fbpx
domenica - 21 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Il sostenitore di Trump dichiarato colpevole, rischia dieci anni di prigione per il meme anti-Hillary del 2016

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Donald Trump è stato incriminato, essenzialmente per il reato di essere Donald Trump e di opporsi all’egemonia totale della sinistra su tutto. Ma come lo stesso Trump ha spesso avvertito, in realtà non stanno addosso a lui, stanno addosso a noi, e lui è solo d’intralcio. Un sostenitore di Trump di 33 anni di nome Douglass Mackey ha scoperto la verità di quell’adagio nel peggior modo possibile venerdì, il primo giorno dell’America come repubblica delle banane di sinistra in cui i nemici del regime sono presi di mira esclusivamente per la loro opposizione a quel regime. Mackey è stato condannato per interferenza elettorale e rischia fino a dieci anni di carcere, tutto a causa di un meme che twittò durante le elezioni del 2016. Sì, avete letto bene: un meme.

Durante i giorni selvaggi e confusi di quella campagna, secondo un comunicato stampa del venerdì del Dipartimento di “Giustizia”, Mackey, sotto il nome di Ricky Vaughn, “ha creato una platea su Twitter con circa 58.000 follower. Un’analisi del febbraio 2016 del MIT Media Lab ha classificato Mackey come il 107esimo influencer più importante delle imminenti elezioni presidenziali”. Il Dipartimento di Giustizia per i Democratici non si è preso la briga di spiegare esattamente cosa significhi aver ricoperto una posizione così illustre come quella di 107esimo più importante influencer delle elezioni presidenziali del 2016. Come ha fatto il DOJ a determinarlo? Ha scoperto in qualche modo che Mackey/Vaughn aveva indotto un certo numero di persone a cambiare i propri voti, ma che altre 106 persone avevano convinto la gente a cambiare più voti?

Queste sono in realtà domande importanti, perché venerdì Mackey è stato condannato “da una giuria federale a Brooklyn per l’accusa di cospirazione contro i diritti derivante dal suo piano per privare le persone del loro diritto costituzionale di voto”. Questo è ciò per cui rischia dieci anni di carcere. La “cospirazione” di Mackey era davvero molto semplice. Mentre il linguaggio utilizzato dal Dipartimento precedentemente associato alla giustizia suona piuttosto pesante ed evoca immagini di Mackey che si incontra in stanze buie con altre figure sinistre per tramare modi per sabotare le macchine per il voto o impedire alle persone di poter entrare nei seggi elettorali, quello di cui stanno veramente parlando è un meme.

Uno dei meme da dieci anni in gattabuia può essere visto qui. Vaughn ha twittato una foto di quella che sembrava una pubblicità di Hillary, ma in realtà ne era una parodia. La didascalia recitava: “Evita la fila. Vota da casa. Manda “Hillary” al numero 59925. Vota per Hillary ed entra a far parte della storia”. Il ‘Dipartimento di giustizia a meno che tu non sostenga Trump’ ha spiegato che si trattava di un crimine atroce perché “Mackey ha cospirato con altri influenti utenti di Twitter e con membri di gruppi online privati ​​per utilizzare piattaforme di social media, incluso Twitter, per diffondere messaggi fraudolenti che incoraggiavano i sostenitori del candidato presidenziale Hillary Clinton a ‘votare’ tramite sms o social media il che, in realtà, non era legalmente valido”. Sì, wow, porco cane, sembra terribile. Migliaia, forse anche milioni, di persone devono essere state ingannate dal 107esimo influencer più importante delle imminenti elezioni presidenziali affinché inviassero un messaggio e pensassero di aver votato, giusto?

Sbagliato. Il Dipartimento di Giustizia, secondo il Post Millennial, “non è stato in grado di fornire prove che qualcuno sia stato ingannato dal meme”. Non una sola persona. Inoltre, almeno un memester dall’altra parte ha fatto esattamente la stessa cosa, ma non è mai stato arrestato o processato e non rischia la prigione. L’8 novembre 2016, giorno delle elezioni, Kristina Wong ha twittato un video di un sostenitore di Trump con la didascalia: “Ehi, sostenitori di Trump! Saltate la fila per votare a #Election2016 e mandate un messaggio col vostro voto! I voti testuali sono legittimi. Oppure votate domani al Super Wednesday!” Non solo Kristina Wong non è mai stata incriminata, ma il suo tweet è ancora presente. Eppure ha fatto esattamente la stessa cosa che ha fatto Douglass Mackey. Ha solo avuto il buon senso di farlo contro Trump, piuttosto che contro Hillary.

I resti marci, corrotti e politicizzati del Dipartimento di Giustizia, tuttavia, venerdì erano pieni fino all’orlo della loro stessa rettitudine. Il procuratore degli Stati Uniti Breon Peace ha proclamato: “Mackey è stato giudicato colpevole da una giuria di suoi pari per aver tentato di privare le persone dall’esercizio del loro sacro diritto di votare per il candidato di loro scelta nelle elezioni presidenziali del 2016”. La sinistra americana contemporanea, uno dei movimenti politici più empi e odiatori di Dio nella storia del mondo, ama influenzare la devozione in momenti come questo, ma la dichiarazione di Peace è stata un esempio particolarmente nauseabondo di questo fenomeno. Il diritto di voto è “sacro”? No, Peace. Sono favorevole al voto in elezioni libere, eque e non truccate, ma sii serio: il diritto di voto non è considerato sacro in nessuna tradizione religiosa sulla faccia della terra. Quello che in realtà stai dicendo è che il tuo sistema corrotto ed egoista fa parte della tua religione secolare e che Mackey è un eretico di quella religione; è stato debitamente giudicato colpevole e sarà bruciato sul rogo.

E questo è solo il primo giorno. Immagina come sarà l’America una volta che la repubblica delle banane sarà al potere da alcuni anni.

Fonte originale: https://pjmedia.com/news-and-politics/robert-spencer/2023/03/31/trump-supporter-found-guilty-faces-ten-years-in-prison-for-2016-anti-hillary-meme-n1683566

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Moria di banchieri?

Sono ormai passati due anni da quando abbiamo iniziato ad occuparci delle stranezze improvvise che accadevano ai vertici dell'alta finanza internazionale, con particolare riguardo...

Con chi bisogna stare – del generale Fabio Mini

Bisogna essere pacifisti incalliti e un po’ ottusi per non lasciarsi prendere dal sospetto che qualcuno di Emergency sia veramente colpevole del complotto ai...

La resa di Tsipras?

Avevamo commentato l'esito del referendum greco di domenica scorsa affermando che il popolo greco aveva scelto di riprendersi la sua vita. Purtroppo, sono molti...

Ahmadinejad – Larry King: 4-0 – di Massimo Mazzucco

 E’ appena andata in onda sulla CNN l’intervista di Mahmoud Ahmadinejad realizzata da Larry King, in occasione della visita...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube