fbpx
venerdì - 14 Giugno, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Il ministro degli Esteri cinese ha appena messo in chiaro che la Repubblica popolare non si farà prendere in giro

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

L’ultimo discorso del ministro degli Esteri cinese Qin Gang può essere visto come un punto di svolta nella Nuova Guerra Fredda, per cui la sua già esistente dimensione sino-americana è diventata innegabile dopo l’indiscutibile morte della “Nuova Distensione” a causa dell’incidente del pallone all’inizio di febbraio. La Repubblica popolare non si lascia prendere in giro dagli Stati Uniti, non ha più interesse a negoziare compromessi reciproci come prima, e si prepara a una competizione più intensa.

Il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti è scioccato dal fatto che il nuovo ministro degli Esteri cinese Qin Gang abbia appena chiarito durante la sua prima conferenza stampa al Congresso nazionale del popolo che la Repubblica popolare non sarà messa in discussione da quel blocco de facto della Nuova Guerra Fredda. La CNN ha riportato i punti salienti del suo discorso, col quale ha avvertito che tra Cina e Stati Uniti il conflitto potrebbe scoppiare nel peggiore dei casi se questi ultimi “non frenano, ma continuano a prendere la strada sbagliata”.

La valutazione di questo alto diplomatico è che “Gli Stati Uniti affermano di cercare di competere con la Cina tuttavia non cercano il conflitto. Ma in realtà, la cosiddetta “competizione” degli Stati Uniti è contenimento e repressione a tutto tondo, un gioco a somma zero di vita e morte”. In seguito ha aggiunto che “Il vero scopo della strategia indo-pacifica è contenere la Cina. Nessuna guerra fredda dovrebbe ripetersi in Asia e nessuna crisi in stile ucraino dovrebbe ripetersi in Asia”. Queste parole scelte con cura dovrebbero essere prese molto sul serio da tutti gli osservatori.

Fino all’incidente inatteso del mese scorso, c’erano grandi speranze che la “nuova distensione” tra Cina e Stati Uniti alla fine avrebbe portato una sorta di frutto reciprocamente vantaggioso come risultato dei loro negoziati. Una retorica come quella del Ministro degli Esteri Qin non sarebbe mai stata pronunciata, tanto meno ad un evento di alto profilo quale la prima sessione del 14° Congresso nazionale del popolo cinese, se il suddetto incidente non fosse accaduto o se almeno gli Stati Uniti non l’avessero trasformato in un crisi.

L’incidente del pallone può quindi essere descritto con il senno di poi come un punto di svolta, visto che ha cambiato bruscamente la traiettoria precedentemente positiva della “Nuova distensione” nella direzione irreversibile di un’intensa competizione senza precedenti tra queste superpotenze. Il loro precedente sforzo per raggiungere una serie di compromessi reciproci volti a stabilire una “nuova normalità” nelle loro relazioni è ora indiscutibilmente deragliato, e l’ultimo discorso del ministro degli Esteri Qin non lascia dubbi su questo risultato.

Anche così, la Cina vuole ancora sinceramente evitare una guerra calda con gli Stati Uniti anche se una nuova guerra fredda con quell’egemone unipolare in declino è inevitabile e probabilmente è già in corso da anni, da quando Washington ha iniziato a intromettersi nel Mar Cinese Meridionale durante l’era Obama. Tuttavia, il graduale “contenimento” militare della Repubblica Popolare nell’Asia-Pacifico da parte del Pentagono attraverso le sue ringiovanite alleanze con il Giappone, le Filippine, la Corea del Sud e persino, ufficiosamente, Taiwan, lo rende difficile.

C’è poco che Pechino possa fare per respingere questa tendenza destabilizzante, ma può ancora proteggere i suoi grandi interessi strategici su altri fronti nell’emisfero orientale, ad esempio armando potenzialmente Mosca nello scenario peggiore della sua guerra per procura con la NATO in Ucraina, che comincia ad andare male. È con questa possibilità in mente che il ministro degli Esteri Qin ha osservato che il conflitto ucraino  è in un “momento critico”, da qui la necessità di raggiungere con urgenza un cessate il fuoco per scongiurare un’ulteriore escalation.

Come ha affermato, “Ci sarà la cessazione delle ostilità, il ripristino della pace e un movimento verso una soluzione politica, oppure si aggiungerà benzina sul fuoco, la crisi si espanderà e la situazione andrà fuori controllo… C’è una “mano invisibile” che spinge il conflitto verso l’escalation e cerca di usare la crisi ucraina per servire una certa agenda geopolitica”. Quest’ultima osservazione fa riferimento a ciò che l’ambasciatore cinese presso l’UE Fu Cong ha recentemente affermato riguardo alle intenzioni implicite degli Stati Uniti.

Nelle sue parole, “Secondo me, la più grande ‘mano nera’ dietro le quinte sono gli Stati Uniti, che ne sono anche il più grande beneficiario. Finché il conflitto in Ucraina continuerà, aiuterà gli Stati Uniti con le loro politiche di indebolimento della Russia, controllo dell’Europa e contenimento della Cina. L’industria americana delle armi farebbe una fortuna. L’ultima intuizione del ministro degli Esteri Qin sulle dinamiche strategico-militari della guerra per procura NATO-Russia può quindi essere interpretata come una costruzione su quella dell’ambasciatore Fu.

La posizione della Cina nei confronti di quel conflitto è ancora di neutralità di principio, ma la Repubblica popolare è stata spinta dalle circostanze a forma di NATO nell’Europa orientale a sostenere seriamente l’invio di aiuti letali alla Russia nel caso in cui il suo partner venga respinto più vicino alle sue frontiere del 2014. Se entrambi gli eventi dovessero accadere in sequenza, allora gli Stati Uniti e la Germania hanno già fortemente insinuato che imporranno sanzioni contro la Cina, alle quali anche i loro partner dell’Asia-Pacifico potrebbero essere spinti ad aderire.

Indipendentemente dalla misura in cui queste verranno promulgate, considerando che al momento non è chiaro se si tratterà di sanzioni mirate o di più ampie misure settoriali, ciò accelererebbe il graduale “disaccoppiamento” in corso tra Cina e Occidente. Il risultato imminente di questi sviluppi interconnessi sarebbe probabilmente la tripartizione delle relazioni internazionali tra il miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti, l’Intesa sino-russa e il Sud del mondo de facto guidato dall’India, come spiegato qui.

Tenendo presenti queste grandi dinamiche strategiche, l’ultimo discorso del ministro degli Esteri Qin può quindi essere visto come un punto di svolta nella nuova guerra fredda, per cui la sua dimensione sino-americana già esistente è diventata innegabile alla luce della indiscutibile dipartita della “nuova distensione” dopo l’incidente del pallone aerostatico di inizio febbraio. La Repubblica popolare non si lascia prendere in giro dagli Stati Uniti, non ha più interesse a negoziare con essi compromessi reciproci come prima, e si prepara a una competizione più intensa.

Fonte originale: https://korybko.substack.com/p/chinas-foreign-minister-just-made

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

I vaccini trasformati in orrore del secolo – di Bruna Spagnuolo

               Mi sa che i film dell’orrore siano soltanto animazioni per educande e che il vero horror, ormai, sia appannaggio delle più insospettabili componenti sociali....

IL TERREMOTO DEL CAPITALISMO di Carmelo R. Viola

Ho scritto che “il capitalismo cade a pezzi”. La metafora non era tanto lontano dalla realtà fisica, se pensiamo ai pezzi di scarso cemento...

Peres a Roma dall’amico Letta

Quale sarà la politica estera del nuovo governo italiano? Le dichiarazioni di John Kerry e la prontezza con Simon Peres giunge in Italia non...

VALENTINO ROSSI E LA SINDROME DI JONATHAN E.

Era da almeno quattro o cinque anni che avevo in animo di scrivere questo articolo e finalmente, complice una notte insonne infarcita da strane...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube