martedì - 29 Novembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Il pivot degli Stati Uniti in Asia: lezioni di guerra fredda dal Vietnam per oggi

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Kirk Douglas, Trumbo e JFK: Quando i patrioti di Hollywood resistettero al Deep State

Negli ultimi decenni, salvo poche eccezioni, Hollywood (proprio come gran parte dei media mainstream) è diventata una branca della CIA e del più ampio...

Sull’immigrazione

La guerra elettrica

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,820IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Nella prima parte di questa serie, ho discusso di come una massiccia scorta di armi statunitensi a Okinawa, in Giappone, era originariamente destinata ad essere utilizzata per la pianificata invasione americana del Giappone, operazione poi cancellata una volta che le due bombe atomiche sono state sganciate su Hiroshima e Nagasaki.
L. Fletcher Prouty, che servì come capo delle operazioni speciali per i capi di stato maggiore congiunti sotto Kennedy ed era un ex colonnello dell'aeronautica americana, osserva nel suo libro "La CIA, il Vietnam e il complotto per assassinare John F. Kennedy " che queste massicce spedizioni di armi non vennero restituite agli Stati Uniti, ma piuttosto metà sono state trasportate in Corea e l'altra metà in Vietnam.
Le implicazioni di questo sono enormi.
Significa che i preparativi per la Guerra Fredda erano già in corso già nell'agosto 1945 e probabilmente molto prima, e che le due regioni selezionate, Corea e Vietnam, erano state programmate in anticipo rispettivamente cinque anni e altri dieci anni prima che si verificassero vere guerre.
Ciò significa che la narrativa ufficiale sul motivo per cui la guerra di Corea e la guerra del Vietnam sono state combattute sono fabbricazioni della "realtà" della Guerra Fredda.
Pertanto, ci si dovrebbe chiedere, qual è stata la vera ragione per cui gli americani sono entrati in queste due guerre brutali? Perché personaggi di spicco dell'élite americana, molti dei quali erano così irremovibili nel non unirsi alla lotta contro il fascismo nella Seconda guerra mondiale, si sono convinti così rapidamente che tutto ciò che aveva a che fare con il comunismo era loro responsabilità personale di distruggere?
A queste domande verrà data risposta in questa serie intitolata "Le radici fasciste della CIA".

La CIA e il Pentagono: una storia di due amanti incrociati con le stelle
Come discusso nella prima parte di questa serie, con la vittoria di Eisenhower-Nixon nel 1952, il culmine di anni di strategie politiche da parte dei mediatori del potere repubblicano di Wall Street, i nuovi capi del Dipartimento di Stato e della CIA furono scelti rispettivamente come nientemeno che Foster e Allen Dulles; e avrebbero continuato a dirigere le operazioni globali della nazione più potente del mondo.
È per questo motivo che le elezioni presidenziali del 1952 sono passate alla storia come il trionfo dell'"élite di potere".
L'intero fatidico periodo dal 12 aprile 1945 al giorno delle elezioni può essere meglio compreso come la prima fase del colpo di stato negli Stati Uniti. Ciò è particolarmente evidente tra il periodo dal 1945 al 1949, quando furono approvati una serie di nuovi atti legislativi che riorganizzarono con successo i dipartimenti all'interno degli Stati Uniti in modo tale che gran parte delle decisioni governative e militari sarebbero state dovute all'autorità di pochi uomini, uomini che erano molto più potenti del presidente stesso.
Il National Security Act del 1947, un cavallo di Troia, fu uno dei primi di questo nuovo genere di legislazione e portò alla creazione della Central Intelligence Agency, ponendola sotto la direzione del National Security Council.
Sebbene non autorizzasse esplicitamente la CIA a condurre operazioni segrete, la Sezione 102 era sufficientemente vaga da consentire abusi. Nel dicembre 1947, (meno di quattro mesi dopo la creazione della CIA), la percepita necessità di "arginare il flusso del comunismo" nell'Europa occidentale – in particolare in Italia – con una "guerra psicologica" aperta e nascosta ha forzato la questione e NSC 4-A.

NSC 4-A era una nuova direttiva per coprire "operazioni paramilitari clandestine, nonché guerre politiche ed economiche" che di fatto fornì l'autorizzazione per l'intervento della CIA nelle elezioni italiane dell'aprile 1948.
Si è capito che le forze armate statunitensi non potevano avere un ruolo "diretto" nelle operazioni segrete, poiché ciò avrebbe vanificato lo scopo della negazione.
Il Partito Comunista Italiano, ammirato per aver guidato la lotta contro Mussolini, avrebbe dovuto vincere nelle prime elezioni italiane del dopoguerra. Questo, ovviamente, sotto il diktat della cortina di ferro era considerato intollerabile  e furono dispiegate operazioni segrete americane per bloccare la vittoria antifascista. Il giornalista investigativo Christopher Simpson scrive nel suo libro "Blowback", come una parte sostanziale di questo finanziamento provenisse da risorse naziste catturate. Questo intervento, secondo Simpson, ha fatto pendere l'ago della bilancia a favore della Democrazia Cristiana, che nascondeva migliaia di ex fascisti nelle sue file.
In pochi mesi dalla sua creazione, la CIA passò da quello che avrebbe dovuto essere un braccio di raccolta di informazioni civili del governo ad essere responsabile di operazioni segrete, inclusa la "guerra psicologica". Questo era molto diverso da ciò che avevano organizzato gli Stati Uniti prima della Seconda guerra mondiale e che faceva affidamento su un esercito civile. Un simile mandato governativo per operazioni di cappa e spada durante un periodo di pace sarebbe stato considerato impensabile.
Ma questo è il motivo per cui la narrativa della Guerra Fredda era così imperativa, poiché sotto questo incubo schizofrenico paranoide, si pensava che il mondo non sarebbe mai stato in pace fino a quando una parte significativa di esso non fosse stata spazzata via. La Guerra Fredda ha definito un nemico sfocato e indefinito, che era e invisibile agli occhi. Il nemico era ciò che i tuoi superiori dicevano che fosse il nemico e, come un mutaforma, poteva assumere la forma di chiunque, incluso il tuo vicino, il tuo collega, il tuo partner… anche il presidente.
Ci sarebbe sempre stato un nemico, perché ci possono essere sempre persone che si opporrebbero alla Grande Strategia.
NSC 4-A fu sostituito da NSC 10/2 , approvato dal presidente Truman il 18 giugno 1948, creando l'Ufficio di coordinamento politico (OPC). NSC 10/2 è stato il primo documento presidenziale che ha specificato un meccanismo per approvare e gestire le operazioni segrete, e anche il primo in cui è stato definito il termine "operazioni segrete".
Dal 1948 al 1950 l'OPC non era sotto il controllo della CIA, ma piuttosto era un'operazione clandestina gestita da Allen Dulles. L'OPC passò sotto il controllo della CIA nell'ottobre del 1950, quando Walter Bedell Smith divenne direttore della Central Intelligence, e fu ribattezzata Directorate of Plans.
Sebbene la CIA fosse strettamente responsabile delle operazioni segrete, spesso aveva bisogno dell'esercito per personale aggiuntivo, trasporti, basi estere, armi, aerei, navi e tutte le altre cose che il Dipartimento della Difesa aveva in abbondanza. In realtà i militari, piaccia o no, si sono trovati per sempre nell'abbraccio del suo amante tossico, la CIA.
Prouty scrive nel 1992:

"L' OPC e altro personale della CIA sono stati nascosti in unità militari e forniti di copertura militare ogniqualvolta possibile , specialmente all'interno delle remote basi militari in tutto il mondo … I metodi operativi segreti o invisibili sviluppati dalla CIA e dai militari durante gli anni '50 sono ancora in uso oggi, nonostante l'apparente fine della Guerra Fredda, in attività segrete come quelle in corso in America Centrale e in Africa… la distinzione tra la CIA e l'esercito è difficile da discernere, dal momento che lavorano sempre insieme."

 

Una audace dichiarazione
Il 2 settembre 1945, Ho Chi Minh firmò la dichiarazione di indipendenza per una nuova nazione, la Repubblica Democratica del Vietnam, che formulava le seguenti righe:

“Un popolo che da più di ottant'anni si oppone coraggiosamente alla dominazione francese, un popolo che in questi ultimi anni ha combattuto fianco a fianco con gli Alleati contro i fascisti, un tale popolo deve essere libero e indipendente. "

Ho Chi Minh aveva guidato il movimento nazionalista per l'indipendenza del Viet Minh dal 1941 contro il dominio coloniale del Giappone. Come la maggior parte del mondo, Ho Chi Minh considerava la guerra contro i fascisti allineata a una guerra contro l'imperialismo. Credeva che se il mondo avesse finalmente preso posizione contro tale tirannia, non ci sarebbe stato posto per il colonialismo nel mondo del dopoguerra. Il mondo avrebbe dovuto essere organizzato secondo il riconoscimento e il rispetto di stati nazionali indipendenti, sulla falsariga della visione postbellica di Roosevelt .
Dopo una lunga e orribile battaglia contro gli spietati fascisti giapponesi, con il sostegno durante la guerra degli Stati Uniti e della Cina, la speranza di Ho Chi Minh era che il Vietnam potesse tornare ai suoi precedenti giorni di pace con la sua ritrovata indipendenza dal colonialismo.
I giapponesi si erano arresi e se ne stavano andando. I francesi erano stati sconfitti dai giapponesi e non sarebbero tornati, o almeno così si pensava.
Vo Nguyen Giap, brillante comandante militare di Ho Chi Minh, mentre prestava servizio come ministro degli Interni del governo provvisorio, pronunciò un discorso descrivendo gli Stati Uniti come un buon amico del Viet Minh. Anche questo avvenne nel settembre 1945. Ho Chi Minh era stato rifornito dagli Stati Uniti di un enorme stock di equipaggiamento militare e si aspettava di essere in grado di amministrare il suo nuovo governo in Vietnam senza ulteriore opposizione.
Ma il 23 settembre 1945, poco dopo che la Repubblica Democratica del Vietnam aveva emesso la sua Dichiarazione di Indipendenza, un gruppo di ex truppe francesi, agendo con il consenso delle forze britanniche (a cui era stata assegnata la giurisdizione dell'area dalla Conferenza di Potsdam) e armato di armi giapponesi rubate dalle scorte di resa, organizzò un colpo di stato locale e prese il controllo dell'amministrazione di Saigon, nel Vietnam del Sud, conosciuta oggi come Ho Chi Minh City.
Nel gennaio 1946, i francesi avevano assunto tutti gli impegni militari in Vietnam e reinstallato il governo francese.
Va inteso che la rimozione della presenza francese in Indocina non fu un'impresa da poco, poiché non era solo la loro presenza militare che doveva essere affrontata, ma anche i suoi interessi commerciali comprese le banche francesi, tra le più potenti in Asia. I francesi avevano imposto la loro presenza coloniale in Indocina dal 1787.
I negoziati tra la Francia e la Repubblica Democratica del Vietnam iniziarono all'inizio del 1946. Ho Chi Minh si recò a Parigi, ma la conferenza fallì a causa dell'intransigenza francese.
La guerra d'Indocina francese è scoppiata nel 1946 ed è andata avanti per otto anni, con lo sforzo bellico della Francia in gran parte finanziato e fornito dagli Stati Uniti.
Nel 1949 Bao Dai, l'ex imperatore che trascorreva la maggior parte del suo tempo nel lusso a Parigi, in Francia, fu insignito da interessi stranieri affinché diventasse il governo fantoccio dello Stato del Vietnam (Vietnam del Sud).
L'8 maggio 1950, il Segretario di Stato Dean Acheson annunciò che gli Stati Uniti avrebbero fornito aiuti economici e militari alla Francia e allo Stato del Vietnam. Il valore di questa assistenza militare superava i 3 miliardi di dollari.
Non c'è mai stata alcuna ragione ufficiale per cui gli Stati Uniti cambiassero la loro fedeltà da Ho Chi Minh agli interessi coloniali francesi e al loro governo fantoccio. Sebbene la fede di Ho Chi Minh nel comunismo fosse usata per giustificare questo tradimento, la verità è che era una minaccia perché si considerava prima di tutto un nazionalista, che credeva che il popolo vietnamita fosse uno e che la sua nazione meritasse l'indipendenza dal dominio coloniale.
Era questo nazionalismo che non poteva essere tollerato in aree del mondo che erano considerate territori imperiali e terre soggette. È per questo stesso motivo che l'MI6 e la CIA organizzarono un colpo di stato contro l'amato nazionalista Mosaddegh in Iran, un non-comunista che aveva un dottorato di ricerca in diritto ed era sulla buona strada per rimuovere tutte le rivendicazioni imperiali britanniche sul petrolio nel paese dopo aver vinto la causa contro gli inglesi all'Aia e al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel 1951.
Questo è il motivo per cui gli interessi dell'imperialismo e del fascismo erano spesso legati di pari passo, come si è visto con Edoardo VIII (sebbene non fosse il solo, nella famiglia reale britannica, ad avere certe opinioni), il governo di Vichy in Francia, il re d'Italia Vittorio Emanuele III che nominò Benito Mussolini Primo Ministro nel 1922 (e lo depose nel 1943 quando era chiaro che avrebbero perso la guerra) e il Giappone imperiale sotto l'imperatore Hirohito.
È per questo motivo che abbiamo visto, ancor prima della fine della Seconda guerra mondiale, imperialisti e fascisti in discussione tra loro su ciò che avrebbe formato il mondo del dopoguerra. È per questo motivo che i paesi scelti per supervisionare questa Grande Strategia avrebbero dovuto essere gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Francia, la Germania e il Giappone, piuttosto che la scelta di Roosevelt di Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna e Cina.
È per questo motivo che la cortina di ferro, originariamente annunciata non da Churchill, bensì dal ministro degli Esteri tedesco conte Lutz Schwerin von Krosigk, riportata sul London Times il 3 maggio 1945, doveva annunciare i termini di un guerra contro il comunismo. In realtà, significava qualsiasi paese contrario al dominio imperiale, contrario all'idea che alcuni fossero nati per governare e altri per essere governati: in altre parole, l'imperialismo e gli stati nazionali sovrani non potevano coesistere.
Ho Chi Minh era un alleato degli americani sotto la guida di Roosevelt. Tuttavia, con la morte di Roosevelt e il morbido colpo di stato che seguì, Ho Chi Minh era ormai un nemico.

La missione militare di Saigon
L'8 gennaio 1954, in una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale, il presidente Eisenhower chiarì le sue opinioni sul fatto che gli americani non facevano parte della guerra del Vietnam. Ma questo non aveva molta importanza.
Eisenhower, che era abituato a persone che seguivano diligentemente la sua linea di comando come generale della Seconda guerra mondiale, avrebbe presto scoperto che questo non si applicava come presidente degli Stati Uniti.
Tra quelli alla riunione dell'8 gennaio 1954 del Consiglio di sicurezza nazionale c'erano Allen W. Dulles e suo fratello John Foster Dulles. Non c'era modo che i fratelli Dulles potessero aver frainteso le parole del presidente Eisenhower.
Eppure, il 14 gennaio 1954, solo sei giorni dopo la "veemente" dichiarazione del presidente contro l'ingresso delle forze armate statunitensi in Indocina, il segretario di Stato John Foster Dulles disse:
“Nonostante tutto quello che facciamo, rimaneva la possibilità che la posizione francese in Indocina crollasse. Se ciò accadesse e i francesi venissero cacciati, sarebbe, ovviamente, responsabilità del Vietminh vittorioso istituire un governo e mantenere l'ordine in Vietnam… [Non credo] che in questa contingenza questo paese [gli Stati Uniti ] direbbe semplicemente: 'Peccato; è andata così e questa è la fine'."
Così, il seme venne piantato. Se i francesi fossero stati cacciati, il che era piuttosto prevedibile, si intuiva che gli Stati Uniti non avrebbero intrapreso una guerra aperta con il Viet Minh. Tuttavia, avrebbe  potuto svolgere operazioni clandestine contro le forze di Ho Chi Minh in modo da causare loro problemi, o nelle parole di Foster Dulles "per scatenare l'inferno".
Fu così che iniziò l'intervento americano e il coinvolgimento diretto nella guerra del Vietnam, una guerra in cui gli americani stavano armando entrambe le parti dal 1945 e per la quale non c'era alcun obiettivo militare ufficiale se non quello di "scatenare l'inferno".
Secondo un verbale della riunione del Consiglio di sicurezza nazionale del 14 gennaio 1954:
“Si è convenuto che il Direttore della Central Intelligence [Allen Dulles], in collaborazione con altri dipartimenti e agenzie appropriati, dovrebbe sviluppare piani, come suggerito dal Segretario di Stato [John Foster Dulles], per alcune contingenze in Indocina."
E così, l'intera supervisione della guerra del Vietnam fu affidata ai fratelli Dulles.
Due settimane dopo, il 29 gennaio, Allen Dulles scelse il colonnello Lansdale a capo della squadra che sarebbe stata dispiegata in Vietnam "per scatenare l'inferno".
Edward G. Lansdale, capo della missione militare di Saigon, arrivò a Saigon il 1 giugno 1954, meno di un mese dopo la sconfitta della guarnigione francese a Dien Bien Phu, al comando di un'operazione segreta per condurre attività di guerra psicologica e paramilitare nel Vietnam del Sud.
Prout scrive:
“Non era una missione militare nel senso convenzionale, come aveva detto il segretario di Stato. Si trattava di un'organizzazione della CIA con una missione clandestina progettata per 'scatenare l'inferno' con 'operazioni di guerriglia' ovunque in Indocina, un'abile organizzazione terroristica in grado di svolgere il suo ruolo sinistro in conformità con la Grande Strategia di quegli anni della Guerra Fredda.
[…] Con questa azione, la CIA istituì la Saigon Military Mission (SMM) in Vietnam. Non capitava spesso a Saigon. Non era militare. Era la CIA. La sua missione era quella di lavorare con gli indocinesi anti-vietnamiti e non con i francesi. Con queste premesse e queste condizioni, questa nuova unità della CIA non avrebbe vinto la guerra per i francesi. Come abbiamo appreso a mie spese in seguito, non avrebbe vinto la guerra né per il Vietnam del Sud, né per gli Stati Uniti. Perché avrebbe dovuto?
"
Va notato qui che sebbene i registri del NSC e del Dipartimento di Stato mostrino che la missione militare di Saigon non iniziò fino a gennaio 1954, c'erano altre attività della CIA in Vietnam, Cambogia e Laos (come le squadre di White Cloud) molto prima del 1954, e alcuni membri della SMM avevano partecipato a queste prime attività fin dal 1945.(1)
Sebbene Lansdale sia elencato come un colonnello dell'aeronautica americana che è stato incaricato dell'SMM, questo era solo uno stratagemma. Avrebbe continuato in Vietnam, come aveva fatto nelle Filippine, a sfruttare la copertura di un ufficiale dell'aviazione e ad essere assegnato al Military Assistance Advisory Group (MAAG) per scopi di “assegnazione di copertura”. È sempre stato un agente della CIA e i suoi veri capi erano sempre con la CIA.
Con la sconfitta dei francesi da parte di Ho Chi Minh nel 1954 nella battaglia di Dien Bien Phu, che pose fine alla Prima guerra d'Indocina, si comprese che sarebbe stata necessaria una nuova leadership di opposizione se si voleva impedire a Ho Chi Minh di prendere il controllo del Vietnam del Sud.
Ngo Dinh Diem avrebbe spodestato Bao Dai con un referendum truccato nel 1955, diventando il primo presidente della Repubblica del Vietnam (Vietnam del Sud). I sudvietnamiti non erano interessati a nessuno dei due candidati.
Il lettore dovrebbe qui notare che il Vietnam del Sud (altrimenti noto come Cocincina per secoli), non aveva mai avuto una vera e propria forma di governo perché non era mai stato una nazione in tutta la sua esistenza ma anzi era stato costituito per diversi secoli da antichi villaggi con relativamente pochi cambiamenti. Non c'era nessun congresso, nessuna polizia e nessun sistema fiscale – nulla di essenziale per la funzione di una nazione. Il “governo” di Diem non era altro che una burocrazia di facciata.
Nonostante ciò, la Repubblica del Vietnam di Diem è stata trattata come un membro alla pari della famiglia delle nazioni, come se potesse reggersi da sola e rispondere di conseguenza alla crisi in cui si trovava il suo popolo. Il governo vietnamita che Eisenhower credeva dovesse combattere il Viet Minh per proprio conto non esisteva.
La scelta di un numero maggioritario di indocinesi fu preponderante per Ho Chi Minh. Non si sentivano fedeli a Bao Dai, che viveva a Parigi, e odiavano i francesi. Ngo Dinh Diem era un nessuno, che non ha mai realizzato nulla per conquistare il cuore della sua gente.
La guerra del Vietnam, come la si è intesa oggi, è stata piena di sviste. Ma forse la svista più seria di tutte è stata che nessuna delle sei amministrazioni statunitensi che hanno supervisionato la guerra del Vietnam ha mai dichiarato un obiettivo militare americano positivo per quella guerra. Ai generali inviati a Saigon fu detto di non lasciare che i "comunisti" conquistassero il Vietnam, punto. Come ha affermato più volte Prouty nel suo libro, questo non costituisce un obiettivo militare.
La missione militare di Saigon fu inviata in Vietnam per presiedere alla dissoluzione del potere coloniale francese. I fratelli Dulles sapevano, nel gennaio 1954, se non molto tempo prima, che avrebbero creato un nuovo governo vietnamita che non sarebbe stato né francese né vietnamita e che questo nuovo governo sarebbe poi diventato la base per continuare la decennale guerra in Indocina.
Questo era il loro obiettivo primario.

La Conferenza di Ginevra, un esodo genocida
La sconfitta dei francesi portò agli accordi di Ginevra nel luglio 1954 che stabilirono il 17° parallelo come linea di demarcazione temporanea che separava le forze militari dei francesi e del Viet Minh. Entro 300 giorni dalla firma degli accordi, venne creata una zona smilitarizzata, o DMZ, e il trasferimento di eventuali civili che desideravano lasciare entrambe le parti doveva essere completato.

Ho Chi Minh e tutti i vietnamiti del nord credevano che la nazione fosse "una". Non volevano una divisione del loro Paese, come avevano garantito gli Accordi di Ginevra.
L'articolo conclusivo degli Accordi di Ginevra, il numero 14, di poche righe appena, recitava; “[…] qualsiasi civile residente in un distretto controllato da una parte, che desideri andare a vivere nella zona assegnata all'altra parte, sarà autorizzato e aiutato a farlo dalle autorità di quel distretto."
Il significato minaccioso di questo è stato nascosto sotto le spoglie di parole umanitarie. La nota americano-britannica parlava di un "trasferimento pacifico e umano", come se fossero gentili e sensibili alla situazione in corso, pronti a sradicare decine di migliaia di persone che avevano vissuto tutta la vita in un villaggio stanziale che esisteva da moltissimi anni.
Le persone del mondo, la maggior parte delle quali non conosceva i tonkinesi, furono indotte a credere che questa offerta fosse un gesto molto compassionevole. E, quel che è peggio, i pianificatori di questo sinistro complotto erano certi che la gente del mondo non avrebbe mai appreso la verità, che questo movimento di un milione di nordvietnamiti doveva davvero essere il fuoco che avrebbe incendiato il paese. Era una preparazione che avrebbe gettato le basi essenziali per l'entrata diretta dell'America in guerra.
L'esodo di massa dei nordvietnamiti verso il Vietnam del sud sarebbe stato orchestrato dalla missione militare di Saigon. Questo fu un terribile sconvolgimento per queste persone, ma fu venduto all'Occidente come se fossero profughi in fuga da Ho Chi Minh. In realtà stavano fuggendo dalla “guerra psicologica” e dalle “tattiche paramilitari” oggi chiamate “terrorismo” che le SMM stavano scatenando in questi piccoli villaggi del nord.
Con le loro stesse parole, come si trova nei documenti rilasciati con i Pentagon Papers, i leader dell'SMM hanno scritto che la missione era stata inviata nel Vietnam del Nord per condurre "guerra non convenzionale", "operazioni paramilitari", "guerra politico-psicologica" e campagne di discredito nonché per organizzare un corso di Combat Psy War per i vietnamiti. I membri della SMM erano i classici "agenti provocatori".
Prout scrive:
“Questo spostamento dei cattolici, o nativi che lo SMM chiamava ‘cattolici’ – da province settentrionali del Vietnam a sud, in base alle disposizioni dell'accordo di Ginevra, divenne la più importante attività della Missione Militare Saigon e una delle cause alla radice della guerra del Vietnam. Il terribile fardello che questi 1.100.000 profughi indigenti hanno imposto agli altrettanto poveri residenti nativi del sud creò una pressione sul paese e sull'amministrazione di Diem che si rivelò schiacciante.
Questi indigeni squattrinati… sono stati radunati ad Haiphong dalla missione militare di Saigon e messi a bordo delle navi da trasporto della Marina degli Stati Uniti. Circa 300.000 viaggiarono sugli aerei del trasporto aereo civile della CIA, e altri se ne andarono. Furono trasportati, come bestiame, nella parte più meridionale del Vietnam, dove, nonostante le promesse di denaro e altri aiuti di base, furono abbandonati alla popolazione locale. Questi settentrionali erano tonkinesi, più cinesi dei cocinesi del sud. Non si sarebbero mai mescolati in condizioni normali. Dovunque queste povere persone venissero scaricate nel sud ricevevano il nome di "insurrezioni comuniste" e gran parte dei vent'anni di guerra che seguirono fu il risultato diretto di questa terribile attività che era stata incitata e portata avanti dalla terroristica missione militare di Saigon della CIA.
…Niente di ciò che accadde durante questi trent'anni di guerra, 1945-75, fu più pernicioso di questo movimento di questi 1.100.000 “cattolici” dal nord al sud in un momento in cui il governo del sud esisteva appena."

Non passò molto tempo prima che il disturbo causato dagli intrusi del nord a favore di Diem sugli indigeni del sud si trasformasse in violenza. In poco tempo, gli "amici", secondo il governo di Diem e i suoi sostenitori della CIA, erano il milione di cattolici del nord, e il "nemico" – o almeno il "problema" – era il cocinese originario del sud.
Era il momento giusto per alimentare le fiamme della guerra e far entrare gli americani.
La terza parte di questa serie "Le radici fasciste della CIA" discuterà le amministrazioni Eisenhower e Kennedy in relazione alla guerra del Vietnam e l'ultima posizione di Kennedy contro Allen Dulles prima che fosse ucciso per le strade di Dallas, in Texas, in pieno giorno.

 

 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

OBAMARAMA di Massimo Mazzucco

Nello splendore della diretta mondiale, il senatore Barack Obama ha prestato giuramento sulla Bibbia che fu di Lincoln, ed è diventato il 44° presidente...

La chiesa di Papa Scalfari che unisce Francesco, Renzi e l’Islam

Roma, 11 mag – Ricordate le parole di Jovanotti, quando cantava: “Io credo che a questo mondo esista solo una grande chiesa / che...

LA MICCIA LIBANESE di Carlo Bertani

Mentre l’informazione ufficiale è clamorosamente scomparsa – e nessuno dei ...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube