fbpx
giovedì - 18 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Il Texas minaccia di arrestare gli osservatori internazionali delle sue elezioni

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sai (Stratospheric aerosol Injection) for Climate Engineering: un’alternativa alle scie chimiche?

Vere scie di condensazione  di uno stormo di B-17F – le "Fortezze volanti" dell'USAF – sui cieli d'Europa durante la Seconda Guerra Mondiale (USAF photo, riportata...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Scusate, la notizia non è strettamente economica ma  è troppo divertente:  l’attorney general del Texas, Greg Abbott, ha avvisato l’OCSE:  se un suo osservatore straniero si avvicinerà a meno di 30 metri (100 piedi) da un seggio elettorale durante le elezioni presidenziali, sarà immediatamente arrestato a portato in tribunale.  E’p una mossa voluta dal governatore del Texas  in persona. “No a controllori e ispettori dell’Onu   in nessuna votazione in Texas” ha  sancito in un “tweet” diffuso fra i suoi elettori.  Anche il governatore dell’Ohio ha annunciato che  “non permetterà ad osservatori dell’Onu” di controllare la regolarità delle operazioni di voto nel suo stato. Dal che si deduce che i due governatori sono convinti che l’OCSE sia un organo dell’Onu, mentre OCSE (Organizzazione di Sicurezza e Cooperazione in Europa) è un organo che riunisce i 27 paesi ad economia di mercato, fra cui gli Stati Uniti: e che  per consuetudine manda osservatori a controllare il regolare svolgimento di elezioni dovunque, spesso su indicazione americana.

Così, per esempio, le recenti elezioni presidenziali in Russia sono state osservate da controllori OCSE. Sicchè il  parlamentare di maggioranza del parlamento russo (Duma) Sergei Zelezhniak,  ha  suggerito che “l’Europa abbia il coraggio di mettere nella lista delle persone a cui è interdetto l’accesso nel  territorio dell’Unione Europea” ai due governatori americani e all’attorney general del Texas.  Questa è infatti la sanzione per i politici di regimi la cui “democrazia” è poco solida.  “In Russia tutti gli osservatori internazionali  accreditati hanno potuto essere presenti ai seggi e controllare  le operazioni di voto”, ha detto il parlamentare russo, e nonostante ciò i media europei e americani hanno gettato dubbi offensivi sulla regolarità delle elezioni che hanno riportato Vladimir Putin al Cremlino. “Vediamo se l’Europa ha due pesi e due misure”.

L’episodio è rivelatore. Non solo dell’ignoranza di due governatori statunitensi che  non distinguono fra ONU ed OCSE, ma anche della cieca aria di superiorità dell’americanismo terminale:  si vive come la Virtù incarnata, la democrazia suprema, a cui nessun’altra è superiore, e che nessun altro  “inferiore” deve permettersi di  verificare.

Ammesso che il brutale rifiuto a farsi controllare  non venga da altri motivi inconfessabili.  Le macchinette elettroniche per il voto introdotte in America,  gestite da una società privata filo-repubblicana, sono state più volte sospettate  di manipolazione. Dopotutto, proprio in Texas  [in Florida, ndr] si  “decise” l’elezione di George Bush junior nel 2004 [2000, ndr], per pochi voti riconteggiati: e il  governatore del Texas [della Florida, ndr] era Jeb Bush, giustappunto il fratello dell’eletto.

http://www.courthousenews.com/2012/10/24/51604.htm

Articolo di Maurizio Blondet

Fonte: rischiocalcolato.it

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

SCIE CHIMICHE “DENTRO” L’AEROPLANO

Vi proponiamo questo articolo di Massimo Mazzucco, che tratta di un argomento già affrontato su Nexus New Times nr. 27 e nr. 86… come sempre, siamo in largo anticipo!  Sembra...

Iraq: detenuti trasformati in terroristi di Al Qaeda? Di Maurizio Blondet

«Nel carcere le condizioni sono spaventose», spiega il detenuto anonimo: «gli americani lavorano in stretta collaborazione con i capi dell’amministrazione penitenziaria nel torturare i...

Le ultime perle del governo Monti: armi, sanità privata e poker

20/12/2012 Due notizie caratterizzano questa giornata: l’approvazione al Senato della Legge di stabilità e la condanna per truffa di quattro banche estere per la vicenda...

Mentre lo cercavano ovunque, Putin guidava una rivoluzione silenziosa

Nelle ultime settimane, due le principali notizie che hanno riguardato la Russia: la sparizione di Vladimir Putin per nove giorni, di cui ci siamo...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube