fbpx
sabato - 20 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

“Il peggior giorno in Afghanistan e Iraq è un grande giorno in Ucraina”

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Decine di migliaia di mercenari stranieri si sono riversati in Ucraina dopo il febbraio 2022 e l’escalation della crisi del Donbass è sfociata in una vera e propria guerra per procura Russia-NATO. Dopo un anno e mezzo, molti di loro hanno lasciato il paese delusi, con altri catturati o uccisi.

I mercenari statunitensi in Ucraina hanno riconosciuto che affrontare l’esercito russo non è come combattere i ribelli male armati e addestrati nelle guerre di aggressione americane in Iraq e Afghanistan.
“Il giorno peggiore in Afghanistan e Iraq è un grande giorno in Ucraina”, ha detto ai media statunitensi David Bramlette, un ranger dell’esercito americano con esperienza di combattimento in tutti e tre i paesi.
“Anche quando pensavamo che non lo fosse, avevamo sempre il controllo della situazione” nelle guerre statunitensi, ha detto Bramlette, “rispetto a come comandante di una squadra in Ucraina”, dove le comunicazioni non sono affidabili, non c’è supporto aereo, nessun supporto di artiglieria e assistenza limitata di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR).
“Prima invierei sempre un elemento di ricognizione… non appena quei ragazzi lasciano il mio fianco, non ne saprò davvero nulla fino a quando non saranno di nuovo visibili. E potrebbe essere 24 ore dopo, forse 48 ore dopo,” ha detto. “Se due di loro vengono feriti… non c’è nessun elicottero che viene a prenderti… Le cose possono mettersi male molto, molto velocemente. E questo è il genere di cose davvero difficili.”
Bramlette, che a quanto pare ha accettato la narrativa del governo e dei media degli Stati Uniti sulle cause della crisi ucraina, e che ha trascorso anni impegnato nella “formazione dei partner” nell’Europa centrale e orientale dopo il 2014, ha caratterizzato il conflitto come una battaglia tra “bene e male, ” definendo la Russia un “cane rabbioso” che ha bisogno di “essere abbattuto”.
Si è recato in Ucraina nella primavera del 2022, incontrando alcuni stranieri con addestramento militare che hanno visto l’Ucraina come un’opportunità per acquisire esperienza di combattimento. Allo stesso tempo, ha detto di aver trovato “un sacco di volontari davvero stupidi qui che non hanno nulla a che fare con la guerra”, incluso un falegname tedesco la cui unica esperienza era sparare con un fucile da caccia.

Una volta sul terreno, si è incontrato con altri due berretti verdi e ha formato una squadra di 12 uomini. “E poi, in sostanza, ci danno ordini per Kharkov e dicono: ‘andate a uccidere quanti più russi potete”, con i mercenari che provvedono a “tutte le nostre risorse, finanziamenti, come comprare le nostre auto, finanziare i nostri rifugi”.

Bramlette non ha spiegato da dove provenissero i finanziamenti. I residenti del Donbass e di altri territori in cui hanno operato le forze e i mercenari ucraini hanno riferito di saccheggi sistematici di qualsiasi cosa, dai veicoli ai beni domestici, e di truppe che si sono introdotte nelle case locali, spesso con i loro residenti ancora all’interno.
Bramlette ha ammesso che combattere in autunno e in inverno è diventato più difficile, inducendo la sua unità a evacuare il campo di battaglia nel dicembre 2022. “Non ci sono foglie sugli alberi, i cespugli sono spogli, gli alberi sono spogli e fa più freddo… È davvero dura. Non puoi nasconderti”, ha detto. “Avevo proprio paura che saremmo usciti per fare quello che facevamo normalmente e saremmo morti praticamente tutti”.
Dopo essersene andato, il mercenario ha detto che non riusciva a tornare indietro. “In un certo senso ho mollato un po’, ma questo mi ha dato lo spazio di decompressione per rivalutare tutto. E così sono giunto alla conclusione che non tornerò indietro a combattere”. Invece, Bramlette ora lavora presso un’organizzazione con sede a Kiev che individua e trasferisce i resti dei mercenari americani uccisi in Ucraina.

“Frantumati” dall’artiglieria e dai carri armati russi

Troy Offenbecker, un ex marine e collega mercenario, ha detto di essere stato risucchiato nel conflitto dopo essersi bevuto la favola del regime di Kiev sulle truppe russe che massacravano i civili ucraini nel sobborgo di Kiev di Bucha nella primavera del 2022, unendosi alla cosiddetta Legione Internazionale e spedito nel Donbass.
“Questa è la mia terza guerra in cui ho combattuto, e questa è di gran lunga la peggiore”, ha detto Offenbecker. “Stai per essere distrutto da artiglieria, carri armati. La scorsa settimana ho avuto un aereo che ha sganciato una bomba vicino a noi, a circa 300 metri di distanza. È una merda orribile”, ha detto.
Il mercenario ha affermato che le sue esperienze sono state talmente brutte che ha ignorato i messaggi di amici militari che gli chiedevano informazioni su come unirsi, dicendo che “non voleva coinvolgere nessun altro”.
Nell’ultimo anno migliaia di mercenari stranieri sono stati risucchiati nella crisi ucraina, alcuni arrivando nel paese con l’errata convinzione che l’Ucraina stesse combattendo una battaglia contro il male in stile film hollywoodiano, e altri motivati da denaro, opinioni di estrema destra o semplicemente il desiderio di “uccidere i russi”, come diceva Bramlette.

Le forze russe hanno catturato o ucciso migliaia di combattenti stranieri. In altri casi, gli stranieri hanno scelto loro stessi di uscire dall’Ucraina e tornare a casa, rimanendo delusi dopo aver assistito a crimini di guerra da parte dei loro compagni, venendo utilizzati come carne da macello per attaccare posizioni russe trincerate e rendendosi conto che combattere le forze russe sostenute dall’artiglieria e dal supporto aereo non aveva nulla a che fare con le guerre a cui gli occidentali si sono abituati nell’ultimo quarto di secolo in Medio Oriente, Africa e Afghanistan.

Fonte

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

MORTO WELBY: TROVARNE UN ALTRO SUBITO di Maurizio Blondet

Sì, avete letto bene.Come funziona il trucco, lo ha spiegato Dagospia, in un articolo segnalatoci dal lettore Simoncini.La Finanziaria del 2004 (dunque il responsabile...

Cosí nasceva una nazione

L’articolo che vi proponiamo è stato pubblicato su Nexus New Times nr. 98, con il titolo Così nasceva una nazione. Abbiamo deciso di pubblicarlo anche in...

Stati Uniti implicati nei furti pianificati delle antichita’ irachene di Ann Talbot

Se il Museo di Baghdad fosse stato messo a sacco da abitanti dei quartieri poveri ci sarebbe...

Perché è importante la commemorazione di Sergey Glazyev all’eredità di Lyndon LaRouche

  L'11 settembre 2022, il brillante economista russo, grande stratega e architetto di spicco della nuova architettura finanziaria multipolare emergente Sergey Glazyev ha pronunciato un notevole discorso commemorativo sulla...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube