fbpx
venerdì - 1 Marzo, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

IL MURO PROIBITO di Massimo Mazzucco

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Quanto è riproducile oggi la Scienza?

  La riproducibilità è un parametro fondamentale nella scienza. Se un risultato non può essere replicato, non può considerarsi scientifico. Eppure negli ultimi anni, si...

Sull’immigrazione

Nexus New Times # 161

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
Non sono solo i nostri ragazzini a tornare a scuola in questi giorni. Anche gli iracheni fanno vacanza d’estate, e tornano a scuola in autunno. O meglio, dovrebbero tornare.

Pare infatti che si stia registrando, in tutte le scuole del paese, un inatteso numero di defezioni, dovute in qualche modo all’escalation della violenza che nell’ultimo anno ha raggiunto picchi mai conosciuti prima.

All’inizio dell’invasione, nel 2003, leggevamo con ansia la singola notizia di un paio di soldati americani morti in una esplosione, insieme magari a mezza dozzina di civili iracheni. Nell’estate appena trascorsa la media di morti per attentati si è stabilizzata su un centinaio al giorno, e ormai non ci fa più caso nessuno.

Ma ora gli effetti negativi della guerra civile, scatenata intenzionalmente dagli americani (che da tempo sognavano un Iraq diviso in tre regioni), cominciano a farsi sentire anche sul lungo termine.

L’attuale calo del numero di studenti – il Ministero Iracheno parla del 15% circa, mentre sarebbero oltre tremila gli insegnanti o morti o fuggiti all’estero – non potrà che riflettersi su nuove generazioni meno preparate e quindi, nuovamente, più facili da controllare.

A risentire del nuovo clima di violenza sono soprattutto gli abitanti sunniti del quartiere di Adhamiya, che è stato praticamente recintato da un muro di cemento in perfetto “stile Palestina”, con tanto di check-points in entrata e in uscita. Dei ragazzini che prima impiegavano cinque minuti per andare a scuola, ora ci mettono più di un’ora a fare lo stesso percorso, mentre lo stress dei check-points e il rischio di incappare in una qualunque esplosione sono talmente alti, che molte madri hanno scelto di tenere i figli definitivamente a casa.

{mosimage}

Le due cartine di Baghdad mostrano la diffusione delle due etnie prima e dopo l’invasione americana: in celeste le zone a maggioranza sciita, in rosso quelle a maggioranza sunnita, in giallo le zone miste (Adhamiya nell'ovale):

{mosimage}

Come si può vedere, sciiti e sunniti si sono fortemente polarizzati in aree separate, riducendo visibilmente la zona della città in cui ancora riescono a convivere. Prima vivevano tutti d’amore e d’accordo.

Eravamo venuti a portare democrazia, abbiamo finito per alzare un altro muro, trasformando la “rimozione del tiranno Saddam” in uno dei maggiori crimini dell’era moderna.

Ma forse, a questo punto, siamo noi che ci inganniamo. Forse il vero significato di “democrazia” è proprio questo: una parola vuota, uno strumento ambiguo da usare secondo convenienza, che appare candido e puro da un lato, ma che dall’altro serve a ricoprire le stesse infamie, gli stessi abusi e le stesse prevaricazioni di sempre.

I nostri governanti – anzi i nostri politici in genere, destra e sinistra spudoratamente unite nel loro servilismo verso i “liberatori” – non potevano non sapere che ci stavano trascinando in un vero e proprio genocidio, quando hanno scelto di fare parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti. Ci hanno quindi ingannato, parlandoci di “missione di pace”, e lo hanno fatto consapevolmente. (Se per caso invece “non lo sapevano” – come qualcuno potrebbe suggerire – dovevano prima di tutto protestare a voce alta, poi ritirare subito le nostre truppe, e infine dimettersi per dimostrata incompetenza).

Invece sono tutti lì, e noi continuiamo a votarli, come se il nostro voto e le azioni da loro compiute fossero due cose separate e indipendenti.


tratto da luogocomune.net

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

L’EVENTO PLANETARIO

THE BIG ONE - PLANETARY EVENT fonte: www.ionicon.it  Sono stato incaricato di diffondere il seguente comunicato al fine di contribuire alla tua sicurezza, aiutandoti ad...

Ma dov’è finito l’oro?

C’era una volta un tempo in cui l’oro circolava regolarmente come moneta: poi, nel 1933, vent’anni dopo la privatizzazione della FED (la banca centrale...

Il fascismo secondo Pier Paolo Pasolini

Nessun centralismo fascista è riuscito a fare ciò che ha fatto il centralismo della civiltà dei consumi. Il fascismo proponeva un modello, reazionario e...

Sai (Stratospheric aerosol Injection) for Climate Engineering: un’alternativa alle scie chimiche?

Vere scie di condensazione  di uno stormo di B-17F – le "Fortezze volanti" dell'USAF – sui cieli d'Europa durante la Seconda Guerra Mondiale (USAF photo, riportata...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube