sabato - 28 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Il formaggio si farà senza latte, ce lo chiede l’Europa

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,190IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Bruxelles, 29 giu – L’Italia dovrà adeguarsi alla normativa dei Paesi comunitari e revocare il divieto sulla produzione di formaggi senza latte. Il diktat dell’Ue è giunto nelle scorse ore, tramite una diffida che impone, ancora una volta, un ridimensionamento della qualità dei prodotti alimentari comunitari.

Secondo la Commissione europea l’attuale normativa italiana che disciplina la produzione di prodotti caseari è troppo restrittiva. Bruxelles ci rimprovera di ostacolare “la libera circolazione delle merci”, a causa del divieto di utilizzo di latte in polvere, concentrato e ricostituito, nella lavorazione di formaggi e yogurt. La prima reazione ufficiale è giunta da Coldiretti, attraverso una nota diramata nella giornata di ieri.

“Siamo di fronte all’ultimo diktat di un’Europa che tentenna su emergenze storiche come l’emigrazione, ma che è pronta ad assecondare le lobby che vogliono costringerci ad abbassare gli standard qualitativi dei nostri prodotti alimentari” ha dichiarato Roberto Moncalvo, presidente della Coldiretti. Secondo il numero uno dell’associazione “l’autenticità e la qualità delle materie prime adoperate” ha garantito alla filiera dell’industria casearia italiana primati internazionali, confermati dalla crescita del 9% delle esportazioni di formaggi e latticini nel primo trimestre del 2015.

L’associazione dei coltivatori diretti italiani denuncia, inoltre, “le alchimie negli ingredienti che hanno snaturato gli alimenti”. Tra gli esempi più noti la possibilità di manipolare la gradazione dei vini grazie all’aggiunta di zucchero, l’utilizzo dei cosiddetti wine-kit, una sorta di vini in polvere da diluire nell’acqua e, ancora, la possibilità di produrre cioccolata senza cacao, grazie all’utilizzo di surrogati di varia natura. La strada indicata dalle lobby che legiferano in ambito comunitario appare sempre più chiara: formaggi senza latte, olio senza olive, vino senza uva, cioccolato senza cacao, Europa senza europei.

Fonte: ilprimatonazionale.it

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

In Europa il futuro si chiama ‘Graphene’

Diamo spazio (molto volentieri!) a questo comunicato stampa del Consiglio Nazionale delle Ricerche in merito alla rivoluzione tecnologica del grafene, di cui avevamo parlato...

Ceta: il colpo di coda. Firmato il trattato Ue-Canada, ora tocca ai Parlamenti nazionali.

Mai vendere la pelle dell'orso prima di averlo ucciso. Non ce ne vogliano gli amici degli animali, oltre ai simpatici orsi, ma non c'è...

La bolla dei derivati

Nessuno ne parla; nessun media a livello mondiale parla della bolla dei derivati. La bolla dei derivati sta crescendo e prima o poi esploderà....

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube