprendiamo ora dell’esistenza di due...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube